martedì 28 aprile 2015

Crescere in un senso desiderato


I miei figli chiamano al telefono. Le associazioni umanitarie mi adorano. Restano i creditori che già sono stati pagati dalla banca. L'altra vita non invia posta.



20 commenti:

  1. Potevo indicare un altro colore, ma istintivamente ho scritto verde.
    Il giallo è la tentazione. La mia fede lo trasforma in verde.
    Il gioco dei colori è solo questo.
    Sono costretto perché la mia coscienza è scritta. Scritta da tanto tempo.
    La mia vita sarebbe persa, stravolta, scegliendo il giallo.

    RispondiElimina
  2. Verde speranza?
    Giallo non e' solo tentazione, ma anche gelosia, per quello che so.
    Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gelosia è la peggiore delle tentazioni :)
      Ciao.

      Elimina
    2. In questo caso, non sono tentata, non mi piace il giallo e neanche la gelosia.
      Mi piace il nero....troppo lugubre?! A bando le ciance, mi piace scherzare e ironizzare, ma davvero, quella non apertura della cassetta delle lettere, non e' una non apertura del tuo cuore, verso l'esterno, verso un'altra vita, che non sia solo spirituale o nei ricordi?
      Scusa se mi sono permessa, ma quello che sento scrivo, nel rispetto, ovviamente.
      Ciao.

      Elimina
    3. I miei figli chiamano al telefono. Le associazioni umanitarie mi adorano. Restano i creditori che già sono stati pagati dalla banca. L'altra vita non invia posta.
      Ciao Fiorella.

      Elimina
    4. ah beh..se li ha pagati la banca..da voi succedono cose strane...si, l'esatto contrario di ciò che capita a noi...sisisi pure noi manteniamo, e da una vita...

      Elimina
    5. Sì, paga la banca ma i soldi li prende dal mio c/c. Mai sentito parlare di domiciliazione delle utenze?
      La banca incassa la mia pensione. Uso il più possibile bancomat e carta di credito, anche per fare la spesa. Non vedo una carta da 100 euro da un secolo.

      Elimina
  3. Tu hai già sopportato prove pazzesche nella tua vita. Cosa vuoi che interessi una tentazione ora? Credi potrebbe perderti una tentazione ora? E perchè mai? Hai fatto trenta e devi fare trentuno? Esiste il pericolo contrario Gus. Beatificarsi sulle proprie prove.. apri quella cassetta e leggi chi ti scrive.. potrebbe avere più bisogno di te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, sarebbe un errore grave ritenersi inattaccabile.
      La posta prima o dopo devo controllarla. I creditori hanno già incassato con la domiciliazione bancaria. I bisognosi vengono accontentati.

      Elimina
  4. Se Cristo è risposta al bisogno umano, se Cristo definisce il destino cui tendono gli input che ci gremiscono cuore e istanti, persona e tempo, se Cristo si pone risposta a questi urti, a questi input che ci gremiscono, allora tanto più interessante è il problema di Cristo, tanto più il suo nome è importante, tanto più io centro opportunamente su di esso occhi e indagine, tanto più mi apro a quello che questo nome indica, tanto più leggo le tracce dei suoi pensieri e le sue parole rimaste, quanto più sento quello che mi urge dentro, quanto più sono io, uomo o donna.
    «Nulla è tanto incredibile quanto la risposta ad un problema che non si pone»
    Amo con occhi che brillano di meraviglia i miei tulipani gialli! Li avrei preferiti rossi, ma il problema non è il colore che può crearmi delle domande, ma il problema è che tra qualche giorno appassiranno: non sono eterni. Saranno eterni nel mio ricordo dolce.
    Dolce e compassionevole come lo sguardo di Gesù alle migliaia di persone sedute sulla collina che aspettavano Lui. Aspettavano la Sua Parola. Seduti sull'erba verde.
    Ciao Gus. Spiegami, perchè oggi è un giorno che bussa al mio cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non bussa. E' già entrato quel giorno che ti veniva tolto tanto.

      Elimina
    2. Ecco. Quando parli così sei il Gus che ammiro. E che insegna ;)

      Elimina
  5. Oh sul discorso della vecchiaia posso lasciarti una poesia:
    Quando giungerò alla vecchiaia – se ci giungerò –
    mi guarderò allo specchio e conterò le rughe
    delicata orografia nella mia pelle distesa.
    Quando potrò contare i segni che han lasciato le lacrime
    e le ansie – e il mio corpo risponderà con lentezza ai miei desideri,
    quando vedrò la mia vita scorrere in vene azzurre, –
    in profonde occhiaie, … So che il mio cuore manderà ancora
    – ribelle – il suo ticchettio – e i dubbi e i vasti orizzonti
    saluteranno ancora – le mie mattine.
    Gioconda Belli

    Oppure un pensiero che mi scrisse un mio grande amico del web:
    ’importanza delle cose è diversa. Un alito di vento che ti fa sentire vivo…due parole sussurrate da un amico…la velocità del tempo che passa…sono piccoli gioielli che ti donano grandi cose mentre il resto ti riguarda meno. Sarà che ti rendi conto che non puoi più fare nulla e che è trascorso il tempo degli spadoni. Ma ti accorgi che quella non è la vita. Che la vita è quella che vai scoprendo, amandola, giorno dietro giorno ed ora dietro ora. Non ti va più di giocare ai finti grandi. Sei e resti alla ricerca di cose vere. Che poi sono le stesse che mancano alle altre per diventare grandi veramente. La VITA. La VERITA’, la SPIETATA SINCERITA’ e la ricerca dell’AMORE: quello di cui tu sei assetato, e quello che vuoi dare e che fai sempre più fatica a dare…. (Gigi)

    Mi sento un angelo che cammina leggero leggero su questa terra così indaffarata, così di corsa., così indifferente a ciò che accade intorno. Tutto si trasforma alla velocità della luce, eppure l’amore rimane sempre lo stesso, il ricercarlo, l’assaporarlo, il tenerlo, il perderlo, il ritrovarlo, sì il cuore rimane sempre uguale, come il mio che vive di emozioni e trovo la mia forza proprio con lui, in Lui. Sì la mia forza viene dall’amore che provo, che riempie la mia vita. Ho pianto, ho aspettato che la mia fragilità diventasse forza, ho lottato contro parole che feriscono, che fanno male, ma non ho permesso che tradissero ciò in cui credo, sono rimasta in silenzio, con il cuore fermo, in attesa, ho ascoltato le Sue parole e mi sono lasciata cullare sapendo che era per il mio bene, sensazioni di leggerezza che mi lasciano sfinita ma sicura che il mio presente sarà colorato e bello da mozzarmi il fiato..(Annamaria)

    Comunque sia la nostra più grande amica è sempre la Fede
    PS scusa il commento lunghissimo...ma l'argomento vecchiaia mi interessa particolarmente. Ciao gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Belli è molto gradito.
      La vecchia sembra un qualcosa che non ti appartiene, invece arriva e devi essere bravo ad accoglierla.
      Ciao Annamaria.

      Elimina
    2. Infatti sono diventata brava ad accoglierla...Figurati che mi ricordo di avere un c/c in banca, la pensione accreditata nel c/c e la domiciliazione delle relative utenze e finora non è successo nulla di "contrario" da una vita.
      Siamo bravi noi italiani sia del NORD che del SUD vero?
      Ciao Gus

      Elimina
  6. Io mi trovo a dare più senso alle cose che faccio, le faccio con più naturalezza, perché penso in me ci sia più consapevolezza di non essere mai sola, il Signore cammina con me, io cammino nella sua luce.La vecchiaia non mi spaventa, anche perché ormai ci sono dentro pienamente, i solchi sulla mia pelle sono vita vissuta,donata attimi su attimi alla mia famiglia, gli acciacchi ci sono, ma cerco di affrontarli con il sorriso,posso donare ancora parte del mio tempo a chi sono utile, è questo è meraviglioso.
    Ciao August, a me piace il colore arancio e il colore azzurro.
    Serena notte.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché riesci a donare resti giovane.
      Ciao Dani.

      Elimina
  7. Ecco che di punto in bianco (ho appena tinteggiato!) ritorno giovane:mi hanno "supplicato" di tornare alla scuola di comunità. Domani sera Alberto e Giorgio mi verranno a prendere. Debbo ripassare "Perchè la Chiesa" 3 capitolo 1° Tomo. Sarà una toccata e fuga. Buonanotte a tutti. Gus anche tu hai un pacco di cartoline "così" (Unicef, bimbi sordo-ciechi ecc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' diffico0ltoso affrontare una realtà di tipo religioso. Lo ha ben ricordato Nietzsche nel suo " Al di là del bene e del male ", quando commentando l'insensibilità dei suoi contemporanei al paradosso cristiano dell'Incarnazione e della crocifissione parlava degli uomini dei tempi moderni, la cui intelligenza è tanto ottusa da non capire più il senso del linguaggio cristiano.

      Io avrò almeno 15 adozioni.

      Notte teologa. Giussani non fa catechismo. Il tuo compito è molto impegnativo.

      Elimina
    2. la cui intelligenza è tanto ottusa da non capire più il senso del linguaggio cristiano...c'è chi sostiene esattamente il contrario.
      notte!

      Elimina