venerdì 27 maggio 2016

Non è tanto complicato

 
 
 


 
 
 
Proprio nella solennità del Corpus Domini mi sembra assurdo rispondere per difendere la Chiesa, il Corpo mistico di Cristo.
 


9 commenti:

  1. Oggi, il tempo in cui viviamo sembra che gli uomini puntino il dito, accusino, Dio con domande che non sono scritte nel catechismo come: "Perchè Signore, non ti sei opposto con potenza ai tuoi nemici che ti hanno messo sulla croce?
    Perchè non hai dimostrato loro che Tu sei il Vivente, il Signore della vita e della morte? Perchè ti sei mostrato solo ad un piccolo gruppo di persone (discepoli) della cui testimonianza noi dobbiamo fidarci ora? Perchè solo ad Abramo? Perchè solo a Israele?
    Papa Benedetto nel suo libro su Gesù risponde che è proprio del mistero di Dio agire in modo sommesso. Solo pian pianino Egli costruisce nella grande storia dell'umanità la Sua storia. Quella della Chiesa. Anche Peguy ci dice in un modo eccezionale " A questa libertà [...] ho sacrificato tutto dice Dio, Al gusto che ho di essere amato da uomini liberi, Liberamente..."
    Ho reso l'idea? Oggi facilmente giudichiamo e chiediamo al Cielo "Perchè?" "Perchè Dio mi ha fatto questo?" "Perchè la Chiesa?" "Oh, per carità non mi parli dei preti che...."
    La proposta di Cristo, che arriva a noi attraverso la Chiesa, ci ricorda che il Centuplo lo avremo quaggiù. Noi peccatori, noi abbiamo bisogno della Grazia e soprattutto del perdono.
    Grazie Gus è stato bello. E' stato interessante ripensare un po'alla nostra Chiesa. Chiesa di peccatori. Chiesa che salva e una Misericordia perchè lo Spirito Santo vi dimora. Ciao Buonanotte e Bacio.

    RispondiElimina
  2. E' stato bello anche leggerti.
    Bacio.

    RispondiElimina
  3. Noi siamo il fico seccato perché non dava frutti fuori stagione. Cristo ci chiede l'impossibile affinché noi facciamo appello a lui. Hai ragione quando dici: "se fossimo in grado di rispondere a tutti i nostri interrogativi saremmo divinità noi". Ma non lo siamo, e non dobbiamo neanche permetterci di ipotizzare la divinità che abbiamo sopra - sempre che ci sia -. Siamo in grado solo di dovere ringraziare sempre per l'alito di vita concessa, e sforzarci di viverla con l'amore che ci è stato donato.
    Il resto è fuffa. Da qualunque pulpito giunga. Fuffa.
    Siamo fichi maledetti fuori stagione.
    Non siamo in grado di sapere nulla.

    RispondiElimina
  4. O si crede, oppure no, non c'è via di mezzo.
    Siamo ignoranti come agli albori della vita quando l'uomo ha sentito la necessità di affidarsi a qualcuno che sa.
    La chiesa non c'entra e a mio parere non è affidabile, accecata dal potere anch'essa.
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. ... E dopo aver fatto tutto ciò che vi compete ricordate che voi siete servi inutili... Se il Signore non costruisce la città, invano vi faticano i costruttori.
    Insomma, noi siamo solo creature, sebbene creati a sua/loro immagine.
    Buona giornata
    sinforosa

    RispondiElimina
  6. Gus posso rubarti la gioia di rispondere a Franco? La fede ci aiuta a rispondere. Il Papa ci aiuta a scoprire che la Misericordia è l'unica vera e ultima reazione efficace alle domande dell'uomo d'oggi. La vita che vivi è il risultato di un percorso, di un passo dopo l'altro, di tante esperienze negative e positive: guarda a quelle e non porti domande o non porle a Cristo perchè sono già, le risposte, dentro di te. Solo là dove c'è misericordia finisce la crudeltà, finiscono il male e la violenza. La parabola del fico seccato viene raccontata da Luca e Gesù che aveva fame, non trovando frutti disse al fico: che da te nessuno più possa coglierne. e l'albero si seccò.Gesù si riferiva as Israele incredulo.Penso che Gesù quel giorno sapesse già cosa lo aspettava al Tempio perchè si stava recando proprio là e fece quella sfuriata che tutti sappiamo.
    Pensa all'altra parabola sempre sul fico che stava morendo, ma Gesù disse al giardiniere, che perorava la vita della pianta, che doveva aiutare il fico concimandolo, cambiandogli la terra affinchè avesse modo di riprendersi. E qui si riferisce a noi. Alle tante possibilità che ci offre per ritornare sulla strada giusta. Franco tu consideri il nostro male, il male del mondo, i nostri tanti peccati come incurabili, come qualcosa che non può essere guarito e perdonato. ti manca l'esperienza della misericordia. Affidati e fidati......te lo dico dal mio pulpito di donna, nonna un po' monella. Buona continuazione di giornata. Se Gus ho cannato, elimina, non mi offendo!! Ciao e Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio nella solennità del Corpus Domini mi sembra assurdo rispondere per difendere la Chiesa, il Corpo mistico di Cristo.
      Bacio.

      Elimina
  7. Lucia sei un tesoro ma resto dell'idea che quella parabola è per noi che ci facciamo spesso troppo fighi pensando di sapere tutto e non sappiamo nulla. Dobbiamo solo ringraziare e vivere d'amore. Questo dovrebbe essere sempre. E questo Papa che mi piaceva tanto si sta sempre è più addobbando di chiacchiere pure lui.. finanzi un po' di navi a pattugliare il mediterraneo invece di limitarsi a dire che "i migranti sono in pericolo". Un bacio Lucia.. e buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Ciao Franco. Genitori e rispettivi figli hanno lasciato il nido. Paolo nel lettone si fa' un pisolo e io che "ho ririmasto sola" parlo con te visto che Gus è uscito.....
    Francoo mi faresti una domanda chiara su cosa vorresti dalla Chiesa, fatta da persone e quindi peccatori? Lo Spirito Santo è sempre all'opera per aiutarci. Intanto buona domenica del Corpus Domini.

    RispondiElimina