mercoledì 4 gennaio 2017

La potenzialità di un film






Il Cinema ha delle potenzialità enormi.
Una grande forza di convincimento.
E' uno strumento con cui anche a scuola si può insegnare molto.
Ai corsi per fidanzati molti parroci facevano vedere Casomai .
A volte i ragazzi capiscono meglio certe cose con un film
che con tanti discorsi.
Ho in mente un momento preciso: una notte guardavo
Sogni di Kurosawa e di fronte a quei quadri sconnessi,
di cui non capivo sostanzialmente niente, ma che avevano
una potenza estetica incredibile, per me si è aperto
un nuovo mondo.
Il mondo della bellezza.
Si può restare fissi a contemplare un ciliegio in fiore
anche un'ora.
Ma il cinema può essere anche diseducativo: chi non è
abituato a un certo uso della ragione può essere plagiato
da una forma di comunicazione così diretta e forte.
Il film è uno strumento comunicativo più forte degli altri
perché contiene una storia nella quale identificarsi.
Ma come tutta la comunicazione -letteraria, o televisiva o artistica
contiene rischi e potenzialità legati esclusivamente a chi ci sta dietro.
il cinema di Tarkowski o di Vanzina hanno fascino uguale e contrario.
Intercettano gli occhi che vogliono essere affascinati:
"Chi dal messaggio di impegno chi dal disimpegno".
La fascinazione è identica perché il mezzo è potente.
Ho pensato a un film di Miyazaki dove c'è
una prolungata contemplazione di un grande albero.


29 commenti:

  1. Ti ricordi Gus, avevo fatto un post sul film sogni di Kurosawa.
    Uno dei piu bei film, come fotografia e soggetto.
    Certo i film, ma tutto quello che vediamo non solo nei media ma nella giornata puo' influire negativamente o positivamente una persona se non ha la mente aperta e la forza o potenzialità di non cadere in certe trappole, e di capire che certe cose non sono vere, di non imitarle.
    Abbraccio/bacio.

    RispondiElimina
  2. Fiorella, non ricordo il tuo post. Quello che dici è vero. E' giusto non imitare chi mente. Ci sono percorsi di vita che battono strade senza trappole.
    Abbraccio/bacio.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post!
    Il cinema è potente, secondo me sempre educativo... o meglio, non sta a lui educare, ci mancherebbe. Il cinema vuole che ci si vada preparati: che sia per un Vanzina, o per un Kurosawa!

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Grazie Miki.
    Sono stato 2 volte negli Stati Uniti. Ho visto la gente e nei limiti della lingua ho parlato con molte persone.
    Ma a spiegarmi l'America sono stati i film che ho visto.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Quanto é vero, le potenzialità del cinema non dovrebbero mai essere sottovalutate neppure in sede di insegnamento.
    Mi é capitato di seguirne di apparentemente incomprensibili e restare affascinata anche solo dalle immagini.
    Tra i migliori nella mia piccola ludoteca resta sempre Arca Russa del grande Spkurov

    RispondiElimina
  6. L'incanto e l'arte del cinema di Aleksandr Sokurov.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E’ vero August attraverso il film il messaggio è forte, ti riesce a coinvolgere sia in positivo che in negativo. Occorre essere strutturati psicologicamente, e essere equilibrati per non essere plagiati. A me piace partecipare ai cineforum, cosicché si possa confrontarsi e discutere. Almeno per i film impegnativi.
      D’altra parte con la pubblicità giocano proprio su queste emozioni coinvolgenti per plagiare la mente, di chi la osserva.
      Molto bello questo post!
      Buon pomeriggio.
      Dani

      Elimina
    2. Grazie Dani.
      Al giorno d'oggi con la TV che trasmette film ogni minuto la cinematografia per sopravvivere si deve affidare a registi e protagonisti qualificati. Vedo molto impegno e cultura.
      Ciao.

      Elimina
  7. Ti ho commentato su google+ ma....
    forse ti conviene rimettere il mio link sul tuo blog perchè non vedo tuoi commenti (do ut des me lo hai insegnato tuo o sbaglio?) Senza polemica naturalmente, solo una piccola precisione da parte mia. Buona giornata

    RispondiElimina
  8. http://www.linkuaggio.com/2011/11/frasi-celebri-do-ut-des-cosa-significa.html


    Qual è il significato di "do ut des"? In italiano viene tradotto con "do perché tu dia" o "io cedo qualcosa affinché tu mi dia qualcosa in cambio". È uno dei quattro famosi contratti del diritto romano (gli altri tre sono: "do ut facias", "facio ut des" e "facio ut facias") e si riferisce precisamente a una permuta, cioè a uno scambio di due cose diverse; questa frase latina, quindi, indica un contratto stipulato fra due persone: io, cedendo qualcosa a una seconda persona, devo ricevere da quest'ultima qualcosa che possa soddisfarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parole povere, visto che siamo sul web, io ti commento se tu mi commenti e viceversa.(sottintendendo se c'è soddisfazione ovviamente)
      Perchè questa precisazione sul do ut des?

      Elimina
  9. Anna-Farfalla leggera, io sono per la gratuità e non per il "do ut des".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, ma visto che questo comportamento me lo insegnasti tu e vedo che lo applichi ancora oggi, mi è sembrato giusto fartelo notare. Io non cerco di guadagnare con i blogs ma solo di divertirmi e tu? ihihihihih.
      PS mò qualcuno si scatena ihihihih

      Elimina
    2. Ops ho dimenticato: chiamami Farfalla, lo sai che mi piace da matti.
      PS sono in montagna e ho tempo da perdere ed allora gioco un pò con te.

      Elimina
    3. Appunto. Io avevo smesso di seguirti proprio per il P.S.
      Io non mi diverto con le risse e già ti ho scritto che sono per la gratuità. Cosa vuoi dire con "Io non cerco di guadagnare con il blog?".

      Elimina
    4. Indovina un pò ihihihih, non alterarti però perchè il PS non è riferito a te e non dirmi che non hai capito, perchè non ci credo. Cmq le risse si possono evitare se tu sapessi usare DAVVERO la moderazione.
      Come ti ho scritto sono in montagna e mentre aspetto che il pranzo venga servito mi diverto un pò a stuzzicarti. Non te la prendere. Domani è la mia festa e anche se io lo sono tutto l'anno (una befana) mi piace che mi venga dedicata una festa

      Elimina
  10. Io non mi altero. Il gioco si fa in due. Quello tuo non mi piace.
    Se vuoi scrivere in questo blog non devi trascinarci problematiche che non mi riguardano ma attenerti all'argomento del blog.

    RispondiElimina
  11. La potenzialità di un film. Post formidabile come formidabile è il coinvolgimento che nel buio di una sala cinematografica, ti prende guardando le immagini che scorrono. Mi sento inserita in quel paesaggio, la musica mi trascina, vivo momenti intensi. Certo è importante scegliere il tema che mi apparterrà per due ore. Bergman...."il posto delle fragole" "Sussurri e grida" l'ultimo che ho visto, lontano nel tempo, di cui non ricordo il titolo era, allora, l'invito ad affrontare un tema sull'omossessualità....un ombra sulla vita semplice e bella di due maestre lontane da quel pensiero che però le malelingue......
    Adoro, adoravo andare al cinema. Se un film mi piace lo guardo più volte fino ad impararne i dialoghi quasi fossero poesie. La bellezza è come l'amore: attrae e diventa un tutt'uno con lo spettatore attento.
    Abbraccio e bacio? Sì, grazie. anche l'augurio di una spirituale giornata per domani: La manifestazione del Signore. C ioè festa dell'Epifania del Signore. Arrivederci.

    RispondiElimina
  12. Bergman è bravissimo ma fa teatro e non cinema tradizionale.
    Festeggerò l'Epifania e non la "Befana".
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
  13. I film che mi hanno fatto capire l'America sono :
    Il Cacciatore , Tornando a casa , Apocalypse Now e Fragole e Sangue Se poi vuoi aggiungere Tutti gli Uomini del Presidente , fai pure ....anche Hair va ...:) ciao

    RispondiElimina
  14. Concordo su quello che hai elencato e aggiungo che qualsiasi film sull'America la chiarisce bene. E' un mondo pieno di contrasti evidenti e importanti per noi perché ci anticipa il futuro.
    Ciao.

    RispondiElimina
  15. Buona Epifania del Signore!
    Serena giornata.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani.
      Teniamo i nostri cuori uniti.
      Ciao.

      Elimina
  16. Ciao Gus, buona Epifania, che qui nel tuo blog, ha un altro e profondo senso.
    Nel mio, l'ho voluto "festeggiare" in modo scherzoso, ma non dimentico certo il senso sacro dell'Epifania.
    Sono una testa matta, ma penso, che il sorriso e l'ironia, porti sempre un aiuto in caso di cattiverie e negatività della vita.
    Ciao e bacio.
    Buon tutto a tutti i tuoi commentatori che cercano, qui, serenità e verità.

    RispondiElimina
  17. Il tuo post è scherzoso ma molto dolce. L'Epifania corre e vorrebbe riposarsi dopo aver interpretato il personaggio della Befana.
    Bacio Fiorella.

    RispondiElimina
  18. ... e sarà domani la festa che oggi vive il cuore. Sì domani perchè i miei gioiosi nipoti oggi mi hanno lasciata tranquilla, ma domani hanno desiderio di "calze". Amico caro sei una catena di montaggio....ieri, oggi, parlavamo di films e già c'è un nuovo pensiero.....ma domani o questa notte commenterò.....vedremo.Ora la cena e il bacio.

    RispondiElimina
  19. Ritorno su Bergman, teatro? Perchè bianco e nero a profusione?
    Teatro perchè a volte gli attori si contano su di una mano? Per la profondità del linguaggio? Forse sì teatro ma eccezionale. Ogni "persona" è da spicoanalizzare e questo mi piace. Se cerco il bello, l'intrigante....bhè allora ecco che arriva Robert che anche come regista non è male. Nel film "L'uomo che soss...." c'è un gioco di sguardi, di strette di mano di carezze quasi nascoste ...che fanno impazzire una donna che sa.....
    Tu guarda tutto da "uomo" e segui ciò che ti piace. Ma leggimi dentro. Bacio e buonanotte.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità