venerdì 27 gennaio 2017

La buona utopia





Ogni volta che qualcuno cerca di rimettere l'Uomo al centro del discorso (filosofico, politico, sociale, ecc.) viene sistematicamente tacciato di idealista, e naturalmente poi di utopista. Mi sembra che proprio Onfray abbia rilevato che "utopia" non è qualcosa di impossibile - e quindi un vagheggiamento insulso della mente, ossia, ma semplicemente la prossima cosa da fare, quella che ancora non è stata compiuta. La spersonalizzazione dell'essere umano è puramente strumentale alla mercificazione della persona in quanto solo e soltanto potenziale compratore di beni, dalla vacanza al barattolo di pomodori. In questo modo si esiste solo in quanto target di un mercato. E quello che è straordinario è che anche la comunicazione politica è un'immensa televendita, con i suoi target da promuovere o sostentare, qualora siano clienti acquisiti.
Insomma, questa vicenda più che inquadrarla nel pensiero corto - che le darebbe comunque uno status filosofico - è ascrivibile al non-pensiero mercantile.
A me pare una paradossale estensione del concetto dividi et impera, dove si tenta di dividere anche il modo di pensare per asservirlo a bisogni indotti e ad un controllo (manipolazione) più agevole.
In qualche modo è impossibile estraniarsi, perché siamo comunque figli del nostro tempo e volenti o nolenti immersi in questo modus vivendi.
L'unico modo per sottrarsi un po', tenersi ai margini con il solo scopo di conservare una sorta di autonomia di pensiero, è secondo me proprio perseguire l'utopia, nel senso che Moore ma anche i grandi movimenti anarchici hanno voluto darle.



31 commenti:

  1. Il blog non è una caserma, né un carcere, né una piazza, né una clinica, né un centro antidroga e né tanto meno un laboratorio di restauro, dove ci si preoccupa di nascondere o annullare i segni di eventuali rotture o rovine.
    Il blog è la ricerca di ti segue, l'ossessione di un blogroll, l'ansia di un commento che non arriva.
    Per ora considerare il blog come un amichevole incontro di persone che vogliono relazionarsi è solo un'utopia.
    Google+, google-, il Page Rank, aggiungi alle cerchie, lettori fissi, archivio, iscriviti.
    A quando la buona utopia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Utopia è scrivere per noi stessi. Blog come raccoglitore. ordinatore di pensieri. Certo potrei scrivere su word, se fosse solo per l'ordine e il catalogare. Ma utopia è non farsi condizionare dal blogroll, dall'anonimo che rompe, dal commento che non arriva o da quello che arriva ma non è quello che avresti voluto leggere. Utopia appunto ;)

      Elimina
    2. Ero certo della tua approvazione.
      Ora viene il problema.
      Bacio, non se ne parla.
      Abbraccio, solo se hai i seni.
      Un vaffa ci può stare.

      Elimina
    3. Rude come un pescarese doc. ;)

      Elimina
    4. Utopia è non essere condizionati, dai tuoi commentatori, anche se lo sono di vecchia data.
      Mi sento sempre molto libera nel commentare, o di fare post nel mio blog, anche se so benissimo che non verrà nessuno a commentare, se non per dirmi “ciao”.
      Non sono vegana o vegetariana, però amo gli animali, Amo la natura e tutto il creato mi stupisce, per la sua bellezza. Cerco di aiutare il mio prossimo, secondo le mie capacità. Credo in Dio, in Gesù Cristo , e so che vado contro corrente, ma vado! So che la Chiesa e il Pastore sono criticati, ma io amo la chiesa e sono felice di farne parte. Amo tantissimo Papa Francesco, come a suo tempo ho amato , Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I, e poi Giovanni Paolo II, e Papa Benedetto XVI. Perché io credo che lo Spirito Santo sappia discernere , e io prego sempre lo Spirito Santo, che dia forza e discernimento agli uomini, tutti.
      Non m’importa se non commentano nel mio blog, spero lo leggano, e se così non fosse , mi va bene uguale.
      Ciao August,Sereno pomeriggio!
      Dani

      Elimina
    5. Non ti abbraccio perchè i seni li ho e non vorrei fuorviarti.
      Dani

      Elimina
    6. Avrei da obiettare ;)
      Ciao Dani.

      Elimina
    7. Dani, mi rincuora che non sei vegana.
      Bacio.

      Elimina
    8. Gus, sinceramente, sarò ignorante, ma a volte faccio fatica a seguire il tuo pensiero. Questa è una di quelle volte. Scusami.
      Daniela, grazie per le belle e chiare parole, che condivido, in tutto.
      Buona serata a tutti.
      sinforosa

      Elimina
    9. E' complicatissimo comprendere l'utopia.
      Ciao.

      Elimina
    10. Scusate se m'intrometto, concordo con voi, ora come ora mi sento liberissima e non "contaminata".
      Commento quando e se ho tempo, voglia ecc..
      Perché cercare sempre approvazioni? In questo caso vieni utopia!
      Gus, Daniela, non sono vegana neanch'io sono onnivora.
      Ehmmmm quando mangio...
      Un'utopico bacio.

      Elimina
    11. Mette il suo avatar per seguirmi e poi pretende che io lo tolga e non ha capito che posso solo bloccarlo. Lei può toglierlo ma nel pasticcio egli account è incapace di farlo. La stronza minaccia di protestare, due volte stronza perché mon comprende che io dono solo amore.

      Elimina
    12. @Fiorella, pure io mi nutro di carne verdura(tutta),frutta e dolci😋😋
      Ora che sono influenzata, mi preparo tisane con zenzero,limone e miele😘
      Buona giornata, anche a August.
      Dani

      Elimina
  2. La parola deriva dal greco οὐ ("non") e τόπος ("luogo") e significa "non-luogo". Nella parola, coniata da Tommaso Moro, è presente in origine un gioco di parole con l'omofono inglese eutopia, derivato dal greco εὖ ("buono" o "bene") e τόπος ("luogo"), che significa quindi "buon luogo". Questo, dovuto all'identica pronuncia, in inglese, di "utopia" e "eutopia"; dà quindi origine ad un doppio significato:
    utopia (nessun luogo),
    eutopia (buon luogo).

    L'utopia sarebbe dunque un luogo buono/bello ma parimenti inesistente, o per lo meno irraggiungibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni Dea Utopia, vieni subito!

      Elimina
    2. Non seguire più, archivio, iscriviti o ti meno, visualizza tutto, mi hanno aggiunto alle cerchie.
      Grazie, caio, abbraccio, bacio.

      Elimina
  3. "In alcun luogo dovrebbe essere vietato l'#allattamento. Subito una direttiva per tutta la #PA". Lo afferma, via Twitter, il ministro per la Pubblica amministrazione, Marianna Madia, commentando la storia di una giovane mamma allontanata da un ufficio postale di Biella, perché allattava il figlio di tre mesi.
    L'episodio denunciato da una donna - A raccontare l'episodio è la stessa mamma a un quotidiano online di Biella: "Entro nell'ufficio postale, aspetto il mio turno, e mentre sono allo sportello mio figlio si sveglia e inizia a lamentarsi. Pago e mi metto in un angolo per sfamarlo come spesso accade nel mentre si sporca al che chiedo per cortesia di indicarmi il bagno", afferma la donna.
    La risposta è brusca: le dicono "che non è un bar e che non posso cambiarlo in mezzo ai clienti". "Alla fine siccome ero visibilmente arrabbiata e non mollavo, la dipendente mi invita a mettermi dietro a un cartellone". Ma non è finita: "L'avrei cambiato e me ne sarei uscita. Peccato sia arrivato il direttore, accusandomi di aver fatto una richiesta assurda e che loro hanno anche l'obbligo di far mettere museruole ai cani e non possono far appoggiare alle persone anziane/bisognose il bastone al bancone perché multabili, e che se mi avessero fatto appoggiare a una scrivania era una multa di 1.700 per uso improprio. Non contento mi dice che è vietato allattare al seno, che si può solo col biberon. Alla richiesta di mostrarmi la legge ovviamente è andato negli uffici dietro agli sportelli e non s'è più fatto vedere - conclude - e ha negato anche di farmi dire il suo nome...".

    Questa è la realtà io cerco l'Utopia.



    ALTRO SU MSN:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, le risposte ballano di qua e di là. Sì, pescarese doc.
      Nu seme nu e quande passem pe' la strade l'atre si scansano.

      Elimina
  4. Sinceramente mio caro amico faccio una gran fatica a seguire la tua...penna!
    Parlo dell'allattamento al seno.....(ho leggo e ricopio:In Italia non esiste alcuna legge che proibisce l’allattamento in pubblico)
    Detto queston mi chiedo perchè le persone in un gesto tanto bello debba vedere il torbido. Quanti quadri i pittori di fama ci hanno regalato Madonne che allattano, certamente non alla posta, ma consideravano la bellezza del gesto. Molto spesso è usanza coprirsi con un klinex o un fazzoletto, ma è il momento sublime di una madre che nutre di sè il figlio. Retrogradi e malevoli che in nome di una legge che non esiste, fanno i prepotenti. Non sanno guardare con occhi puri il bello, il buono e il grande!
    E l'utopia? Alla prossima! Tanto è un argomento su cui ritornerai...è un'utopia non crederlo! Ha Ha Bacione Gus.
    3° punto: il mio post sul giorno della memoria non ha nemmeno una virgola... bhè... Certamente mi dispererò lungo tutta la notte!.... Sich,piangerò oh oh oh, sì piangerò......
    Hei pescarese allo stile di frà' Cristoforo che non cedette il passo e
    sfidò un nobile.....ma il frate era un abile spadaccino e si macchiò di omicidio.
    Hai visto? Ho scritto parecchio malgrado l'apertura non entusiasmante.

    Buonanotte mio caro e Buona Domenica nel Signore. Bacio

    RispondiElimina
  5. Cara Lucia, io scherzo, invento e gioco. Ma la multa a una donna che allatta grida sdegno immane contro cattiveria-prepotenza-idiozia.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
  6. nell'ironia la verità. cattiveria,ironia,idozia? Solo? Ci aggiungiamo un po' di falsa morale.....BaciO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La società è piena di falsi moralisti.
      Buona domenica.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  7. Dimmi come togliere definitivamente la mia immagine. Che cazzo vuoi da me? Avviso google

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvana, io posso solo bloccarla. Lo sai che quell'avatar è stato messo da te quando hai deciso di seguirmi?
      Per toglierlo dovresti tornare a quell account-blog e non seguire più. Il non sapere crea situazioni imbarazzanti.

      Elimina
  8. So bene che entri anche da li.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io posso essere a conoscenza di un tuo post solo se tra i lettori fissi c' il mio avatar. Controlla tu se c'è, lo apri e io smetto di seguirti.
      Non vengo mai nel tuo profilo, io a te voglio bene e non ti ho fatto mai del male. Per farti scrivere dovresti tornare una persona ragionevole, umana e sincera.

      Elimina
  9. Le altre volte non c'era . Appare e spareggio. ..indipendentemente dal mio blog aperto o chiuso.
    Se tu che lo fai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvana, io scrivo post e rispondo con commenti a quelli degli altri utenti.
      Nemmeno un sadico pazzo verrebbe a tormentarti dopo le tante sofferenze che la vita ti ha dato.

      Elimina
    2. VAFFANCULO

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità