lunedì 4 settembre 2017

Il posto del ristoro






Non ho voglia di parlare di teologia e filosofia.

L'oggetto dei miei pensieri è una poltrona di legno e velluto.

C'è un luogo tra i chiodi che fissano il tessuto al legno

che è più largo dell'ovvio.

Là, io infilo l'unghia del pollice della mia mano sinistra e

trovo ristoro ai miei affanni.

Non è tanto semplice perché quel punto cercato e amato

non è facilmente individuabile.

Sarà che sono stanco, oppure che sto sognando,

ma la fessura accogliente non è mai la stessa.

Si sposta e devo ricercarla con pazienza, sicuro di trovarla

per il fatto che non sono stato mai tradito.

Intanto una nuvoletta di fumo sale verso il soffitto.

E' una fortuna rara. Chi è stressato, annoiato, oppure deluso dal

quotidiano fa sempre fatica a trovare un angolo che dà sicurezza.

Voi avete un luogo dove riposarvi, oppure fantasticare?





27 commenti:

  1. La doccia è il mio luogo di ristoro. Tiepida in estate, bollente in inverno. Lì sembra che tutto quanto scivoli via, che riesca a lasciar andare qualunque cosa. Sensazione effimera e poco duratura, ma meglio di niente suvvia.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Interessante.
      Le sensazioni e le emozioni positive che l’elemento acqua provoca sono piuttosto forti.

      Elimina
  2. Migliore ipotesi per questa immagine: neck.

    RispondiElimina
  3. Un buen descanso, da para pensar. Un abrazo, feliz semana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi pensarci?
      Bene.
      Felice settimana.

      Elimina
  4. Ho due "cucce" il tinello e lo studio dove sono ora col PC. L'angolo del lavoro e quello della memoria, peccato non poterti mandare le fotografie, come invece a parole hai fatto tu.
    Bacio amico caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene. Ci vogliono due cucce.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  5. La mia immaginazione generalmente prende il volo quando sono un puntino in mezzo alla folla di una città in corsa, è lì che che mi sento veramente viva. Bel post.
    Ciao Gus e buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Originale Sinforosa.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
  6. Io non ho un angolo o una fessura dove ritrovare chi amo e non è più. Perché nel mio cuore li ho “tutti”, non ho bisogno di estraniare gli altri che amo, siamo tutt’uno. Per rivolgermi a loro guardo il cielo, e “canto” il mio amore per loro. Riportano sulle mie labbra il sorriso, e dolcemente riprendo la mia quotidianità, fatta di piccole cose che ognuno di loro mi ha insegnato. La mia mamma la fede, e la costanza. Il mio caro papà l’allegria, l’ottimismo, le mie sorelle il romanticismo, e la tenerezza, la mamma e il papà di Lucio, la pazienza, la semplicità e la condivisione. Cosa volere di più?
    Sono tutti qui nel mio cuore, sempre!
    Ciao August, oggi giorno di nostalgia? Lo sai che è contagiosa?
    Buon pomeriggio grande!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essì, capita.
      Abbraccio Dani.

      Elimina
  7. Ho dimenticati di sottolineare che per riposare, rilassarmi veramente, ho anche bisogno di armoniosa armonia intorno a me. E adesso a cucire! Buon pomeriggio con un nuovo bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai molte pretese :)
      Ciao.

      Elimina
  8. Bene. Non hai bisogno di mettere il pollice tra i chiodi che fissano il velluto sulla poltrona.
    Grazie.
    Ciao.

    RispondiElimina
  9. La mia poltrona di ikea, con un libro tra le mani o il pc sulle ginocchia. Quello il mio angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiudo gli occhi e ti vedo.

      Elimina
  10. Per me, d'estate è il mio giardino che tu hai già visto in foto. D'inverno direi la sedia a dondolo vicino all'angolo del camino.
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il giardino del ristoro.

      Elimina
    2. Ciao Gus un abbraccio e un bellissimo pomeriggio a te (✿◠‿◠)

      Elimina
    3. Grazie Farfalla.
      Ciao.

      Elimina
  11. Finalmente ho potuto rileggere con calma questo post. Sai? Il solo leggerlo dona un po' del ristoro regalato da quella poltrona. Hai reso perfettamente la sensazione di conoscere profondamente e intimamente un luogo che diventa il porto sicuro della nostra anima. Il mio posto è la finestra della mia camera a Catania. Ogni sera, prima di andare a dormire, mi affaccio e guardo la luna: è il mio rito che mi dona la pace. Ciao Gus, a presto:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche un'alternativa alla poltrona.
      Appena cenato quattro passi sulla riva del mare.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
  12. Mmmmm. L'angolo a ovest del mio divano direi. Fondamentale un raccoglimento massimo: gambe ripiegate sotto il sedere, cuscino fra le braccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già ti vedo Gioia.
      E' una posizione vincente.

      Elimina
    2. Assolutamente;D

      Elimina
    3. Io sono un personaggio virtuale nel senso che non conosco nemmeno un utente dei blog, anche chi è di Pescara come Pippa e Brunella. E' una mia scelta. Attraverso la lettura di chi scrive o commenta ho acquisito una sensibilità particolare.
      Leggendoti vedo in te una persona che profuma di pulito. Resta così, non scadere nei sentimenti ostili e di vendetta.

      Elimina