mercoledì 29 aprile 2015

Scandalizzarsi per non aderire mai

 
 
 


 
Il potere della Chiesa se non è concepito e sostenuto dal contenuto della fede scade a ruolo di dominio.
Già san Paolo metteva in guardia i pastori della comunità primitiva dalla tentazione di spadroneggiare sul proprio gregge.
Esempio classico di tale dominio nella vita ecclesiastica è un certo modo di intendere ed attuare i piani pastorali stabiliti a tavolino dalle curie diocesane. Il potere, in questo caso, diventa gestione della vita altrui.
C'è anche l'assenza di una pedagogia integrale che accompagni la libertà dell'uomo nella adesione al messaggio di fede.
Si può dire che l'assenza di questo messaggio porta con sé una percezione rattrappita della pedagogia di sviluppo della fede cristiana. Pedagogia che viene così ridotta secolaristicamente ai contenuti della sociologia e della psicologia secondo un modello anglosassone.
La Chiesa ha il compito di trasmettere al mondo un annuncio che deve essere integrale e semplice. Integrale nel suo contenuto: Cristo è il Dio che si è fatto uomo. Semplice perché deve essere percepito nel suo significato, e può esserlo solo in proporzione alla corrispondenza che esso ha con i bisogni concreti della vita dell'uomo.


44 commenti:

  1. Mi scandalizzo perché aderisco. Altrimenti me ne fregherebbe ben poco. Così come non aderisco alla politica, che infatti ha ben poco da scandalizzarmi.
    Ottimi gli alibi per la Chiesa "umana". E' il fin troppo umano che stroppia. Nessuno obbliga ad un impegno così gravoso e soave, al contempo. Sbaglia chi dice che passando davanti a un indigente, una suora e un laico abbiano lo stesso dovere di intervenire. La suora ha un dovere in più. Quello dell'impegno dinanzi a Dio. Poteva fare la merciaia, o la bidella, o l'astrofisica, altrimenti. Non tutti gli uomini possono fare "Chiesa". Ma lo fanno. Anche quelli che dovrebbero fare al massimo quella politica di cui sopra. Anzi, la fanno direttamente in Chiesa, con la Chiesa.
    Qualcuno li cacciò i mercanti dal tempio. Una pagina troppo spesso dimenticata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mt 16, 13-23
      Dal Vangelo secondo Matteo

      In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
      Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
      E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
      Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.
      Da allora Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno.
      Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va' dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

      Questa è la Chiesa voluta da Cristo. Seguita ad aderire. La Chiesa è la comunità dei credenti e noi con la nostra adesione contribuiremo a renderla aderente a Cristo.

      Elimina
  2. Il potere della Chiesa se non è concepito e sostenuto dal contenuto della fede scade a ruolo di dominio.
    Già san Paolo metteva in guardia i pastori della comunità primitiva dalla tentazione di spadroneggiare sul proprio gregge.
    Esempio classico di tale dominio nella vita ecclesiastica è un certo modo di intendere ed attuare i piani pastorali stabiliti a tavolino dalle curie diocesane. Il potere, in questo caso, diventa gestione della vita altrui.
    C'è anche l'assenza di una pedagogia integrale che accompagni la libertà dell'uomo nella adesione al messaggio di fede.
    Si può dire che l'assenza di questo messaggio porta con sé una percezione rattrappita della pedagogia di sviluppo della fede cristiana. Pedagogia che viene così ridotta secolaristicamente ai contenuti della sociologia e della psicologia secondo un modello anglosassone.
    La Chiesa ha il compito di trasmettere al mondo un annuncio che deve essere integrale e semplice. Integrale nel suo contenuto: Cristo è il Dio che si è fatto uomo. Semplice perché deve essere percepito nel suo significato, e può esserlo solo in proporzione alla corrispondenza che esso ha con i bisogni concreti della vita dell'uomo.

    RispondiElimina
  3. Franco, questo è il problema della Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come l'odierno sottolineare disparità tra uomini e donne, quando proprio la Chiesa non offre begli esempi...

      Elimina
  4. Hai centrato in pieno . L'atteggiamento pettegolo e polemico(eufemismo) di chi crea accuse e divergenze di idee contro la Chiesa , è solo un atteggiamento per difendersi su ciò che che non fa!
    La Chiesa è fatta di uomini, perché dobbiamo sempre scagliarsi contro Dio? Se ogni malefatto parte da noi?
    Deleghiamo sempre ad altri ciò che deve essere fatto da TUTTI.E accusiamo altri ciò che compete anche NOI.
    Così dice la gente: Quel Papa la....si che era un Papa vero, eccezionale, chissà come mai quando era Papa le stesse persone trovavano da ridire.. da quando io posso ricordarmi il Papa era allora , GiovanniXXIII, e ogni Papa ha avuto chi lo amava e chi trovava da ridire. Sempre!
    Scordando l'azione imperscrutabile dello Spirito Santo.
    Se crediamo, se abbiamo fede, dovremmo affidarci.
    Mi sono dilungata un po' vero?
    Scusami.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna dilungarsi su questo argomento. Sento tanta gente che dice: "Io seguo Cristo ma non mi piace la Chiesa". E così non si comunicano e non ricevono l'ostia consacrata". Per altri la Santa Messa diventa un optional: "Oddio ho tanto da fare e non ho tempo per andare in parrocchia".
      Ciao Dani.

      Elimina
    2. Io seguo Cristo ma non mi piace la Chiesa esattamente quel che faccio io e allora qualcosa da ridire?
      Dimostrami a FATTI e non coi i soliti pettegolezzi da bizocche che siete più cristiani di me!
      Attendo anche un tuo commento su questo: "http://madamebutterfly2015.blogspot.it/2015/04/w-il-papa.html"
      Non aver paura di commentare anche in esso si parla di te e del tuo comportamento da non cristiano praticante, è aperto a tutti...

      Elimina
    3. Mentre ci sei leggiti anche questo:
      http://www.lgbtnewsitalia.com/il-papa-del-chi-sono-io-per-giudicare-dice-in-faccia-a-stefanini-di-rifiutarlo-perche-gay/#
      e anche questo:
      Eretico

      È Bene ricordare di tanto in tanto in che cosa consista realmente la maxi reclamizzata grandezza di papa Francesco: nell'essersi pagato di persona il conto dell'albergo che lo ospitava a Roma, nell'aver rinunciato all'anello del pescatore d'oro per quello d'argento, nell'essere sceso in Piazza S.Pietro ( scortato da agenti in borghese ) e aver scambiato qualche frase di buonismo convenzionale coi fedeli che lo attorniavano, nell'aver lavato i piedi a qualche anziano e a qualche malato, nell'aver detto in un omelia che non gradiva i preti cattolici che andavano in giro su grosse macchine di lusso, nell'aver pronunciato a Lampedusa un discorso strappalacrime sui profughi morti in mare in seguito al rovesciamento dei barconi, mentre tentavano di raggiungere quell'isola, nell'aver regalato a dei barboni alcuni ombrelli vecchi, dimenticati da turisti distratti nei musei vaticani. Eppure tutti questi espedienti mediatici, basati su luoghi comuni moralistici di scontato effetto emotivo sulla massa, sono bastati a farlo apparire un rivoluzionario persino ad alcuni giornalisti, opinionisti, attori, uomini politici, che prima di allora avevano sempre dichiarato la loro avversione al vaticano e a tutta la religione in generale. Ma in concreto cosa avrebbe fatto Bergoglio di così rivoluzionario rispetto ai papi che l'hanno preceduto? Ha forse dismesso le ricchezze vaticane in favore dei poveri? Ha forse devoluto l'otto per mille della chiesa cattolica alle famiglie italiane bisognose? No, ha fatto soltanto un mucchio di belle chiacchiere per ammaliare i più fessi, chiacchiere che sono state, purtroppo, prese sul serio anche da alcuni di coloro che avrebbero dovuto invece aprire gli occhi a tutti gli altri sull'ipocrisia di questo papa, che in Argentina è ancora accusato da molti di essere stato colluso con la criminale dittatura dei generali Videla e Viola.
      ( Bruno 0014 )
      LA CHIESA E' FATTA DI UOMINI, VERO, MA GLI UOMINI CHE STANNO IN ALTO DOVREBBERO DARE IL BUON ESEMPIO PER INVOGLIARE LA GENTE AD ANDARE IN CHIESA PER COMUNICARSI ma ... continua tu e evita di pubblicare brani del Vangelo che chiunque può andarsi a
      leggere, esprimi semplicemente una tua opinione OBBIETTIVA.
      Mi sono dilungata un po' vero?
      Scusami.

      Elimina
    4. Su Papa Luciani non si è fatto in tempo a trovar da ridire, Dani cara..

      Elimina
    5. Annamaria, il link non riesco ad aprirlo. Io non devo dimostrare di essere più cristiano di te. E' ridicolo.
      Tu sai che la Chiesa è stata istituita da Cristo, per essere luogo di preghiera, penitenza e Eucarestia. Nella Chiesa si svolge tutta la vita del cristiano, dal Battesimo al funerale,

      Elimina
    6. @Franco
      Per fortuna almeno uno, ma ti assicuro che se non avesse lasciato questa vita così presto, ce ne sarebbero state anche per lui...
      Dani

      Elimina
    7. Gus Omar O.30/04/15, 08:46
      Quale link ce ne sono due....
      Cmq io continuerò a NON credere in questa chiesa come istituzione quale è ora...andrò all'inferno? Pazienza almeno starò al caldo e ci entrerò a testa alta, e qualcuno altro poco umile e che scrive senza collegare il ditino a cervello mi seguirà ...ma a testa bassa.
      Mi dispiace dirtelo caro amico da poco ritrovato ma con questo post hai toppato alla grande... Chi sei tu per giudicare. Cristo e non la CHIESA diceva non giudicare se non vuoi essere giudicato. Visto che tu ti sei permesso di giudicare chi NON va in chiesa ma è MOLTO CRISTIANO, io mi sono permessa di giudicare te come autore di questo post. Ciao Gus

      Elimina
    8. Io non giudico. Esprimo un valore di giudizio che riguarda un tipo di azione e non la persona.
      Questo è un blog e serve proprio per far conoscere le opinioni.
      Ho parlato anche in generale senza minimamente pensare a te e per questo non puoi offenderti.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
    9. Ci mancherebbe che mi offendessi per un post di questo genere anzi come dice qualcuno mi fa sorridere...
      Tanto io rimarrò sempre della mia idea. Io NON mi riconosco in questa chiesa ma solo nella Chiesa del Vangelo

      Elimina
    10. La Chiesa del Vangelo è questa. Il primo papa fu Pietro che per paura rinnegò Cristo per tre volte prima che il gallo cantasse. Si pentì subito.
      Gesù alla Chiesa ha dato il massimo: "Tutto quello che rimetterete sarà rimesso, tutto quello che non rimettere non sarà rimesso".
      Perché tutto questo potere. Perché la Chiesa è il corpo mistico di Cristo, il prolungamento di Cristo nella storia.

      Elimina
    11. La chiesa di Pietro era PULITA.
      La chiesa di oggi è SPORCA ed arretrata
      Questo Papa tanto decantato come rivoluzionario si è rifiutato di ricevere il dalai lama e stefanini ambasciatore francese perchè gay...
      La chiesa di oggi continua ad ostacolare le unioni gay, la ricerca sulle staminali, la fecondazione assistita, l'eutanasia...

      Elimina
    12. Non vedo sporcizia ma convinzioni diverse.

      Elimina
  5. Franco, durante il Giubileo del 2000, papa Giovanni Paolo II fece pubblica ammenda per i peccati commessi nel passato dagli ecclesiastici: tra le sette categorie di peccati menzionati, vennero anche nominati i peccati contro la dignità delle donne e delle minoranze. Inoltre, il 10 luglio 1995 inviò una lettera destinata «ad ogni donna» in cui chiedeva perdono per le ingiustizie compiute verso le donne nel nome di Cristo, la violazione dei diritti femminili e per la denigrazione storica delle donne.

    RispondiElimina
  6. Non mi pare, almeno io, di scagliarmi contro Dio, mai fatto, ma sono decisamente polemica contro le ipocrisie, contro le interpretazioni (a pro) cattoliche e non...
    Sono delusa, questo si.
    Caro Gus, è molto più difficile vivere per Dio che andare in la chiesa, credimi...Ricordati che difficilmente qualcuno va contro se stesso, nemmeno un cattolico praticante.... Se ti dona sollievo partecipa pure alla messa, ai sacramenti,...ma nel contempo ricordati che nel mondo esistono dei laici esemplari che si dedicano ai sofferenti senza illusioni, senza chiedere e senza sperare.
    Aiutano e basta senza "ambigui" tornaconti personali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado alla Messa anche con la febbre. E' nel corpo di Cristo che trovo la forza di andare avanti.

      Elimina
    2. "Nel 1995 inviata una lettera di perdono alle donne" ?!?
      "Solo" lo scorso anno Francesco ha detto che le donne sono già fin troppo rappresentate da Maria...

      Elimina
    3. In un certo senso è vero. A Maria attraverso dogmi è stato riconosciuto di essere nata senza peccato originale e di essere Ascesa al cielo. Il culto della Madonna è valorizzato dalla Chiesa.
      L'Ave Maria ha un'aggiunta che non viene dai Vangeli: "L'aggiunta di una intercessione: Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte".

      Elimina
    4. E' per questo che Francesco cerca di rimediare dicendo che le donne, poverine, sono sottopagate? Ci voleva il Papa che lo dicesse, perchè noi donne non lo sapevamo?
      Mi sembra di leggere la stessa storia in cui si scriveva che il Papa della seconda guerra mondiale (non lo nomino per la scarsa stima che ho di lui) non sapeva dei lager e dello sterminio degli ebrei...e poi ecco un altro papa che invece chiede scusa... Ma per favore

      Elimina
    5. La Chiesa è la Sposa di Cristo. Senza la Chiesa la gente non saprebbe nemmeno che è esistito Cristo, oppure lo confiderebbero come un personaggio qualsiasi ,meno attendibile di Napoleone.
      Ma Napoleone può cambiare la vita di un uomo. Io prego per la Chiesa e anche per il Papa e tutto il clero. La preghiera è che vengano illuminati dallo Spirito Santo in modo da non commettere errori.
      La domenica è soprattutto il "Giorno del Signore", da santificare con la preghiera, l'ascolto della Parola, la riflessione personale, la carità fraterna, il culto della Messa, il nutrimento dell'Eucarestia. È il giorno che celebra la risurrezione di Cristo, il giorno solenne dell'assemblea cristiana in cui Gesù spezza ancora il pane con noi e ci comunica il suo amore. È l'incontro con la Persona che amiamo e dal quale siamo amati, poiché nell'Eucarestia Gesù ci dona veramente il suo Corpo, il suo Sangue, la sua Parola, il suo Spirito, la sua Anima, la sua Divinità. È il giorno della fede in cui comprendiamo che cosa dobbiamo fare per avere la vita eterna.

      Elimina
    6. Il mio ultimo post riguarda te e tutti i cristiani che vanno a messa convinti di essere migliori di chi non ci va
      Ciao Gus

      Elimina
    7. Non mi credo migliore di nessuno. Sarebbe un peccato fatale.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
    8. Va bene Gus, se trovi sollievo nella chiesa sono contenta per te. Piacerebbe tanto anche a me trovare la pace. Ma non dire che solo con Dio trovi la forza di andare avanti...mi preoccupo poi....Cosa c'è che non va Gus? Sei un uomo forte, sano, cos'è successo? Non stai bene?
      ... non voglio più sentirti parlare così, fai stare male pure me. :-( Ho sentito forte il tuo grido di dolore...

      Elimina
    9. Il dolore è causato non da chi è ateo ma da chi si ritiene cristiano e sputa sulla Chiesa.

      Elimina
  7. Domani arrivo e commento. Questa sera sono avvolta da tanta tenerezza. Buonanotte Gus.

    RispondiElimina
  8. La Chiesa non solo è espressione di vita, qualcosa che nasce dalla vita, ma è una vita. La domanda cruciale sul perchè esiste un luogo chiamato Chiesa con le motivazioni già spiegate da Gus è: "Io che vengo il giorno dopo, o un mese dopo, o cento, mille duemila anni dopo, la scomparsa di Cristo dall'orizzonte terreno, come faccio a sapere se veramente si tratta di qualcosa che sommamente mi coinvolge?
    La parola "Chiesa" indica il fenomeno storico il cui unico significato consiste nell'essere per l'uomo, la possibilità di raggiungere la certezza su Cristo, Cristo, la verità diventata carne, dopo duemila anni raggiunge ancora l'uomo attraverso una realtà che si vede, si sente, si tocca. E non si può guardare, parlare, della Chiesa senza guardare, parlare, della donna da cui essa è nata e continuamente nasce, Maris, Madre di Cristo.
    E' stata scelta perchè creasse, la prima dimora, il primo tempio di Dio nel mondo, del Dio vero e vivo. E' stata scelta perchè fosse la prima casa di Dio, il primo ambito, il primo luogo in cui tutto era di Dio, del Dio che veniva a vivere tra noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "senza guardare, parlare, della donna da cui essa è nata "
      Chissà se il Papa direbbe che è stata sottopagata rispetto all'uomo, scoprendo l'acqua calda che le femministe vanno dicendo in giro da anni. Però visto che adesso lo dice il Papa che comanda anche sullo stato Italiano, può darsi che qualcosa si muova. Speranza vana? Staremo a vedere, non tanto per me ma per le nuove generazioni

      Elimina
  9. Oddio, io sono una pecora nera, qui, non vado in chiesa, o meglio, ci vado quando me la sento io, senza imposizioni "dettate".
    Pero' non mi sento neanche come il "caprio espiatorio" , dei peccati, da indicare, perché non segue le regole della chiesa, chi e' lassù, vede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorella, perché dici così.
      Ognuno di noi segue un percorso di fede.
      Ciao.

      Elimina
    2. Gus, io non vado in chiesa, ma non ci sputo, anche il mio puo essere un percorso di fede, ti sembra?
      Molto intimo, e senza "esaltazioni" o esaltarmi...
      Per quel che sai, di me, se tu hai letto di me, puoi capire.
      E continuo, a non essere fiera dell'istituzione della chiesa, amo il mio Qualcuno, senza se e senza ma...
      Ma non come si comporta la chiesa, come istituzione.
      Ciao.

      Elimina
    3. Fiorella, sei una bella persona. Anche io sono contrario alle esaltazioni. Vado a Messa perché ne sento il bisogno.
      Ciao.

      Elimina
  10. Oggi Madame sta' avvelenata.. buon primo maggio a tutti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo franco ha qualcosa da ridire? venga sul mio blog che ne parliamo... o deve fare anche lui il moralizzatore allora in questo caso mandalo a fan.. da parte mia

      Elimina
    2. E' un commento in sintonia con l'amore per Cristo?

      Elimina
    3. Certo ne avevi qualche dubbio? Mi spieghi a questo franco cosa caXXo inbteressa se io sono avvenata? Il suo commento è in sintonia con l'amore per Cristo?

      Elimina
    4. Franco è un cattolico che vorrebbe di più dalla Chiesa, ma è un ubbidiente. Io mi trovo in sintonia con lui.

      Elimina
    5. Dai Annamaria.. si giocava.. non manchi mai il sorriso a chi vuole una Chiesa diversa.. l'astio rovina salute e rapporti.. in fondo diciamo le stesse cose tu ed io, ma i toni sono importanti.. il grassetto e le maiuscole non aiutano.. anzi..

      Elimina