martedì 25 ottobre 2016

A chi piace la crema tura








Nel caso in cui per un defunto venga scelta la cremazione, "non sia permessa" la conversione delle ceneri "in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria o in altri oggetti, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che possono motivare la scelta della cremazione". Lo indica la Congregazione per la Dottrina della Fede in un documento che è stato approvato da Papa Francesco. Nello stesso documento si sottolinea che non è consentita "la dispersione delle ceneri nell'aria, in terra e in acqua o in altro modo". In ogni caso debbono essere sepolte nei cimiteri o in altri luoghi sacri. La Chiesa non ammette la conservazione delle urne cinerarie in casa se non in "circostanze grave ed eccezionali". Mai comunque le ceneri "possono essere divise tra i vari nuclei familiari". Se la cremazione "non è vietata" dalla Chiesa, resta comunque la preferenza per la sepoltura dei defunti.



31 commenti:

  1. Ti chiedo scusa ma su questo argomento preferisco sorvolare, data la mia Fede, "tradizionale". Buongiorno per tutto il giorno a te Gus

    RispondiElimina
  2. Personalmente nel mio testamento ho scritto che voglio essere cremata e le mie ceneri insieme nel loculo dove c'è la mia mamma e le ceneri di mio papà, pero' mi chiedo perché uno non possa neanche per sua volontà dopo morto e aver scelto di essere cremato, le sue ceneri, non possano essere sparse in un posto che in vita gli abbia fatto piacere viverci o che gli ricordasse giorni felici.
    Mah...
    Un abbraccio Gus e buona giornata.

    RispondiElimina
  3. La considero un'ulteriore interferenza nella vita privata delle persone. Desidero essere cremata e, ora ti faccio ridere, avrei voluto che le mie ceneri venissero sparse in mare e che un mio caro pronunciasse, contemporaneamente, questa frase assai immodesta " Va, vola, riposa, muore anche il mare". (Lorca)
    Ciao Gus.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scelta del poeta è ottima. Per il resto io non ci penso nemmeno. Penso sia irrilevante. Per me, cattolico, l'anima va dove non sappiamo ma sicuramente non resta nel corpo che si decompone.
      Ciao Cri.

      Elimina
    2. Hai ragione Gus, per un cattolico, anche io sono cattolica, ma preferisco in vita pensare quando non lo sarò piu e non lasciare a mio figlio oltre che il dolore la domanda d'aver metto mamma? A parte che lo sa che voglio essere cremata, ma tutte le altre cose, voglio che siano date a chi...non solo a lui che e' il mio unico erede, ma c'è un ricordo per tutti.
      Abbraccio Gus

      Elimina
  4. Si possono spargere le ceneri in CALCE STRUZZO nelle CHIeSE?

    RispondiElimina
  5. A me sembra una cosa strana, forse ridicola.
    Morto, il mio corpo non mi appartiene. Saranno gli eredi a fare quello che vogliono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che ho sempre pensato anche io, ma di fronte alle domande degli eredi, ho risposto: "funerale tradizionale"

      Elimina
    2. E tu GUSA, saresti un cattolico?

      Elimina
    3. Io conosco bene i miei figli e loro conoscono benissimo il loro padre. Sanno quello che voglio.
      Gusa è quello che è, tu sei uno di cervice dura.

      Elimina
    4. Anna, in fondo il funerale è la festa dei viventi.
      Ciao.

      Elimina
    5. Al mio paese nel lontano Molise (sulle montagne della Mainarde) quando muore qualcuno si piange sì al funerale ma poi a casa del morto si pranza perchè si ritiene che, festeggiando, il morto viaggi più spedito verso il Paradiso perchè ci vede allegri. Forse è un pò "pagano" ma ogni territorio ha una sua tradizione che a mio avviso non deve perdersi.
      Riguardo al tuo post credo che in fondo tu abbia ragione, è l'anima quella che conto mentre il corpo non ha più molta importanza data la sua futura decomposizione.
      PS un argomento più allegro please...
      E non vedo il mio blog nel tuo blogroll, e dato che mi hai lasciato un commento SUPER, desidero riceverne altri. Abbraccio e buona serata

      Elimina
    6. Il blogroll?
      Dai tempo al tempo.
      Ti seguo, è importante, dopo i tanti fatti accaduti.
      Ciao.

      Elimina
    7. Naturalmente è colpa mia, i tanti fatti accaduti... Spero che non sia anche colpa mia il terremoto, la natura che si ribella chissà. Ciao ciao e coraggio

      Elimina
    8. I tuoi figli sanno che hai detto scritto qui: "A me sembra una cosa strana, forse ridicola.
      Morto, il mio corpo non mi appartiene. SRAnNO gli eREDI AFFARE quello che vogliono".
      Lo cancelli TU o vuoi che lo faccio leggere io al momento del TRA-PASSO e controPASSO?
      Io non sono SAPPI-ENTE! Io riPORTO i TUOI GIUdizi al GIU-DICE che GIU'dichERA c'OME vuoi essere GIU'diCATTO.

      Elimina
    9. "Io non sono SAPPI-ENTE! Io riPORTO i TUOI GIUdizi al GIU-DICE che GIU'dichERA c'OME vuoi essere GIU'diCATTO".
      Ah! Sei il segretario di Dio.

      Elimina
    10. Come mai hai cancellato? Non ho scritto nulla di offensivo se non che il contropasso è un passo che si usa nel rugby ed è strano che venga usato qui dato che tu guardi il calcio. E' offensivo questo? Non lo sapevo o sei diventato improvvisamente suscettibile? Spiegaci o hai qualcosa contro di me. Disposta a parlarne ;-)

      Elimina
    11. Dovevo cancellare quello eliminato da te e ho preso l'altro. Non conosco il rugby. Spiega cosa vuoi dire con il passo del rugby.
      Ciao.

      Elimina
  6. Forte scossa di terremoto in Centro Italia
    epicentro nelle Marche, magnitudo 5.6
    Avvertita chiaramente a Roma, L'Aquila, Perugia, Pescara.

    RispondiElimina
  7. Una scossa di terremoto molto forte è stata avvertita poco fa in tutte le Marche, dalle zone terremotate dell’Ascolano ad Ancona, a Fabriano e Pesaro. Molte persone sono uscite di casa spaventate. Tantissime le chiamate ai vigili del fuoco. Non si sa ancora se ci sono stati danni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio Gus, tutto bene, se non ho capito male tu sei di quelle parti!
      Di nuovo, dolore...
      Un abbraccio.

      Elimina
  8. Io sono di Pescara. Ho avvertito la scossa. Sentivo movimenti nella sedia. Il lampadario della camera da letto oscillava. L'epicentro è nell'ascolano.
    Grazie per l'abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Il terremoto: un evento che mi terrorizza. Speriamo passi, per sempre.
    Il tuo discorso: concordo, Gus, ciò che conta è l'anima, tuttavia personalmente fatico a staccarmi da questo mio corpo. Mi affido al Signore.
    p.s. mi spiace che ti sei tolto dal mio blog. Pazienza.
    Buona serata
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento.
      Ciao Rosa.

      Elimina
  10. Tutto bene dopo il terremoto?
    Ti auguro una buona serata.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il terremoto mi affascina. Quello forte a L'Aquila ha fatto tremare le case di Pescara. Io e Bruna abbiamo sentito il letto ondeggiare. Ho acceso la luce e il lampadario oscillava come una campana. Per le scale ho sentito i passi dei condomini che scappavano. Bruna ha detto che dopo quella scossa fortissima ci sarebbe stato lo sciame sismico innocuo. Poi ha aggiunto: "Ora cosa facciamo?". Ho risposto: "Qualcosa si potrebbe fare..."
      Grazie per l'interessamento.
      Ciao Cettina.

      Elimina
    2. Bellissimo Gus, questo strappo di memoria...
      Mi ha fatto venire in mente il film "sabato, domenica e lunedì" tratto da una commedia del grande Eduardo de Filippo...la scena finale sembra la tua con la tua Bruna.
      Ti abbraccio.

      Elimina
    3. Ricordo con piacere quei momenti.
      Grazie Fiorella
      Abbraccio.

      Elimina
  11. Complimenti per il sangue freddo ,a me il terremoto fa paura .
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  12. Cettina, nemmeno a me il terremoto mette allegria. Ma una scossa che viene da lontano non può far male.
    Ciao.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità