lunedì 25 luglio 2016

Non inciampare sul preconcetto

 
 
 


 
 
Tu, cos'è il tu umano che entra in azione? E' la libertà. Perché abbiamo visto in quella pagina terribile che, quando Gesù ha fatto il suo più grande miracolo tanti hanno detto: «E vero!» e alcuni sono andati ad accusarlo.
Per aderire basta essere sinceri, affermare la corrispondenza e, perciò, essere ragionevoli: la ragionevolezza è affermare la corrispondenza tra quello in cui ci si è imbattuti e se stessi e il proprio cuore. Per negare occorre un preconcetto: occorre essere attaccati a qualcosa che si vuoi difendere; se si ha da difendere qualcosa di fronte all'evidenza e alla verità, non si vede più l'evidenza, non si vede più la verità, si è accanitamente tesi a salvare quello che si vuoi salvare. Per esempio, uno degli scienziati che hanno capovolto il corso della storia umana, Pasteur, che ha scoperto i microbi (la scoperta più rivoluzionaria della storia della medicina), è stato osteggiato fino a volerlo fare mettere in manicomio - adesso l'avrebbero ucciso! - da chi? Dagli scienziati dell'Accademia delle Scienze di Parigi, quelli che per sé avrebbero dovuto capire più facilmente degli altri l'evidenza delle sue scoperte. Invece, cari miei, se le sue scoperte erano vere, la mia cattedra, il mio emolumento al 27 del mese, la mia fama... addio tutto! L'indomani sarei dovuto salire in cattedra e dire: «Ragazzi, vi ho contato balle fino ad ora!», sarebbe umiliante. Ecco, per fuggire da questa umiliazione, quegli scienziati sono stati gli ultimi a cedere, perché erano attaccati a qualcosa di precedente, a un preconcetto. Ma io ho usato una parola che serve per tutto, la parola «scandalo», che viene dalla parola greca scandalon che vuoi dire "inciampo". Come un sasso che in montagna cada sulla strada: devi correre in paese a prendere la gru, se ci riesci. Scandalo è l'obiezione che deriva da un interesse affermato non in nome della verità, non come ricerca della verità.



23 commenti:

  1. E' STRANO che LA VERITA' in PERSONA si FA PIETRA di SCANDALO e SASSO d'INCIAMPO.
    Ma chi crede in lui non sarà deluso.

    RispondiElimina
  2. La pietra scartata dal costruttore è diventata testata d'angolo.

    RispondiElimina
  3. Buonasera Gus:Non mi trovo a mio agio a discutere di preconcetti. Di pietre che ti fanno inciampare,ma lo scandalo mi attrae perchè a volte
    basta una parola sgarbata per creare scandalo. Perchè essere di "scandalo" non significa solo avere atteggiamenti equivoci. Quindi:
    ricorro a Gesù, alle Sue parole per parlare dello scandalo:Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare - Caspita, parole severe! Il messaggio però è schiaro Se ci fermiamo a pensare, le gambe incominciano a tremare, perché facciamo memoria del nostro agire e dei contenuti del nostro parlare quotidiano. L’invito non è tanto rivolto ai frutti del nostro stile di vita, quanto piuttosto alle conseguenze che questo reca alle persone che vengono a contatto con noi, ed in particolare ai piccoli,(i piccoli non sono solo i bambini) agli indifesi,a coloro che vivono in maniera trasparente la loro esistenza, che credono con una fede semplice, genuina, che si rivolgono al Signore con spirito filiale. Vivere, agire, parlare, pensare nel bene, significa testimoniare la bellezza dell’amore di Dio. S. Agostino afferma "Ama e fà ciò che vuoi".E' l’amore che guida le azioni, è la gioia del servizio che crea la pace, è la bellezza della semplicità che avvicina l’uomo al Signore. Essere dalla parte di Dio non è un’esclusiva di un gruppo di persone, ma è di tutti coloro che desiderano vivere nella gioia, nella carità e nella comunione con Cristo.
    Fatto il sermone, mi ritiro in silenzio, augurando a tutti una buona notte. Buonanotte Gus. Bacio

    RispondiElimina
  4. “Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?».”
    Questo è lo scandalo della fede cristiana! Questa domanda che Gesù pone a Marta, la pone a tutti noi.
    Il preconcetto, lo scandalo per coloro che non credono. La domanda che ferisce e turba.
    Questo Gesù che è morto crocifisso, che si perde totalmente, affinché altri possano vivere.
    Scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani,io non chiedo altro che vivere nella fede in quel Dio del quale tutti possiamo dire: “Mi ha amato e ha dato se stesso per me”.
    Grazie August, buongiorno sereno!
    Dani

    RispondiElimina
  5. In piena liberà possiamo rispondere sì o no e poi essere coerenti con la scelta fatta, cioè rispettare Comandamenti e Insegnamenti di Cristo.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  6. Buonaserata Gus: Ho cucito quasi tutto il giorno. L'ago della macchina cantava mentre i miei pensieri volavano e si rattristavano pensando che ogni giorno qualcuno muore per un desiderio di vendetta. Qual'è il valore dell'uomo? Qual'è il mio valore? L'obbedienza: accettare il dolore del mondo, accettare di essere ora e cos'ì.
    Domani ho i miei antichi amici e tanto cari: bacerò la mia mamma e anche Lauretta che certamente mi dirà: Lucia è già venerdì? E porgendole una delle rose che raccoglierò le dirò di aver cambiato giorno e che sarà un magnifico mercoledì! Bacio anche a te Gus. Buonanotte amico mio.

    RispondiElimina
  7. Serve il distacco con i fatti della terra.
    'notte.

    RispondiElimina
  8. "Il maggiore ostacolo alla scoperta della verità non è la falsa parvenza derivante dalle cose e inducente all’errore, e neppure, immediatamente, la debolezza dell’intelletto; invece l’opinione preconcetta, il pregiudizio che, come uno pseudo a priori, si oppone alla verità e quindi somiglia a un vento contrario che respinge la nave dalla direzione nella quale soltanto si trova la terra; talché timone e vela sono invano operosi."
    (A. Schopenhauer)

    RispondiElimina
  9. A noi piacerebbe la nostra verità, quella che ci fa comodo e mentendo a noi stessi riusciamo ad ottenerla. E' un problema perché poi solo una grazie può liberarci dalla menzogna.
    Ciao Regina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi, oggettivamente, chi possiede la verità assoluta? Nasciamo e moriamo esseri umani: su quale criterio è definibile che il tuo sia un preconcetto e la mia sia verità o viceversa?... La caducità della nostra natura dove trova un confine delineabile grazie al quale possiamo offrire certezze?

      Ciao Gus, il cielo è sempre più blu...

      Elimina
  10. Il paradosso di Fëdor Dostoevskij:

    "Se mi dicessero che qui è Cristo e là è la verità, io abbandonerei la verità per aderire a Cristo"


    Sì, il cielo è sempre più blu.
    Ciao Regina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E perchè?
      Lo dici perchè conosci la VERITA'? ... che non è per NULLA ASSOLUTA.

      Elimina
  11. Angelo, ho scritto citando il paradosso di Fëdor Dostoevskij.
    In verità non è un paradosso. L'adultera ha peccato e secondo la legge doveva essere lapidata. Ma c'è chi entra nel cuore della legge e viene fuori la Verità. E' Cristo e lo spiega e non la legge che è arida e impersonale.
    Anche il fatto Sodoma e Gomorra è straordinario. Basta qualche uomo non peccatore per salvare tutti. Noi non possiamo conoscere la Verità. Siamo troppo piccoli, ma possiamo intuire chi è la Verità, come ha fatto Fëdor Dostoevskij.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho solo voluto dire che non è mai asSOLUta.
      Molti pensano che la MISERI-CUOR-DIA è squallido buonismo, ma non sanno che è GIU'STIZZA perFETTA.
      Il PRObLEMMA è apPARTE-TENERE a LUI o no.

      Elimina
  12. Risposte
    1. Ti RAMMENDO (si non rammento) LO SPIRITO VISCERALE e non carnale.
      Tu sai come di FANNO gli ANGELI?
      c'OME i BAMBINI ma con + SPIRITO e - carne.

      Elimina
  13. Buonaserata Gus: ...giornate particolari e...sono inciampata nel preconcetto!!! Tranquillo non mi sono fatta male, forse. Bacio Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' normale inciampare nel preconcetto. Il punto è accorgersene.
      Bacio Lucia.

      Elimina
  14. Sai cosa penso August, che è molto più facile amare, capire e condividere, chi è molto simile a noi, o perlomeno, sappiamo che noi, per lui/lei , siamo compresi, e accettati. La difficoltà è quando, noi non siamo compresi, o non vogliono comprenderci, causa il non filing, oppure l’antipatia, che si è creata per incomprensioni o per altri motivi, e il “preconcetto” la fa da padrone. A queste persone tu potresti camminare a testa in giù, ma loro lo negano a priori. Ho imparato che , se posso comunico, se non riesco sarà il Signore a comunicare.
    Ciao August, un abbraccio grande !
    Dani

    RispondiElimina
  15. A volte l'approccio al blog mira all'esaltazione del proprio ego. E' un caso disperato perché cominci a vedere che il tuo interlocutore privilegia un altro. Nel piccolo è una forma di paranoia e non si può far niente. Le conseguenze sono attacchi e offese al presunto rivale. Non si tratta di essere simili ma muoversi nella normalità e nel rispetto degli altri.
    Abbraccio Dani.

    RispondiElimina
  16. Bacio per una serata di bacetti!!!

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità