giovedì 2 dicembre 2021

Gli orfanatrofi rumeni di Ceaușescu

 


La nostra è una società anaffettiva e priva di sentimenti che spingono all'amore, al rispetto e alla fiducia verso gli altri.
C'è sempre poi "l'imposizione" sbagliata secondo cui se non abbiamo una relazione con qualcuno e se non siamo al centro dell'attenzione non siamo nessuno... ma è poi così?
Io credo che prima dobbiamo amare noi stessi, e una volta ottenuta la consapevolezza che noi esistiamo perché meritiamo di esistere e che valiamo a prescindere dal resto del mondo, allora possiamo dare il nostro amore sicuri che in qualche modo (anche inatteso) esso tornerà di nuovo a noi.
La mancanza d'amore porta alla morte interiore e dell'anima della persona che agli occhi degli altri è trasparente come il vetro. L'isolamento, l'indifferenza verso il prossimo sono la piaga della nostra società, si ama e si è riamati solo se c'è una contropartita, non siamo più capaci di amare senza secondi fini, non siamo più capaci di accogliere l'altro senza egoismo, non siamo più capaci di dare e di darci senza aspettarci nulla in cambio.
L’amore è un "alimento" indispensabile da quando siamo nella pancia della mamma fino all’ultimo nostro respiro.
Più non ricevi amore, più non sai darne.
E' stato dimostrato che il cervello è molto plastico fino ai 2 anni. E' nei primi due anni della nostra vita che si struttura la nostra personalità. I bambini negli orfanatrofi rumeni sotto Chauchesku che vivevano rinchiusi in gabbiette senza alcun contatto umano sin dalla nascita sviluppavano, nel tempo, ritardi nello sviluppo, malattie. Dopo i due anni, avrebbero riportato problemi nell'apprendimento o difficoltà a interpretare la realtà fino all'età adulta. Quindi l'amore è anche direttamente correlato alla c.d. "intelligenza".
Non si muore per mancanza di amore, ma per mancanza di amore si passa una vita insignificante, vuota e piena di inutile e sterile dolore.

19 commenti:

  1. Immagine:

    Possible ricerca correlata: romênia comunista

    RispondiElimina
  2. Vero 2 anche 3 anni poi i giochi sono fatti nel bene o nel male. Terribile quello che accadeva in Romania in quei lager per neonati.

    Sai, penso che non sia più neanche questione di egoismo per cui come tu scrivi si ama se si pensa di ottenere qualcosa in cambio, è forse più narcisismo per cui si ama se stessi nel modo sbagliato però il che porta ad amare il prossimo in modo malato o anafettivo, e potrebbe portare a sostenere che per paradosso il narcisismo è la forma più eclatante di non amore verso se stessi perchè si è affascinati dal proprio ego, ma è un fascino che può anche scadere sia perchè si scopre di non essere così affascinanti ma soprattutto perchè una volta che verrà meno l'mmagine anche fisica distorta che si ha di se stessi ,potrebbe anche in teoria avvenire un tracollo nell'individuo in questione. Il narcisismo arrogante unito ad una ignoranza oramai dilagante, creano esseri superficiali che non sanno proprio amare in modo sano In primis se stessi, e quindi il partner ma direi il prossimo in generale. Sio m muore per mancanza d'amore, ci si può ammalare e soprattutto ci si spegne dentro e se manca la luce interiore il corpo è un involucro vuoto che cammina senza scopo e per riflesso condizionato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il conflitto, ovvero la divergenza di opinioni è naturale ed è un bene che ci sia: l'aspetto interessante è se nel contesto di un confronto gli interlocutori siano più interessati a confrontarsi sui contenuti e rispettive argomentazioni piuttosto che misurarsi sull'aspetto formale della relazione, ovvero chi ha ragione e sa discutere meglio. Dipende naturalmente dal coefficiente di narcisismo presente in ciascuno degli interlocutori o meglio ancora dal rapporto tra narcisismo e curiosità per l'altro in particolare e per la conoscenza in generale. Personalmente ritengo che può essere costruttiva ogni discussione non eccessivamente avvelenata dall'ansia di doversi dimostrare migliore ad ogni costo: si impara da tutti e tantissimo dai meno esperti, come i bambini ad esempio...
      Il vero dialogo passa attraverso il vero rispetto che significa saper ascoltare, saper andare oltre le parole udite e saper accettare che una persona la pensi in modo diametralmente opposto al tuo e non per questo diventa per te meno importante. Il mondo è bello proprio perché non esiste un individuo uguale all'altro.

      Elimina
  3. Quello che accadeva in quegli orfanotrofi è orribile. Condivido ogni parola che hai scritto. Senza l’amore non si sviluppa nemmeno l’intelligenza. L’essere umano ha bisogno di essere amato. È l’unico essere che una volta nato non è in grado di sopravvivere senza l’aiuto di un’altra persona che corrisponde quasi sempre alla madre biologica. Ciò ci dovrebbe far riflettere su quanto sono importanti le relazioni, i rapporti che ci legano agli altri. L’uomo è sociale fin dalla nascita, la sua personalità si sviluppa perché un gruppo di persone gli ruota intorno e gli dona amore ed educazione. Senza amore non esiste l’uomo. Ciò dovrebbe bastare per eliminare ogni forma di egoismo e di conflitto. Il fatto è che ognuno ha il suo bagaglio personale che differisce da quello di tutti. La sua identità si costruisce su tutti questi insegnamenti che non sono uguali per tutti , è per questo che poi quando incontra persone che hanno un bagaglio diverso ci entra in conflitto anziché in amicizia, perché entra in crisi la sua identità ( ma parlo anche delle cose più semplici tra persone della stessa comunità , non solo del razzismo). Ed è sempre per questo che si lega agli individui più simili a lui. Oggi però stiamo peggiorando, perché l’amore si è legato all’interesse, quindi l’uomo sta diventando sempre più solo perché i suoi rapporti sono tutti falsati, sono a convenienza. Ovviamente parliamo sempre in generale, non è un discorso che vale per tutti, per fortuna direi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il socialismo reale ha spento l'entusiasmo di cambiamento a milioni di persone.
      E della Romania parlavano di socialismo dal volto umano.
      L'accusa di genocidio non fu mai provata. Successivamente quattro collaboratori dei Ceaușescu nel 1990 ammisero la complicità in genocidio. Nessun fascicolo d'inchiesta fu presentato alla corte. I Ceaușescu furono accusati di possedere un miliardo di dollari in conti esteri, ma tali fondi non furono mai trovati.

      Elimina
  4. Una storia orribile e comune anche ad alcuni Paesi che si definiscono democratici. Sono tanti i genocidi nel mondo, molto spesso dimenticati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Russia ha preparato un piano per invadere l'Ucraina perché ha chiesto di entrare nell'Unione Europeo, e questo dà fastidio a Putin che vuole reintegrare l'Ucraina nell'impero russo. Se necessario con la forza.

      Elimina
  5. Non solo, ogni anno sono 35 mila i bambini indiani che finiscono nella rete dei trafficanti, anche se il dato è solo stimato. I rapimenti, infatti, non sempre sono collegati alla tratta. In molti casi, inoltre, sono i genitori stessi a cedere i figli a intermediari in cambio della promessa di far trovar loro un lavoro in città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono persone così persone così povere che vendono un rene che viene trapiantato in cliniche abusive.

      Elimina
    2. ella città di Herat, in Afghanistan, esiste un ospedale specializzato in trapianti nel quale i donatori offrono direttamente parti del loro corpo a chi è disposto a pagare per riceverle. I poveri, i disperati, le vittime di una guerra senza fine, quelli che non sanno più come tirare avanti e come sfamare la propria famiglia fanno la coda per farsi espiantare un organo in cambio di poche migliaia di dollari che danno solo un breve e illusorio sollievo.

      Elimina
  6. L'amore ci nutre quanto e più del cibo materiale... La mancanza d'amore ci fa soffrire terribilmente. Se viene patita nella primissima età se ne patiscono per sempre le conseguenze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'egoismo ottuso non si pone questi problemi.
      Ciao Maria.

      Elimina
    2. Una catena commerciale complessa e ben strutturata, quindi, che ha trovato terreno fertile in diverse zone del mondo. Le stime indicano che il numero globale di trapianti commerciali – trapianti che comportano un pagamento per l’organo e quindi illegali – è di circa 10.000 all’anno, pari al 10% di tutti i trapianti. Nella maggior parte dei casi, l’organo venduto è un rene.

      Il giro di affari è rilevante, stimato tra 600 milioni e 1,2 miliardi di dollari fino allo scoppio della pandemia.

      Focalizzarsi sul traffico illegale di organi in Medio Oriente e in Nord Africa piuttosto che su altre zone del mondo interessate da questo sfruttamento – come la Cina o l’America Latina – significa innanzitutto fare luce su un mix drammatico di povertà, abusi, guerra, che caratterizza da troppo tempo queste aree. Qui, per esempio, gli oltre 5 milioni di rifugiati sono le prede più facili da adescare per promettere denaro in cambio di organi.

      Dalla Turchia alla Siria, fino allo Yemen, alla Libia, all’Iraq e all’Egitto, la rete di disperati donatori e di broker senza scrupoli racconta storie di disumanità e di crimini che ormai vanno avanti da anni, con pochissimi progressi a livello giuridico.

      Nel mirino c’è soprattutto l’Egitto, considerato il vero centro del “mercato rosso” dell’intera regione. Nel 2010 il Paese ha adottato il Transplantation of Human Organs and Tissues Act proprio per arginare il vergognoso fenomeno della vendita di reni e fegati che stava preoccupando il Governo, soprattutto per la reputazione nei confronti dei turisti stranieri.

      Tuttavia, nonostante il divieto legislativo sul commercio di organi e l’istituzione di un comitato di sorveglianza incaricato di applicare le rigide disposizioni, i trapianti e i traffici illegali di organi sono continuati. Non è stata utile nemmeno la legge interna sulla lotta alla tratta di esseri umani, nella quale si include la rimozione di organi come una forma illecita di sfruttamento.

      Elimina
  7. Mi chiedo: noi cosa facciamo per loro?
    Buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si parla del periodo del comunismo. Ceaușescu è stato ammazzato dai rumeni.

      Elimina
    2. Io parlavo anche in generale

      Elimina
    3. Ci sono tante dittature mascherate.
      Noi facciamo poco.

      Elimina
  8. È qui che i bambini sono così maltrattati? In Romania? Sono orfani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irina.
      Io ho riportato fatti storici.
      Rileggiti il post.

      Elimina