giovedì 9 aprile 2015

Le chiavi del Paradiso





Stupore e obbedienza rappresentano la chiave di tutto. In merito all'obbedienza sono pochi coloro che ne riconoscono il significato profondo e per assurdo liberatorio, forse perché non ne hanno mai sperimentato la 'potenza'.
Gesù aveva autorità perché obbediva al Padre.
C'è un bellissimo libretto di p. Cantalamessa (non so nemmeno se è ancora in commercio) che titola proprio 'L'obbedienza' e ne spiega benissimo il Valore, ormai quasi perduto.
La salvezza di molte anime è passata dall'obbedienza a qualcuno per amore di Dio.





83 commenti:

  1. Non si capisce cosa vuol dire: "La salvezza di molte anime è passata dall'obbedienza a qualcuno per amore di Dio".

    Comunque molti TERMINI sono AMBIgui, cioè con doppio significato, a seconda del proprio inTE-TENTO o inTE-RESSE.

    A.D.es:EMPIO "PRIVATO" riservato solo a pochi o sottratto a molti?

    Preferisci che ti auguri di essere in BOCCA al LUPO o in CULO alla BALENA?

    SI AMO alla SOLITA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La principale obbedienza è verso la Chiesa e si sviluppa solo se c'è l'obbedienza allo Spirito e a Dio.

      Elimina
    2. Non sono d'a.C.cordo!
      Troppo generici i TERMINI.
      Basterebbe notare come si comportò LO SPOSO in quel TEMPO verso la Chiesa, lo Spirito e il Dio di quel TEMPIO.

      Elimina
    3. Ha ragione Antonio: ridiamo un po'! : -)

      Elimina
    4. Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto».

      Elimina
    5. PreFERISCO Giuseppe il GIU'STO' FAlegname.
      Lo sai che io non temo Dio, la Chiesa e lo Spirito.
      Sei tu che UBBIdisci a chi non conosci.
      Io mi ribello a chi conosco!

      Elimina
    6. L'obbedire di Maria è immediato. Giuseppe offre resistenza. La mia obbedienza è solo verso quello che viene da Dio.

      Elimina
    7. SICURO? inZomma ....non sei un Don Puglisi mi pare di capire...Dio vorrebbe perché non lo fai? Il male va denunciato non difeso....anche se L. è una pecorella smarrita...
      Ora capisco chi è stata la PERSONA che ha coinvolto lei in questi inciuci da web , forse anche il timido Riccardo.....ma bene!

      Elimina
  2. Cielo ma questa di angioletto è una minaccia?

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvi, le opzioni per i commenti sono:
      nessuna moderazione,
      moderazione,
      moderazione, a volte, cioè tutti i post che hai scritto dopo l'ultimo.

      Elimina
  4. Gusssssssssss ma andò stai?

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Fede, Libertà, Obbedienza, Speranza, Carità.

      Elimina
    2. BRAVO a Franco il Battagliero! Si obbedisce SOLO alla CARITA'.
      Anche MARIA disse quell'ECCOMI per CARITA' verso un Dio che voleva incarnarsi.

      Elimina
    3. Io, come i tanti coraggiosi cerchiamo giustizia....devo scrivere cosi purtroppo....
      Proprio come Don Ciotti sostiene: " perché non avvenga che si offra come dono di carità ciò che è già dovuto a titolo di giustizia” dove anche i diritti basilari, come quello alla salute, alla scuola, della libertà di ognuno di noi non sono così scontati!

      Elimina
  6. E allora cancelli anche le sue accuse ...proprio, come tu hai detto, per non creare disparità. Grazie. gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cancello il post e iniziate da capo sui vostri blog.

      Elimina
  7. Ho compreso molto bene che la situazione è molto più grave di quanto avessi pensato...è una pena immensa, mi spiace per chi ne è coinvolto fino al collo. Io ho fatto di tutto per aiutarvi....anche con forza maggiore a volte, ma con molto coraggio. Che Dio sia, soprattutto, con chi ne ha tanto bisogno.
    Ti ringrazio per la cancellazione Gus. Era giusto così.
    Ora basta lucia e simili....Non ne parliamo più.
    Un bacio.....ancora grazie! T.V.B

    RispondiElimina
  8. Obbedienza, ma con JUICIO, come dicono gli spagnoli.
    Altrimenti si rischia di trovarsi d ifronte fanatici che obbediscono ciecamente ad Allah, oppure a genti obnubilate da qualche folle dittatore.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'obbedienza è cosa molto diversa dal fondamentalismo islamico.
      L'Obbedienza riguarda tutto ciò che porta a Cristo e grazie il suo tramite a Dio.
      Ciao Cristiana.

      Elimina
    2. GUS, tu sei duro di CERVICE!
      Tu conosci la VOLONTA' del Padre distinta da quella del Figlio?
      Su sentiamo. Qual'è la volontà del Padre sul calice amaro. E quella del Figlio?
      E smettila di pubblicare LITIGI antichi, contaddicendo il tuo voler portare PACE.
      Ti stanno rovinando la SETTIMANA del RISORTO!
      Se continui a pubblicare commenti che distolgono il SENSO di questo POSTo ... non ci metterò più piede nemmeno IO.
      Non mi va che poi mi resta sporco dopo che il SIGNORE mi ha fatto capire il senso della LAVANDA DEI PIEDI.
      Parlaci di questa Obbedienza che porta a Cristo e tralasciamo il Dio e lo Spirito di chi è nostro Fratello da parte di Padre e non di MADRE.
      Tu per combattere la tua solitudine ... saresti CAPACE di aprire a CHI ti saccheggia la CASA.
      SII più astuto e rimandala nel REALE chi fa la PROfessoRESSA.
      Il virtuale serve per pote inTErSCAMBIARE con altre ANIME lo SPIRITO SANTO, visto che nel REALE SI AMO messi peggio del VIRTUALE.
      Volevo parlarvi dei misteri su quanto avviene nelle nostre VITE per distoglierci dalla VIA, ma sapete solo dire Dio, Spirito e Chiesa ... parlando come CHI ne fa parte dalla PARTE OPPOSTA, ma senza uscire dalla VERITA' divisa tra il PADRE e il FIGLIO.

      Mi devi distinguere ORA le DUE VOLONTA'. Quella i come il Padre voleva farlo uscire dal Mondo e di come LUI preTENDEVA.

      Mi sono STUFATO!
      Se non mi rispondi ... lo cancello IO il MIO POSTo ... dannandovi per SEMPRE! E se lo cancello non potrai ritronare a rileggerlo.
      AMEN oche tu lo ABBYa copiato TUTTO, come FA chi sa che un GIORNO potrò A.T.tingere per cercare di SALVARSI.

      Ma senza LE CHI AVI di lettura ... servirà al CONTRARIO.

      Elimina
    3. Tu sai che Cristo ha detto che senza di Lui non si ritorna al Padre. La prima obbedienza riguarda la missione del cristiano che è tenuto a far conoscere la Verità. Questa obbedienza inizia con il rispettare e amare la Chiesa che è il prolungamento di Cristo nella storia. Cristo rappresenta l'Incarnazione di Dio nel corpo di una ragazza che ha obbedito all'Angelo. Da quel momento Gesù diventa un uomo che nulla può fare senza lo Spirito del Padre. Gesù, la grandezza di Gesù, dipende esclusivamente dall'obbedienza al Padre. Per questo è ascoltato e seguito. L'obbedienza di Gesù troverà il suo culmine nella Croce. Gesù non ha mai disubbidito. Come uomo ha tentennato, ha provato la paura. E' successo nell'Orto degli ulivi. Ha dubitato dell'Amore del Padre quando ha urlato: " Padre, perché mi hai abbandonato?".

      Elimina
    4. La TUA risposta ha UN senso ma è racchiuso nel mistero del DIO UNICO ma TRINO in PERSONALITA'.
      Io voglio sapere la Volontà del Figlio o quella del Padre.
      CHI voleva morire in SPIRITO e CARNE sulla CROCE?
      Il Figlio o il Padre?
      Mi inTE-RESSA saPERE il TUO ParERE.
      IO suderò TANTO con e per TE ma che sia una STILLA di SPIRITO SANTO uscita DATE'.

      Elimina
    5. Il Mistero della Santissima Trinità nasce da questo brano del Vangelo di Giovanni:

      Giovanni 14

      1 «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. 2 Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; 3 quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. 4 E del luogo dove io vado, voi conoscete la via».
      5 Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?». 6 Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. 7 Se conoscete me, conoscerete anche il Padre: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». 8 Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 9 Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? 10 Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere. 11 Credetemi: io sono nel Padre e il Padre è in me; se non altro, credetelo per le opere stesse.

      E' opera dell'amore come dovrebbe avvenire nel matrimonio cristiano : "così che non sono più due, ma una carne sola" (Mt 19,6).

      Lo spirito santo è la potenza di Dio, la sua forza attiva all’opera (Michea 3:8; Luca 1:35). Dio manda il suo spirito indirizzando la sua energia ovunque desideri per compiere la sua volontà (Salmo 104:30; 139:7).

      Dal Vangelo secondo Luca. 22, 39-46

      Gesù se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi;
      anche i discepoli lo seguirono.
      Giunto sul luogo, disse loro: "Pregate, per non entrare in tentazione".
      Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso
      e, inginocchiatosi, pregava:
      "Padre, se vuoi, allontana da me questo calice!
      Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà".
      Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo.
      In preda all'angoscia, pregava più intensamente;
      e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra.
      Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli
      e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro:
      "Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione".

      Angelo, se leggi c'è un punto molto chiaro sulla volontà: Padre, se vuoi, allontana da me questo calice!
      Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà".

      e sembrerebbe che La Croce è volontà di Dio e evitare la Croce sia quella di Gesù. E' solo un attimo. Gesù supera questo momento di smarrimento e di nuovo c'è il Mistero dei due corpi che diventano uno e la Croce è un desiderio unico.

      Elimina
    6. L'anima-gli inferi:

      In 1 Pietro 3:18-19 è scritto: "Anche Cristo ha sofferto una volta per i peccati, lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio. Fu messo a morte quanto alla carne, ma reso vivente quanto allo spirito. E in esso andò anche a predicare agli spiriti trattenuti in carcere".


      Elimina
    7. L'anima nei tre giorni della morte del corpo scende negli inferi per liberare i giusti in attesa di essere affrancati dal peccato originale.

      Elimina
    8. Sulle differenze fra Inferi, Inferno, Limbo dei padri e Limbo dei non battezzati ?

      Elimina
    9. Inferi è il luogo dei morti in attesa di essere liberati dal peccato originale. Inferno è il luogo di chi ha rifiutato Dio. Il limbo è solo un'ipotesi in disuso sui bambini che sono morti prima del battesimo.

      Elimina
    10. la Bibbia è chiarissima in quanto specifica Dio Padre, Gesù Figlio e spirito santo la forza di Dio....quindi se si pensa a queste divergenze non esiste "personalita" ne volontà di entrambi...lo spirito santo (mistero) avrà unito un desiderio unico come la croce? ma....

      Elimina
    11. Cosa intendi per Bibbia?

      Elimina
    12. Per me la Bibbia rappresenta le primissime parole interpretate da chi credeva in Dio...ascoltato da vicino e , soprattutto, in quei tempi...

      Elimina
    13. Forse è più scomoda e difficile del vangelo....il vangelo è più attuale

      Elimina
    14. Dio è il creatore dell' universo, Gesù è il figlio di Dio e lo spirito santo è la nostra speranza diventate realtà....sempre per mezzo di Dio..
      so che non la pensi così

      Elimina
    15. Dio inteso come Gesù in quei tempi...

      Elimina
    16. La Bibbia comprende il Vecchio e il Nuovo Testamento e tante altre scritture. L'ultimo libro della Bibbia è l'Apocalisse e termina con queste parole: "Vieni, Signore Gesù".

      Elimina
    17. se non hai messo la virgola è solo una persona?

      Elimina
    18. Non scrivere su quello che non sai. Quello che dici mi sembra un minestrone.

      Elimina
    19. "ipotesi in disuso".. sorrido..

      Elimina
  9. Gesù con la sua morte ci ha tolto il peccato originale...perchè nel Battesimo siamo ancora liberati dal peccato? Rigenerati solo come figli di Dio? Rigenerati si, giusto considerato l' ingresso alla vita nello Spirito...oppure è la porta iniziale che apre l'accesso agli altri sacramenti... diventiamo membra di Cristo, va bene...mentre prima?...Comunque siamo incorporati alla Chiesa e resi partecipi della sua missione.
    Forse il battesimo è un'usanza più cattolica, che cristiana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Battesimo, sempre nel rispetto del libero arbitrio, è l'accettazione di voler essere Figli di Dio e affrancati dal peccato originale. Anche i Protestanti credono nel Battesimo.

      Elimina
    2. Ma credono nella chiesa....la chiesa è più cattolica che cristiana (segue Cristo)...Non è esattamente la stessa cosa

      Elimina
    3. Il Battesimo appartiene a tutto il mondo cristiano.

      Elimina
    4. CristoGesù ci aveva già tolto dal peccato con la sua morte

      Elimina
    5. Ti ho già detto che il peccato è tolto ma l'uomo lo deve accettare. Questo è il Battesimo.

      Elimina
    6. l' uomo o il neonato? quando è cosciente?....

      Elimina
    7. Il neonato non va a battezzarsi da solo. Generalmente lo fanno i genitori credenti. Se padre e madre sono non credenti il neonato non viene battezzato.

      Elimina
    8. ....non c'è più sordo di chi.... ma va bene così. Non lamentarti del perché ti ritengono un tantino eccessivo poi.

      Elimina
    9. questo fa capire che tu hai bisogno della Chiesa.... mentre dovrebbe essere il contrario?...no, nemmeno quello.
      In questo caso intesa solo come comunità più che di Dio

      Elimina
  10. Ti rendo GRAZIE per questo nutrimento, che pur conoscenDOLO, non mi stanca mai di assimilare.
    Ma è questo che volevo sentire da TE: " ... sembrerebbe che La Croce è volontà di Dio e evitare la Croce sia quella di Gesù".
    Poi RENDO LODE a CHI ti ha fatto scrivere SEMBREREBBE e Dio al POSTo del Padre e Gesù al POSTo del Cristo.
    Anche il MALE ha la SUA trinità. Comunque c'è un PASSO che stravolge questo SEMBREREBBE. Sei in grado di trovarlo?
    Lungi da me METTERE il FIGLIO contro il PADRE o il PADRE contro il FIGLIO, sarebbe come estirpare lo SPIRITO SANTO che li a.C.COMUNA.
    Tu sai che i VANGELI SONO PIENI di esplosioni di VERA FEDE che da un certo PUNTO di Vista "SEMBREREBBE" che rimproverano il Cristo, in quel suo modo RUDE di risPONDERE a chi gli chiede AIUTO.
    E' pur vero che il bambino cresce, come il seme o la pianta, involontariamente nella CARNE, ritrovandosi ADULT..o, ma è anCOR più VERO che ESISTE una CRESCITA inTEri...ORA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. « È all'interno di una confusa confusa letteratura che il diavolo, qualunque sia il suo nome - Satana, Lucifero, Belial, Mastema, Semihazaz, ecc.- acquista le caratteristiche che gli sono proprie nel Nuovo Testamento: angelo caduto, per lussuria o superbia, che si è fatto nemico di Dio e dell'uomo, che egli cerca di mettere contro il suo Creatore, e che sparge il male ovunque »
      (Georges Minois. Op. cit., p. 24)

      Elimina
  11. Ora ti lascio con Angelo. Ultima domanda: davvero ti senti solo Gus?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando mi manca l'intimità con Cristo sono solo, non è che mi ci sento.

      Elimina
    2. Io solo quando mi sento impotente, non per volere, con gli altri e con me stessa...
      non è la stessa cosa.
      Bacio e buona notte!

      Elimina
  12. Oggi giornata dedicata alla Misericordia.

    Misericordia è un sentimento generato dalla compassione per la miseria altrui (morale o spirituale). Deriva dal latinomisericors (genitivo misericordis) e da misereor (ho pietà) e cor -cordis (cuore); cfr. miserère: abbi misericordia. È una virtùmorale tenuta in grande considerazione dall'etica cristiana e si concreta in opere di pietà o, appunto, di misericordia.

    Io la faccio mia e metto il mio cuore accanto al misero, o meglio, io misero metto il mio cuore accanto a Dio.
    Il Vangelo di oggi ci dice: Gv.20-23.
    A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete , non saranno perdonati.
    Dio ha bisogno di noi, nel suo progetto misericordioso, il nostro amore vero è collaborare in questo intento.
    Ciao August, buona domenica....speciale!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza cristiani non ci sarebbe la Chiesa e il mondo dimenticherebbe Dio e suo Figlio. La Misericordia di Dio è la grande Speranza dell'uomo che pecca.
      Ciao Dani.

      Elimina
    2. ECCO, che VENE pare?
      Questo è una dimostrazione che CRISTO è ancora con NOI. Se non ci fossero gli UOMINI e le DONNE di MISERICORDIOSA BUONA VOLONTA' ... il mondo sarebbe come animali maschi e femmine in GABBIA. Per questo il CRISTO E' FUORI della STORIA, mentre non lo SONO i CRISTIANI.
      SI AMO NOI le MANI di UN DIO che vuole che diventiamo FIGLI e poi anche PADRI e ... SPIRITO SANTO!

      Elimina
  13. Quando Papa Francesco ha proclamato la decisione di aprire l’Anno Santo della Misericordia, io ho subito fatto riferimento al Pontificato di Giovanni Paolo II il quale ha fatto del suo pontificato l’immagine della misericordia, ma non solo: Giovanni Paolo II, proprio con la sua morte, con i primi Vespri della Divina Misericordia, ha dato un inizio al cammino di misericordia in questo terzo millennio. Giovanni Paolo II ci ha lasciato una grande eredità e questa eredità è racchiusa, contenuta nell’atto della consacrazione alla Divina Misericordia che Giovanni Paolo II ha compiuto il 17 agosto 2002 a Cracovia, nella capitale del culto della Divina Misericordia. In questo atto di consacrazione, Giovanni Paolo II chiede che tutta l’umanità, tutti gli abitanti della terra facciano l’esperienza di questa misericordia. Bene, la proclamazione di Papa Francesco dell’Anno della Misericordia è una risposta a questo atto di consacrazione, perché il Giubileo della Misericordia porterà a far giungere questo messaggio davvero a tutti gli uomini di buona volontà di questa terra. Un'altra notizia che il sacerdote ci ha comunicato nell'Omelia. Ogni venerdì, alle tre del pomeriggio (ora in cui è morto Gesù)
    fermarsi e dire una preghiera. Costa poco. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza è che la Misericordia raggiunga anche le ragazze romene:

      http://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/09/15/news/violentate-nel-silenzio-dei-campi-a-ragusa-il-nuovo-orrore-delle-schiave-rumene-1.180119

      Abbiamo bisogno delle opere, delle testimonianze concrete e non della misericordia concettuale.

      Elimina
    2. E pretendi di farla dal WWW?
      Le PIATTA-FORME SONO piene di BELLE PAROLE, ma poi ... per la strada?
      Non sai che TUTTO avviene per la TUA conVERSIONE?
      Come ti sentirai quando dovrai intervenire e ti girerai dall'altra parte?
      Ho hai già lo SPIRITO SANGUE?
      Tu SEI siMONE prima o dopo, l'incontro con Gesù?
      PRIMA o DOPO i tre squilli della raDIOsVEGLIA del CRISTO?

      Elimina
    3. La speranza è che la Misericordia raggiunga, NON le ragazze romene, ma i LORO CARNEfici.
      GUS, ai tempi di Gesù esistevano già queste cose e i carnefici erano alcuni FARI-SEI che divoravano le CASE delle VEDOVE, dando soldi del TEMPIO chiedendo PRESTAzioni EXTRA.
      Cominci a DUBITARE dell'esistenza di un DIO CANE?

      Elimina
    4. A me dà un fastidio enorme l'uomo maschilista che vede la femminilità come una provocazione mentre è solo un fatto di ormoni. La misericordia è presenza attiva in quei luoghi e non chiacchiere dogmatiche.

      Elimina
    5. Ti ricordo che c'è anche un Dio maschilista. Stuprare, uccidere è una questione di ormoni? Tu credi che tutti possono ribellarsi ad un Dio che gli fa fare queste barbarie? O credi ad un Dio che suggerisce di farle?
      Tu credi che esiste un SOLO DIO?
      Gus non contraddirti!
      P.Pio diceva che se Dio volesse, lui per primo poteva diventare un assassino.
      P.Francesco ha detto che ogni volta che passa davanti ad un carcere pensa che poteva stare anche lui se dio avrebbe voluto.

      La questione è che devi riVOLTARE TUTTO su di te e on giudicare altri.
      Mi sa che in un CERTO modo sei come la GRANDE PRESENTE, anche se sembra ASSENTE.

      Elimina
    6. Dio assegna compiti diversi all'uomo e alla donna ma non è maschilista, non stupra le donne.
      Fai presente a Pio e Francesco che Dio non fa diventare assassini e non manda in carcere per divertirsi.

      Elimina
    7. la femminilità è un fatto di ormoni? Stai bene, Gus? ...forse la confondi con la sessualità...allora si. Sono un paio di giorni che ti leggo e....mah!
      Spesso viene fraintesa e proprio dai maschilisti...la femminilità nasce da un qualcosa di molto più sottile, un' espressione interiore....un modo modo di relazionarsi sensibile, ricettivo...aperto e più umano ....non sexy ne...coivolgente-passionale, ne tantomeno chimico.....solo sensibilmente donna, gus.

      Elimina
    8. La femminilità è tutto quello che dici tu, ma gli ormoni svolgono un ruolo importantissimo.
      Il maschilismo vede la femminilità come una provocazione. Invece il modo di porsi, di guardare, di sorridere provengono dall'interiorità intima della donna.

      Elimina
  14. E, va bene. Ma dimmi io cosa posso impegnarmi a fare? La biblioteca, leggere per i ragazzi. E poi? Pregare. E poi? Testimonianze: Beh, ho trovato una dedica che mi fece il mio Parroco che forse ti farà piacere, per me sarà un momento di vanità. Altro.? Suggerisci tu. Poi vedremo. Buonanotte Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preghiera assidua e sentita sicuramente raggiunge i luoghi della barbarie. Insegna ai ragazzi di rispettare le donne.

      Elimina
  15. per DIVERTIRSI?
    MAI VIST DIO ridere!
    Nemmeno Gesù ridEVA.
    Vado VIA da qui per adESSO ... perché è NOTTE, per colpa TUA.

    RispondiElimina
  16. Come l'avete visto il riferimento di Papa Francesco al genocidio turco sugli Armeni? Ha fatto anche un salutino alla Merkel ricordandole dell'anniversario di Buchenwald? Mi sa di no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Papa usa la parola "genocidio" per definire il massacro degli armeni di cento anni fa, compiuto dall'impero ottomano allora sotto il governo dei "Giovani turchi". Anzi, mette in parallelo "il primo genocidio del XX secolo" - mutuando così le parole di Giovanni Paolo II e del patriarca armeno Karekin II nella loro dichiarazione comune del settembre 2001 - con le altre due "grandi tragedie inaudite" del '900, "quelle perpetrate dal nazismo e dallo stalinismo". E le sue parole, pronunciate nella solenne messa in San Pietro per il centenario del "martirio" armeno, irritano fortemente le autorità turche, che ad Ankara convocano immediatamente il nunzio apostolico per esprimere il loro "disappunto".


      http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/04/12/papa-francesco-quello-degli-armeni-primo-genocidio-xx-secolo_56a58305-5c2b-47dd-aaf4-78be6aef30f1.html

      Elimina
  17. Papa Francesco stamane:"Il cammino della Chiesa è quello della “franchezza”, “dire le cose, con libertà”.
    Ora che abbiamo un Papa che parla con franchezza, non ci sta bene ancora?
    LasciamoGli tempo, e sistemerà per benino tanti fanfaroni!
    Ciao.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per capire di cosa è capace l'uomo senza Dio vale la pena ricordare quello che accadeva nel campo di concentramento nazista nominato da Franco:


      http://it.wikipedia.org/wiki/Campo_di_concentramento_di_Buchenwald#Le_efferatezze_sui_prigionieri




      Elimina
    2. Mentre quelli che erano con Dio sono stati a guardare...pure quelli che erano con Gesù in quei tempi sono stati a guardare...
      perché metti la moderazione?

      Elimina
    3. La moderazione è utile quando certi commenti hanno solo scopo di dar vita a un flam ware.
      Il libero arbitrio permette di separare chi è con Dio e chi è contro Dio.

      Elimina
    4. mi riferivo ai discepoli che sono rimasti a guardare....sotto la croce...allora non erano con Gesù? Con Dio si?

      Elimina
    5. I discepoli hanno obbedito al volere di Gesù.

      Elimina
    6. Il Verbo si è fatto carne per morire sulla Croce.

      Elimina
  18. La parola GENOciDIO significa STERMINIO di UN POPOLO di UN DIO.
    A.D. es:EMPIO, delle doDICI tribù di ISRA-EL è rimasta SOLO UNA, quella DEI GIU'DEI.
    Altro che DIO UNICO!
    Ci SONO molti Eloi'Hm che si fanno guerra tra di LORO.
    Abramo ne conobbe UNO, tra i tanti, il più piccolo, con un SUO NOME che non è Jahvè, che vuol dire semplicemente IO SONO COLUI CHE E'.
    Ci sono ancora genocidi in ATTO e molto più POPOLOSI di quelli PASSATI.
    Solo i GENI risorti SONO quelli del DIO PADRE.
    Quelli del FIGLIO vengono sempre UCCISI per poter dividersi l'EREDITA'.
    scUSATE l'ERMETIcittà.
    CI osSERVAno e CI sCOVANO DApPER-TUTTO.
    Un DIO si mangia i figli dell'ALTRO.
    Fano anche PATTI tra loro.
    Non è facile SALVARSI.
    SI ATE scaltri.
    Voi TUTTI non siete SOLO Figli del Mondo, ma anche DEI ...

    RispondiElimina