lunedì 4 luglio 2016

Superare il finito

 
 
 

 
 
 

C'è un punto di fuga, c'è qualcosa che sfonda l'oggetto

che afferriamo, per cui non lo prendiamo mai

a sufficienza e per cui c'è sempre come

un'intollerabile ingiustizia, che cerchiamo

di celare a noi stessi, distraendoci.

Il buttarsi nell'istinto è il modo più bieco

di chiudersi a questa apertura che tutte

le cose reclamano, cui tutte le cose spingono.

La tristezza che si prova nel rapporto

non compiuto con la persona che si ama di più,

perché io non sono capace, perché lei non è capace,

questa coscienza della propria incompiutezza

è la caratteristica più umana della vita.

E il sospiro d'infinito si presenta sempre

quando insorge il bisogno di

qualcosa di finito.



11 commenti:

  1. Sull’opera: “La creazione degli animali” è un dipinto autografo di Jacopo Robusti detto il Tintoretto, realizzato con tecnica ad olio su tela nel 1550 – 1553, misura 151 x 258 cm. ed è custodito nel Accademia di Venezia.

    RispondiElimina
  2. Credo che la situazione che tu hai spiegato sfugga ai più, perché tu stai parlando di compiutezza. La compiutezza che tu intendi è qualcosa che va oltre l’umano. Noi pur facendo il possibile, non saremo mai compiuti. Intanto solo l’amore è compiutezza, ma l’amore che dona, l’amore gratuito, senza riceverne il contraccambio. Questo è un percorso impervio, faticoso, un morire a se stessi. Ma se tu l’imbocchi, ecco la compiutezza. L’amore è senza fine!
    Buongiorno August, un caro saluto
    Dani

    RispondiElimina
  3. E' una constatazione. Se nella nostra vita terrena non incontriamo la felicità c'è sicuramente qualcosa d'altro.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  4. Se in una giornata così, alzo le braccia al cielo e grido "«Vieni» questo verbo è di capitale importanza, vuol dire che l’uomo è incompleto.Vuol dire che io sono incompleta.Questo "vieni" che grido al cielo lo grido all’Essere che è santità, si chiama santità.
    Se c’è una cosa che non comprendo, è la parola «santità». Ma un bacio dato al proprio figlio senza santità è turpe, è mentitore, o disperato!
    Noi tutti siamo stati chiamati alla santità: "Vieni" e aiutami ad essere persona finita. Buonanotte Gus. Bacio

    RispondiElimina
  5. Già, ma non ancora. Sei nel Regno dei Cieli, manca solo un dettaglio e tutto sarà compiuto.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
  6. Sì, il Destino è il ritorno al Padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affinchè si DESTINO per sempre!

      Elimina
  7. Secondo Lutero e Calvino il Destino è già deciso da Dio ( concetto di predestinazione), per i cattolici il destino invece può essere cambiato poiché esso è inerente alle caratteristiche umane anche in virtù del libero arbitrio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libero arbitrio altro non è che la possibilità di scelta tra vie già prestabiliti.
      InVECE la VERITA' ci LIBERA da queste SUcCESSIONI in un SOLO SENSO, cioè PASSato prima, adESSO PREsente e dopo FUtuo.
      L'IMMORtALITA' segue questa LEGGA ma l'E'TERNITA' può anDARE a RITrO-SO.
      Poi la scienza è già arrivata a conoscere questa VERITA' che la FEDE già conosceva.
      Tu conosci la QUANTIstica? Vuoi tornare inDIETRO per capire CHI ti sveglia la NOTTE per CHI AMARTI sul BAALcONE?
      O sea 11,4?

      Elimina
  8. Dio è presente in ogni singolo fenomeno e l'eternità non è soggetta al tempo, essendo lei stessa il tempo.
    Io li traevo con legami di bontà,
    con vincoli d’amore,
    ero per loro
    come chi solleva un bimbo alla sua guancia,
    mi chinavo su di lui
    per dargli da mangiare.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità