giovedì 7 luglio 2016

Nascere di nuovo per il Regno di Dio

 
 
 

 
 

Un cristiano crede in Gesù
Un vero cristiano trova le risposte dentro di sé, nella pratica cristiana di tutti i giorni.

 Un cattolico crede che al di fuori della Chiesa non si sia veramente credenti.
 Un cattolico osservante si rifà a Dio, all'entità superiore, e in tal senso non ha nulla da temere. Riduce i margini di dubbio -e di errore- applicando la regola dell'ubbidienza.

 Di un laico o di un ateo è corrente il significato di nemico della fede
 perché analizza criticamente il potere temporale e
 dimentica che senza la Chiesa, il continuamento di Cristo
 nella storia, Il Figlio dell'uomo sarebbe solo un personaggio
 storico come Napoleone.

 Ma ciascuno di noi sa quanto Gesù gli sia vicino.
 Le regole è bene osservarle se ci si vuol sentire in pace.
 Ma la ricchezza spirituale trasmessa da Gesù non credo conosca luoghi ove dimostrarla.

 Il regno di Dio non viene in maniera che si possa osservare: né si dirà: "Eccolo qui", o "eccolo là": poiché, ecco, il Regno di Dio è dentro di voi

 La propria vita, le proprie scelte rinnovate ora per ora, giorno per giorno, in un senso o nell'altro, sono il terreno migliore.





15 commenti:

  1. August prima di partire per le ferie ti lascio i miei saluti e ti auguro buone vacanze.
    A presto

    RispondiElimina
  2. Grazie Cettina.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace e condivido ciò che hai detto in questo post, Il Regno di Dio inizia con la nostra adesione, le nostre scelte, il nostro agire,la nostra accettazione da chi è diverso da noi.
      Un abbraccio serale!
      Dani

      Elimina
  3. Grazie Dani. Sono contento quando un concetto viene completamente compreso.
    Ciao con abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Arrivo tardi. Ho preparato tutto (6 muffin con la marmellata) per la mia mamma e nel pomeriggio faceva tanto caldo.
    La distinzione tra il cristiano e il non cristiano sta nella valutazione del sacrificio e della vita. Il sacrificio, sempre, ha una funzione redentrice, perché è la strada che Cristo ha battuto per salvarci e che ognuno di noi deve seguire per giungere alla sua vera casa. Il sacrificio ha una funzione educatrice, perché ci impedisce di scambiare la misera via del pellegrino con quella luminosa nell' eterna felicità della patria celeste.
    Il Regno di Dio è già qui sulla terra. Ne godiamo la luce già al mattino con il proponimento che nell'oggi saremo migliori dell'ieri.
    E' una preghiera che non ci lascia fermi, ma che ci spinge a camminare con più amore, con maggior fede. Intanto andrò a Milano dalla mia mamma e lì c'è bisogno proprio che la mia mano accarezzi mani non più sconosciute, ma lontane dalla realtà. Buonanotte Gus. Grazie del post che ho apprezzato come sempre. Bacio Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conta solo il sacrificio fatto nel nome di Dio.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  5. Si si... vaglielo a spiegare al bigottume imperante che il Regno di Dio è dentro di noi, qui e ora, e che dopo morti potrebbe esserci veramente solo polvere (comunque creata da Dio).
    Vaglielo a spiegare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il Battesimo siamo destinati alla santità.

      Elimina
  6. oh, Franco....bigottume! Che brutta parola!...Parli delle vecchiette che non avendo più impegni di sorta, perchè i figli sono cresciuti e hanno preso una nuova strada, perchè il marito è morto,perchè si sentono sole, trovano che il nuovo indirizzo di casa è la Chiesa oppure lo studio del medico.
    Ma a chi fanno del male? Pregano, dicono il Rosario, magari anche per te....Sii saggio Franco, certo che una persona (tu) che già commenta alle sei del mattino, con un po' di acredine, è perchè: - non ha dormito e non vede l'ora di andarsene a letto, - ha fatto bisboccia e la mente non è lucida, - o ha lavorato tutta la notte e allora è un po' "fumantino" . Quale sei? Per il momento ho ancora molti interessi ma tra qualche anno...bigottume.....ma fammi il piacere! Ciao Franco. Lucia, ho risposto senza il consenso di Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Lucia. Franco parla partendo da quello che è lui e anche noi.

      Elimina
    2. Non ce l'ho certo con te Lucia cara... sei pienamente cosciente che il Regno di Dio lo viviamo ora. Non saresti tra quelle che resterebbero male se dovessero "accontentarsi"...

      Elimina
  7. Come non invidiare, a volte, le certezze tue e di Lucia, il riparo che avete trovato nella fede affidandovi a 'qualcuno' che non vi contraddirà mai! Purtroppo la risposta di Lucia a Franco denuncia un astio che prescinde da un'umana generosità perchè soverchiata da un fanatismo religioso che, come assistiamo in questi giorni, porta alla convinzione di essere superiori a chiunque.
    Come può Lucia sfottere Franco perche posta un commento alle sei del mattino? Come può insinuare che sia alterato dalla bisboccia , oppure "fumantino" per un lavoro che, magari, non lo soddisfa?
    Dai Lucia, rispondimi, cosa ipotizzi su di me ?
    Scusa Gus, ho sempre stimato la tua compostezza, ma l'acredine di chi s'avvia al bigottuma mi da la nausea.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristiana penso che tu abbia preso un "!topic" in milanese un errore. Io voglio bene a Franco, siamo amici.Almeno io lo considero tale. Conosco i suoi pensieri e so che spessissimo lui commenta a ore diverse dalle nostre. Franco se ti senti offeso scusami, ma pensavo si capisse che era ironia per scusare quel bigottume che non mi piace neppure un po?.
      E tu, Cristiana per farti passare la nausea succhia caramelle allo zenzero......
      Cosa ipotizzo su di te? Non seguendoti non posso trancerare giudizi quindi non rispondo. Ti auguro invece un buon pomeriggio! Ciao

      Elimina
  8. Gus, mi auguro che pubblicherai il mio commento precedente, così come ha pubblicato quello di Lucia.
    Cri

    RispondiElimina
  9. Per comprendere una realtà bisogna viverla. Tu non sei credente e vivi in un mondo diverso.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina