mercoledì, dicembre 22, 2021

Dedicato a Lei

 


La pace accompagnata dalla serenità arriva sempre da una fonte inesauribile. Un'acqua viva che sgorga limpida e purificatrice. Non conosco modalità diverse, non vedo alternative valide, facili surrogati, qualcosa che entra in te e rimane scacciando la solitudine. E poi la memoria è viva grazie agli sprazzi ripetuti di sofferenza. Solo così la morte si trasforma in una luce immensa. Amare significa aver piacere della presenza di un'altra persona. Una persona a cui raccontare le tue sensazioni, emozioni, commentare un passo del vangelo. Sono tutte cose che non puoi fare con altri, nemmeno i figli perché il rapporto non è paritario come quello marito-moglie. Tu sei il padre e non puoi esternare una tua tristezza e procurare un dolore. Io li accolgo sempre con il sorriso e le mie angosce non trovano uno sbocco relazionale. Il dolore è la mancanza di comunicazione, una parte del tuo essere vivo che è morta.
"Sia fatta la tua volontà" è il passo più importante per la vita di un cristiano. Significa che quello che mi accade è sempre per il mio bene perché io ho donato la mia vita al Signore. E' questo che mi fa stare bene anche se solo attraverso il dolore posso rendere viva mia moglie. In questi momenti di sofferenza sento che mi sta accanto. E' una realtà particolare, anche difficile da raccontare, perché solo chi la vive in prima persona può comprenderla. Spesso "da noi", (noi esseri umani), ci si aspetta sempre la cosa giusta. Devi fare questo, devi essere così, devi fare in quest'altro modo. La verità è che non dobbiamo niente a nessuno, se non a noi stessi e al rispetto di chi incarniamo veramente. A volte mi chiedo cosa sarebbe stato giusto dire in certe occasioni. Bisogna sempre dire la cosa giusta o farla, ma non è così! Nessuno è perfetto, solo Dio lo è. Allora accettiamo di essere mortali con i nostri difetti perché in realtà nell'amore incondizionato c'è un fatto, che chi ci ama non fa domande, chi ci ama condivide pur non capendo cosa ci passi per la testa!
La gente parla del dolore con una tale superficialità da fare impallidire, come se il dolore fosse come un segno con la matita che puoi cancellare con la gomma del tempo, ma non è così.











70 commenti:

  1. "Sia fatta la tua volontà" è il passo più importante per la vita di un cristiano. Significa che quello che mi accade è sempre per il mio bene...

    Solo chi è convinto che Dio sia Padre e Padre amorevole più del migliore dei padri-madri terreni può arrivare a fare questa affermazione.
    Ciao Gus e Buon Natale.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il senso della mia affermazione riguarda esperienze di vita. Non vorrei apparire un fanatico fondamentalista ed essere smentito da altri lutti.
      La morte di mia madre con carcinoma al seno + metastasi ai polmoni e alle ossa è stata un bene per lei. Ha evitato trasfusioni di sangue e morfina per i dolori terribili.
      La morte di mio sorella e mio fratello ha scritto la parola fine alla vita di qualche mese fatta con morfina.
      Mia moglie è morta per arresto cardiaco la notte che precedeva l'amputazione di una gamba e l'altra dopo un mese. L'emodialisi causa gravi sofferenze e l'arteriopatia obliterante degli arti inferiori aveva originato un cardiopatia grave. Quando si spostava in casa dalla cucina alla sala aveva attacchi di asma.

      Elimina
  2. Proprio oggi pensavo a quanto senta vivo il rapporto d'amore con mia madre, anche se lei non c'è più. Non voglio sentirla vicina, voglio che stia bene dove sta, che si goda la pace che merita, ma sento vivo il sentimento, come se lei fosse in viaggio, so che è da qualche parte e anche lei mi vuole bene. Certo non è la stessa cosa rispetto al sentimento verso una compagna di vita, verso quella persona che ci rende parte di una unità. Non so cosa dire di fronte al tuo dolore, ma capisco la tua necessità di proteggere i tuoi figli. Credo però che tu stia scegliendo la strada giusta, la volontà di Dio va accettata, perchè noi siamo troppo limitati per comprendere, almeno in questa vita. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ninin, hai compreso quello che è avvenuto in me.
      Buon Natale.

      Elimina
  3. Non ho mai sentito un dolore così atroce come il ricordo della gioia nell'attuale dolore.

    "nell'amore incondizionato c'è un fatto, che chi ci ama non fa domande, chi ci ama condivide pur non capendo cosa ci passi per la testa!" E soprattutto deve essere reciproco. Amare non vuol dire mi dispiace.
    Ciao gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' in rapporto alla tua fede?
      Buon Natale Anna.

      Elimina
    2. In rapporto al mio credo.
      Buon Natale, Gus.
      ❤️

      Elimina
    3. Lo ripeto...la mia fede si vede nei gesti. Nei sentimenti umani che davvero non so se riflettono nel mio amore per Dio. Tu senti amore per Dio? Io non sento nulla, e nulla mi consola, ma so dare a piene mani nei miei momenti più veri... Non ho paura di nulla e questa sensazione non è piacevole.
      Vorrei che i miei sentimenti mi portassero in alto. Il mio credo per Dio e per le persone è unito. C’è un cuore solo. Un’unica fede, ma spesso mi manca...La fede è un dono dato a caso, forse.

      Elimina
  4. Hai problemi di orario gus?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fede e qualche cedimento. I santi sulla terra sono pochissimi.
      Ciao.

      P.S.

      La madre di Alberto ha superato del tutto l'ischemia e Daniele deve fare solo il tampone. Quindi, tutto ribaltato, in meglio.
      Ciao.

      Elimina
    2. Bene. Vi auguro un Natale sereno e generoso.

      Elimina
  5. Problemi nello scrivere, oppure guasti al pc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai scritto il post all' 1:14? Non ci credo ma neanche...
      Di sonnambuli non ce ne sono tanti nella blog sfera.

      Elimina
    2. 1:14 P.M. sono le 13 e 14 minuti, proprio un attimo prima di pranzare. E' pieno giorno.

      Elimina
  6. Il concetto "è per un bene mio" non è una regola fissa.
    L'anno che ha preceduto il Covid-19 eravamo per Natale a casa di mio figlio. Lisa era arrivata da Brescia. Per una banalità si sono offesi incolpandosi a vicenda. L'anno dopo la zona rossa a Brescia ha impedito a mia figlia di venire a Pescara.
    Quest'anno sembrava tutto tranquillo, invece la madre del marito ieri pomeriggio era in ospedale per un ictus cerebrale molto grave. Oggi, mi stavo accingendo a pranzare, e arriva una sua telefonata di Giuseppe: Danielino (il figlio maschio) è in quarantena a casa per due episodi di Covid-19 avvenuti nella sua classe.
    Non penso che queste coincidenze strane siano avvenute per il mio bene e dei miei famigliari.
    Tanto per chiarire.

    RispondiElimina
  7. Anche per non essere preso per matto. Per capire una realtà, anche evidente, bisogna viverla.

    RispondiElimina
  8. “ Il dolore è la mancanza di comunicazione, una parte del tuo essere vivo che è morta.” È questo che succede quando perdiamo una persona che amiamo. La gente supera in fretta e sinceramente non so come faccia. Si, la vita ricomincia, si va avanti però è come se tu avessi perso un pezzo di te, della tua anima, dentro manca qualcosa, c’è un pezzo di noi che muore per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie era una donna eccezionale e il nostro amore era grande.
      E' normale sentire la sua mancanza ed è anche normale accettare la sua morte quando la vita era diventata umanamente impossibile per le amputazioni, la cardiopatia grave, la cecità.
      La memoria forte diventa quasi una presenza.

      Elimina
    2. Grande donna...merita il paradiso solo per averti sopportato 🤭..scherzo.
      Di lei sono gelosa. 🙂 delle altre NO

      Elimina
  9. No, il dolore non può essere cancellato con la gomma.
    Hai vissuto un grande amore Gus, sei fortunato perché tanti, troppi non lo vivranno mai, tu lo vivi ancora e varca il confine tra la vita e la morte, è eterno.
    Buon Natale amico mio con tutto il mio affetto per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello vedere che tu scrivi qualcosa e chi legge ha capito tutto.
      Buon Natale amica mia.

      Elimina
  10. Risposte
    1. E' la cosa migliore che potevi regalarmi.

      Elimina
  11. Gus...somiglio un poco a tua moglie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le donne giuste hanno qualcosa che le rende piene di fascino.

      Elimina
    2. Lo penso anche io.
      Grazie

      Elimina
  12. Jamás se puede borrar el dolor, solo se aprende a vivir con el y trascenderlo con aprendizaje.
    Te dejo un abrazo muy grande, deseando que tu navidad sea muy bella y que tu vida este llena de luz. Bendiciones amigo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi esposa no vive en la Tierra, pero siempre está viva en otro lugar.
      El dolor se mitiga con esta visión de la realidad.


      Ciao

      Elimina
  13. Stanchezza e dolore da custodire come ramo morente conficcato nel tuo petto.
    Riconoscili. Parlaci giorno dopo giorno. Hanno bisogno del nostro ascoltarli.

    RispondiElimina
  14. Ci sono aspetti incredibili nell'amore tra me e Bruna. Difficile che ne parli nel blog.

    RispondiElimina
  15. Sia fatta la sua volontà...hai ragione, ma a volte si soffre immensamente anche guardando una foto, leggendo una lettera...io poi ci parlo insieme, è una cosa naturale, sento il bisogno di farlo e sento anche degli abbracci. Ama questa persona, amala più che puoi. un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria, è molto bello quello che hai scritto.
      Ciao.

      Elimina
  16. Mi inchino al tuo nobile sentire, caro Gus, ai tuoi sinceri sentimenti e alle tue toccanti emozioni. È stato un leggerti le corde del cuore illiminante ed istruttivo al contempo. Il dolore lo si vive e non lo si immagina, e io che ho perso un figlio appena 18enne in un incidente stradale nell agosto del 2016 so bene di cosa si sta argomentando. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accadono fatti terribili e il non accettarli aumenta il dolore.
      Ti ringrazio per le belle parole.
      Ciao Claudio.

      Elimina
  17. E il primo Natale senza la mia famiglia. Se potessi esprimere un desiderio spero che loro siano felici come non lo sono stati mai in questa terra. ❤️❤️❤️

    RispondiElimina
  18. Lascia che questo giorno ti porti risate, gioia e felicità. Te lo meriti tutto questo! Buon Natale!

    RispondiElimina
  19. Tu non potrai mai passare per un fanatico. Io lo so. Post molto profondo

    RispondiElimina
  20. Un post profondo che ricarica il cuore perchè Dio è sempre con noi.
    Lui ci ascolta e ci sorregge sempre
    Buone feste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il Padre ama i suoi figli e perdona i peccati.
      Buon Natale Simona.

      Elimina
  21. Leggo di notte Gus. Buon Natale e sempre con tanta gioia Gus!

    RispondiElimina
  22. Grazie Francesco.
    Buon Natale

    RispondiElimina
  23. Il dolore per la perdita delle persone che amiamo a volte ci scava come un tarlo.. non passa mai..io ho perso i miei genitori giovani e dopo lunghe malattie..ho creduto in un amore immenso che però mi è stato "portato" via..ti cambiano la vita certe esperienze e diventa tutto più difficile..
    Un augurio sincero di buone feste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'esperienza molto dolorosa. Veder morire i genitori giovani è sicuramente un qualcosa che lascia il segno per tutta la vita.
      Buon Natale Ges.

      Elimina
  24. Buon Natale Gus con tutto il mio cuore a te ed a tutte le persone che ami

    RispondiElimina
  25. Tantissimi auguri di Buon Natale.

    RispondiElimina
  26. Auguri di un sereno Natale

    RispondiElimina
  27. Great article. Stay safe and healthy

    RispondiElimina
  28. Grazie per questo post così toccante e ancora buon Natale, Gus! Sappiamo che la luce del Natale ci accompagna ogni giorno.

    RispondiElimina
  29. Gus, grazie mille per gli auguri sul mio blog. Li ricambio e ti ringrazio per il pensiero, scusandomi di essere sparita proprio... Spero e voglio tornare su Blogger come prima. Mi mancate :) ancora auguri e grazie davvero 😘

    RispondiElimina
  30. che meravigliosa descrizione mio caro Gus dove il dolore è descritto con tanta delicatezza ma tanta sofferenza. Si, chi non passa dalla parte del dolore non può pienamente capire. Il dolore si mercifica con noi stessi , ci parla , ci scuote, ci guarda , ci fa ricordare , ci fa soffrire . Ma la sua rappresentazione o la reazione che noi dobbiamo avere incontrandolo, non dipende da noi e anche se condivisa , resta solo la nostra . Abbiamo solo noi il potere di trovare l'unica soluzione : la serenità. Difficilissima, ma solo questa ci può portare a trasformare la sofferenza in accettazione.
    Un felice , parola forse impropria, 2022

    RispondiElimina
  31. Oltre gli auguri, ritaglio adesso un momento per commentare il post in sé. Al di là della questione religiosa, in questi giorni mi sono esattamente ritrovata a riflettere su questioni simili a quelle che hai toccato tu con le tue parole.
    Spesso il dolore risiede proprio nella consapevolezza di non poterlo condividere con la propria metà. È fondamentale sapere che un fardello può essere portato anche con l'aiuto di chi ti ama; non necessariamente poi deve avvenire, è proprio solo la consapevolezza di poterlo fare che solleva gli animi. Di contro, affrontare la solitudine in questo senso atterra anche i più fiduciosi. È impossibile parlare d'amore senza passare per la condivisione anche del dolore. Che spesso c'è ed è incomprensibile agli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generalmente due coniugi che si amano, spontaneamente, vivono insieme, condividendole, gioie e dolori personali.
      Diverso è il rapporto con un figlio, anche tenendo conto dell'età, che si appoggia al genitore parlando dei suoi problemi.

      Elimina
  32. Buona sera, ma quante mail hai gus?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pochissime:
      hotmail.com
      Alice.it
      virgilio.it

      Elimina
  33. Ti ho pensato, ricordato e pregato.Devo pregare tanto, il tempo corre veloce....Buon Natale caro amico di un tempo familiare e sorridi alla vita vissuta con amore e ricorda sempre tutto.
    Bacio Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia.
      Fortunatamente il tempo corre.
      Bacio.

      Elimina
  34. Sempre bello leggerti...mille e più auguri per il nuovo anno di salute e tanta serenità. Ciao Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vivì.
      Speriamo che il virus smetta di tormentarci.

      Elimina
  35. Vivi il tuo dolore, abbraccialo perchè è una ragione di vita che aiuta a crescere nella memoria di chi abbiamo perduto e ritrovato. Augiper un sereno anno nuovo.

    RispondiElimina