lunedì 30 maggio 2016

E' pericoloso perseverare nell'errore

 
 
 
 

Se la Chiesa dice di sé: io sono una realtà fatta da uomini, che veicola qualcosa di eccezionale, cioè il divino, non la si può giudicare nel suo valore profondo elencando i delitti e le ristrettezze degli uomini che fanno parte della Chiesa stessa. Al contrario, se nella definizione di Chiesa entra l'umano come veicolo scelto dal divino per manifestarsi, in tale definizione potenzialmente entrano anche quei delitti.

Ancora oggi essere tesi alla ricerca dei difetti di chi annuncia il cristianesimo, o essere pronti a scandalizzarsene, non è altro che un alibi per non aderire mai, per non dover mai cambiare se stessi. I difetti ci saranno sempre e comunque. Allora scegliere di fissare lo sguardo su di essi è un modo fatale per scegliere di non cercare con lo sguardo il valore.

San Francesco non si è scandalizzato per le divisioni e le violenze che scuotevano la Chiesa dei suoi tempi. Santa Caterina oltre un secolo dopo la morte di Francesco, con la corte del Papa ad Avignone, scriveva lettere di fuoco a Gregorio XI con queste parole: "Siatemi uomo virile e non timoroso".



19 commenti:

  1. La libertà è il bene più grande che Dio abbia donato agli uomini e per questo la Chiesa che veicola il divino è amministrata dall'uomo. L'uomo invocando lo Spirito Santo non sbaglia.

    RispondiElimina
  2. Se pensiamo che le cose non cambieranno, ricordiamo che Gesù Cristo ha trionfato sul peccato e sulla morte ed è ricolmo di potenza. Gesù Cristo vive veramente. Altrimenti, «se Cristo non è risorto, vuota è la nostra predicazione» (1 Cor 15,14). Il Vangelo ci racconta che quando i primi discepoli partirono per predicare, «il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola» (Mc16,20). Questo accade anche oggi. Siamo invitati a scoprirlo, a viverlo. Cristo risorto e glorioso è la sorgente profonda della nostra speranza, e non ci mancherà il suo aiuto per compiere la missione che Egli ci affida.
    Evangelii Gaudium

    Dobbiamo amare la Chiesa, noi siamo la Chiesa, e pregare per essa.
    Grazie August.
    Buona settimana!
    Dani.
    Ps.Ah, ti ho dedicato il mio post!

    RispondiElimina
  3. Il problema è che non credono all'Incarnazione, Morte e Risurrezione e criticano aprioristicamente la Chiesa perché non la conoscono, non sanno cosa sia.
    Grazie Dani.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. A volte il peccato, il pensiero del peccato, del male che facciamo ci porta a considerarlo come incurabile, come qualcosa che non può essere guarito o perdonato. Ecco la Chiesa. Ecco la mano che ci aiuta a rialzarci. Nella Chiesa c'è Misericordia, c'è lo Spirito che ci rimette in carreggiata.
    Mi chiedo: perchè il Papa ha indetto l'anno della Misericordia? Perchè il mondo cambia di giorno in giorno e in peggio. Cioè, come diceva Peguy "E' un mondo scristianizzato".Chi ha fede: diventi testimone convinto tanto da convincere. Il metodo è la contemplazione, immergersi, fare un bel bagno, nella misericordia, perchè il primo ad averne bisogno è proprio il cristiano, cioè ciascuno di noi. Cioè io.
    Volgendo lo sguardo a Dio, Padre misericordioso, scopriamo ogni giorno di più cosa c'è al centro della nostra vita: cioè Gesù il Cristo.
    Gesù ha detto agli apostoli: Venite e vedrete....Bisogna entrare in Chiesa e farci aiutare a "Vedere" L'Amore. C'è, c'è: credetemi.
    Buonanotte amico mio, caro Gus. Buonanotte mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo è scristianizzato ma non è una novità. E' sempre stato così. Siamo più attaccati a questo mondo che al Regno dei Cieli.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  5. Nel disegno rientrano TUTTI.
    Il PRObLEMMA è SOLO nostro.
    Il pagano d'Assisi riconobbe la Chiesa MADRE anche se poi CHI AMAVA fratello il sole e sorella la luna.
    Se fosse c'OSI' facile spiegare il TUTTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il “Il Cantico delle Creature” è una lode a Dio e a tutto quello che ha creato.

      Elimina
    2. A Dio MATER ma non all'ABBA' che è in altri UNI-VERSI.
      Anche Gesù LE rende GRAZIE prima di riTORNARE dal PADRE.
      Ti riTORNO a dire che non è FACILE sPIEGARE ... TUTTO.
      Anche il TUTTO è relativo per ogni CREATURA, ma non per CHI è stato GENERATO.

      Elimina
  6. Tutti veicoliamo il Divino in terra. Tutti. Per mezzi, capacità, volontà, tempo a disposizione, predisposizione. Te sul blog, altri in mensa, altri ancora di notte offrendo coperte, altri salvando vite in mare prima che affoghino. Chi non fa dicendo di fare, renderà conto un giorno.

    RispondiElimina
  7. La Chiesa veicola il divino attraverso i Sacramenti.

    RispondiElimina
  8. Concordo ,Il Cantico delle Creature" è una lode a Dio.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  9. I Sacramenti





    La vita di Cristo è la morale perché le regole della Chiesa sono l'applicazione degli insegnamenti di Cristo.

    Per capire l'amore come Cristo lo intende dovremmo essere anche noi Cristo.

    Per esempio i Sacramenti non li ha inventati la Chiesa ma sono istituiti da Cristo.




    Battesimo.

    Confermazione.

    Eucarestia.

    Penitenza.

    Unzione degli infermi.

    L'Ordine.

    Il Matrimonio.




    I sacramenti toccano tutte le tappe della vita del cristiano.




    Il Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana perché apre l'accesso agli altri sacramenti.

    Nei Vangeli è scritto che Gesù stesso che era immune dal peccato originale volle farsi battezzare dal Battista.




    La prima origine del sacramento della Confermazione risale agli Apostoli che attraverso l'imposizione delle mani comunicavano il dono dello Spirito a completare la grazia del Battesimo.




    L'Eucaristia fu istituita nell'ultima cena da Cristo:




    Matteo:




    Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: "Prendete e mangiate; questo è il mio corpo".

    Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: "Bevetene tutti,

    perché questo è il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati.

    Io vi dico che da ora non berrò più di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo con voi nel regno del Padre mio".




    Il sacramento della Penitenza:




    E detto questo, soffiò su loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo. A chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi li riterrete, saranno ritenuti" (Gv 20:22-23).




    L'Unzione degli infermi:




    Gesù chiede ai malati di credere. Si serve di segni per guarire: saliva e imposizione delle mani, fango e abluzione.







    Il sacramento dell'Ordine è quello grazie al quale la missione affidata da Cristo ai suoi Apostoli continua ad essere esercitata nella Chiesa. E' dunque il sacramento del ministero apostolico.




    Il Matrimonio:




    Alle soglie della sua vita pubblica, Gesù compie il suo primo segno, su richiesta di sua Madre, durante una festa nuziale, le nozze di Cana.

    Vi riconosce la conferma della bontà del matrimonio e l'annuncio che ormai esso sarà un segno efficace della presenza di Cristo.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'OME sei Gig8.
      C'ME i FARI6 che ritenevano le leggi Mosaiche istituite da Dio.
      All'ORA c'E' qualc'OSA che non mi TORNA tra Dio e il Figlio.
      po'VERO TEOlogo che si agGRAPPA da quanto riportato da altri e non direttamente dallo SPIRITO SANTO.

      Elimina
  10. Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare.

    RispondiElimina
  11. Ma...forse che sì forse che no.

    RispondiElimina
  12. E dov'è che lo Spirito Santo parlerebbe in Prima Persona Angelo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' PIENA la BIBBIA di questi MO'MENTI.
      MANonly CONOsCONO c'OME MEZZI e per questo cercano di disTRUGGERE la SUE tARE.

      Elimina
  13. Vi mando il profumo dei gelsomini e scendo a cogliere qualche rosa per la mia mamma, domani è venerdì. Buona continuazione di serata Gus A domani sera. Bacio

    RispondiElimina