giovedì 23 aprile 2015

Gesù a casa nostra



Il rischio è sempre questa duplice riduzione: attivismo o intimismo?
Di questa contrapposizione terribile, l'esempio più palese è l'episodio di Marta e Maria. Marta si dà da fare, tanto.
 Chi di noi non sarebbe stato contento e onorato di fare delle cose per Gesù, di averlo ospite a casa sua?
Ma uno non può avere Gesù a casa, avere la fortuna di servirlo, e far prevalere, comunque, il lamento: " Guarda, Maria non mi dà una mano!".
E allora, quando Gesù dice a Marta: " C'è una sola cosa importante", non sta dicendo che è meglio la contemplazione dell'attività, non sta sottolineando che Marta non coglie che, qualsiasi cosa faccia, ciò che deve prevalere è il fatto di Cristo, il fatto di essere onorata di essere con Lui, che tutto quanto è per Lui. Quando Gesù le dice questo, non è un rimprovero:
"Se tu non ti rendi conto di questo, carissima Marta, il tuo fare non basta e si sente il lamento”.



46 commenti:

  1. In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
    Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
    Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

    Lc 10,38-42

    RispondiElimina
  2. .....a volte l'ascolto vale molto più di un'azione servizievole! Interessante la tua rilettura.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Riprendo la discussione di ieri: pregare o agire?
      Ciao.

      Elimina
    2. «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».


      Sono parole da meditare.

      Elimina
    3. E' quello che S.O.S.TENGO! La conversione delle nostre opere che da porcherie devono diventare SANTE.
      Nella PRIMA CREAZIONE l'UOMO era maschio/femmina, poi ci fu una seconda a causa del ...

      Elimina



    4. 1Timoteo 2

      1 Ti raccomando dunque, prima di tutto, che si facciano domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini, 2 per i re e per tutti quelli che stanno al potere, perché possiamo trascorrere una vita calma e tranquilla con tutta pietà e dignità. 3 Questa è una cosa bella e gradita al cospetto di Dio, nostro salvatore, 4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità. 5 Uno solo, infatti, è Dio e uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù, 6 che ha dato se stesso in riscatto per tutti. Questa testimonianza egli l'ha data nei tempi stabiliti, 7 e di essa io sono stato fatto banditore e apostolo - dico la verità, non mentisco -, maestro dei pagani nella fede e nella verità.
      8 Voglio dunque che gli uomini preghino, dovunque si trovino, alzando al cielo mani pure senza ira e senza contese.
      9 Alla stessa maniera facciano le donne, con abiti decenti, adornandosi di pudore e riservatezza, non di trecce e ornamenti d'oro, di perle o di vesti sontuose, 10 ma di opere buone, come conviene a donne che fanno professione di pietà.
      11 La donna impari in silenzio, con tutta sottomissione. 12 Non concedo a nessuna donna di insegnare, né di dettare legge all'uomo; piuttosto se ne stia in atteggiamento tranquillo. 13 Perché prima è stato formato Adamo e poi Eva; 14 e non fu Adamo ad essere ingannato, ma fu la donna che, ingannata, si rese colpevole di trasgressione. 15 Essa potrà essere salvata partorendo figli, a condizione di perseverare nella fede, nella carità e nella santificazione, con modestia.

      Elimina
    5. http://www.womenpriests.org/it/scriptur/genesis.asp


      La doppia creazione

      Elimina
    6. BELLO! Così sarà GIU'diCATA la TUA PARTE FEMMINILE: la TUA ANIMA, che poi è SEMPRE di CRISTO.
      Questo è il LIMITE DEI MAsCHI uMANI risPETTO agli UOMINI del CIELO.
      Non sai che la PRE-GHIERA altro non è che ME-DITAzione, CON-TEplAZIONE prima della PASQUA (traPASSO)?

      bASTAva SUpPLICA-RE DIO di perDONARLI, perché non sANNO quello che FANNO e DICOno.
      Inizia d'AME.

      Questo è il tuo limite!
      Non basta saper scrivere o leggere perfettamente, ma BENE, leggere per il BENE ... INNAnzi tutto per te stesso.

      Si può dire a Dio pedona loro che non sanno quello che fanno?
      Tu che non ha pubblicano alcUNI miei inTEr20?
      O il SENSO di dire questo è IN quel TUTTO è comPIU'to, nel diventare anche TU un agnello PASQUALE!

      Elimina
    7. GRAZIE per la CON-DIVISIONE, ma il maschio e la femmina in un UOMO non sono UGUALI. Al MASSIMO ... SI-MILI.
      DIO sa sezionare BENE i DUE INDI-VI-DUI e non come un maCELLA-IO.
      Al MASSIMO cOME un riCERCATORE e DOTTO-RE non di MANIpolazine GENEtica, ma di COrRETTORE diGENE-RE.

      Elimina
    8. Donna, hai ingannato l'Uomomaschio, e mo' vorresti pure di' messa?.. ma va là.. va'...

      Elimina
  3. Marta la donna del “fare” è invitata da Gesù per ascoltarlo. Maria dopo aver ascoltato Gesù, dovrà alzarsi e mettere in pratica il Suo insegnamento.
    Perché dobbiamo separare i due atteggiamenti? Tutti noi uomini e donne, rappresentiamo tutte e due, attivi e contemplativi, servitori e ascoltatori della Parola. Ognuno/a di noi in quanto singola persona è uno specchio della comunità. Sono importanti tutte e due.

    Gesù in Lc.11,28: “Beati quelli che ascoltano la Parola di Dio e la osservano”
    Ciao August.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che Marta si lamenta e reputa la sorella una perditempo.
      Ciao Dani.

      Elimina
    2. Ma che dici?
      Ma sai leggere BENE?
      E' Maria che fa perdere il tempo all'invitato o l'inVITAto stesso SE poi vuol mangiare anche le cOSE del mondo.
      Lo SAI che io non guardo in faccia a NESSUNO, ma SOLO al PADRE MIO che E' nei Cieli.
      Se caPISCI, caPISCI e imPARA un po' dalle DONNE.
      Tua moglie cosa ti avrebbe detto?
      la salteresti la finale della Champions League per aiutarla alle faccende DOMEstiche?
      MARTA osSERVAva la PAROLA di DIO e anche quella del FIGLIO, riCONOSCEnDOLO. Maria, al contrario, dubitò sulla SUA VENUTA per SALVARE il maschio della FAMIglia.

      Elimina
    3. Si che la salterebbe.. tanto mica c'arriva la Juve...

      Elimina
    4. Non so se preferirebbe una sconfitta in semifinale ai rigori o una sconfitta in finale con un risultato tipo di 7 - 0.
      Comincia a PRE...GARE.

      Elimina
    5. Io preferisco che la Juve vinca la Champions League.
      Bisogna tener d'occhio i gufi.

      Elimina
    6. Il sogno, del resto, è uno dei più bei regali di Dio...

      Elimina
  4. Perbacco Gus, hai scelto una Parabola da niente! Sono seria. Quante volte mi sento Marta! Però mi consolo perchè quando preparo la cena, sparecchio ecc,...io ascolto, non ascolto me, ma ciò che succede intorno a me . Marta deve fare quello che ha da fare.Ma in modo da non disturbare ciò che avviene tra il Signore e Maria.Questo ascoltare e pregare..Però non è paragonabile a Maria. A ciò che Maria sceglie. Passatempi al posto d'amore, amore proprio al posto dell'amore divino.Maria sceglie di essere scelta dal Signore. E' bello essere Maria, essere Marta "Marta Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose....." sono io, che spesso solo a sera, divento Maria.!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'errore di Marta è che pensa che la sorella stia perdendo tempo invece di lavorare.

      Elimina
    2. Ma dove lo VEDI questo errore?
      L'ERroRE è un ALTRO!
      Se non HAI FEDE in quello che ti dico e mi conSIDERi un CIARLA-TANO all'ORA anche a quei tempi non avresti creduto a CHI conosceva lo SPIRITO SANTO.
      E' questa la MIA pro-VOCAZIONE.
      Tutto QUI!
      Farvi notare come non lo riconoscereste se riTORNASSE o VENISSE per la PRIMA VOLTA nel WWW, invece da Nazareth (nulla di buono con l'altro mistero / Nazareno), o da una Vergine (illibata o no, o da un Angelo o un deMONIO).
      Una cosa è certa e che tu, rispetto alle DONNE, SEI INIQUO e QUESTO non è TOLLERATO dal TUO SIGNORE, se non credi che E' anche il MIO.

      Tu pendo troppo dalle scritture LASCIANO il TUO CUORE inDURITO.

      Lo SPIRITO SANTO è VIVENTE, si MUOVE, sempre in A.T.tiVITA'.
      Perché non vai alla RE-SUrRezione di Lazzaro?

      L'interVENTO di MARTA è un rimPRO-VERO più a Gesù che a Maria.
      Marta coglie il moMENto GIU'-STO per diFENDERSI dal fratello che era pure PRE-POTENTE.

      Non devi credere a quello che IO SO, ma alla proFONDITA' della VERITA' in OGNUNO di NOI.
      Stai parlando o NO della PRE-GHIERA e della PRE-OPERA?

      Elimina
    3. "L'interVENTO di MARTA è un rimPRO-VERO più a Gesù che a Maria".

      Proprio questo è l'errore.

      Elimina
    4. ALZO le MANI! Ordina una PIZZA dalla SUOcera di siMONE. Io non SERVO PIU'.
      Dovevo scrivere: "La juVENTO di MARIA"?
      All'ORA dimmi perché CERA un discepolo che il MAESTRO AMAVA!
      In che senso?
      NON AMAVA TUTTI?
      Lo sai che ti potrei prendere per ORECCHIO e PORTARTI del'INFERNO di DANTE per farti conoscere lo SVENIMENTO del SOMMO PO'eta quando comprende perché SONO LI' Paolo e Francesca.
      Fu proprio Beatrice che PRE-GO' la MADRE SANTISSIMA di prenderlo in quella SERVA OSCURA a 3 decenni più tre anni e tre mesi della VITA di rent'anni del BATTEZZATO "DURAnte" (detto d'ANTE).

      Puoi PENsarla come VUOI.
      AMENon piace stare dalla PARTE del GIUSTO .. altriMENti non lo VEDREI in FACCIA.
      Non HO altro d'IO all'inFUORI di LUI.
      O meglio no ci SONO DEI FUORI di ME.

      Elimina
    5. E' sera e Gesù arriva a Betania e entra nella casa degli amici Marta, Maria e Lazzaro. Lazzaro starà riposando dopo una giornata di lavoro. Marta come padrone di casa corre subito in cucina per preparare la cena. Vuol fare bene, presto e si fa prendere dall'ansia. Vede la sorella che come un discepolo si nutre della parola di Cristo, non lo comprende, e in parole povere si rivolge al Signore con un rimprovero. Il rimprovero è quello di non dar peso al suo lavoro non dicendo a Maria di andare ad aiutarla. Quello che risponde Gesù sembra diretto a Marta ma in realtà parla a noi che ci affanniamo a sbrigare le cose della terra trascurando la Parola che viene dal Cielo.

      Elimina
    6. Non avevo pensato alla visione della parabola nel modo in cui la vedi tu.
      Grazie. Gli ultimi due post mi piacciono. e....il prossimo?
      Buonanotte amico mio.

      Elimina
    7. Come hai scritto TU, i tre nomi così distinti non sono MAI riportati nel Vangelo di Giovanni. In quello di Luca, a cui ti riFERISCI, Lazzaro non ESISTE.
      Poi a NOI è riVOLTO TUTTO il Vangelo!
      Non si parla nei Vangeli SOLO di Gesù, ma è imPORTANTE la FIGURA DEI altri PERSOnAgGI. Altrimenti non SERVONO i doDICI e in questi SOPRAtTUTTO GIU'da che si inFASTI-DIVA di quella femMINA tra i PIEDI, conSIDERata più imPORTANTE di L'ORO.
      Caro fratello, lo sai che ti pro-VOCO per farti APRIRE di PIU' gli OCCHI e TU AMEN la BOCCA.
      SI AMO imPORTANTI ENTRAmbi.
      Come lo sono i TUOI inVITAti a comMENTARTI.
      E' questo che qualcunAO non ha capito e SE LA prende se gli si tocca la MATERia e lo SPIRITO.

      Elimina
    8. Secondo Francesco "è importante capire che qui non si tratta della contrapposizione tra due atteggiamenti: l'ascolto della parola del Signore, la contemplazione, e il servizio concreto al prossimo. Non sono due atteggiamenti contrapposti, ma, al contrario, sono due aspetti entrambi essenziali per la nostra vita cristiana; aspetti che non vanno mai separati, ma vissuti in profonda unità e armonia". Ma allora, continua, "perché Marta riceve il rimprovero, anche se fatto con dolcezza, di Gesù? Perché ha ritenuto essenziale solo quello che stava facendo, era cioè troppo assorbita e preoccupata dalle cose da "fare". In un cristiano, le opere di servizio e di carità non sono mai staccate dalla fonte principale di ogni nostra azione: l'ascolto della Parola del Signore, lo stare - come Maria - ai piedi di Gesù, nell'atteggiamento del discepolo. E per questo Marta viene rimproverata."


      Le parole di Papa Francesco.


      Lazzaro era ininfluente in questa parabola e per questo Luca non ne ha parlato.

      Elimina
    9. Lucia, il tag "teologia" non è casuale. Io la parabola la vedo così.

      Elimina
    10. Le parole del Papa mi sono piaciute...si vede un'impronta papale.
      Per noi cattolici, proprio in quanto cattolici, tutte le interpretazioni delle Scritture che sono sensate vanno bene, a patto che non si contraddicano fra di loro, questo non significa che ci possano essere persone piene di Spirito Santo che più che delle interpretazioni possono avere delle chiavi di lettura differenti e più ricche e profonde o addirittura apparentemente scandalose o inusuali.

      Elimina
    11. ORA ci SI AMO.
      Il rimproVERO di MARTA sta dando i SUOI FRUTTI.
      Gesù, in un certo MODO, le dice che sta LAVORANDO su MARIA proprio per DIVIDE-RE il MASCHIO dalla FENMMINA, per renderlo VERO UOMO con un'ANIMA DONNA.

      Elimina
    12. "Perché Marta riceve il rimprovero, anche se fatto con dolcezza, di Gesù? Perché ha ritenuto essenziale solo quello che stava facendo, era cioè troppo assorbita e preoccupata dalle cose da "fare". In un cristiano, le opere di servizio e di carità non sono mai staccate dalla fonte principale di ogni nostra azione: l'ascolto della Parola del Signore, lo stare - come Maria - ai piedi di Gesù, nell'atteggiamento del discepolo. E per questo Marta viene rimproverata."

      La mia lettura è in sintonia con quella del Papa.

      Elimina
    13. Non si può essere in sinTONIa con CHI PRO-VOCA. Il Papa CHI?
      Il BeneDETTO o il VI SCOVO di Roma?
      Per PRO-VOCARSI biSOGNA esSERE in DUE, come sulla VIA per EMMAUS, di cui UNO DEI due era Giacomo.
      Poi se ci SI a.C.cORGE che si è in TRE ... è anCORa MEglio.
      Un PO' come nell'EDEN.
      PRO-VOCARE vuol sire indurre a RI-PROVARE ... liberandosi dal MALE.

      Elimina
  5. Ciao Gus, quindi tu dici che Gesù non rimprovera a Marta il fare ma il lamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Singerfrapp.
      Anche, ma soprattutto il non aver compreso l'esigenza di Maria che dovrebbe essere anche la nostra.

      Elimina
    2. Io invece do' ragione a Marta, perche' magari anche a lei sarebbe piaciuto ascoltare Gesù e non fare nulla, invece se Maria non la aiutava certamente la parte migliore se la beccava tutta lei e l'altra solo il lavoro...mentre se l'avesse aiutata avrebbero potuto poi sedersi insieme ad ascoltare il signore.

      Elimina
    3. Non è un problema di interpretazione ma di semplice lettura del vangelo di Luca:

      "Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

      Elimina
    4. La PARTE MIGLIORE e conoscere come inTErVIENE il CREATORE quando a chiedere quell'inTErVENTO sulla sorella/FRATELLO sono state PROprIO le PRE-GHIERE di MARTA. E' importante il COLLOquio tra Gesù è Marta prima di RE-SUsciTARE il Fratello e per SEMPRE.

      Elimina
    5. 32 Maria, dunque, quando giunse dov'era Gesù, vistolo si gettò ai suoi piedi dicendo: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!». 33 Gesù allora quando la vide piangere e piangere anche i Giudei che erano venuti con lei, si commosse profondamente, si turbò e disse: 34 «Dove l'avete posto?». Gli dissero: «Signore, vieni a vedere!». 35 Gesù scoppiò in pianto. 36 Dissero allora i Giudei: «Vedi come lo amava!». 37 Ma alcuni di loro dissero: «Costui che ha aperto gli occhi al cieco non poteva anche far sì che questi non morisse?».
      38 Intanto Gesù, ancora profondamente commosso, si recò al sepolcro; era una grotta e contro vi era posta una pietra. 39 Disse Gesù: «Togliete la pietra!». Gli rispose Marta, la sorella del morto: «Signore, già manda cattivo odore, poiché è di quattro giorni». 40 Le disse Gesù: «Non ti ho detto che, se credi, vedrai la gloria di Dio?». 41 Tolsero dunque la pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: «Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato. 42 Io sapevo che sempre mi dai ascolto, ma l'ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che tu mi hai mandato». 43 E, detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!». 44 Il morto uscì, con i piedi e le mani avvolti in bende, e il volto coperto da un sudario. Gesù disse loro: «Scioglietelo e lasciatelo andare».


      Marta va a chiamare Maria perché Gesù non era intenzionato a far risorgere Lazzaro.

      Elimina
    6. Mi hai fatto inCANTA-RE. Ho rivisto la S.CENA.
      Poi mi hai straVLTO con quella TUA FRA SE: "Marta va a chiamare Maria perché Gesù non era intenzionato a far risorgere Lazzaro".

      Diciamola TUTTA all'ORA.
      Gesù inTErVIENE al MO'MENTO proPIZIO.
      SapEVA cOME i FARI6 levavano di MEZZO i tipi come Lazzaro e Maria, quando smettevano di essere DOPPI, per i loro GUSti NOtTURNI.
      Avevano visto Gesù entrare da LEI e per questo lo pro-VOCARONO a iniziare la LAPIDAZIONE, ma Gesù che si prende TUTTE le COLPE, vuole salvare anche gli ANZIANI.
      Due o TRE giorni, seppelliti VIVI senza mangiare e bere si riesce a SOPRAvVIVERE.
      Tommaso temeva per le conSEGUENZE che POI si avVERAtono.
      Il Didimo sapEVA riCONOSCERE le PIAGHE del SIGNORE, come FILIPPO il FIGLIO, non ancora PADRE.

      Elimina
  6. L'ideale è combinare le cose: preghiera e azione. Se il Papa durante l'Angelus annunciasse un bel paio di Centri di Accoglienza a Sue spese, scatenerebbe anche spirito di emulazione. Mi si dice però che, da un punto di vista burocratico(?!), non sia possibile. Novella Marta torno alle mie faccenduole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se non l'ha FATTO Gesù!
      Tu PENSI come GIUDA o SIMONE.
      Il compito della Chiesa è PARLARE BENE e razzolare MALE.
      CASTA e MERETRICE come la riconobbe Sant'Agostino.
      La RICCHEZZA della CHIESA serve per POTER continuare a PARLARE del CRISTO.
      Sono i POLITICI CRISTIANI che devono comportarsi da cristiani, come i dirigenti e i banCARI o banchieri.

      Elimina
    2. Io agisco nel mio piccolo. I grandi agiscano nel loro grande.

      Elimina
  7. Mi piace molto l'immagine: guarda la Luce!
    Ciao.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la preghiera a Gesù.
      Ciao Dani.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità