sabato 11 novembre 2017

La via lattea







Abitavo a Varazze ma facevo uno strano
mestiere a Celle Ligure.
Andavo tutte le sere da Celle Ligure a Varazze
e poi tornavo indietro.
Lì c'è un'ansa della costa, un giro della costa
con un muricciolo basso
e poi c'è la spiaggia e il mare.
La sera di primavera il muricciolo
era zeppo di coppiette.
Una notte non c'era la luna, ma c'era  un cielo
assolutamente limpido,
carico di stelle.
Proprio sul voltare della strada
ho visto il ponte sul mare fatto dalla Via Lattea.
Chi sa osservare il mare fino a questo punto?
Chi sa osservare le cose fino a questo punto?


Numerose cosmogonie, formulate dalle popolazioni di
tutto il mondo, si sono poste come obiettivo quello di
spiegare l'origine della Via Lattea.
Il nome italiano, inglese, ed europeo in generale,
deriva dall'antico nome greco ????????, Galaxias,
che deriva a sua volta dalla parola ????, ???????? -
gala, galaktos -,
ossia, latte; da notare come questa sia anche
l'origine stessa della parola galassia.
Il nome deriva da un episodio piuttosto noto
della mitologia greca. Zeus, invaghitosi
di Alcmena,
dopo avere assunto le fattezze del marito,
il re di Trezene Anfitrione, ebbe un rapporto con lei,
la quale rimase incinta. Dal rapporto nacque Eracle,
che Zeus decise di porre, appena nato, nel seno della
sua consorte Era mentre lei era
addormentata, 
cosicché il bambino potesse bere il suo latte divino
per diventare immortale.
Era si svegliò durante
l'allattamento e realizzò che stava nutrendo
un bambino sconosciuto: respinse allora il bambino e
il latte, sprizzato dalle mammelle, schizzò via,
andando a bagnare il cielo notturno; è questa l'origine,
secondo gli antichi Greci, della "Via Lattea".

20 commenti:

  1. Mi incuriosisce lo "strano mestiere"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pompe Funebri.
      Ciao.

      Elimina
    2. "Ti aspetto sulla Via Lattea
      al chilometro numero nove
      dove comincia il sentiero per Sirio.
      (in questa o nella prossima vita).
      non è un mio patetico delirio
      nè il sogno pazzo di un amante:
      è l’eterno-presente-desiderio
      che gioca fino in fondo la partita.
      è l’amore, indistruttibile diamante"
      (Francesca Genti)

      Ti aspetto, dunque. Verrai?

      Elimina
    3. Di solito sono puntuale, con tendenza ansiolitica all'arrivo in anticipo

      Dammi le coordinate e arrivo

      Elimina
    4. Il film si chiama "Passione innocente". Tranquilla famiglia americana invita ragazza inglese molto carina. Il professore d'orchestra è sposato da 17 anni ma l'incontro con Sophie è fatale e inarrestabile. Sconquasso finale.
      Tutto è accaduto, niente è accaduto.
      "E' l’eterno-presente-desiderio
      che gioca fino in fondo la partita",
      dice Francesca Genti.

      Elimina
    5. Il film mi ha turbato. L'argomento cambiare la moglie per una ragazzina fantastica è contro i miei principi, eppure ieri sera ho tifato per il nuovo amore. Un attimo di smarrimento perché l'approccio tra i due mi riportava alla sensazione giovanile dell'innamoramento. Qualcosa di misterioso che diventa un sogno. Ti senti come sospeso e il presentimento forte che da un momento all'altro potresti volare.
      Ora capisco bene il significato del Pater nel punto: "Non ci indurre in tentazione", cioè nei momenti difficili stacci vicino, ma anche noi dobbiamo avere la capacità di non farci intrappolate dalle situazioni a rischio.
      Il fascino di Felicity Jones.

      Elimina
    6. Il film (su Sky) in questione mi sembra di facile e ritrita questione.. credo che lo bypasserò serenamente..

      Elimina
    7. Sì, l'argomento è vecchio. Non capisco il mio imbarazzo.
      Bravi i protagonisti o una mia défaillance?

      Elimina
  2. Penso che è di nuovo tutto come quella volta: aspetto sempre un ospite meraviglioso,Dio, e so che verrà come ogni sera al kilometro numero nove......
    Buonanotte e bacio.Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' Lui che aspetta noi. E' il compito del Padre.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  3. il fascino della mitologia, di questi uomini dei e semidei, che fra favola fiaba e leggenda hanno posto le fondamenta di una civiltà della quale ancora oggi sentiamo il profumo.
    Un sorriso
    Gingi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gingi cara, ti aspetto sulla Via Lattea, all'ottavo chilometro perché poi devo salire al nono dove mi aspetta la poetessa.
      Bacio.

      Elimina
  4. ...pensa.. non sappiamo nulla della Via Lattea, ma tutto del suo Creatore... strani che siamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la via lattea non la vedo ormai da secoli.
      Fammi una cortesia. C'è un mio commento su un film che ho visto ieri sera su sky on demand (Passione innocente) e sempre sul film un commento per i miei pensieri.

      Elimina
  5. Film interessante che narra, finalmente, un amore non basato sul sesso, ma sulla passione che entrambi nutrono per la musica che li unisce , a mio vedere, 'sentendola' e vivendola con la stessa intensità.
    Cri

    *grazie per il ritorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I protagonisti sono stati perfetti nelle fasi dell'innamoramento.
      Ciao.

      Elimina
  6. Sinforosa sul tuo blog Google non mi fa postare. Parla di errore.
    Ora provo dal mio.


    Ognuno di noi si accoppia con chi ama.
    Una persona che si pone problemi di etnia è incapace di amare.

    RispondiElimina
  7. Non mi sono accorta di avere problemi di etnia... .per l'accoppiamento .. il tempo è passato senza che me ne accorgessi..buonanotte e bacio.

    RispondiElimina