lunedì 27 novembre 2017

Fidarsi aiuta a vivere








Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.
E' un proverbio stupido, contrario a quanto
c'è di più evidente.
La capacità di fidarsi è propria dell'uomo
grande e adulto,
dell'uomo che ha conosciuto molte cose,
che ha riflettuto su tutto: egli sa immediatamente
quando l'altro gli parla se deve dubitare
o se l'altro parla schiettamente.
Quanto uno è più ricco di umanità,
quanto più uno è critico di se stesso,
è cosciente dei limiti del suo andare umano,
è cosciente della sua realtà, tanto più
che sa quando e come fidarsi.
Sapersi fidare: questa è genialità.
Non sapersi fidare: questo è un errore
che commettono tutti, anche il marito
verso la moglie, anche la madre verso il figlio,
il figlio verso i genitori.
E questo è all'origine di tanti dissesti.

58 commenti:

  1. Hai proprio ragione, Gus, la fiducia sta alla base di un rapporto, se manca sono guai, per tutti e la vita si fa “grama”. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa.
      A volte qualcuno si è dimostrato indegno della mia fiducia, ma mi sono guardato bene dal generalizzare, ovvero non si può dare fiducia, cioè far pagare agli altri gli errori di un balordo menzognero.
      Ciao.

      Elimina
  2. Ciao Gus!
    Sì, nella vita senza fiducia non si può vivere.
    Bisogna però fare distinzione tra la fiducia da porre verso persone con cui ti relazioni nel sociale reale o nei social web.
    È molto diverso per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fiducia va sempre rapportata all'ambiente in cui si opera.
      Abbraccio Pia.

      Elimina
  3. Wow è vero. Sapersi fidare è la vera genialità.
    Non ci avevo mai riflettuto in questi termini.
    Comunque sono io faccio parte della specie rara che si fidano e danno più possibilità. Perché ognuno ha il proprio vivere e non sempre diamo il meglio e facciamo le scelte giuste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, lo so che non sei una diffidente.
      Bacio.

      Elimina
  4. Io credo che la fiducia vada saputa dosare. Non si può avere fiducia a priori così come non si può sempre e solo dubitare. Solitamente l'istinto ci sa consigliare bene, è che a volte si decide di non seguirlo.

    RispondiElimina
  5. Qualsiasi nostra azione deve essere sempre ragionevole. Io parlo della sfiducia idiota. Per esempio la gelosia è indice di imbecillità. Non stimi la persona che ti sta accanto e hai una scasa considerazione di te stesso.
    Ciao Dama.
    Ciao Dama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai. Sono imbecille. :D
      P.s. Comunque lo trovo un giudizio Gus. Chi è "geloso" (come chi è presuntuoso, pretestuoso, insidioso, e tutti gli altri "oso" che vuoi metterci), ha sempre dietro un vissuto e una storia. Non decidiamo i nostri limiti, ce li prendiamo in dote.
      L'importante è esserne consapevoli, lavorarci su.
      E non giudicare.

      Elimina
    2. Il mio è un ragionamento spersonalizzato. Se non si ha la piena stima sulla persona che ti vive accanto è meglio restare soli. Tutto questo parte dal concetto dell'amore straordinario che dura anche dopo la vita grazie alla benedizione sacramentale.
      Senza sacrificio non ci può essere verità in un rapporto d’amore, perché vuol dire che l'altro non è valorizzato secondo la sua natura. E’ invece affermato per il tuo gusto, per il tuo istinto. Affermare una presenza è amore, afferrarla vuol dire piegarla a te, renderla schiava. Il sacrificio non è il non andare con un'altra donna, il sacrificio è respingere tutte le negatività che sono dentro di te.
      La fedeltà è solo la conseguenza dell'affermazione dell'altro, dell'amore verso l'altro.
      Il sacrificio non è sospendere la volontà di qualche cosa, ma arrestare la volontà che non è secondo la natura di un rapporto. Il sacrificio è andare contro la menzogna, fare la cosa in modo vero, leale, sincero, giusto.
      Per fare il vero, occorre il sacrificio: devi strapparti alla menzogna.
      La fedeltà è una promessa spontanea, leale e impegnativa verso un'unione frutto di una libera scelta.
      E' la conseguenza del dono di se stessi che gli sposi si fanno l'uno all'altro. Può sembrare difficile, persino impossibile, legarsi per tutta la vita a un essere umano. Bisogna superare lo scetticismo della società. Un’esperienza che la mentalità comune disistima e talvolta censura. Si ritiene che l’amore debba cessare e quindi la separazione tra gli sposi finisca per diventare inevitabile. E’ un modo per sfuggire ad una realtà che può essere fatta anche di sacrifici e rinunce. L’amore coniugale comporta una totalità in cui entrano tutte le componenti della persona. Richiamo del corpo e dell’istinto, forza dell’affettività, aspirazione dello spirito e della volontà. La fedeltà coniugale è un’esperienza ragionevole e piena di fascino. Dà un senso compiuto alla tua vita.Potrei anche affermare che è una vocazione.
      Non sono abituato a dare giudizi. Le mie considerazioni si limitano a un giudizio di valore.
      Il non giudicare nessuno vuol dire accogliere tutti.
      Senza identificare il non giudicare con la parola accogliere, ci sarebbe un equivoco perché, quanto a giudicare, dobbiamo giudicare.
      Ma non possiamo giudicare la persona, la persona viene accolta, giudichiamo un atto: "un atto così è sbagliato".
      Dicendo "tu hai compiuto un atto sbagliato", perché per giudicare la persona entrano infiniti fattori a noi sconosciuti.
      Certo, il mondo giudica la persona perché fissa la perfezione in valori che costituiscono il tornaconto per sé, e ha interesse, quindi, a eliminare le persone che cadono sotto i segmenti di giudizio in cui fissa la perfezione.
      Giudicando esclusivamente un atto, e non la matrice che l'ha determinato, crea la scissione tra essenza ed azione.
      Ma siamo esseri in evoluzione, spesso contraddittoria, quindi è giusto contemplare, ed isolarne il giudizio, anche azioni determinate non in linea retta, quindi non coerenti.
      D'altra parte nessuno può contenere in sé un qualsiasi valore conquistato se prima non l'ha accolto, sperimentato, compreso e poi messo in azione. Altrimenti è un valore solo acquisito per indotto e non per “esperienza” o percorso. E l'esperienza è somma dei nostri errori.
      La tua affermazione che dietro la gelosia c'è sicuramente un vissuto e una storia impedisce di giudicare qualsiasi persona. E il vissuto particolare dell'adultera che la salva dalla lapidazione. Cristo conosce il vissuto della donna, vede il suo pentimento e le dice: "Vai e non peccare più".
      Mi incoraggia la tua intenzione di lavorarci su. Quando l'altro vede gli assalti di sfiducia (gelosia) si fa condizionare, comincia a pensare di essere debole e finirà per tradire.


      Elimina
    3. Dire "chi é geloso é imbecille" é (a mio parere) un giudizio. Possiamo cercare etimologie e sviscerare retropensieri...ma un giudizio resta.
      Io personalmente non porto in tasca nessuna Verità, ed é probabilmente per questo che non so essere credente.
      Nessuna Verità significa nessun giudizio, e va a braccetto con il tener conto delle storie umane, dei vissuti, degli altrui dolori.
      Prima di essere una peccatrice mettevo così tante etichette, scolpivo così tante sagge epigrafi... Poi improvvisamente sono diventata Una, Una fra Tanti.
      Mi sono voluta molto bene, sai.

      Elimina
    4. Gus O.14 novembre 2017 12:20

      L'amore è a tempo e forse è giusto. Nasce e finisce. Chi non lo capisce si lamenta di quello che ha considerato una conquista.

      Gus O.28/11/17, 19:34
      Si ritiene che l’amore debba cessare e quindi la separazione tra gli sposi finisca per diventare inevitabile. E’ un modo per sfuggire ad una realtà che può essere fatta anche di sacrifici e rinunce.


      mmmmm
      Un interessante caso di sdoppiamento della personalità? Questa versione è più lusinghiera di quella che temo reale. Peace And Love.

      Elimina
    5. Mm mm no ha detto bene Gus. Esiste amore e Amore.
      Molte persone considerano l'innamoramento come fosse amore. La differenza tra i due sentimenti è però sostanziale, sia in ciò che si prova, sia in ciò che muove i due partner. Infatti, quando si è innamorati si tende a vedere l'altro come presumibilmente non è. Non sempre, ma spesso l'innamoramento crea una maschera per l'altra persona, un'idea che si espande nella mente che non rispecchia la realtà. Quando si ama un'altra persona, invece, si ha in mente il bene di questa e non si mette se stessi e il proprio sentimento davanti a tutto.

      Elimina
    6. Il divorzio è stato sottoposto a referendum e ha sancito il matrimonio a termine. Infatti dalle statistiche risulta che la media dei matrimoni è di diciassette anni.
      Chi ritiene indissolubile il matrimonio perché è un Sacramento non deve guardare le statistiche.

      Elimina
    7. Brava Larissa.
      L'amore a tempo è solo un gioco inutile.

      Elimina
    8. Questo è il vero amore che, comunque, può anche dividere pur continuando ad amare,.

      Elimina
    9. Gioia, sai benissimo che sei una donna intelligente e sai anche che sbagli con la gelosia motivata e anche immotivata.
      Perché non sei gelosa dei tuoi figli? Non lo sei perché sai benissimo che se i bambini vedono una donna anche migliore di te seguiteranno ad amare la loro madre. Così è il marito se ti ha sposato per amore e l'ha fatto crescere giorno dopo giorno.
      Il giudizio investe una persona nella sua totalità, il giudizio di valore riguarda solo un pensiero che può essere sbagliato. Il giudizio di valore viene dalla teologia e serve a distinguere il bene dal male secondo la dottrina religiosa. Non mi è mai capitato di cadere nel trabocchetto di giudicare una persona.

      Elimina
    10. Uh... Eh? Vai a confessarti subito gus, altrimenti copio tutti i tuoi giudizi,soprattutto su alcuni blogger. Pure con me che non meritavo. 😇 Notte.

      Elimina
    11. Sono sempre giudizi dì valore.
      Solo Dio giudica le persone.
      Buona notte.

      Elimina
    12. Gus cortesemente non cerchiamo di girare i discorsi perché è un giochino che funziona davvero poco. Ma poco poco.
      Si sta parlando di amore, non di matrimonio, non di istituzione e non di Sacramento.
      Ora se vuoi imbastiamo un meraviglioso dibattito dottrinale anche su quanto poco valore abbia un matrimonio sancito dal Sacramento in cui però sia finito l'amore per qualsivoglia ragione, ma ancora non stiamo parlando di questo ma del sentimento a tutto ciò sottostante.
      E delle due l'una: o è a tempo (versione del 14 novembre) oppure non lo è e pensarlo è comodo per non far fatica (versione del 28 novembre).

      Elimina
    13. Tu hai una visione della vita in un modo, io ne ho un'altra molto diversa. Per questo non hai capito che il mio approccio al blog è esclusivamente didascalico e non scrivo per aver ragione. Se vuoi conoscermi dovresti leggere i post del mio blog.
      Buona giornata.

      Elimina
    14. Al. Valore eh.. Vero. anche zolletta di cacca ha un suo perché
      Buon giorno 😖

      Elimina
    15. Esclusivamente didascalico...
      Finalizzato alla spiegazione o all'insegnamento.
      Capisco le perplessità di qualche blogger, forse dovrebbe insegnare solo chi è, o diventerà, un esempio per la società, e non solo. Per spiegarmi meglio... come se un ladro spiegasse a noi come fare a non rubare...

      Elimina
    16. Gus non si tratta di visione del mondo, si tratta di due tue affermazioni incompatibili. Ho le mie teorie sul perché della prima e pure su quello della seconda ma rimane il fatto oggettivo che sono contraddittorie.
      Approccio didascalico... mah... direi piuttosto volontà di insegnamento e molto amore per il te che si bea in paragrafi verbosi ed involuti sfoggiando una presunta cultura che, immagino, impressionerà qualcuno.
      Concludo dicendo che quando parli (o meglio utilizzi come alibi per non essere a tua volta giudicato) di "giudizio di valore" contrapposto al "giudizio sulla persona" ti dimentichi che non esistono comportamenti astratti ma individui che compiono delle azioni ed è l'insieme concreto delle due che giudichi, anche se fingi così non sia.
      Ad ogni modo, siccome mi rendo conto non esserci alcuna possibilità di dialogo e scambio costruttivo, poiché non mi piace parlare ai muri di gomma e posto che ho poco tempo a disposizione questo sarà verosimilmente il mio ultimo intervento.
      Buona vita.

      Elimina
    17. Il sentire è sempre infinitamente complesso. Vedi, hai dato per scontato che io non provi (o abbia provato) gelosia nei confronti dei miei figli. E invece la provo e l'ho sempre provata. Ricordo con strazio il maggiore che a pochi mesi si gettava sereno fra le braccia di chiunque: la ragione mi diceva che era una cosa bellissima e sana, le viscere remavano in senso opposto.
      Sono stata gelosissima dei baci fra i miei genitori e dei compagni/e che entrambi hanno avuto accanto dopo la separazione. Sono gelosa delle amiche e di tutte le carezze e le parole che non sono per me.
      Ebbene?
      A venticinque anni mi sono rivolta al primo terapeuta (non certo per la questione della gelosia, che insieme ad altre reazioni più epidermiche e tangibili era solo la punta del mio grosso iceberg) e anche adesso che ho la mia struttura, limo e smusso senza posa.
      Ecco, ho la tendenza ad essere calamitata verso le persone che non possiedono certezze granitiche, che nuotano alla ricerca del bello e del giusto con leggerezza, ben consapevoli che non esiste un'unica e universale verità.

      Elimina
    18. L'uomo è sempre alla ricerca della verità e Filippo urla: "Signore, mostraci la via, la verità e la vita" e Gesù rispose: "Io sono la via, la verità e la vita.
      Le certezze tendono ad essere granitiche mentre cerchiamo di superare il dubbio che a volte diventa opprimente.
      Il fatto che tu cerchi di smussare senza posa il tuo essere dimostra il desiderio di vincere quello che reputi sbagliato, anche se l'istinto ha la forza di superare la ragione. Sinceramente non so se si nasce con la tendenza terribile della gelosia, oppure sono i fatti della vita che ti portano verso una grave insicurezza.
      Non è la prima volta che mi sento dire: "Non puoi essere cittadino di uno stato democratico perché affermi di
      conoscere il vero e con te è impossibile la convivenza democratica. Dice Luigi Giussani che per la mentalità cristiana la democrazia è convivenza e implica l'esistenza dell'altro, e lo strumento di questa convivenza è il dialogo, cioè proposta all'altro di quello che io vedo e attenzione a quello che l'altro vive, per una stima della sua umanità e un amore a lui che non implica affatto dubbio di me, che non implica affatto il compromesso in ciò che io sono coesistendo con l'affermazione innanzitutto della sua libertà. E' proprio il dialogo che impedisce il giudizio verso una persona anche scorgendo l'errore nella sua azione.
      L'uso che ho fatto del lemma "imbecille" è sgradevole.
      Ne prendo atto.

      Elimina
  6. Gus bravissimo. Il punto cruciale è proprio la gelosia.
    Nella mia vita l'ho sempre subita tanto.
    Ostacoli inutili ed infiniti sono causati proprio da essa.
    Io cerco sempre di evitarla ed eliminarla subito se mi accade, proprio perché l'ho vissuta con gran sofferenza nei miei riguardi. È assolutamente immaturità. Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre era geloso e tormentava mia madre anche per uno sguardo.

      Elimina
    2. Già, terribile...ma tu hai imparato ed hai agito diversamente. Ne sono certa. Ciao! ;-*

      Elimina
    3. Io penso che l'amore sia per sempre. Se accade che finisce, cioè uno si innamora di un altro e lo dice, tanti saluti e baci.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Per fortuna so quasi sempre di chi potermi fidare.
    "Mi fido di due persone: una sono io, l'altra non sei tu" (cit.) XD

    Moz-

    RispondiElimina
  9. Amici di Google plus:



    Marco Gabbianelli
    +1
    Mancare di fiducia è infatti insicurezza, paura di confrontarsi con gli altri
    In definitiva, inibisce la crescita personale

    9 h

    Pia
    +1
    +Marco Gabbianelli non concordo...
    La sfiducia iniziale è sinonimo d'intelligenza per me. Si trasforma in fiducia se l'altro da modo di meritarla. È al contrario crescita e maturità.

    9 h

    Pia

    Scusami +Gus O. se sono intervenuta. Grazie del tuo nuovo spunto, ciao.

    9 h

    Marco Gabbianelli
    +1
    +Pia se il tuo modo di pensare e di agire origina dall'interno di te stesso, non puoi temere di aprirti alle suggestioni del mondo, anche e soprattutto quando confliggono con le tue attuali convinzioni. E' un po' come andare sulle montagne russe: te la godi di più con gli occhi bene aperti, buttando le braccia al cielo e urlando.

    9 h

    Pia
    +2
    +Marco Gabbianelli aprirsi agli altri per conoscere il mondo lo condivido...ma fidarsi nell'immediato non credo sia giusto...soprattutto non è un buon esempio per i giovani. Scusami ma la penso così.

    8 h

    Gus O.
    +1
    +Marco Gabbianelli
    Un esempio classico è la gelosia. E' un non fidarsi idiota perché
    rappresenta una mancanza di stima dell'altra/o e di se stessi.

    8 h

    Marco Gabbianelli
    +1
    +Pia Non hai di che scusarti, credo che la cosa dipenda dal significato che attribuiamo al termine fiducia. Chiedo io scusa a Gus e mi congratulo per il tema

    8 h

    Gus O.

    +Anna Piediscalzi
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.

    +Marco Gabbianelli
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.

    +Patty
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.
    +1
    +gisella rovere
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.
    +1
    +BrisA
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.
    +1
    +Arale
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.

    +Vincenzo Langella
    Grazie.
    Ciao.

    8 h

    Gus O.
    +1
    +Francesco Attilio
    Grazie.
    Ciao.

    7 h

    Gus O.
    +1
    +Francesco Grieco
    Grazie.
    Ciao.


    7 h

    Gus O.

    +WinterBird
    Grazie.
    Ciao.


    4 m

    Gus O.
    +1
    +Paola B.
    Grazie.
    Ciao.

    3 m

    RispondiElimina
  10. Fidarsi è meraviglioso. Ed ancor più quando prendiamo batoste ma continuiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando la tua fiducia viene tradita e normale provare delusione, ma non bisogna far ricadere la colpa di un balordo verso gli altri.

      Elimina
    2. Ma gli altri sono una dieci centomila. Dovresti saperlo. Sfido chiunque.
      Notte gus, fai bei sogni. Pochi giorni fa è morta una cara amica:aveva la mia malattia. Quanta malasanità altro che fiducia.

      Elimina
    3. La malattia arriva e non sempre è curabile. Percorre il suo cammino fino alla stazione dove il treno fa l'ultima fermata. Qualcuno sa quello che è accaduto.

      Elimina
    4. Si, hanno scalato il deltacortene da 90 a 25 in due settimane circa. È venuta la Miocardite... ovviamente. I suoi valori infiammatori sono aumentati in pochi giorni tre volte tanto. Il cuore non ha tetto e si è fermato. Lo sappiamo cos' è accaduto. Tra 15 anni ritireranno tutti gli immunosoppressori. Rimarrà solo il cortisone. Hanno la fissa del methotrexate, l'aziatoprina e la colchicina. Io li ho provati tutti, ho rischiato la dialisi e avuto il cancro. E chissà cosa atro arriverà. Valutano "la meno peggio" dicono loro. Si, la morte. Lei ha lasciato un figlio di 10 anni.

      Elimina
  11. Di fronte ai grandi ‘perché’ della vita abbiamo due vie: stare a guardare malinconicamente i sepolcri di ieri e di oggi o far avvicinare Gesù ai nostri sepolcri. Sì, perché ciascuno di noi ha già un piccolo sepolcro, qualche zona un po’ morta dentro il cuore: una ferita, un torto subito o fatto, un rancore che non dà tregua, un rimorso che torna e ritorna, un peccato che non si riesce a superare. E’ strano ma spesso preferiamo stare da soli nelle grotte oscure che abbiamo dentro, anziché invitarvi Gesù; siamo tentati di cercare sempre noi stessi, rimuginando e sprofondando nell’angoscia, leccandoci le piaghe, anziché andare da Lui che dice: “Venite a me, voi che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro”.

    Chissà forse un giorno...
    Bella domanda ci chiede Gus... Dobbiamo fidarci? Ma lo chiedi come blogger o come uomo? Perché il significato cambia. Io non sono qui a dire che va tutto bene, che hai ragione quando forse non è così. Cominciamo a credere in noi stessi, a ricevere fiducia più che a dare. E so bene che è più difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ferite sono il male fatto agli altri e a noi stessi. Tanti errori commessi, omissioni, cattiverie. Nel momento in cui noi siamo veramente pentiti, nel confessionale noi chiediamo la Riconciliazione. In quel momento che Cristo aspettava da tanto Lui torna da noi.
      Non dobbiamo dimenticare che siamo uomini quando parliamo con la persona che incontriamo nel lavoro, nella scuola, nella vita e anche scrivendoci in un blog.
      Non ho chiesto di fidarvi ma ho solo scritto che fidarsi aiuta a vivere. Fidarsi significa amare il prossimo abbattendo i muri della diffidenza. Fidarsi significa credere nell'altro.

      Elimina
    2. No. Lui non si pentirà mai. Me ne vado gus, più lontano possibile. Non posso fare diversamente.

      Elimina
  12. ☺️😊😀😁😂🤣😃 a proposito di fiducia... Leggi un po' cosa mi è apparso dopo aver cambiato password

    4 eventi recenti
    Password modificata
    Napoli, Italia - Adesso
    Password modificata
    Milano, Italia - 13 ore fa
    Password modificata
    Milano, Italia - 26 nov
    Password modificata
    Milano, Italia - 25 nov

    Napule'? 😁🤣

    RispondiElimina
  13. La fiducia dice di cambiare ancora password. Provo.
    5 eventi recenti
    Password modificata
    Napoli, Italia - Adesso
    Password modificata
    Napoli, Italia - 10 minuti fa
    Password modificata
    Milano, Italia - 13 ore fa
    Password modificata
    Milano, Italia - 26 nov
    Password modificata
    Milano, Italia - 25 nov e no qualcosa no va. Domani dai carabinieri. E di corsa 😀🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho programmi, non voglio programmi, per controllare chi si agita attorno al mio blog.

      Elimina
    2. Pensi che sono così tanto interessati a me? Tanto quanto? Mi sta rendendo la vita impossibile. Vado in pensione gus. Non certo in un albergo a 5 stelle. 🙃

      Elimina
  14. Quale cornacchia svolazza sotto i cieli stellati? O sopra le Langhe?... e quanto mi fu dolce vederlo-a affogare in quel mare

    RispondiElimina
  15. Quale? Dopo di lei prego.

    RispondiElimina
  16. E' solo una prova di un link inserito tra i commenti.

    RispondiElimina
  17. Oh... E Napule'è sparito. Strano ho cambiato 6 o 7 password e loro, all' istante sapevano già. Sai vero che il mio sistema operativo é controllato? Pure le telefonate. Hai letto che poi fare denunce anonime? Tu segnali e i carabinieri se ritengono opportuno o ricevono più denunce controllano. Non male come inizio. Tutto procede come deve...ci vuole tempo. In molti faranno una brutta fine, anzi, la stanno già facendo. Anche persone vicinissime a me, dopo un po', ho scoperto che sono false e ipocrite, per questo poi i figli se ne vanno. Per questo e altro i figli nascono... così così...
    Povero malati di denaro. Ma tutto verrà fuori. Queste società anonime, le ladre del c.d.i, pettegole, che girano dove stanno... persone indifese devono pagare salato. Guai a chi me li tocca.

    RispondiElimina
  18. Ecco ora trovate la password per entrare nel mio cellulare. Notte gussino

    RispondiElimina
  19. Come esattamente dici "fidarsi è amare abbattendo i muri della diffidenza"
    Non parto (nell'incontro) con diffidenza.....ho preso delle scuffie....vero Larissa? Ma ri comincerei. ..oggi stesso.
    Ho bisticciato con un'altra amica in un periodo in cui tutte e due eravamo sotto stress...io di più. Non ci siamo chiarite, ma abbiamo compreso che.era vero affetto quello che ci univa.
    Sono sposata da 53 anni. Mio marito (80) da un anno è meno affettuoso e io ci resto male.... (continuo dopo )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo te il fatto che tuo marito da un anno è meno affettuoso investe la problematica fidarsi/non fidarsi?
      E' innamorato di un'altra?.

      Elimina
  20. Ma va là avevo un pensiero ma ora non ricordo più. .....
    1 dicembre e l'aria si fa leggera
    Perincontrare momenti preziosi....
    A te un bel bacio! Serenità e salute

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Hai dimenticato.
      Baci Lucia.

      Elimina