sabato 15 aprile 2017

Una grande Luce





Giovanni (20,1-9).
In particolare:
....si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario- che era stato sul suo capo- non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.
Il corpo di Gesù, risorgendo, non si era strappato di dosso le scomode fasciature, ma egli ne era uscito senza scomporle, come se il corpo di Gesù fosse svanito dall’interno del lenzuolo che l’avvolgeva e quindi  le fasce, non avendo più cosa avvolgere, si sono semplicemente afflosciate su se stesse.
Pietro e Giovanni temevano che il corpo di Gesù fosse stato rubato. Giovanni, invece, costatò che gli elementi erano nella stessa posizione dove erano stati lasciati tre giorni prima, durante la sepoltura.
Il telo di lino che avvolgeva Gesù era dove prima giaceva il suo corpo, cioè sulla pietra sepolcrale, afflosciato e non srotolato.
Ma lo vogliamo capire che Gesù è uscito dalle fasce intatte! Non srotolate ma afflosciate.
Prima qualcuno aveva visto la pietra che chiudeva il sepolcro scivolare da sola, i sigilli messi dai romani sfilacciati e dalla tomba uscire una grande luce che rischiarava il cielo.
Giovanni è stato il primo a meditare sul telo afflosciato.
Tutte le mattine, quando ci svegliamo, dovrebbe essere Pasqua.
Gesù quando ha invitato Tommaso a constatare con il dito i segni della Crocifissione non lo fa fatto per il discepolo ma per noi.
Quando Giovanni arriva prima sulla tomba ma non entra non lo ha fatto per Pietro ma per quello che rappresentava: la Chiesa.





11 commenti:

  1. La luce di Cristo risplende in questa notte santa. Alleluia!
    Buona santa Pasqua, a te e alla tua famiglia.
    Abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
  2. Credo fortemente che sia Pasqua tutti i giorni. Ma noi lo ricacciamo ogni volta nel Sepolcro, il buon Gesù, e ci affidiamo a mille profeti usa e getta che razzolano indisturbati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Tutte le mattine, quando ci svegliamo, dovrebbe essere Pasqua".

      L'ho scritto nel post.
      La memoria di quello che è accaduto va vissuto in modo diverso. Più silenzioso, meditando.

      Elimina
  3. In quella luce ci riconosciamo amanti del Cristo Risorto.
    Quando le campane ieri sera hanno suonato , mi sono ricordata, con gioia, quello che mi diceva la mia mamma: Vai a lavarti gli occhi! Così vedrai il Signore. Per vederlo ci vogliono occhi puri.
    E sono rimasta con la purezza della risposta: è la Vita! è la Vita.
    Buona giornata nella resurrezione del Signore. Bacio Gus. Abbraccio grande perchè l'abbraccio comunica pensieri e gioia. Serena Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia.
      Ora vado da Giuseppe.
      Sono in ritardo.
      Bacio.

      Elimina
  4. Quanta saggezza, quanta fede, quanto mistero e quanta verità..
    Ma quante volte noi la ricordiamo?
    Un abbraccio forte e buona Pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria di Màgdala: "Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!"

      Ebbene, noi lo sappiamo, è con noi, dentro di noi.
      Abbraccio Nella.

      Elimina