mercoledì 1 marzo 2017

Amore non vuol dire gelosia




La gelosia è una brutta bestia. Io sono una vittima della gelosia. Quella di mio padre verso la moglie.
Era geloso anche di uno sguardo. Non dico di un sorriso perché mia madre non regalava agli uomini nemmeno quello, tanto era riservata e pudica.
Mia madre era una donna bellissima. Somigliava a Greta Garbo. Maestra ,come del resto mio padre.
A casa mia c'era costantemente la guerra. Sempre per l'assurda gelosia di mio padre.
Urla e accuse irrispettose che mio padre indirizzava a mia madre che non riusciva mai a tranquillizzarlo.
Mio padre non usava le mani. Non lo ha fatto nemmeno con mia sorella e mio fratello. Io ero il cocco di casa. L'ultimo nato dei figli. Dodici anni dopo mia sorella ed esattamente dieci, dopo mio fratello.
Da bambino ero terrorizzato dalle scenate di gelosia di mio padre.
Quando tornavo a casa ero sempre angosciato da un pensiero. Trovare mia madre uccisa.
La paura era immotivata perché, come ho detto, non ho visto mai mio padre dare uno schiaffo a mamma.
Quando mio padre, un siciliano duro, passava qualche settimana in Sicilia, nella nostra casa era una festa.
E’ morto il dieci agosto di un anno che non ricordo.
Un po’ alla volta ho cominciato ad amare mio padre.
Ho capito perché era così aggressivo.
Il fatto è che mia madre non lo amava abbastanza.
Si conobbero grazie ad un concorso a cattedre per maestri.
Nella graduatoria mio padre era tra i primi tre e mia madre una delle ultime.
La casualità. Mio padre era di Petralia Soprana un paese delle Madonie dove è stato girato il film "Cento passi", dedicato a Impastato.
Mio padre guardò tutte le sedi disponibili e scelse quella con altitudine maggiore, Pescasseroli, nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo.
Mia madre, da ultima fu costretta a scegliere l'unica sede rimasta disponibile, cioè Pescasseroli. La località non è come oggi. Allora i lupi, di notte, venivano a raschiare porte e finestre delle abitazioni. Mia madre si sentì sperduta e trovò l'unico appoggio in mio padre. Poi si sposarono, ma mia madre non amava il siciliano duro e sanguigno.


16 commenti:

  1. Era già stato deciso che si sarebbero incontrati. Anche mio padre era geloso di mia madre molto seria e riservata. Ma dei due chi amava di più era mia madre.Papà era un po' furbetto! Scenate, parol.... spesso mia madre veniva a dormire con me.....aveva paura che le minacce da verbali diventassero materiali. E così ho iniziato a non dormire, dovevo essere sicura che alla mia mamma non succedesse niente!
    Auguri a Daniele figlio di Giuseppe......
    POaolo non è geloso e mi veniva una rabbia.....magari un pizzichino così....niente o perlomeno non l'ha mai dato a vedere e sì che di complimenti ne ricevevo!!!! buonanotte Sicilia. Bacio.

    RispondiElimina
  2. Ho dato gli auguri a Danielino.
    Il colloquio:
    Auguri, quanti anni comi
    -8 anni
    Bene, quando ne avrai 18 ti regalerò un'automobile.
    -Nonno, è troppo.
    Tu intanto pensa al modello.
    Ciao.

    Interiormente io sono geloso ma non lo manifesto.


    Mamma si sentiva solo in quel paesino abitato da lupi che la notte raspavano sulle finestre. Papà era un bell'uomo, elegante e colto. La conquistò come compagnia e non come passione. Lei sempre riservata, mai una carezza, un bacetto e bloccava sul nascere ogni affettuosità. Io ero l'ultimo, nato per dispetto, come mi ha raccontato mia madre e papà mi voleva un gran bene.
    Trovavo sotto il mio cuscino sempre qualche cioccolatino al liquore. Quel 10 agosto cominciò ad avere le vertigini, chiamai l'ambulanza che venne subito. Mio padre russava, era già in coma. Morì verso le cinque del mattino all'Ospedale.

    RispondiElimina
  3. Bello l'incanto della pioggia, soprattutto guardando le gocce che scendono lungo il vetro, sembra che camminino, come noi nella vita e fa davvero ricordare chi si è amato. Ciao Gus un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  4. La gelosia spesso è una brutta bestia , ma quando si ama così profondamente così visceralmente come fermarla?
    Fa sperare ma mette paura, spessoerrorizza , ma come puoi arginare tutto questo?
    Mi sembra di vedere il tjo papà. La tua bella mamma sempre devota per non far traboccare il vaso di questo sentimemto...e la difficoltà di stare con un uomo che poi gli si vuol bene , ma non lo si ama veramente.
    E questa gelosia allora la si capisce ancora meno..
    Buona notte Gus mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rapporti complicati.
      Abbraccio Nella.

      Elimina
  5. Ciao Gus...
    Le tue storie di vita sono sempre così vere e profonde.
    Ti prego non cambiare mai.
    Buonanotte ed abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia.
      Sarò come mi vuoi tu.
      Abbraccio.

      Elimina
  6. La gelosia é un sentimento che raramente ho provato, perché l'altra persona mi ha sempre dato modo di essere sicura.

    Ti abbraccio Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia parte affettiva è istintivamente gelosa, la ragione non filtra questo sciocco sentimento e l'Io ne esce vittorioso.
      Grazie dell'abbraccio.

      Elimina
  7. La gelosia fa parte dell'amore umano. E appunto non potremmo mai amare celestialmente. Forse illuderci. Ed anche in questo, come umani, siamo bravissimi.

    RispondiElimina
  8. Me ne vado in punta di piedi dopo aver letto uno spaccato così intimo di vita, mi sento di troppo.
    Grazie Gus.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ti ringrazio.
      I tuoi commenti discreti non mancano mai.
      Ciao sinforosa.

      Elimina
  9. io sono stata una donna molto gelosa, ma poi è passato... forse sono passati i sentimenti che avevo, forse ho capito di saper togliere le catene nel modo migliore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo la gelosia è una disistima verso se stessi. Una debolezza.
      Io dico: "se preferisce un altro a me, faccia pure, non mi merita".

      Elimina

https://guspensiero.blogspot.it