lunedì 23 aprile 2018

Cominciamo a pensare alle vacanze







Le mie vacanze sono brevi, massimo 12 giorni,
ma sono così intense che vivo di rendita per un anno intero.
Si aspetta il momento in cui medicare i lividi e le ammaccature di quella guerra di logoramento che è l'anno trascorso ,e la vacanza è la parentesi in cui finalmente si può staccare la spina da se stessi. C'è però anche un altro modo di concepire le vacanze, che è innanzitutto un altro modo di concepire la vita.
Diceva Cechov: "Quando mi veniva voglia di capire qualcuno o me stesso prendevo in esame non le azioni, nelle quali tutto è convenzionale, bensì i desideri. Dimmi cosa vuoi e ti dirò chi sei".
E' un criterio di valutazione rivoluzionario, intrigante, che non lascia tranquillo l'assetto borghese.
" Quello che una persona veramente vuole lo capisco non da ciò che è obbligato a fare, ma da come usa il tempo libero (Luigi Giussani)".
La vacanza diventa di colpo un test di quello che si vuole e di come si concepisce la vita. Ciascuno allora può giudicare, capire come stanno le cose per sé.
Le vacanze ti costringono a pensare a ciò che non hai fatto.. ma anche a complimentarci di cosa abbiamo fatto.. sono una sorta di verifica.. le mie sono di relax completo.. Niente gente.. niente dialoghi.. niente di niente solo una cosa, un letto per dormire dormire, 
dormire.
La mia psiche si accontenta di poco.. o forse è talmente stanca che non vede altro che far nanna.
La vacanza è il momento migliore per mettersi alla finestra a guardare zaini stipati caricati in spalle su abbigliamenti improbabili che viaggiano su zeppe motrici in fila per tre col resto di due. E' il momento migliore per congratularsi con il se stesso spettatore che ha la fortuna di vederti andar per godersi finalmente un libro in santa pace.
Io, pescarese da sempre, andrò a Gardone Riviera perché nelle notti di plenilunio ho incontri ravvicinati con Gabriele e la signora Duse. Si è innamorata di me e il mio bisnonno è geloso fino alla follia. 


25 commenti:

  1. Migliore ipotesi per questa immagine: Vittoriale di Gabriele D'annunzio Gardone riviera.

    RispondiElimina
  2. Temo che quest'anno Fred ed io non faremo vacanze, troppe spese e siamo solo ad aprile!
    Del resto ci siamo abituati, di solito stacchiamo qualche giorno ad agosto ed una settimana a Natale ma solo lo scorso anno siamo riusciti a partire...per soli 4 giorni, oltretutto. E' andata bene comunque. Relax, buon cibo, ottima compagnia. E ho potuto camminare su un lungomare piacevolissimo.
    Buona giornata Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei una creativa e troverai qualche idea per fare la vacanza senza muoversi di casa.
      Ciao Sara.

      Elimina
  3. Quando ho letto il titolo l'ho associato al mio Milan, ahahah!

    Beh ormai ci siamo, l'estate è a un passo.

    Le vacanze per me sono soprattutto distacco dal telefono cellulare e dal lavoro (le due cose sono strettamente connesse). Sono tre settimane fondamentali per ricaricare le batterie, visto che per Pasqua e Natale non mi fermo mai.

    RispondiElimina
  4. Già a non vedere i condomini del palazzo è un godimento bestiale.

    RispondiElimina
  5. 😂😂😂 hai ragione, Gus, anche solo pochi giorni per cambiare luce, paesaggio... Bisogna rompere la routine e ci si rinnova. Buona continuazione di giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai 😊😊😊🤗🤗🤗🤗🤗🤗👋👋👋
      Ciao Annamaria.

      Elimina
  6. Giå solo il caldo per me é vacanza, leberarsi dai vestiti, stare più tempo fuori. Purtroppo di mezzo c'é il cambio di stagione e ora sono invasa da vestiti invernali ed estivi sparsi per la casa 😯😯 Chi viene a stirare al posto mioooo?? 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mezza stagione: maledetta primavera!
      Ciao Giulia.

      Elimina
  7. Per me, mi sa che quest'anno niente vacanze... vedremo poi...

    Comunque, in merito a un tuo commento lasciato sul mio blog un pò di tempo fa...
    Non preoccuparti se non vedi tuoi commenti dopo un bel pò di tempo... io passo in rassegna tutti i commenti prima di moderarli e, visto che è stato un periodo moooolto intenso, ci ho messo un pò a moderare tutti i commenti (motivo per cui ti rispondo solo ora).
    Poi... il post sulla torta mandorle e avena in realtà non lo avevo fatto sparire, semplicemente la mia intenzione era quella di programmarlo per qualche giorno dopo, ma ho sbagliato e l'ho pubblicato anziché programmarlo... tutto qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai sbagliato, pubblicato e mangiato il giorno dopo?
      Fantastica.
      Ciao.

      Elimina
  8. Il Vittoriale è di un fascino incredibile, inquieta e avvince, ispira sogni ed arricchisce l'anima.. un parco ed una casa fuori dal tempo... ma tornando a noi.. io ne faccio un sacco di vacanze, brevi e spezzettate, anche se quest'anno la crociera mi ha rosicchiato diverso tempo, ma mai finirò di benedirla.. le vacanze sono anche preparazione, attesa, studio, sabato del villaggio insomma.. più se ne fanno (anche brevi), più c'è la gioia per una ripartenza...

    RispondiElimina
  9. Niente è meglio di un clima influenzato dal lago. La sera come d'incanto cessa il caldo afoso e devi indossare la giacca. Sì, i luoghi sono pieni di un fascino misterioso.

    RispondiElimina
  10. Prima del viaggio si scrutano gli orari,
    le coincidenze, le soste, le pernottazioni
    e le prenotazioni ( di camere con bagno
    o doccia, a un letto o due o addirittura un flat);
    si consultano
    le guide Hachette e quelle dei musei,
    si scambiano valute, si dividono
    franchi da escudos, rubli da copechi;
    prima del viaggio si informa
    qualche amico o parente,si controllano
    valigie e passaporti, si completa
    il corredo, si acquista un supplemento
    di lamette da barba, eventualmente
    si dà un’occhiata al testamento, pura
    scaramanzia perché i disastri aerei
    in percentuale sono nulla;
    prima
    del viaggio si è tranquilli ma si sospetta che
    il saggio non si muova e che il piacere
    di ritornare costi uno sproposito.
    E poi si parte e tutto è OK e tutto
    è per il meglio e inutile.

    E ora che ne sarà
    del mio viaggio?
    Troppo accuratamente l’ho studiato
    senza saperne nulla. Un imprevisto
    è la sola speranza. Ma mi dicono
    che è una stoltezza dirselo.


    Eugenio Montale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di quale viaggio parla?

      Elimina
  11. La poesia mette in evidenza i riti dell'uomo d'oggi. La burocratizzazióne del desiderio.
    Allora che fare? Risponde che servirebbe un imprevisto, ma non in senso negativo ma come Speranza di un cambiamento.

    RispondiElimina
  12. « L'argomento della mia poesia è la condizione umana in sé considerata: non questo o quello avvenimento storico. Ciò non significa estraniarsi da quanto avviene nel mondo; significa solo coscienza, e volontà, di non scambiare l'essenziale col transitorio. Avendo sentito fin dalla nascita una totale disarmonia con la realtà che mi circondava, la materia della mia ispirazione non poteva essere che quella disarmonia »
    (E. Montale in "Confessioni di scrittori (Intervista con se stessi)", Milano 1976)

    RispondiElimina
  13. Montale tenta di recepire di decifrare il Mistero che è insito in ogni vicenda umana, in ogni individuo e nella sua storia: "Qualche uccello di mare se ne va; | né sosta mai: perché tutte le immagini | portano scritto: più in là".

    Questa sorta di – più in là – montaliano non è altro che l'altrove.

    Montale si muove ora verso una direzione che dall'interpretazione nichilista si connota come affermazione di una ricerca del senso della vita, ossia del Mistero che la orienta e la macera, tentando di dare un significato al tutto.

    RispondiElimina
  14. Perché questa mia divagazione verso Montale.
    Semplice. Le sue poesie ti inducono a riflettere.
    Unico. Diverso da Pascoli e D'Annunzio. Forse superficialmente critico di Pirandello, come Croce.

    RispondiElimina
  15. Tantissimo che non ci concediamo vacanze ....un trentennio ...a parte un weekend lo scorso novembre in Lussemburgo dove abita il figliolo ...e un altro in Spagna nel 2013 per la sua laurea master ....chissà se quest'annosi riesce ... ma ti dirò sono esigenze diverse le mie ...voglia di conoscenza e visitare luoghi... vecchi, nuovi ...voglia di emozionarsi a paesaggi diversi ....non spaparanzati a tavole e stesi a poltrire tutto il giorno come piacerebbe al marito .... fosse per me partirei anche su due ruote ....allora meglio stare a casa ....goditi le tue anmate vacanze ... buona giornata

    RispondiElimina
  16. "Voglia di emozionarsi" significa che sei "viva".
    Ciao Giusi.

    RispondiElimina
  17. Mah qui non saprei cosa dirti. Io mi sento in vacanza da 6 anni e 4 mesi (pensione) o forse da 2 anni e 3 mesi da che abito definitivamente nelle Langhe. Quindi per me più che parlare di vacanze in senso stretto, parlerei di viaggi alla scoperta di luoghi nuovi da conoscere. Abbraccio siempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, meglio dire viaggio.

      Elimina
  18. In questi giorni non farò vacanze, andrò a fare un giro a Verona a maggio!😊 Io fortunatamente ho il lago dietro casa e faccio delle belle passeggiate in mezzo alla natura!😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vanessa, sei una bella persona. Un esempio di quello che io chiamo "bellezza interiore".
      Ciao.

      Elimina