mercoledì 14 dicembre 2016

Sempre di più








Il potere del Risorto al quale il Padre ha sottomesso ogni cosa si manifesta secondo i disegni del Padre. Noi non siamo chiamati a prevedere quell'ora e quel giorno. Sappiamo soltanto che alla fine il potere del Risorto sarà visibile in tutti e in tutto. Il cristiano è l'uomo che sa vivere il presente anticipando nella certezza e nella speranza il momento della pienezza finale. La cultura dominante, per quanto possa investire la mente del singolo e quindi della massa, ha un limite di fronte al quale è costretta ad arrestarsi: la natura dell'uomo, che è definita dal senso religioso. Una ripresa di autenticità umana rispetto alla mentalità comune, paradossalmente, è ciò che più è atteso in una realtà apparentemente omologata. Denuncio come equivoca la posizione di quanti identificano la bontà di una società nel richiamo a certi valori minimali. E' un qualcosa di mistificante perché fa gioco su una condizione umana che si aspetta ben altro e che è in tal modo strumentalizzata.
I valori minimali sono il quotidiano religioso vissuto con superficialità.
Nel Cristianesimo si deve arrivare fino in fondo, non all'altra riva, ma all'altra Vita. Lo dimentichiamo spesso che di quello che abbiamo fatto in questa Terra dovremo renderne conto.


24 commenti:

  1. Dal Vangelo secondo Marco 4,35-41
    In quel giorno, verso sera, Gesù disse ai suoi discepoli: “Passiamo all’altra riva”. E lasciata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
    Nel frattempo si sollevò una gran tempesta di vento e gettava le onde nella barca, tanto che ormai era piena.
    Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: “Maestro, non t’importa che moriamo?”. Destatosi, sgridò il vento e disse al mare: “Taci, calmati!”. Il vento cessò e vi fu grande bonaccia. Poi disse loro: “Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?”.
    E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: “Chi è dunque costui, al quale anche il vento e il mare obbediscono?”.

    RispondiElimina
  2. Signore ho paura delle tante cose che riempiono il mio cuore, ho paura per la vita dei miei cari. Ho paura....Signore ho poca fede e a Te importa di me?
    -Mi importa di te, mi importa la tua vita, tu sei importante.
    Mi importano i passeri del cielo e tu vali più di molti passeri, mi importano i gigli del campo e tu sei più bello di loro.
    Tu mi importi al punto che ti ho contato i capelli in capo e tutta la paura che porti nel cuore. E sono qui. A farmi argine e confine alla tua paura. Sono qui nel riflesso più profondo delle tue lacrime, come mano forte sulla tua, inizio d'approdo sicuro.- Grazie Signore. Ora posso riposare.
    Buonanotte Gus. A domani, forse. Bacio.

    RispondiElimina
  3. I timori sono dell'uomo. Anche Gesù ha sperimentato il pianto.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
  4. Si on molti non hanno ancora fede...e se non è innata bisogna « imparare a credere » non si nasce con la fede, ma con la possibilità di credere.
    Fisichella
    Notte.

    RispondiElimina
  5. Appena fatto il battesimo noi siamo liberati dal peccato originale e torniamo ad essere figli di Dio. In noi c'è già l'ipotesi dell'amore verso il Padre.

    RispondiElimina
  6. fede

    fé·de/

    sostantivo femminile

    1.

    Il fatto di credere con assoluta convinzione nella verità e giustezza di un assunto: aver f. nella democrazia; generic., fiducia.

    "non ho più f. nei medici"

    2.

    Il complesso dei principi seguiti nella vita morale.

    "f. religiosa"

    L'amore è ben altro. Si può amare senza credere ne avere la minima fiducia. Un vero amore disinteressato
    Vado dove devo andare
    Ciao

    RispondiElimina
  7. La grande grazia è la certezza della fede. La fede, come spiega don Giussani, è il riconoscimento di una Presenza, che consente all’uomo un’esperienza di corrispondenza così unica alle attese del cuore, da riconoscere che soltanto il divino può esserne l’origine.

    Un dizionario esamina un lemma per quello che è in realtà, ma non spiega il percorso di quella parola.

    RispondiElimina
  8. FELICISSIMA La retina si è riattaccata bene. L'occhio è infiammato solo per i punti. La bolla di gas andrà via tra 10 giorni. Forse rivedrò come prima.
    Baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la retina ci vuole pazienza, ma la vista tornerà.
      Sono molto contento.
      Ciao.

      Elimina
  9. Il problema non è mai avere/non avere ragione, ma capire, o meglio avvicinarsi alla realtà.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Se ti do ragione è perche ti capisco. Speriamo che Lui mi illumini ancora. La realtà è sentire una Presenza....si a volte mi arrabbio però poi capisco che mi è vicino....soprattutto per non peggiorare però.😯 mi vuole in vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi vuole in vita" è un segno della fede.

      Elimina
  11. In quel ospedale avevo lasciato una mia cosa personale nelle mani della statua di Santo Pio. C'erano diversi oggetti tra le sue dita. Oggi ne sono rimasti solo due. Uno era il mio.

    RispondiElimina
  12. Io conosco tre persone miracolate. Certezza 100%

    RispondiElimina
  13. Che malattie avevano. Lo sai che alcuni tumori regrediscono spontaneamente? Scientificamente provato.

    RispondiElimina
  14. Gus come mai sei ancora interessato al mio vecchio blog "sara107.blogspot.it? Quante visite ho ricevuto per essere un blog non più aggiornato da anni.... ...ho visto altri IP ovviamente con noti p.c e sistemi operativi. Ma che schifo....a me interessava più che altro il tuo, proveniente da Pescara, e se mi incazzo lo incollo in tutti i blog. Tu manovri i miei account gus e entri nel mio vecchio blog? Certo che no. È solo una domanda eh...ma grazie fammi pure gli aggiornamenti Ti voglio sempre più bene ❤
    Ps l' ho chiuso ...nel caso che...i post erano sempre quelli , lo sapevi vero? Windows Chrome in vetta alle statistiche. Appena mi gira incollo il, anzi, I TUOI IP a TUTTI!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non visito nemmeno il tuo profilo. Guardando IP ti rovini solo la salute. Incompetente.

      Elimina
  15. Difficile arrivare fino in fondo... Ciao Gus un buon pomeriggio

    RispondiElimina
  16. Con l'IP trovi la zona geografica anche in particolare, ma per il nome devi conoscere la password che ti fa entrare nel router. Tutti noi quando scriviamo per chi riceve vine dato l'IP. Qualcuno scarica qualche programma per leggere l'IP. Io non lo faccio. Mi sembrerebbe come rubare l'intimità di un altro. Qualcuno lo fa e lo spiattella pure in un blog accusando anche un utente insospettabile.
    Ciao Farfalla.

    RispondiElimina
  17. Metti nella barra degli indirizzi il mio IP e alla fine trovi:

    https://s29.postimg.org/7vahfum9j/Cattura.png

    RispondiElimina
  18. Allora era la pippa? Come nell' ultimo mio blog eravate assidui frequentatori

    RispondiElimina
  19. Quando un blog è visibile uno può commentare un post.
    Il blog funziona così.
    Io non conosco la ragazza di Pescara che si chiama "Pippa", e quindi non so se frequenta il tuo blog o il tuo profilo.
    Queste insinuazioni sono menzogne. Non devi lamentarti se non pubblico i tuoi commenti.

    RispondiElimina