lunedì 28 marzo 2016

L'etica e la morale diventano optional

 
 
 


 
 
 

Ho sempre sognato di vivere in un mondo del buon senso comune salvo che il buon senso comune momentaneamente in Iraq ti mette un cappio al collo , il buon senso comune in Cina mette il progresso sopra ogni cosa , il buon senso comune in Francia legifera sul velo ,il buon senso comune in Olanda permette ai padri di ammazzare i figli , il buon senso comune in Italia ripudia la violenza degli altri dimenticandosi della propria e così via e così via il buon senso è sempre un fiume in piena del non senso.
Per me esiste e dovrebbe essere osservata l'idea di comunanza, di non violenza, di distribuzione equa dei redditi, di uno sviluppo sostenibile ecc. Con questa idea, ben lontana dal liberismo sfrenato, ci si dovrebbe un po', dico solo un po', allontanare dalle aberrazioni sottolineate. Se accade quel che accade non è per natura umana malvagia. Ci sono precisissime ragioni politiche ed economiche. Seguendo quelle ragioni di profitto sragionato l'animo umano, l'etica e la morale diventano optional.
E' molto imbarazzante che il laicismo militante si appoggi all'etica ebraico-cristiana, alla quale molto spesso si limita a togliere l'etichetta. Quando Kant scrivendo la religione entro i limiti della semplice ragione fornisce un breviario al pensiero laico, le virtù evangeliche, i principi del decalogo, gli inviti testamentari beneficiano di una nuova presentazione. Cambia la forma, resta la sostanza. La laicizzazione della morale Ebraico-Cristiana spesso corrisponde alla riscrittura immanente di un discorso trascendente. Cioè che viene dal cielo non è abolito ma riacclimatato in terra.


9 commenti:

  1. "L'economia è la più morale delle scienze perchè ha come suo dogma la rinuncia a se stessi, la rinuncia alla vita e a tutti i bisogni umani. Quanto meno mangi, bevi, compri libri, vai a teatro, al ballo e all'osteria, quanto meno pensi, ami, fai teorie, canti, dipingi, verseggi, eccetera, tanto più risparmi, tanto più grande diventa ...il tuo tesoro che nè tarli nè la polvere possono consumare, il tuo capitale"
    (Karl Marx, Oekonomisch-philosophische Manuskripte aus dem Jahre 1844; trad. it. "Manoscritti economico-filosofici del 1844; in Marx Engels Opere Complete, Editori Riuniti,Roma 1980, vol III, 1976, pp.336-337)


    Forse Marx è un idiota perché l'economia è l'esatto contrario di quello che afferma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'OME al SOLITO legi quel che riesci a legere.
      Prova a fare il BARBONE per scelta e vedrai c'OME diventi RICCO VERA MENTE.
      Buona digestione e evacuazione!

      Elimina
  2. L'economia dopo circa due secoli è peggiorata, è diventata immorale, perchè ha come suo dogma il pensare a se stessi e schiacciare gli altri, il bere, mangiare e consumare a dismisura. Intanto ogni anno milioni di bambini muoiono per una banale diarrea per aver bevuto l'acqua delle pozzanghere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se solo INDIrizzassi quei verbi al VERBO ... i conti potrebbero riTORNARE.

      Elimina
    2. La vita terrena offre poco e la sofferenza è fine a se stessa e non diventa mai Sacrificio. E' solo un passaggio in attesa del ritorno al Padre. Ma l'uomo è cieco e sordo.

      Elimina
  3. Sono perfettamente d'accordo con il titolo del post.
    "Per me esiste e dovrebbe essere osservata l'idea di comunanza, di non violenza, di distribuzione equa dei redditi, di uno sviluppo sostenibile"
    Il tuo pensiero è lo stesso di quello che si diceva e sperava mio padre. Alla fine della guerra le persone di tanta buona volontà si sono prefissati di ricostruire le macerie dello spirito dell'uomo e le macerie dell'Italia. e ci sono riuscite. Avevamo persone, al governo eccezionali. Ed era un'Italia Cattolica. I genitori insegnavano il rispetto per il prossimo. "Mi raccomando comportati bene!" Ogni partito prendeva ad esempio Gesù. "Gesù è sceso da cavallo per raccogliere una briciola di pane" Certo non era vero, ma il mio papà portava questo esempio per dirmi che non si sprecava il cibo e il resto. "Gesù era socialista" ecc. Con un rene solo andava a spalare la neve di notte e di giorno lavorava in fabbrica, ma non perchè noi figli avessimo il superfluo, ma il necessario.E si ammalò. Mamma andò lei in fabbrica. Noi tre abbiamo imparato che la vita è sacrificio è l'amore che loro ci hanno insegnato con l'esempio.La fede in Dio m'insegna il rispetto per l'idee del mio prossimo: non debbo fare ciò che dice il primo che bussa alla porta, ma posso sempre ascoltarlo. E se ha bisogno un pane o una coperta la trovo.Per Lui.
    Ti prego caro amico correggimi con la tua conoscenza dell'umano. Ti auguro la buonanotta sperando che tu abbia trascorso in serenità queste giornate. Serenità, amore e famiglia. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di Amore, quindi di Dio.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  4. Fa pensare che, soprattutto ultimamente, il laicismo si appropri dell'etica (ma non solo)
    ebraicocristiana. Succede che ci si limiti solo a nascondere quel che porterebbe a identificare e forse nel bene, ma anche no...Credo comunque che questi passaggi potrebbero fermarsi nel misero anonimato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un mondo dove il capitalismo è così cinico non può esserci etica. Si lascia l'illusione dei cosiddetti diritti civili, che a volte sono assurdità. Il cristianesimo ha una morale, Cristo, ed e immutabile, mentre l'etica varia con il cambiare degli usi e dei costumi di una società.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità