lunedì 3 ottobre 2016

Il cammino filosofico

 
 
 


 
 
 
La filosofia - affermano Deleuze e Guattari - è creazione di concetti che il filosofo non possiederà mai, ma di cui sarà l'amico. Non ci si interroga dunque sulla filosofia per assegnarle un ruolo o delle competenze, ma per mostrare come ogni domanda sulla filosofia sia una domanda posta alla filosofia, e come quest'ultima sia una ricerca in continuo divenire negli atti stessi che la instaurano. Da qui il tono paradossale di questo libro, il cui aspetto saliente è la vena pedagogica dei suoi autori, il loro procedere per 'exempla' fingendo di mimare, fin dal titolo, il linguaggio dei manuali a uso universale. Da qui anche la folla di volti, di nomi e di eventi suscitata da questo libro. Chi è ad esempio il pedagogo che ci viene incontro fin dal titolo, come l'ombra eterna e il doppio del filosofo? Deleuze e Guattari si inoltrano nell'impresa impossibile di insegnare una filosofia 'da fare'. Dove ciò che viene chiamato 'discussione' non è confronto su un problema, ma il problema stesso in divenire, in movimento. E il filosofo si configura esclusivamente come l'involucro del suo principale personaggio concettuale e di tutti gli altri, che sono gli intercessori, i veri soggetti della filosofia. Il personaggio concettuale è dunque, al tempo stesso, ciò che precede e ciò che 'succede' al filosofo, in altre parole: il suo orizzonte


7 commenti:

  1. Guatteri cerca di separare l'alienazione mentale da quella sociale. lo sapete che Guatteri considera Freud un mero romanziere e non l'inventore della psicoanalisi?

    RispondiElimina
  2. Le idee dei due filosofi sono particolari.
    Non è la follia a dover essere ricondotta all'ordine, ma l'insieme degli ambiti sociali che devono essere interpretati anche in funzione della singolarità del folle e permettere il suo inserimento nella società senza subire traumi.

    RispondiElimina
  3. Spencer da quel che ricordo dei tempi scolastici non diceva che la filosofia partiva da un concetto qualunque, per allargarsi in proposizioni sempre più ampie fino a diventare universale, verità?
    E per fare ciò è necessario un filosofo che diventa un tramite. (vedi Socrate)
    Sempre se io abbia capito il tuo post. Ciao

    RispondiElimina
  4. E' un tentativo di personalizzazione della Filosofia.
    Deleuze e Guattari si inoltrano nell'impresa impossibile di insegnare una filosofia "da fare". Dove ciò che viene chiamato "discussione" non è confronto su un problema, ma il problema stesso in movimento.

    RispondiElimina
  5. Se vuoi capire di più devi tentare di leggere questo libro:

    "Rocco Ronchi, Deleuze. Credere nel reale, Feltrinelli, pp. 137, euro 14,00".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo nota e lo cerco nei prossimi giorni in biblio. Grazie ancora e buona serata

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità