sabato, ottobre 30, 2021

Un incontro




 

Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non sapeva chi era. E lei conobbe lui e se stessa, perché pur essendosi saputa sempre, mai s'era potuta riconoscere così (Calvino).
Anche le città credono d'essere opera della mente o del caso, ma né l'una né l'altro bastano a tener su le loro mura.
D'una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda.
Nel romanzo "Furia" Salman Rushdie definisce New York una città di mezze verità ed echi che in qualche modo domina la terra. Si può odiare questo dominio oppure si può celebrarlo, o ancora rassegnarvisi, ma resta un fatto: New York è il plesso culturale della realtà americana, in tutto il suo eclettismo, la sua emotività, la decadenza, l'intelligenza e il potere. Le mezze verità non sono sufficienti perché l'uomo occidentale, malgrado il suo sapere corre il rischio di arrendersi davanti alla questione della verità. New York è la città ideale per chiedere:" Voi cosa state cercando?" e chiedersi: "Io cosa sto cercando?". La curiosità di una domanda allarga la ragione perché dilata l'orizzonte del conoscibile. Il cuore intuisce già che l'orizzonte è più ampio di quanto il mondo oggi affermi. La nostra capacità di indagare le cose con la ragione è ispirata dal presentimento del cuore che esiste qualcosa di più grande. E per questo che l'uomo non raggiunge la felicità qualsiasi cosa ottenga. Come ha scritto Montale nella poesia "Maestrale" rincorre la gioia spingendosi sempre "più in là".



S'è rifatta la calma

nell'aria: tra gli scogli parlotta la maretta.

Sulla costa quietata, nei broli, qualche palma

a pena svetta.

Una carezza disfiora

la linea del mare e la scompiglia

un attimo, soffio lieve che vi s'infrange e ancora

il cammino ripiglia.

Lameggia nella chiarìa

la vasta distesa, s'increspa, indi si spiana beata

e specchia nel suo cuore vasto codesta povera mia

vita turbata.

O mio tronco che additi,

in questa ebrietudine tarda,

ogni rinato aspetto co' tuoi raccolti diti

protesi in alto, guarda:

sotto l'azzurro fitto

del cielo qualche uccello di mare se ne va;

né sosta mai:ché tutte le cose  pare sia scritto:

«più in là»

                                             

30 commenti:

  1. Immagine:


    Possible ricerca correlata: Klimt: passione

    RispondiElimina
  2. L'incontro, sia con una persona che con una nuova esperienza o realtà, porta sempre un arricchimento, magari passando prima attraverso sofferenze, dubbi, domande, ma alla fine arricchisce. Buona fine mese Gus.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli incontri sono decisivi per la nostra vita,
      Ciao Sinforosa.

      Elimina
  3. L’uomo non è mai veramente soddisfatto. Appagato un desiderio, già pensa a un altro che debba essere ancora più soddisfacente. È sempre in perenne ricerca dalla felicità, forse non si è ancora abituato al fatto che niente dura sulla terra, le cose belle passano insieme a quelle brutte, l’uomo è alla ricerca del piacere perenne, ma non lo potrà ottenere mai perché non esiste in questo mondo un piacere eterno e in questa affannosa ricerca non si gode fino in fondo i pochi istanti di felicità che la vita gli dona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tuo ragionamento che corrisponde alla realtà, si può scorgere il rovescio della medaglia.
      Senza la spinta del desiderio l'uomo vegeta e vive nell'attesa del nulla.

      Elimina
    2. Anche questo è vero. Se non avesse il desiderio la vita dell’uomo non avrebbe alcun senso. Com’è complicato l’essere umano. La nostra vita oscilla tra piacere e dolore, tra soddisfazioni e mancanze, la nostra vita è per forza di cose sempre instabile.

      Elimina
  4. La poesia di Montale, ovviamente, è sublime.

    RispondiElimina
  5. A me Montale, letto e riletto, riesce sempre a stupirmi. Un ragioniere del Catasto che scrive versi che hanno valenza universale.

    RispondiElimina
  6. A volte un incontro cambia la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Quello che siamo dipende dagli incontri fatti.

      Elimina
  7. Penso che l'incontro più prezioso che possiamo fare sia quello con noi stessi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'incontro è la base di partenza.
      Grazie per l'abbraccio.
      Stringo forte?

      Elimina
  8. Quando riusciamo a godere di qualcosa in maniera fatale rimaniamo davvero lì senza chiedere altro. Pochi giorni fa sono entrato nella chiesa di S.Pietro a Tuscania, meraviglia romano bizantina teatro di numerosi set di cinema storico e religioso e ne sono uscito colmo e felice. Senza chiedermi altro. Così come quando vidi New York. Un bimbo felice che non chiede altro ma ringrazia. Ci manca il ringraziare, dalle piccole cose alle immense meraviglie. Se passassimo più tempo a ringraziare avremmo meno brama del "più in là".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci rovina il pensiero che tutto ci è dovuto. La parola grazie dovremmo pronunciarla 100 volte al giorno.

      Elimina
  9. Poesie interessanti! Mi piace. Ciao Gus!

    RispondiElimina
  10. Molto interessante e riflessivo. A volte quando meno te lo aspetti inizia qualcosa di stupefacente...non dobbiamo perdere le speranze perchè la vita è imprevedibile sotto tutti gli aspetti.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Se non siamo predisposti al bello no lo vedremo mai.
    Ciao Simona.

    RispondiElimina
  12. Qui mi sento di aggiungere un bellissimo brano di Guccini, interpretato anche da Vecchioni: Incontro.
    Ascoltalo, ne vale la pena.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Sì, è un brano bellissimo.
    Un abbraccio Francesca.

    RispondiElimina
  14. Incontriamo persone tutti i giorni.
    Gli incontri sono dei doni di cui dobbiamo fare tesoro.
    Un incontro potrebbe cambiare la nostra vita ma anche quella di chi incontriamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incontro è fondamentale per la nostra vita. Io penso agli incontri importantissimi che ci sono sfuggiti per la nostra superficialità.
      Ciao Stefania.

      Elimina
  15. È il pensiero di Calvino che ha avuto in questo post il cento per cento della mia attenzione..lo tengo scritto nel blocco notes del telefono e quando sfoglio le pagine mi soffermo sempre a guardarlo..a guardarlo perché spesso resto con lo sguardo fisso..io penso Gus che ogni incontro nella nostra vita sia importante e di crescita..poi ci sono incontri che la vita la stravolgono perché tirano fuori una parte di te "dormiente" allora si rimette tutto in discussione e può essere per certi versi una rinascita.. non sempre si partorisce felicità ma la vita è anche altro.
    Buongiorno Gus buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incontro è importante, ma non monopolizza tutta la vita d un uomo.

      Elimina
  16. " presentimento del cuore che esiste qualcosa di più grande"... Ecco questo è per me un sentimento... religioso! Nel senso migliore del termine
    Ciao Gus, bello leggerti

    RispondiElimina
  17. Si Gus, io sono la prima che dovrei dire grazie, Grazie perchè sono ancora qui e mi posso godere ogni istante bello o brutto, Grazie per i miei figli, Grazie per quella forza e quel sorriso che mi escono quando nessuno se lo aspetterebbe, Grazie perchè ho conosciuto l'amore in ogni sua forma. Grazie perchè se mi posso svegliare ogni giorno posso anche fare qualcosa per qualunque persona e gioire con loro. Grazie perchè sono circondata dalla natura, da una luna splendida, da stelle che sembra possa toccare. Grazie perchè per caso, in un giorno qualunque io ho scoperto il blog di Gus e girando nei post più vecchi scopro che è un blog pieno di valori che possono solo arricchire chi li legge .Ciao Gus

    RispondiElimina
  18. Tutti conoscono i valori, ma a qualcuno sembrano scomodi e di intralcio verso comportamenti egoistici. Io ho valori e non li tradisco.
    Ciao Valeria.

    RispondiElimina