venerdì 16 aprile 2021

Fidarsi degli altri

 



Luigi Giussani ha scritto che *fidarsi è bene, non fidarsi è meglio* è un proverbio stupido, contrario a quanto c'è di più evidente.
Sono d'accordo.
La capacità di fidarsi è propria dell'uomo grande e adulto, dell'uomo che ha conosciuto molte cose, che ha riflettuto su tutto: egli sa immediatamente quando l'altro gli parla se deve dubitare o se l'altro parla schiettamente.
Quanto uno è più ricco di umanità, quanto più uno è critico di se stesso, è cosciente dei limiti del suo andare umano, è cosciente della sua realtà, tanto più che sa quando e come fidarsi.
Sapersi fidare: questa è genialità.
Non sapersi fidare: questo è un errore che commettono tutti, anche il marito verso la moglie, anche la madre verso il figlio, il figlio verso i genitori.
E questo è all'origine di tanti dissesti.
Istintivamente e naturalmente sono uno che si fida. Ma perché questo avvenga anche razionalmente l'altro mi deve assomigliare, cioè devo riconoscere in lui le mie stesse modalità, non necessariamente negli atteggiamenti comportamentali.
E' chiaro che le brutte esperienze sono un deterrente che creano una sovrastruttura diffidente. Ma se volessi solo interrogare il mio istinto direi che mi fido, fin troppo. Credo nel potenziale buono di tutti.
Spesso capita di fidarsi di chi non si dovrebbe e non fidarsi di chi invece lo meriterebbe.
La fiducia dipende da cosa ti aspetti dagli altri, dipende da cosa desideri, dipende da cosa stai vivendo in un particolare momento, da cosa "ti serve" dentro.
Ho letto che l’essere chiusi in se stessi, stare sempre sul chi va là, non aiuta né se stessi né migliora il rapporto con gli altri con cui bisogna inevitabilmente rapportarsi, almeno che non si voglia vivere da eremiti in mezzo ad un’isola deserta.
E sono pienamente d'accordo.
Un amico sincero è un balsamo nella vita, è la più sicura protezione.
Potrai raccogliere tesori d’ogni genere ma nulla vale quanto una vera amicizia.
L’amico suscita nel cuore una tranquillità che si diffonde in tutto l’essere.
Con lui si vive un’unione profonda che dona all’animo gioia inesprimibile.
La sua presenza ridesta la nostra mente e la libera da molte preoccupazioni.


30 commenti:

  1. Ti sbagli. Io rendo conto solo alla mia coscienza che non si è formata con l'etica e le chiacchiere oziose, ma è scritta da chi non può sbagliare.

    RispondiElimina
  2. Io mi sto accorgendo che quando ho un problema devo contare solo su me stessa.Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami OLga, ma fai male. Qualsiasi persona onesta potrebbe darti un buon consiglio.
      Ciao.

      Elimina
  3. Devi fidarti delle persone, ma stai attento. Ci sono persone a cui è pericoloso fidarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irina, io da uno sguardo capisco chi è quella persona.
      Anche nel virtuale non mi sfugge la personalità di qualsiasi utente.

      Elimina
    2. Il cuore deve muoversi nel binario della ragionevolezza.
      Anche quel prete aveva cuore e si innamorava, mentre aveva già come sposo Cristo.
      Bene, ora ha deragliato. Cosa dirà a Cristo? La sua vocazione l'ha calpestata.

      Elimina
    3. Ora ci sono molti truffatori su Internet e nella vita reale.

      Elimina
    4. Il fidarsi non significa essere stupidi.
      Ciao Irina.

      Elimina
  4. Abbiamo bisogno di testimoni e non di maestri.

    RispondiElimina
  5. Non bisogna diventare diffidenti solo perché qualcuno ha sbagliato.
    Non bisogna farlo perché finiremmo per punire chi è senza colpa.
    La serenità vive in simbiosi con la coscienza pulita.

    RispondiElimina
  6. Io mi fido per dna. E prendo belle botte dalle quali tuttavia mi riprendo. Ho scritto ad un'altra blogger che "colleziono mortificazioni con orgoglio". Perché sbaglio a testa alta, senza calcoli subdoli. E continuo a fidarmi, e continuo a sbagliare, ma anche a conoscere bellissime persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che cerco di fare. Per conoscere gente che ti fa sentire bene devi prendere anche i calci da chi vive un'ambigua realtà.

      Elimina
  7. Ho capito che non fidarsi a prescindere è come chiudere la porta: non entra il freddo, ma non vedi il cielo. Ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento racchiude il pensiero del mio poost.
      Ciao Ninin.

      Elimina
  8. Prudente si, ma diffidente per partito preso no. Se poi la fiducia viene tradita, difficile concederla di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha sciupato la tua fiducia non può avere una prova d'appello, ma un'altra persona puoi accoglierla.
      Ciao Fabio.

      Elimina
    2. Io sono anche per le prove d'appello. Poi prendo bastonate anche là, e allora basta.

      Elimina
  9. Boa noite Gus. Passando para parabenizar o seu trabalho e desejo de um bom final de semana.

    RispondiElimina
  10. La fiducia non è come l'optional di un'auto, non è di serie.
    È qualcosa di profondo, fragile e non si deve mai concedere a tutti tanto meno al primo incontro.
    Io sono diffidente per natura, soprattutto dopo certi accadimenti di cui sai anche tu.
    Chi vuole la mia fiducia se la deve sudare e non è detto che gli venga concessa.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio concetto di base è l'accoglienza. Se qualcuno tradisce la mia fiducia, per me non cambia niente nel rapporto con gli altri.
      Abbraccio Francesca.

      Elimina
  11. Mi fido degli altri; il Vangelo ci insegna a essere "semplici come colombe e prudenti come serpenti".
    sinforosa

    RispondiElimina
  12. Per me non è sempre una cosa facile... per fidarmi ho bisogno di sondare il terreno ....non abbiamo tutti un infallibile intuito :)
    buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che non ci sia una diffidenza di base.

      Elimina
    2. Faccio perdere le mie tracce.

      Elimina
    3. Parlo del cellulare Samsung. Niente internet.
      C'è il Wi-Fi.

      Elimina
  13. Colleziono fregature e delusioni..spesso, troppo spesso ho continuato a fidarmi di chi mi aveva già tradito..tradimento a 360 gradi e non necessariamente tra uomo donna..la fregatura piu grande è l'amore, la mia amica mi accusa di credere pure ad un asino che vola se me lo dice il mio compagno..vedi gus io parto da un concetto di base molto semplice: chi ti vuole bene non ti farebbe mai del male..purtroppo, spesso, non è cosi..alla fine non ti resta che raccoglierti da sola..però la fiducia resta una cosa meravigliosa..
    Buona serata😊

    RispondiElimina
  14. Non indago sul comportamento di un altro.
    Io so che non ho nulla da rimproverarmi.

    RispondiElimina