venerdì 30 dicembre 2016

Divisioni inopportune




La conclusione non arriva tramite le parole ma con trasmissione diretta dovuta a osservazione sensazione ed esperienza. Attraverso le concezioni non si prende la vita..la vita va vissuta e spiegata con esperienze.
Il problema è che i filosofi vogliono pensare solo alla Filosofia, i Teologi solo alla Teologia, gli Psicologi solo alla Psicologia, i poeti solo alla poesia, sono scienziati che scoprono cose o pensieri che esistono, spostano la tenda per fare Luce."Eppure sappiamo tutti che siamo "UNO" con tutto. Solo insieme in piena comunione è Verità di vita Vera, dico Vita del quotidiano ... con i pensieri le intuizioni e la vita diviene umana...ma l'umanità nel mondo manca perché ci sono divisioni e non comunione..condivisione.. Gesù il Cristo era vero psicologo, filosofo ,teologo...pienamente umano...un sorriso e gioia nel cuore tanto amore sgorga in esso
Sempre più nelle chat (o forum o blog, ormai identici) s'incontrano interlocutori sconclusionati e desensibilizzati all'esame della realtà. Mentre chi parla fuori dalla chiacchiera è fuori posto, chi indaga con sottigliezza è impopolare. L'uomo che non affronta argomenti nel profondo vince sempre: pensare stanca.
Nell'epoca “liquida”, tecnologica , astrologica, spiritualistica, credulona nei maghi, ci si affilia e assimila al ribasso, cercando condivise sicurezze, narcosi evasive e surrogati di vita. La monocultura della realtà riprodotta, siano foto, cartoline o testi, detesta la scrittura sciolta, sequenziale e sensata. Il mondo della relazione si sgretola nell'afasia, negli spezzoni di frasi, di parole reticenti e smozzicate portate avanti all'infinito, come pretesto artificioso per far proseguire una comunità che altrimenti avrebbe fine.

23 commenti:

  1. Che post interessante ci voleva ' un'analisi, critica o meno, che cerca di capire le reali intenzioni di chi scrive rispetto a ciò che dice. Oggi posso dire con certezza che non è più conveniente affrontare questi argomenti. Siamo nel bel paese degli ipocriti, della "cultura" dominante agli eccessi. Non ci sarà mai una crescita prima di una condivisione SANA, disinteressata. Aumenterà l'apatia, il disinteresse che alimentera' la disuguaglianza come fonte l'ingratitudine attraverso il disprezzo...che da "voce" all' intolleranza sociale.

    RispondiElimina
  2. Il mio post ha una sola risposta ma è di valore.
    Complimenti.
    'notte.

    RispondiElimina
  3. Noi tutti siamo «uno». Uno per uno in matematica dà risultato uno. In amore uno per uno fa avvenire lo scambio, l’andata e il ritorno da uno a uno. La verità da qualunque angolazione la vedi è Verità. Dallo psicologo, dal teologo, dal poeta, dal filosofo, la Verità non mente.
    Buona notte August.
    Dani

    RispondiElimina
  4. Prova con 1+1.
    Grazie Dani.
    Ciao.7

    RispondiElimina
  5. Qui in Lombardia si usa dire " cent co',cent crap".
    Niente di più vero, ognuno pensa con la propria testa e difficilmente entra in sintonia con gli altri, ignorando che è il dialogo e l'unione che rende possibile una comprensione e un rispetto reciproci.
    BuonAnno!
    Cri

    RispondiElimina
  6. E' difficile avere la stessa testa e sarebbe pure imbarazzante. Piccoli robot fatti con lo stampino. Per me conta ascoltare l'altro, le sue diversità e rifletterci sopra. Il rispetto aiuta a capire e porta all'amicizia.
    Grazie Cristiana. Usiamo l'anno come punto ideale per meditare sugli errori e cercare di non ripeterli.

    RispondiElimina
  7. Ti auguro un ottimo 2017.
    Anche a te ho dedicato un video su fb
    T.v.b ❤

    RispondiElimina
  8. Grazie per l'augurio, il ti voglio bene e il video.
    Ciao Silvana.

    RispondiElimina
  9. Ciao Gus, sereno 2017, ancora grazie per tutto.
    Abbraccio/bacio.
    A me piace il relazionarmi, con altre persone, specialmente se non la pensano come me, si puo' sempre imparare, ma, nel quieto relazionarsi e condividere tutte le proprie idee senza farsi del "male".

    RispondiElimina
  10. Un felice e sereno Nuovo Anno.
    Auguri Gus! Smaaaaaaaaaccccckkkkkkkkk!

    RispondiElimina
  11. Sai il tuo post mi ha fatto venire in mente "lo specchio della vita" di Pellizza da Volpedo (quello delle pecore, per intenderci... E ciò che l’una fa e l’altre fanno). L'ho visto dal vero alla GAM di Torino e l'ho associato al tuo post. Lo trovo più che azzeccato quando scrivi: "Mentre chi parla fuori dalla chiacchiera è fuori posto, chi indaga con sottigliezza è impopolare." Tu pensa che il pittore lo dipinse ai primi anni del Novecento, è passato più di un secolo eppure nulla è cambiato. Il genere umano va avanti per categorie e quei pochi che ragionano con la propria testa sono fuori dal gioco. Riusciremo per davvero a fare 1+1=2 accorciando le distanze che ci dividono? Personalmente non credo che avverrà mai, scusa il mio pessimismo. Buon proseguimento di anno amico mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si parte sempre dall'impegno di farlo. All'atto pratico si può anche fallire. Ma non è detto.

      Elimina
  12. Gus, sai che ora mi sento protetta qui da te dopo quello che è successo? 😐 Mi faresti postare qualche volta?
    Ho diversi post carini salvati su word da anni e poi ho nuove idee
    Mon voglo diventare la tua socia,sia chiaro, ma solo pubblicare qui 2 o 3 post al mese. La trovo una bella idea di condivisione di fratellanza e di amicizia. Io non voglio nulla di più. Che sia chiaro.
    Pensaci dai. 🌹

    RispondiElimina
  13. Sì, ma bisogna studiare le modalità di pubblicazione.

    RispondiElimina
  14. Ma scusa con le tue collaboratrici come hai fatto? 1 le mando per mail e tuo pubblichi con il mio nome Sivy. Oppure, se mi ricordo bene c'è l'opzione per poter postare. Opure mi dici la mail e password..uh...no poi la trovano e sono guai.
    Vabbe...la scrivo nei commenti. Se il post è lungo in due volte...e le immagini??, non solo personali, sai tu dove andare a prenderle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post nei commenti è la soluzione migliore. Per l'immagine inizio pagina mi devi mandare il link, oppure la scelgo io.

      Elimina
    2. Nel mio blog ha scritto solo Lucia. La procedura è questa.
      Mi ha fatto conoscere l'indirizzo mail dell'account, logicamente senza comunicarmi la password. Ho chiesto a Blogger dii aggiungere un utente. Blogger ha inviato l'invito a Lucia che ha accettato. Così ha scritto i post.

      Elimina
    3. Controllo dell'accesso al blog


      Puoi stabilire chi può apportare modifiche al tuo blog e chi può leggerlo.

      Consentire ad altre persone di apportare modifiche al tuo blog
      1.Accedi a Blogger.
      2.Seleziona il blog da aggiornare.
      3.Fai clic su Impostazioni > Di base > Autorizzazioni nel menu a sinistra.
      4.Nella sezione "Autori blog", fai clic su +Aggiungi autori.
      5.Inserisci l'indirizzo email della persona che desideri aggiungere.
      6.Fai clic su Invita autori.

      Quando la persona accetta l'invito, viene elencata come autore. Puoi aggiungere fino a 100 membri totali (autori, amministratori o lettori) al blog.


      Nota. Per gestire e pubblicare blog, gli autori o amministratori invitati dovranno disporre di un account Google.

      Elimina
    4. Meglio se ti commento. Delle immagini ti mando il link ma prima devo sistemare il mio p.c
      Ci vorranno una decina di giorni. Ma io ho l'account Google altrimenti come potrei scrivere qui?
      Stasera questo cell fa dei rumori pazzeschi. Boh
      Ps hai visto il mio video e mamy?

      Elimina
  15. Prova post

    LA RISALITA

    Sappiamo davvero aprire vie nuove nello Spirito che portano noi e i fratelli?
    Poi scendere nelle profondità dell'umano ma senza impedire il movimento di risalità, di trasfigurazione, di crescita?
    Allora compiamo un movimento di Incarnazione
    scendiamo con Gesù nell'uomo, tutto l'uomo e con Lui risaliamo.
    Questo è riconoscere che Gesù è venuto nella carne.

    Silvy.

    RispondiElimina
  16. Un po' scopiazzato, lo ammetto ma non scriverlo.
    ora cerco il link. aspettami

    RispondiElimina
  17. Come sempre un post molto interessante e nella sua chiarezza purtroppo realistico.
    In che modo ci relazioniamo , se pensiamo di farlo?
    Gus non so darmi risposte sinceramente, se non i soliti ripetitivi
    esempi di vita quotidiana,che invece di unire si disperdono non facendo relazionare proprio nessuno se non un 'esigua minoranza.
    Hai espresso magnificamente tu il concetto, grazie
    Un forte abbraccio serale e un 2017 foriero di qualcosa di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile aprirsi all'altro per la diffidenza che è solo il paravento dell'egoismo.
      Grazie Nella.
      L'augurio è di un futuro migliore.
      Abbraccio.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità