domenica 18 aprile 2021

Stare bene con gli altri

 


La semplicità io l'associo all'assenza di malizia, all'assenza di secondi fini, all'assenza di furbizia, alla genuinità, alla sincerità, all'attenzione all'altro, alla serenità con cui si sanno affrontare anche le realtà che feriscono.
I bambini possono avere solo alcune di queste sfumature della semplicità.
Spetta poi a ciascuno, crescendo, coltivare tutte quelle altre sfumature che lo renderanno una persona coerente o meno alle cose che dice, che suggerisce.
Di certo la persona "veramente semplice" vive serenamente anche quelle realtà per cui la persona "complicata" si dispera, battendo pugni e piedi.
La semplicità è una questione di cuore, di emozioni, sentimenti.
La passione di capire, ciò che ci sta attorno, senza voler essere protagonisti, superare gli altri, ma di godere di ciò che ci circonda e dispiacersi su ciò che è male, senza giudicare.
Non è semplice comunicare nel modo giusto perché a volte diciamo qualcosa e però il nostro interlocutore percepisce altro oppure ci aspettiamo delle risposte diverse e prendiamo per negative quelle diverse che ci arrivano.
La cosa importante è sapere di avere la coscienza pulita e non partire mai con l'intento di voler ferire davvero qualcuno.
La semplicità è tutto, la chiarezza è tutto, la trasparenza è tutto.
Tutta roba che un sacco di gente, non sa proprio neanche dove sta di casa.
Arduo, dice Luigi Giussani, non si contrappone a semplice.
Semplice indica la modalità con cui affrontare l'arduo.
Se tu guardi l'arduo senza semplicità, dici: " Ma, se, però, forse, chissà" , che sono le parole più sordidamente nemiche della percezione del vero.
Perché uno può trovarsi davanti una faccia bella, ma se non la ama trova tutti i pretesti per dire: "Qui, ma, però, ha il puntino qui, ha il puntino nero lì, ha il puntino giallo là, ha il naso leggermente spostato a sinistra, leggermente spostato a destra".
Scavare su terreni, soprattutto rocciosi ,è molto faticoso; lo è anche scavare in noi stessi, sotto tante incrostazioni fatte d'abitudini e forse di vizi ormai consolidati. Credo sia un esercizio necessario a tutte le latitudini, ma sicuramente indispensabile oggi, così spesso protesi verso l'esteriorità, la superficialità, la banalità, le apparenze.
I Padri della Chiesa dicevano: scava dentro di te.
E' lì la fonte del bene, ed essa può sempre continuare a zampillare, se tu scavi sempre.
Ci sono due tranelli che al fondo ci trattengono dal chiederci: "Cosa sto cercando?" o ci impediscono anche solo di avvicinarci alla risposta, seppure ci siamo fatti la domanda: Il mondo moderno ha rinunciato alla possibilità di conoscere la verità.
La curiosità di una domanda allarga la ragione perché dilata l'orizzonte del conoscibile.
Il cuore intuisce già che l'orizzonte è più ampio di quanto il mondo oggi affermi.
La nostra capacità di indagare le cose con la ragione
è ispirata dal presentimento del cuore che esiste qualcosa di più grande.
Si chiama esigenza di verità.







29 commenti:

  1. Immagine: pensiero.
    Star bene con se stessi aiuta a stare bene anche con gli altri.

    RispondiElimina
  2. Ciao Gus, sto bene con gli altri se non si dimenticano le regole della buona educazione, altrimenti preferisco rimanere sola. Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con il tuo pensiero!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  4. Brava. Ora puoi riposarti.

    RispondiElimina
  5. Semplicità è essere trasparenti, sinceri, fiduciosi e non pretenziosi, tuttavia nell’approccio con gli altri e con le innumerevoli e variegate realtà della vita e della nostra società oltre alla semplicità è necessario tanta prudenza, che ci mette in grado di percepire anti tempo le conseguenze del nostro parlare e agire.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna sempre agire nel rispetto degli altri.

      Elimina
  6. C'è chi non riesce a capire che ferisce. E sono le persone peggiori. Quelle che non sbagliano mai. Ce n'è una parte in ognuno di noi. Incontrarla e conoscerla serve a tenerla buona. A comprendere quando sbagliamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno di noi dovrebbe sapere che si può scrivere usando semplicità e rispetto.

      Elimina
  7. È sempre una questione di cuore..porsi con il cuore in mano ed allo stesso sapere ascoltare..ho letto che se il cuore usasse ragione smetterebbe di battere..ho visto tanti limiti dettati dalla mente, però il cuore sentiva che c'era altro..
    Buongiorno gus, buona giornata

    RispondiElimina
  8. C'è sempre qualcosa di più importante in tutti i rapporti della nostra vita.
    Ciao Ges.

    RispondiElimina
  9. E' veramente ardua la ricerca di persone semplici. Il mondo è abitato da una marea di persone complicate. Vorremmo tutti essere semplici quando entriamo in relazione con gli altri, ma diciamo che è meglio andarci con i piedi di piombo perchè ci sono troppe persone complicate a cui non interessa la ricerca della verità, la trasparenza. A me sembra che amino ciò che è complicato, ciò che genera equivoci e discussioni. E' giusto quel che dici, bisognerebbe scavare dentro di sè e trovare quel bene prezioso che ci fa stare bene con noi stessi e gli altri, ma credo che non è cosa da tutti. Credo si nasca con una propensione alla semplicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I rapporti umani servono ad arricchire le nostre conoscenze. Il linguaggio deve essere facilmente comprensibile e favorire la ricerca della verità.
      Non dobbiamo farci condizionare dagli azzeccagarbugli e da chi crede che ogni discussione sia l'occasione per piantare un piede sul petto dell'interlocutore, oppure sfogarsi delle proprie frustrazioni insultando gli altri.

      Elimina
  10. Il blog è selettivo. Si capisce subito chi cerca solo l'affermazione personale e chi ha interesse a confrontarsi.
    la cosa più irritante è la tendenza a contraddire quando non si hanno argomenti che possano supportare una propria opinione.

    RispondiElimina
  11. L'infantilismo, il dispetto, l'offesa sono frequenti e irrazionali.
    Perché non cercare la semplicità?
    La semplicità si coniuga con un pensiero originario, che prende le mosse dal punto di partenza. Quindi dal cuore, dal sentimento, dall'origine del sentirsi profondamente disponibili.

    RispondiElimina
  12. La semplicità è cogliere il molteplice in ciò che è normale e sopravvalutarlo.
    Quando qualcosa piace ha tutti i pregi del mondo, quando non piace non c'è magia che possa fartela apprezzare.
    In pochi sanno cogliere la genuinità nelle persone e nelle cose, l'artificio invece lo colgono tutti.

    RispondiElimina
  13. Io la chiamerei bontà d'animo perché a volte la semplicità è scambiata e confusa erroneamente ed ingiustamente, ma accade, con un altro modo di essere, quello del sempliciotto ed allora non trovo giusto che invece questo capacita così alta sia anche maliziosamente scambiata con altro. La bontà d'animo è in chiunque voglia "perdere" tempo a cercarla e coltivarla dentro di sé, e quindi alberga sia nell'uomo di cultura che nell'individuo della strada, più semplice, meno capace di conoscere le cose, ma spinto da un profondo interesse verso la conoscenza ed una voglia di cultura e sapere per il desiderio di capire la realtà che ci circonda.

    RispondiElimina
  14. Il post inizia con questo concetto:

    *La semplicità io l'associo all'assenza di malizia, all'assenza di secondi fini, all'assenza di furbizia, alla genuinità, alla sincerità, all'attenzione all'altro, alla serenità con cui si sanno affrontare anche le realtà che feriscono*.


    Daniele, non è possibile scambiarlo con altro. La bontà d'animo è qualcosa in più che non intacca il concetto di base.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quello che io chiamerei anche un'anima pulita o una persona pulita dentro priva di malizia, mai votata a secondi fini, solidale, capace di ascoltare il prossimo e serena nell'affrontare i dolori della vita. Ci sono o sono ancora non perfettamente in linea con il tuo pensiero? :-))) A me pare solo che diamo allo stesso pensiero nomi diversi. Sbaglio?

      Elimina
    2. Il concetto è identico, si cerca solo di metterci più cose possibili. La serenità di affrontare i dolori della vita è una qualità enorme.

      Elimina
    3. Il contraddittorio è possibile e anche auspicabile.. Daniele ed io, ad esempio, possiamo vederla diversa senza perderci di rispetto, di stima e di bene. Ciò non accade con chi è ristretto. In tutti i sensi (ristretto intendevo..)

      Elimina
    4. Le opinioni possono essere diverse e così aumenta la conoscenza di un problema.

      Elimina
  15. Non è facile trovare persone leali e sincere, purtroppo c'è tanta falsità e cattiveria in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi andiamo avanti per la nostra strada. Chi è falso gira solo su se stesso.

      Elimina