lunedì 8 maggio 2017

La menzogna peccato grave





Un uomo di nome Anania con la moglie Saffira vendette un suo podere e, tenuta per sé una parte dell'importo d'accordo con la moglie, consegnò l'altra parte deponendola ai piedi degli apostoli. Ma Pietro gli disse: "Anania, perché mai satana si è così impossessato del tuo cuore che tu hai mentito allo Spirito Santo e ti sei trattenuto parte del prezzo del terreno? Prima di venderlo, non era forse tua proprietà e, anche venduto, il ricavato non era sempre a tua disposizione? Perché hai pensato in cuor tuo a quest'azione? Tu non hai mentito agli uomini, ma a Dio". All'udire queste parole, Anania cadde a terra e spirò. E un timore grande prese tutti quelli che ascoltavano. Si alzarono allora i più giovani e, avvoltolo in un lenzuolo, lo portarono fuori e lo seppellirono. Avvenne poi che, circa tre ore più tardi, entrò anche sua moglie, ignara dell'accaduto. Pietro le chiese: "Dimmi: avete venduto il campo a tal prezzo?". Ed essa: "Sì, a tanto". Allora Pietro le disse: "Perché vi siete accordati per tentare lo Spirito del Signore? Ecco qui alla porta i passi di coloro che hanno seppellito tuo marito e porteranno via anche te". D'improvviso cadde ai piedi di Pietro e spirò. Quando i giovani entrarono, la trovarono morta e, portatala fuori, la seppellirono accanto a suo marito.



13 commenti:

  1. Sì. La menzogna copre la frode, ma può anche rappresentare una calunnia per vendicarsi dell'onesto.

    RispondiElimina
  2. volgarmente ....le bugie han le gambe corte ...ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ReAnto.
      Per Dio sì, ma per l'uomo una verità è solo un attimo, mentre la menzogna può durare per tutta la vita.

      Elimina
  3. Possiamo avere un buon proposito nei nostri cuori, ma  ricordiamo che non possiamo dire un cosa e farne un'altra... un giorno, dovremo rendere conto a Dio come Saffira.
    Pietro ha indicato chiaramente che nessuno aveva chiesto loro di vendere la proprietà ed anche dopo che l'avevano venduta il ricavato ancora apparteneva loro... perché allora mettersi d'accordo per mentire?
    Saffira non ha resistito davanti alla tentazione severa del danaro: lei ed Anania hanno desiderato avere l'approvazione della chiesa ma, allo stesso tempo, amavano il loro denaro al punto di mentire, per tenere per sè una parte dei soldi con disonestà ed inganno.

    RispondiElimina
  4. La vita cristiana è sempre un cammino alla presenza di Dio,
    ma non è priva di lotte e sofferenze.
    Nella nostra esistenza ci sarà l’esperienza del deserto,
    della purificazione interiore, della notte oscura.
    Quando camminiamo senza la Croce, quando edifichiamo
    senza Dio, non siamo discepoli del Signore ma diventiamo mondani.
    Spesso ci sentiamo stanchi e affaticati.
    La pigrizia rappresenta una tentazione per il nostro spirito.
    Non bisogna mai smettere di guardare tutto quello che
    c’è da fare e non dimenticare quanto poco valiamo.
    Gesù non fece proselitismo, ma accompagnò l’uomo.
    Le conversioni che provocava avvenivano
    precisamente per questa sua sollecitudine ad accompagnare
    che ci rende tutti fratelli e figli e non soci o
    proseliti di una multinazionale.

    RispondiElimina
  5. Infatti la menzogna e' un "marchio" che ti porti tutta la vita anche se sei onesto.
    Specialmente di questi tempi che "corrono" cosi veloci, con i media, il web i social network, con la menzogna, lo stalking o il cyber bullismo hanno spezzato vite di ragazzini e adulti.
    Bacio Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'uomo non è possibile non credere in nulla...o si è schiavi di un Padrone o si è figli di un Padre.
      Bacio Fiorella.

      Elimina
  6. La mentira nunca lleva a nada bueno. Gracias besos!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La menzogna non indossa mai un non va bene
      Grazie.
      Bacio.

      Elimina
  7. Non me la ricordavo 'sta strage..secchi tutt'e due per aver rubato qualche soldino, che poi avevano rubato cosa? Il terreno era loro e donavano agli apostoli.. emmammamia!.. e se avevano ammazzato qualcuno allora? Li avrebbe smolecolati Nostro Signore che perdona (quasi) tutto!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo avere un buon proposito nei nostri cuori, ma  ricordiamo che non possiamo dire un cosa e farne un'altra... un giorno, dovremo rendere conto a Dio come Saffira.
      Pietro ha indicato chiaramente che nessuno aveva chiesto loro di vendere la proprietà ed anche dopo che l'avevano venduta il ricavato ancora apparteneva loro... perché allora mettersi d'accordo per mentire?
      Saffira non ha resistito davanti alla tentazione severa del danaro: lei ed Anania hanno desiderato avere l'approvazione della chiesa ma, allo stesso tempo, amavano il loro denaro al punto di mentire, per tenere per sè una parte dei soldi con disonestà ed inganno.
      RispondiElimina

      Elimina
    2. Cristo ha promesso che saranno perdonati tutti i peccati, esclusi quelli verso lo Spirito Santo.



      Anania crede d'ingannare degli uomini; invece la menzogna è verso Dio e lo Spirito santo perché in quegli uomini che cerca d'ingannare, dimora lo Spirito Santo. Lo Spirito è fonte d'ogni verità, è l'autore d'ogni sentimento immacolato ed onesto; è lui che dirige i credenti in ogni ordine di cose divine; Anania, tentando di trarre in inganno i giudici, i sentimenti e gli affetti dei suoi fratelli, getta una nota profana nell'armonia dell'opera dello Spirito e reca quindi oltraggio non ad uomini soltanto, ma allo stesso Spirito di Dio.

      Elimina
    3. Gesù ha detto:

      “In verità vi dico: tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno: sarà reo di colpa eterna”. Poiché dicevano di lui: “È posseduto da uno spirito immondo”, per questo non è in grado di perdonare (Mc 3,28-30).

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità