venerdì 11 marzo 2016

Qualcosa che resta nella tua vita

 
 



 
 
 

La cosa più impressionante della mia vita è stata vedere il buco dove fu piantata la croce, il luogo in cui Cristo è morto, dove Cristo ha agonizzato. Vedendo questo posto, immaginando l'incomprensione e il non riconoscimento di tutta la folla che stava a guardare, si capisce che dev'essere una cosa terribile e grande il male del mondo se Dio ha accettato un sacrificio così, una morte del genere.
Quello che ci si porta via da quei luoghi è il desiderio, lo struggimento, che la gente si accorga di quanto è accaduto. E invece quello che è accaduto sembra sia oggi possibile cancellarlo così come si cancella con un piede una lettera sulla sabbia.
Oggi tutto il resto, la politica, l'economia, etc., sembra più grande e più importante di questo avvenimento così facilmente e a buon mercato identificabile con una fiaba.
Ma la concretezza di quell'avvenimento è così umana che non si può tornare dalla Palestina col dubbio che il cristianesimo sia una favola.
Mettersi nelle condizioni naturali, logistiche, in cui Cristo si è venuto a trovare: il paesaggio che ha visto, le rocce che ha calpestato, le distanze che ha camminato.
Tutto collabora e costringe a capire la verità di quello che è accaduto.
 
 


15 commenti:

  1. A me dispiace solo che si mangi e si gozzovigli attorno, e in nome di una cosa così meravigliosa come quella accaduta duemila anni fa. Fiaba o non fiaba che sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che gozzovigliano non provano né emozione, né stupore che noi sentiamo. E' il risvolto della medaglia.

      Elimina
  2. Immagino il tuo struggimento Gus, perché penso sia lo stesso mio, anche senza aver visto il luogo… ho grande forza d’immaginazione (a mio discapito); ma anche con tutta la buona volontà, penso non potremmo mai capire sino in fondo il dolore fisico sofferto. Aggiungiamoci pure quello d’esser stato sacrificato da suo Padre…. come poteva mai sentirsi, se non ferito nel corpo e nell’anima?
    In fondo si era fatto uomo, in carne ed ossa come noi, e come qualsiasi uomo possedeva emozioni e sofferenze umane…. il suo dolore penso sia stato ineguagliabile!
    La cosa che mi addolora maggiormente è… che se tornasse, sarebbe nuovamente condannato!
    Mi chiedo ancora oggi se sia servita quell’atroce sofferenza…
    Buona giornata Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tornerà solo per giudicare i vivi e i morti.
      Con la Croce nasce il lemma Sacrificio. Si è caricato sulle spalle i peccati del mondo ridandoci la speranza della salvezza.
      Ciao Betty.

      Elimina
  3. Annamaria C.
    Eppure noi umani non capiamo, non accettiamo, non crediamo...
    Buon pomeriggio a te Gus <3

    RispondiElimina
  4. L'uomo ha grossi limiti.
    Ciao Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami Gus me ne sono accorta ora che il post originario era qui ... Scusami davvero non volevo.
      Ti rispondo qui al tuo commento sopra:
      " Ahimè, dico, ma poi penso che sono questi limiti a renderci umani... Se non li avessimo saremmo divinità. Ciao Gus"
      Abbraccio

      Elimina
    2. Cristo conosce i nostri limiti e per questo ci perdona. Nemmeno Pietro senza l'aiuto di Dio avrebbe riconosciuto chi era quell'uomo che seguiva da tanto tempo:


      + Dal Vangelo secondo Matteo

      In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
      Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
      E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli.
      E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
      Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

      Elimina
  5. Non sono mai stata in Terra Santa, è il mio più grande desiderio andarci...chissà, forse. Credo sia un'emozione unica ripercorrere quei luoghi dove hanno visto Gesù che predicava alla folla, che si ritirava in preghiera, che si recava al tempio, camminava sulle rive del Giordano.
    Il luogo dove è nato, e dove è stato crocifisso, per ora mi accontento di guardarlo nelle immagini, e mi commuove molto.
    Grazie August.Un saluto molto caro!



    Ps. Domani il "Novara" sarà ospite del "Pescara", chissà come andrà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Dani, è commovente. Forse tornerò ancora in Terra Santa.

      P.S.

      Il Pescara non è in un buon momento, mentre il Novara è molto forte. Ora gioca la Juve contro il Sassuolo. Vincere è importantissimo.
      Ciao.

      Elimina
    2. La Joya è il suo profeta.
      Ciao Dani.

      Elimina
    3. ✬ ✭ ✮ ✯ ✬ ✭ ✮ ✯!
      Buona notte!
      Dani

      Elimina
  6. Oggi, venerdì, i Misteri del Rosario sono quelli del dolore.E camminiamo sulle sue orme: dall'agonia alla morte.Andando a Milano li abbiamo meditati.E' sempre una sofferenza. Questa sera riscrivendo le frasi di Peguy, ho voluto continuare a leggere e lui racconta proprio la passione. Domani farò il post.
    Ho visto il film Passion. Lo considero veritiero e molto emozionante.
    Pensando alla sofferenza che Gesù ha vissuto e pensando a me, peccatrice, vorrei essere la Maddalena, la Veronica, anche l'adultera per essere guardata con quell'amore con cui sa guardare Gesù è immergersi nella Sua vita
    donata per noi, per me, per i miei figli, per tutti.
    Signore donami sempre la tua grazia e fa che non sia ingrata per ciò che mi hai donato, perdonato amandomi.
    Grazie Gus amico caro. Grazie perchè tu svegli il cuore all'amore per Cristo se si fosse assopito. Il sole del primo mattino.
    Buonanotte e Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore per Cristo è dentro di te, si appisola ma si sveglia alla prima brezza mattutina.
      Bacio.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità