mercoledì 4 maggio 2016

La nostra confusione

 
 

 
 
 

Non è raro sentire qualcuno che afferma che lo scopo della Chiesa

è aiutare la società civile ad individuare e sorreggere

una piattaforma di valori comuni.

Ma anche i pagani possono sostenere i valori comuni.

Ma qual è il significato della parola valore?

Che cosa è un valore? E' ciò per cui vale la pena,

in fondo, vivere.

Ciò per cui veramente val la pena vivere

è qualcosa che connette quello che un uomo

sta facendo al Tutto.

Senza questo nesso con la totalità ogni

cosa vale la pena per cinque minuti, oppure,

che è lo stesso per cinque anni.

Per poter vivere il valore bisogna avere

una percezione acuta e viva del Tutto.

Ma il senso del Tutto è Mistero: noi lo chiamiamo Dio,

ma l'essenza della parola Dio è assoluto Mistero.

Di fronte al Mistero l'uomo resta come confuso,

ricorre all'immaginazione, cerca cioè di interpretare

il suo rapporto col Tutto, e interpretandolo inevitabilmente

lo riduce, e rimpicciolisce perciò il valore.

 



18 commenti:

  1. Crocifissione di san Pietro è un dipinto di Caravaggio, su olio su tela (230x175 cm), realizzato tra il 1600 ed il 1601. L'opera è conservata nella Cappella Cerasi di Santa Maria del Popolo a Roma.

    RispondiElimina
  2. Tutte le religioni hanno una morale che nasce da leggi, da come funziona l’uomo. La religione ebraica l’ha un po’ corretta dalla storia, mentre il cristianesimo ha tutta la morale che nasce solo dalla storia, da una storia brevissima, da una storia di tre anni, da quel momento in cui Pietro ha detto: “Sì, ti voglio bene”, che nasce da un istante esistenziale, perché quando san Pietro l’ha sentito dire: “Tu sei Simone, ti chiamerai Pietro, in quell’istante in lui nasceva la moralità nuova e tutto quello che lui ha cercato di fare non ha mai superato la purità di quell’istante.
    Il mondo nuovo è che gli uomini sono salvati dal fatto che accettano inconsciamente che ci sia qualcosa più grande di loro, cioè il mistero dell’Essere.

    RispondiElimina
  3. L'uomo non potrà mai capire completamente Dio, ma non è neanche sfornito di mezzi che gli consentano di illuminarne IN PARTE la natura. Dio è un Mistero che si è Rivelato.
    Come diceva Sant'Agostino, l'uomo è davvero "capax Dei".
    Così dunque la verità rivelata circa l'uomo, che nella creazione è stato fatto «a immagine e somiglianza di Dio», contiene non soltanto tutto ciò che in lui è «humanum», e perciò essenziale alla sua umanità, ma potenzialmente anche ciò che è «divinum», e perciò gratuito, contiene cioè anche ciò che Dio - Padre, Figlio e Spirito Santo - ha di fatto previsto per l'uomo come dimensione soprannaturale della sua esistenza, senza di cui l'uomo non può raggiungere tutta la pienezza destinatagli dal Creatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fine del pasticcio, del rimpicciolimento, fa diventare il Mistero come il nostro avvocato. Noi chiediamo di risolverci il problema e se non lo fa si arriva alla conclusione che Dio non esiste. Esiste solo come un dio tascabile. Alla vigilia della Guerra del golfo una della televisione ha detto: "Se esisti questo è il momento di dimostrarlo!".

      Elimina
  4. Quella del dio se esisti.........è una sciocchina (Alba Parietti), ci sono testimonianze di uomini di scienza:

    Veronesi: "Dopo Auschwitz, il cancro è la prova che Dio non esiste"

    RispondiElimina
  5. “Dopo Auschwitz, il cancro è la prova che Dio non esiste”. Umberto Veronesi, luminare dell’oncologia, lo scrive nel suo libro “Il mestiere di uomo”. Allo scienziato e fondatore dello Ieo oggi risponde dalle pagine del Il Giornale un altro scienziato Antonino Zichichi, fisico e presidente del World federation of scientists.

    L’oncologo del dolore dice che “diventa molto difficile identificarlo come una manifestazione del volere di Dio. Ho pensato spesso che il chirurgo, e soprattutto il chirurgo oncologo, abbia in effetti un rapporto speciale con il male. Il bisturi che affonda nel corpo di un uomo o di una donna lo ritiene lontano dalla metafisica del dolore. In sala operatoria, quando il paziente si addormenta, è a te che affida la sua vita. L’ultimo sguardo di paura o di fiducia è per te. E tu, chirurgo, non puoi pensare che un angelo custode guidi la tua mano quando incidi e inizi l’operazione, quando in pochi istanti devo decidere cosa fare, quando asportare, come fermare un’emorragia”.

    RispondiElimina
  6. Post molto bello.C'è molto da meditare. Partendo dalle parole di Pietro.E allora iniziamo seguendo Cristo. Gli antichi profeti ebrei hanno concentrato l’attenzione di tutti loro seguindo Cristo! Perché nel seguire Cristo, Figlio di Dio, si capisce che il Mistero risponde alle necessità che l’uomo ha, quanto più egli (l'uomo) segue la parola di Dio.
    «L’uomo cerca la felicità», dice la Bibbia. E ci accorgiamo, il nostro cuore sente, capisce, che è così, quando il Signore ci prende per le spalle e ci spinge in avanti, da quel momento non c’è più nulla che possa sostituire il dono di Dio nella vita.
    Forse sarebbe buona cosa che ci impegnassimo a capire, e quindi a provare a rileggere i testi, affinché le parole e le frasi dette, usate, da Dio si chiariscano dentro di noi.. e troveremo che sapremo riuscire a darci delle risposte solo se ci affidiamo, solo se appoggiamo la nostra testa sulle spalle di Cristo.
    La forza dell’uomo è tutta concentrata nella ricerca, di felicità. Ora, Dio non solo esiste in questi sentimenti, ma è in questi sentimenti la Sua risposta, la Sua presenza, quella Presenza per cui uno dice: «È così!».« La forza di Dio è la gioia del suo popolo».

    L'amara scoperta che Dio non esiste ha ucciso la parola destino. Ma negare il destino è arroganza, affermare che noi siamo gli unici artefici della nostra esistenza è follia: se neghi il destino la vita diventa una serie di occasioni perdute, un rimpianto di ciò che non è stato e avrebbe potuto essere, un rimorso di ciò che non è fatto e avremmo potuto fare, e si spreca il presente rendendo un'altra occasione perduta. (II)
    Oriana Fallaci - Un Uomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bisogna seguire Cristo perché senza di Lui nessuno può arrivare al Padre.
      Bacio.

      Elimina
  7. Buonpomeriggio mio caro amico! Grazie e Bacio

    RispondiElimina
  8. L'esempio del chirurgo è chiarificatore: come può una persona essere così sicuro del suo operare? Peccato di onnipotenza.... ancora Beso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Regno di Dio è dei poveri in Spirito e difficile da raggiungere per gli scienziati che cercano prove invece di alzare gli occhi verso il Cielo.

      Elimina
  9. Tommaso D'Aquino affermava:
    Imperfettamente conosciamo e imperfettamente amiamo.
    Buona serata August!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno cerchiamo di conoscere.
      Ciao Dani.

      Elimina
  10. Qualcuno disse, "la Croce non la capisco, ma l'abbraccio", io pure faccio così!
    Buona giornata
    Dani

    RispondiElimina
  11. Non mi inTE-RESSANO le OPPIniONI di altri che PER-ALTRO non LO SENTONO ancora coLUI che ASCENDE ai CIELI per PREnDERE il POSTO del PADRE.
    TU LO SENTI?
    Un poco voglio sentirLO datè per CAPI-RE da che PARTE STAI.

    RispondiElimina
  12. Disse Gesù ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado, voi conoscete la via».
    Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?».
    Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madre del silenzio,
      che custodisci il mistero di Dio,
      liberaci dall'idolatria del presente
      a cui si condanna chi dimentica.
      Purifica gli occhi dei pastori
      con il collirio della memoria.
      Torneremo alla freschezza
      delle origini per una Chiesa orante e penitente.
      Madre della bellezza,
      che fiorisce dalla fedeltà
      al lavoro quotidiano,
      destaci dal torpore della pigrizia,
      della meschinità,
      del disfattismo,
      rivesti i pastori di quella compassione
      che unifica e integra.
      Scopriremo la gioia di una Chiesa serva,
      umile e fraterna.
      Madre della tenerezza,
      che avvolge di pazienza e di misericordia,
      aiutaci a bruciare le tristezze,
      impazienze e rigidità di chi non conosce appartenenza.
      Intercedi presso tuo Figlio
      perché siano agili le nostre mani,
      i nostri piedi e i nostri cuori.
      Edificheremo la Chiesa con la Verità nella Carità.
      Madre, saremo Popolo di Dio
      pellegrinante verso il regno.

      Elimina