domenica 18 febbraio 2018

Il danzare dei ricordi






Ma c’è la luna a quest’ora del mattino? Abiti in un paese della fantasia? A meno che  tante sono le emozioni di ieri sera da risentirle stamani?
Anche a me succede così! Non mi soffermo nella notte per raccontare gli istanti magici, per non disturbare il sonno di chi dovrebbe dormire accanto a me, eppure si sarà alzata e non c'è.
Nella via dove abito, luogo di periferia, ma dove si transita per arrivare a svincoli strategici per raggiungere la superstrada, e poi autostrade, non c’è silenzio, per lo meno non prima delle tre di notte.
Io mi corico per meditare, pregare, ricordare. Le finestre in questa stagione non sono naturalmente aperte, ma le serrande non sono abbassate. Un lampione che mi infastidisce non poco, esattamente all’altezza dei miei occhi, l’udito inquinato dal via vai delle auto con i finestrini spalancati e con la musica a palla, i gridolini di quelli che passeggiano in bici, l’abbaiare dei cani, ovviamente disturbati dal traffico incessante.
Quando tutto intorno il silenzio, finalmente, è riuscito a scacciare il frastuono sciolgo le briglie dei miei pensieri, vago nel cielo notturno. E i ricordi danzano.
Ascolto il fruscio dei campi dove il grano non riesce a dormire. Il giorno fu pieno di lampi, ma ora il tuono è già lontano.
La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata.





33 commenti:

  1. Molto bello questo post.
    Rumori di città, silenzi di dimensioni notturne.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piace il post? Sei gentile Miki.

      Elimina
  2. La notte mi piace silenziosa, infatti l'apprezzo più ora con le finestre chiuse di quando, in estate, bisogna tenerle aperte per forza.
    I ricordi, se devono arrivare, arrivano a qualsiasi orario. Ma si, forse la notte è l'arco temporale migliore per accoglierli in pace. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nota non si hanno distrazioni, non ci sono impegni, cose da fare. Con il cuore tranquillo si può spaziare nei ricordi che contano.
      Ciao Dama.

      Elimina
    2. La notte non si hanno distrazioni. E' più chiaro così. Questo post vive in simbiosi con il film che sto vedendo. Io non lo capisco ma lui se venisse a leggere qui capirebbe ancora di meno. Se fosse possibile.

      Elimina
    3. Non capisci il film e lui non capisce te? :D

      Elimina
    4. Un film per essere rispettabile deve porti delle domande nel contesto dell'argomento proposto.
      Per esempio il film iraniano " Il cliente" lo fa, quello di ieri sera era melenso. Insopportabile.

      Elimina
  3. La prima parte del tuo racconto mi ricorda quando abitavo anche io in città. La seconda ed ultima parte direi che è una descrizione stupenda di come il silenzio possa far diventare un blogger un poeta... Complimenti amico mio. Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I rumori infastidiscono mentre nel silenzio viene favorita anche la meditazione. La notte io risolvo situazioni difficili e accetto la realtà che a volte diventa un pensiero ricorrente fastidioso. Mi piace immaginare un rapporto d'amore nel creato.
      Abbraccio Farfalla.

      Elimina
  4. Mi unisco ai complimenti per questo post molto poetico. Molto bella la conclusione: "La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata".

    Ti dirò però che io adoro un po' di rumori di sottofondo. Io cerco il buio totale quando dormo, ma il silenzio totale 'mi spaventa'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace il rumore di fondo del mondo. Lo puoi ascoltare solo di notte in aperta campagna.
      Difficile udire il brusio del Big Bang.
      Grazie Riky.

      Elimina
  5. Ciao Gus. Che bello incontrare,leggere frasi pensate suggerite da uno sguardo al reale al tuo cielo e consegnare i pensieri alla luna che sia messaggera a chi come te le fa compagnia. Conoscere persone pensanti.saranno anche credenti?
    Ne sono sicura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di tanto in tanto mi alzo di prima mattina per aprire tutti gli armadi e controllare se ci sono gli spettri. La mia casa è grande. Quando l'ho comprata eravamo in sei. Ognuno con la propria stanza. Nessun divano che diventava giaciglio. E' uno snobismo. Lo so che non posso trovare fantasmi. L'armadio con gli spettri è un luogo comune. Non è quella la loro dimora. Se ci sono stanno dentro di te e quando hai una palpitazione, una tachicardia, un attacco di panico immotivato, eh eh, sono loro che vogliono uscire dall'oscurità dell'inconscio dove li hai spinti con un obiettivo preciso: sputarti in faccia.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Col telefonino è un disastro scrivere di più di due righe!!!!
    Il silenzio e la luna due amici della mia notte. Grazie e sogni sereni. Bacio

    RispondiElimina
  8. Buona serata e buonanotte per quando il sonno ti bacera'gli occhi.Adesso bacio.

    RispondiElimina
  9. Quando i ricordi danzano, sono ricordi belli, gioiosi. La luna cara a tutti noi, è un poco vanitosa perché tutti per ammirarla alziamo gli occhi al cielo. Ma è tanto bella luminosa, in tutte le sue forme!
    Sussurra agli innamorati, ispira i poeti, fa sognare chi è solo, e rincuora chi è triste.
    Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
    Silenziosa luna?

    Grazie August.
    Buona notte
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora. Unisce quelli che hanno un senso della vita chiaro, deciso e per sempre.
      Abbraccio Dani.

      Elimina
    2. Ora le stanze sono vuote, esclusa la mia, ma quelle pronte ad accogliere i viventi stanno solo aspettando. Le altre sono anch'esse abitate perché la memoria è più presenza della realtà. La realtà è un impasto di buono e di cattivo, di bello e di brutto. La memoria taglia i rami secchi, imputriditi, le cattiverie. Resta solo un tronco d'albero con tante foglioline fresche per la brina mattutina. Profumano di pulito.

      Elimina
    3. Ora torno al film. Ma Richard Tiffany Gere riuscirà nell'età adulta a recitare con decenza?

      Elimina
  10. Si, la notte é magica. Si riesce a capire meglio se stessi, di notte oltre a percepire il mondo che ci circonda

    RispondiElimina
  11. Sì, per capire la vita bisogna iniziare ponendosi la domanda: "Ma io chi sono?".
    Ciao Giulia.

    RispondiElimina
  12. La notte mi è sempre piaciuta e mi piace ancor oggi, è stata una vera assessione in un periodo della mia vita in cui il silenzio e i buio mi erano diventati pesantissimi da sopportare, da lì ho scoperto che ogni realtà non è solo bella o solo brutta è l'una e l'altra e il bello è che tutto dipende dalla nostra mente, dal nostro sguardo. Ciao Gus e buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ossessione non assessione; ... il buio non i buio. Perdona.

      Elimina
    2. Il pensiero vede oltre il buio.
      Ciao Sinforosa.

      Elimina
    3. Sinforosa non preoccuparti per gli errori di battitura. La colpa è del correttore automatico fasullo.
      Ciao.

      Elimina
  13. Poesia che solo notte e silenzio possono suscitare, l'oblio dei propri pensieri finalmente libero dalle distrazioni, dal presente, dalla fretta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La notte è sempre un piccolo consuntivo della tua vita.

      Elimina
  14. Bisogna vedere i film. Io questa sera sono venuto a conoscenza che l'ultimo Scia di Persia ordinava il pranzo a Parigi e arrivava con un Concorde a casa sua, e la gente moriva di fame.
    Mohammed Reza Pahlavi, Shah di Persia, 1941 - 1979. Nel 1971 il "Re dei Re" spese 100 milioni di dollari per festeggiare l'anniversario dei 2.500 anni dalla nascita della monarchia persiana. Nel menù petto di pavone, servito su porcellane di Limoges, che gli invitati hanno degustato in una tendopoli di 160 acri a Persepoli. La sua superba collezione di auto sportive può essere vista al National Car Museum, assieme ai modelli personalizzati di Mercedes e Porsche del figlio.

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. Dimenticavo, il dittatore aveva riservato alla moglie il bagno con il latte.
      Ciao Anna.

      Elimina