domenica 5 dicembre 2021

Qualcosa di magico

 


Le cose si manifestano inaspettate. E sono al di là quello che appaiono.

Io non credo che quello che vediamo sia tutto.

L’autobus era affollato. Non c’era posto a sedere per tutti. Qualcuno spingeva, 

qualcuno si appoggiava, altri si aggrappavano.

C’era un ragazzo che poteva essere mio figlio qualche anno fa. Io l’ho sentito 

come fosse mio figlio.

Si lamentava con una tristezza sconsolata della voce.

Come se nessuno lo potesse ascoltare.

Il suo lamento era una canzone. Gli ho teso la mano per sostenerlo.

A quel gesto, c’è stato un movimento fra i passeggeri.

Un varco inaspettato si è aperto , ed è emerso , lì fra i tanti , un posto libero che 

nessuno aveva mai visto prima di allora .

Il ragazzo si è seduto, con un sorriso per me.

Credevo che non l’avrei più rivisto.

Ma un giorno, sul molo di Pescara, ho visto lo stesso ragazzo che ripeteva il gesto 

di tendere la mano.

A qualcuno , un ragazzo come lui che stava vacillando, col rischio di cadere, in 

acqua.

Gli ha teso la mano, come avevo fatto io .

L’altro ragazzo ha avuto un attimo di impercettibile sbandamento, poi è ritornato i 

piedi .

E gli ha sorriso.

Quel gesto, quel sorriso sono passati di mano in mano, di vita in vita.

Quello che mi sta accadendo mi ha dato di più di quello

che mi ha tolto.

Ho conosciuto il significato vero della sofferenza e anche

del sacrificio.

Ma la cosa più grande è questa speranza che cammina insieme a noi.


28 commenti:

  1. Immagine:

    Possible ricerca correlata: you are a child of the unoverse


    RispondiElimina
  2. Un bel gesto di umanità 😊. Buona serata, Gus.

    RispondiElimina
  3. C'è una poesia di luce in quello che racconti. Grazie. Buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte accadono cose impensabili.
      Ho fatto uno stralcio dalla verità cambiando solo i luoghi.
      Quello che ho vissuto non posso raccontarlo.
      Grazie.
      Ciao Maria.

      Elimina
  4. Sensazioni nascoste che vengono fuori all'improvviso quasi casualmente , e poi si manifestano in altre occasioni aiutate pure dallo scandire del tempo. Stesse emozioni, stesse sensazioni non più velati ma libere di esprimersi aiutati dalla speranza che ci fa capire quanto spesso non siamo più soli.
    Bacio serale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho l'impressione che tu abbia afferrato il cuore del post.
      Un abbraccio Nella.

      Elimina
  5. È davvero accaduto da quanto percepisco dal post. Bellissimo il tuo gesto e penso sia davvero improbo descrivere l'emozione, la gioia, e quella folata di speranza che devi avere provato nel vedere passare appunto di mano in mano quel gesto d'aiuto, di solidarietà, di umanità. Tendere la mano, forse uno dei più bei gesti che l'uomo possa letteralmente e fisicamente compiere verso un suo simile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' grande lo stupore quando vedi passare di mano in mano un gesto d'aiuto.

      Elimina
  6. Non so a quando si riferisce l'accaduto, ma per favore occhio ai bus affollati.. evita se possibile..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per gli spostamenti uso esclusivamente la mia Torpedo blu.

      Elimina
  7. Gus. sono presente!|

    RispondiElimina
  8. La vita sempre con il sorriso......

    RispondiElimina
  9. A volte basta davvero poco per farci sentire accolti e amati.
    sinforosa

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Rossella.

    RispondiElimina
  12. A mano a mano ti accorgi che il vento
    Ti soffia sul viso e ti ruba un sorriso
    La bella stagione che sta per finire
    Ti soffia sul cuore e ti ruba l'amore
    A mano a mano si scioglie nel pianto
    Quel dolce ricordo sbiadito dal tempo
    Di quando vivevi con me in una stanza
    Non c'erano soldi ma tanta speranza
    E a mano a mano mi perdi e ti perdo
    E quello che è stato mi sembra più assurdo
    Di quando la notte eri sempre più vera
    E non come adesso nei sabato sera
    Ma dammi la mano e torna vicino
    Può nascere un fiore nel nostro giardino
    Che neanche l'inverno potrà mai gelare
    Può crescere un fiore da questo mio amore per te
    E a mano a mano vedrai con il tempo
    Lì sopra il suo viso lo stesso sorriso
    Che il vento crudele ti aveva rubato
    Che torna fedele
    L'amore è tornato
    Ma dammi la mano e torna vicino
    Può nascere un fiore nel nostro giardino
    Che neanche l'inverno potrà mai gelare
    Può crescere un fiore da questo mio amore per te

    RispondiElimina
  13. Le cose si manifestano inaspettate.
    Mi fermo qui non perché tutto il resto non sia interessante, anzi.
    Solo perché è ciò che sto vivendo e questa frase mi risuona dentro e mi illumina.
    Quindi grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Luce è un dono immenso.
      Ciao Ginny.

      Elimina