giovedì 27 aprile 2017

La strada che porta alla Verità





Vorrei che tutti capissero che c'è un metodo che precede e rende possibile la conoscenza. Consiste nella capacità di cogliere i nessi tra le cose, di andare oltre quello che appare, di compiere il continuo percorso del segno fino all'origine, al significato.
Non mi faccio irretire da un piccolo campo di verità astratte e formali, con le conseguenti applicazioni scientifico-tecniche. Le restrizioni di questo dominio del razionalismo scientifico portano a una strada dove la conoscenza non ha più rapporto con la vita, con le questioni della vita. La questione che emerge con più forza è quella della certezza, anche per le caratteristiche prodotte dal tempo in cui ci troviamo a vivere, dal nichilismo che respiriamo, dall'incapacità di stare alle evidenze più elementari della nostra esperienza.
Tutto ciò che non è trascrivibile, traducibile in linguaggio matematico e non sottoponibile alla dimostrazione sperimentale, non è conoscibile ed è relegato nel campo del meramente soggettivo.
E quando si sta male ed è già difficile mettere insieme i pezzi di sè.... a salvare sarà proprio quanto non si può dimostrare o definire scientificamente.
La capacità di cogliere i nessi tra le cose è fondamentale per arrivare ad una conoscenza più completa, al di là della tecnologia e della scienza...è l'intuizione soggettiva che conta.
La natura è il luogo dei rapporti che sviluppano la persona; cioè la natura è il luogo dell'esperienza.
Caratteristica della natura è quella di costituire una trama organica e gerarchica che solleciti l'esigenza di unità immanente ad ogni persona.
L'esperienza vera mobilita e incrementa la nostra capacità di aderire, la nostra capacità di amare.
La vera esperienza immerge nel ritmo del reale, e fa tendere irresistibilmente ad una unificazione fino all'ultimo aspetto delle cose, cioè fino al significato vero ed esauriente di una cosa.

25 commenti:

  1. La capacità degli esseri umani in un mondo astratto. Abbracci!!
    Gus Grazie per aver ricordato il tuo blog....

    RispondiElimina
  2. Origine e Significato sono un Mistero, Gus caro. La nostra capacità deve essere quella di non sfrucugliare questo assunto rinunciando ad arrampicarci sugli specchi. Come etichetta del post citi Teologia. Ecco. A me è venuto da ridere pensando al Dizionario di Teologia. Coacervo di presunta sapienza davanti al quale Gesù stramazzerebbe al suolo dalle risate... uno di quei libri che pretende di far conoscere il "significato vero ed esauriente di Tutto".
    Amiamo senza pretendere. Ecco il vero dizionario.

    RispondiElimina
  3. Origine e Significato sono Mistero che noi sciocchini chiamiamo Dio, ma la sua volontà è imperscrutabile. L'obiezione di fondo è contro il nichilismo che pomposamente ha decretato che tutto quello che non è scientificamente dimostrabile non esiste. Non c'è niente di pomposo in quello che ho scritto e nemmeno suscita ilarità. Il fatto è che tu hai una concezione personale e tascabile della religione. Per te Tommaso d'Aquino e S.Agostino sono peracottari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non hai scritto nulla di pomposo, non mi riferivo a te.. e davanti a certi "pomposi" Dizionari di Teologia, anche Tommaso e Agostino si cappotterebbero dalle risate. Quella dei Dizionari è religione tascabile, che certa chiesa sdogana per fare proseliti facili. Io venero l'imperscrutabilità, la mia piccolezza, e il mio Non Sapere.

      Elimina
    2. Io leggo solo testi di teologia. I dizionari non li conosco e non servono.
      Imperscrutabilità, la mia piccolezza, e il mio Non Sapere come atto di umiltà sono fondamentali, se poi ti servono per aspettare un altro Gesù, sputacchiare sulla Chiesa senza sapere che veicola il divino servendosi dell'umano, allora le tre cose valgono come un cartoccio di lupini.

      I nostri scambi vanno alla ricerca della conoscenza aiutandoci reciprocamente.

      Elimina
  4. Post, interessante.
    Grazie Gus.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Tommaso d'Aquino dal libro della Somma Teologica:
    “I motori intermedi non muovono se non in quanto sono mossi dal primo motore, come il bastone non muove se non in quanto è mosso dalla mano. Quindi è necessario arrivare a un primo motore che non sia mosso da altri; e tutti riconoscono che esso è Dio.”

    Ciao August, serena notte.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo so. E' Franco che non comprende.
      Grazie Dani.
      Ciao.

      Elimina
    2. Questa somma di Tommaso è miele per i saggi. La puoi trovare nelle migliaia di assurdi assunti di un Dizionario di Teologia? Comunque hai ragione. Non comprendo. E ne sono felice. Siete voi che sapete Tutto. Io vivo sereno nella mia ignoranza, e nella Fede.

      Elimina
    3. L'importante è rispettare questa sequela:

      Credere in Dio
      Amare Dio

      che significa conoscere e applicare i Comandamenti.

      Inoltre devi sapere che nessuno va al Padre se non attraverso il Figlio.

      Il Figlio si chiama Cristo e per imitarlo devi conoscere i Vangeli.

      Elimina
  6. @ Franco,
    Io non so tutto, solamente mi affido, perchè credo, è molto più semplice di come tu pensi. Guarda la natura, il sorriso di un bimbo, la tenerezza di una persona anziana, il colre splendido di un tramonto, l'azzurroi del cielo e del mare,l'amore della tua donna, da dove viene tutto ciò? Dal caso? Puoi asserire questo?
    Un abbraccio Franco.
    e ad August che permette queste riflessioni.
    Grazie.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai nominato e mi inserisco. Tu sei partita dalla fede, l'hai arricchita con la pratica religiosa e lo studio. Tutto questo ti permette di vivere in simbiosi con la natura.
      Franco, invece, parte dalla natura, dall'intelligenza del creato e pensa che non serva più niente per essere un cristiano. Per me la conoscenza è invece importantissima, specialmente nella società di oggi e l'errore ( peccato ) porta a una vita disordinata più vicina al male che al bene.
      Dani in windows 10 MSN è come Novella 2000 e predica il nuovo vangelo, lo esalta anche.
      Intervistata nel salotto di The Real su Tv8, Aurora Ramazzotti si è aperta sulla sua vita privata, a cominciare dalla famiglia allargata di cui fa parte: da un lato papà Eros Ramazzotti con la moglie Marica Pellegrinelli e i loro due figli; dall’altra mamma Michelle Hunziker con il marito Tomaso Trussardi e le loro due bambine.
      «Ho quattro fratelli. Non sono certa che i miei genitori abbiano finito di procreare - ha ammesso -. La mia prima sorella è nata quando avevo 14 anni, ero in fase di crescita ma mi sono innamorata follemente di lei. L'ho vissuta bene... Non me ne sono nemmeno accorta e nel giro di due anni mi sono ritrovata quattro fratelli. E poi ci sono i cani, fanno parte della nostra famiglia».
      Allo status di celebrity della sua famiglia non dà troppo peso, perché c’è nata e in fondo è scontato. Così come avere una canzone a lei dedicata le appare normale. «Anche questo fa parte delle cose che per me rientrano nella normalità. È la colonna sonora della mia vita, più vado avanti e più me la sento mia. Ma è tanto anche degli altri, essendo una canzone di successo».
      Aurora ha poi ricordato il suo provino per partecipare a X Factor come cantante. «L'ho fatto istintivamente perché mi sentivo di farlo. Una mattina mi sono alzata e mi sono iscritta al programma, senza dire niente a mia madre e mio padre - ha ricordato -. Dopo meno di 24 ore dalla mia iscrizione, mia madre mi fa “tu credi veramente di potermi fregare?”. Alla fine, incredibilmente, senza neanche cercarlo è arrivato la proposta ed è stato meraviglioso. Non poteva andare meglio».
      MSN
      "

      Elimina
    2. Ma sai August questi fatti sono nello straordinario del mondo, io non ho mai preso in considerazione questi fatti, soprattutto come metro di misura di noi uomini/donne, nella vita normale. La vita normale è altro, sono chi non appare alla tv, sono coloro che ogni giorno faticano a far quadrare il bilancio famigliare, coloro che sperano di non perdere il lavoro, ( se il lavoro ce lo hanno), coloro che cercano di comprendere i propri figli, e di dare a loro un giusto indirizzo, di dare a loro dei valori per cui vivere correttamente, al di là del proprio credo.
      Per questo parlo così, questa è la vita, i vip, le modelle... sono come il vento, ora ci sono. ora ce ne saranno altri.. che importa, della finzione della vita?
      Ciao August.
      Buon pomeriggio.
      Dani

      Elimina
    3. Il Papa è molto preoccupato per la diminuzione dei fedeli nelle parrocchie. Divorzio e aborto sono in aumento esponenziale e non riguarda più minoranze Il fatto che si tratta di leggi diventa per la gente quasi una cosa buona e pulita. Invece si tratta di peccato grave che ti preclude anche l'Eucarestia.
      Ciao Dani.

      Elimina
    4. Ciao Gus, io sono divorziata com'e tu ben sai, sono cosi peccatrice?
      Mi si nega l'Eucarestia? Perché?
      Mi sembra di aver letto che il Papa ha aperto le braccia della Misericordia anche a chi e' divorziato, a chi e' omosessuale, a chi ha abortito. Sempre se sono pentiti...io non sono pentita di aver divorziato, ho salvato me e mio figlio, la mia dignità di donna.
      E mi sembra di aver dato a mio figlio dei veri valori, nella vita e nella Fede. Lavora, senza aver mai chiesto niente a nessuno, va in Chiesa.
      Ma forse non sono molto informata.
      Bacio Gus.

      Elimina
    5. Io parlo di società e non di Fiorella. Il Papa dice di non applicare qualcosa che somiglia alla scomunica ai divorziati, ma esaminare caso per caso. Io non sono un prete e non ti posso confessare :). L'aborto è l'assassinio di un feto che la legge ammette. Il peccato è molto più grave: Possono esserci situazioni di scarsa conoscenza del fatto, di costrizioni, di ingenuità. Decide il confessore.
      Bacio Fiorella.

      Elimina
  7. Franco, parliamo seriamente. Vuoi saltare anche:

    •Battesimo;
    •Eucaristia o Comunione;
    •Confermazione o Cresima;
    •Riconciliazione o Confessione;
    •Matrimonio.

    Perché bisogna far capire al fedele il significato e l'importanza di questi Sacramenti. Quindi Catechismo e Teologia diventano indispensabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci sono altre cose importanti. I dogmi della Madonna.
      Immacolata Concezione e Assunzione e vengono dalla teologia.
      Una donna con il peccato originale poteva ospitare nel suo corpo Dio? E se non aveva il peccato originale doveva riprendersi il suo corpo appena morte e non aspettare il Giudizio Ultimo.
      Franco pensaci.

      Elimina
  8. I Vangeli insegnano che è sempre possibile abbandonarsi all'esperienza della fede: l'esperienza umana, al risveglio umano, alla capacità di lasciarsi commuovere da quello che vediamo, di cogliere i senso per vivere meglio, nella Grazia, il significato di quello che la storia della Chiesa ha costruito. Ognuno di noi è una persona che deve cercare di capire il valore del passato, partecipando e amando il presente affidando al futuro la speranza e con lei, la certezza che abbraccia sempre la sua vita .
    La vera sfida, oggi, è per la Chiesa, che appartiene a Uno che ha la pretesa di generare un’umanità nuova nel presente.
    Franco mi permetto (Gus può cancellare se crede) di chiederti di non porti troppi interrogativi. La fede è abbandonarsi, è innamorarsi di una vita guidata dal Signore. L'immagine più frequente è quella del bambino che, in piedi su di una scala sta per cadere e il Padre gli chiede di buttarsi nelle sue braccia, lui lo salverà. Il bambino, fidandosi, si butta e si salva. Sii semplice e abbandonati alla Bellezza che canta e che ascolti con gli occhi. Buonanotte a tutti. Fiorella ascolta Gus. Cercati una Guida Spirituale. Andrà tutto a posto. Ciao Gus. scusa l'eccessiva intrusione.

    RispondiElimina
  9. Quante bende sugli occhi Gus mio, quante ricerche inutile, per scoprire veramente che la verità sta nella natura, in noi, nelle nostre menti , nei nostri confronti..
    Ci arriveremo mai o è necessario tornare indietro?
    Abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la chiamo la Grande Intelligenza.
      Sulla stara che porta a Emmaus due discepoli incontrano Cristo e non lo riconoscono. Questo accade perché non erano ancora maturi per riconosce la Verità. Succede ancora.
      Abbraccio Nella.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità