giovedì 14 aprile 2016

Il Male è sempre più presente

 
 

 
 
 

Per demonio, "dià-ballo" (separo, divido) e "diabolos" (accusatore, calunniatore ) intendo lo spirito di divisione, la sistematica negazione di una verità assoluta e per contro la tendenza a relativizzare tutto, e così facendo a svuotare tutto di significato. Filosoficamente è l'indifferentismo e il nominalismo ( nichilismo) della nostra epoca. Emblema tipico è nell'epigrafe che chiude il noto best-seller di Umberto Eco "Il nome della rosa". Ricordate? "Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus". Io mi oppongo, filsoficamente, s'intende, con tutte le forze ad una simile Weltanschaaung.
Ma "demonio" è anche lo spirito del male che purtroppo affligge in diversa misura tutti i viventi sia con un'attività ordinaria ,sia ,raramente, con un'attività straordinaria. E' evidente ai nostri giorni considerando anche certa musica, di cui Marylin Manson è solo l'ultimo esponente di una nutrita serie. Del resto non lo scopro certo io che oggi si può bellamente negare l'esistenza di Dio, ma credere nel diavolo. Molti sono i modi . Sia con formali atti di culto che talvolta possono culminare, come si è tragicamente visto, anche in pratiche sanguinose e omicide ( basti pensare al caso di Chiavenna); sia cedendo ad una sorta di visione esteriormente filantropica ed esoterica che Vladimir Solovev, il filosofo russo grande amico di Dostoevskij, vaticinò un secolo fa nel suo celebre Racconto dell'Anticristo (Ne suggerisco la lettura. Ha il "difetto" che si legge d'un fiato, ma andrebbe ben meditato, credo...); sia ancora con forme di culto sincretistico  come il vudù e di neo-paganesimo non mai senza pratiche magiche che anche in epoca moderna in diversi contesti ritornano tra noi: dal Maresciallo Von Ludendorff e dalla di lui consorte signora Mathilda (Mistici del Terzo Reich) (l'albero fiammeggiante nella notte dl solstizio d'inverno...), a Julius Evola , fino alla grande diffusione dei movimenti New Age, l'importante è ignorare ed escludere la dimensione religiosa ,beninteso cristiana, sostituendola con la magia non senza maschere accattivanti e apparentemente innocue, leggere, piacevoli e divertenti : da Mary Poppins, a Harry Potter, ai telefilm sulle sorelle "Streghe"



13 commenti:

  1. Io cerco sempre di vedere nell'essere umano la parte buona perché quella cattiva mi sgomenta. E' il Male: egoismo, cattiveria, gelosia, intolleranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa giusta è vedere il lato positivo.Ciao

      Elimina
    2. Conosco un passo di un vangelo apocrifo in cui Gesù caminava con gli apostoli e ad un tratto videro una carogna di cane morto e i discepoli si allontanarono rapidamente per il fetore, ma Gesù disse: "che denti bianchi ha quel cane".


      Ciao Cettina.

      Elimina
  2. Migliore ipotesi per questa immagine: patto col diavolo

    RispondiElimina
  3. Nella predicazione di papa Francesco il soggetto demoniaco ritorna con notevole frequenza. Lo definisce per quello che è, un pericolo reale, senza ridurlo a metafora. Più volte ha chiesto ai fedeli di non minimizzare il lavorìo del diavolo, insistendo soprattutto sulla concretezza di una presenza nefasta nella vita di ognuno, nel quotidiano, il diavolo non è un mito, ma una persona reale. "Il principe di questo mondo".
    Il diavolo esiste e noi dobbiamo lottare contro di lui». Insomma una presenza reale che lavora dietro le quinte anche la maggior parte dei fedeli resta scettica. Papa Francesco lo descrive con termini ben precisi. «È il bugiardo, è il padre dei bugiardi, il padre della menzogna», è un seminatore di zizzania, fa litigare, induce nell’errore grave. “Il diavolo non ci butta addosso fiori ma frecce infuocate, per ucciderci». Da qui, l'esortazione a «prendere l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito che è la Parola di Dio». L’antidoto secondo Francesco resta la fede e la consapevolezza che «la vita sia una milizia. La vita cristiana è una lotta, una lotta bellissima, perché quando il Signore vince in ogni passo della nostra vita, ci dà una gioia, una felicità grande”. Insomma, “si deve combattere: non è un semplice scontro, è un combattimento continuo».". Papa Francesco mette in guardia, bisogna imparare a riconoscere la sua seduzione e a difendersi dai suoi attacchi.
    Ciao August, buongiorno!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo stare attenti a capire dove sta il nostro tesoro perché lì è anche il nostro cuore. Bisogna vivere la fede con radicalità in ogni situazione.
      Grazie Dani.
      Ciao.

      Elimina
  4. Credo che basti un po' di buonsenso per capire che le pratiche esoteriche della magia nera e l'idolatria per il demonio appartiengono a persone ignoranti e insicure, illuse di trovare qualche scorciatoia per ottenere ciò che vogliono. Satana è uno spauracchio per chi non ha le idee chiare. Il male è il male, in qualsiasi modo o lingua lo si voglia chiamare e alberga da sempre nell'essere umano più o meno palesemente.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame.
      Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: "Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio"».
      Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto: "Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede"». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: "Non tentare il Signore Dio tuo"».
      Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai». Ma Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto: "Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto"». Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

      Ciao Cri.

      Elimina
  5. Leggendo questo tuo post mi è venuto in mente questa citazione: "Ma allora chi sei tu, insomma? Sono una parte di quella forza che eternamente vuole il male ed eternamente compie il bene " dal Faust di Goethe, ma è epigrafe di Il Maestro e Margherita,il famoso romanzo di Michail Burgakov. Non sempre è facile distinguere il male a volte si maschera da benefattore. Ciao, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Male si accosta all'uomo e gli offre la felicita terrena.
      Ciao Stefania.

      Elimina
  6. In una confessione mi è stato chiesto: "Sei felice?" Risposi di sì perchè sentivo proprio che era così. Per giorni ho sviscerato quella domanda e quella risposta data così in fretta, in confessione. Poi ho capito che non ero felice. Il Diavolo? Mi fa tanta paura: "Pregate per non cadere in tentazione" Debbo pregare tanto. Buonanotte. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La felicità è nel Regno dei cieli, ma parte dalla terra.
      Bacio.

      Elimina
    2. Se ti chi-EDENo se va tutto bene ... ti GUARDI FUORI, ma se ti chi-ODOno se sei felice ... VEDI DENTRO.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità