lunedì 12 settembre 2016

La certezza di un avvenimento

 
 
 

 
 

Un conto è il giorno prima di innamorarsi e un conto è il giorno dopo di essersi innamorato: tutti e due i giorni possono essere uguali apparentemente nella quotidianità, ma cosa fa la differenza? Che uno è carico di una memoria  che nell'altro non c'era, perché non era accaduto.
Quando si incontra una persona importante per la propria vita, c'è sempre un primo momento che ci fa percepire un presentimento che qualcosa in noi è messo alle strette dall'evidenza di un riconoscimento ineludibile: "Ecco, è lui, ecco, è lei". Ma solo lo spazio dato dal ripetersi di questo avvenimento carica l'impressione di peso esistenziale.
Cioè, solo la convivenza lo fa entrare sempre più radicalmente e profondamente in noi, fino a che, ad un certo punto è assoluto.
Ma non basta.
La conoscenza sarà una persuasione che avverrà lentamente e nessun passo successivo smentirà i precedenti.
Dalla convivenza, nel senso di conoscenza spirituale, deriverà una conferma di quella eccezionalità dell'evento accaduto.
Si sperimenta ciò non come una vaga eventualità, ma nella sua evidenza stringente.
Abbiamo bisogno subito di capire che l'amore è fatto dal ripetersi di tanti riconoscimenti, cui occorre dare uno spazio e un tempo perché avvengano.
L'uomo di oggi ha fretta o inganna se stesso.
Per questo l'amore diventa solo un gioco che prima o poi finisce per annoiarci.



16 commenti:

  1. L'amore è qualcosa di misterioso. E' il più profondo dei desideri umani.
    E' ciò che ci caratterizza in quanto uomini.
    Si può fare a meno dell'amore?
    Rinunciare a porsi la domanda "qualcuno mi ama?"
    Rinunciare soprattutto alla possibilità di una risposta positiva, vuol dire rinunciare all'umano in sé.

    RispondiElimina
  2. Per me L’amore è tutto! Mai rinuncerei ad amare . Per me è indispensabile per vivere, l’amore, amo Dio e so che Lui mi ama. Amo la mia famiglia, gli amici, i bambini,le persone che soffrono, gli animali, gli alberi, i fiori, l’acqua, il sole, amo tutto ciò che mi circonda.
    Più fatica, ma ci metto tutta la mia buona volontà ad amare chi è invidioso, chi mi fa lo sgambetto, chi è in malafede, chi mi giudica senza conoscermi, in questi casi affido a Dio la mia difficoltà.
    Quando parlo d’amore mi riecheggia nella mente L’inno alla Carità di S. Paolo – Prima lettera ai Corinzi 13,1
    Buongiorno August, Parlando d'amore s'inzia bene la giornata!
    Dani

    RispondiElimina
  3. Siamo stati creati ad immagine e somiglianza del Padre che è Amore. La persona che non ha subito violenze spersonalizzanti è come te.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  4. 

    Può sembrare difficile, persino impossibile, legarsi per tutta la vita ad un essere umano. Bisogna superare lo scetticismo della società. Un'esperienza che la mentalità comune disistima e talvolta censura. Si ritiene che l'amore debba cessare e quindi la separazione tra gli sposi finisca per diventare inevitabile. E' un modo per sfuggire ad una realtà che può essere fatta anche di sacrifici e rinunce. L'amore coniugale comporta una totalità in cui entrano tutte le componenti della persona. Richiamo del corpo e dell'istinto, forza dell'affettività. Aspirazione dello spirito e della volontà. L'amore coniugale è un'esperienza ragionevole e piena di fascino. Dà un senso compiuto alla tua vita. Più che di eletti potrei affermare che è una vocazione.
    Sì, è difficile abbandonare i propri egoismi e imparare a donarsi, muoversi verso l'altro, capire le sue esigenze e soddisfarle. E' necessario un cambiamento radicale nel proprio modo di vivere.

    RispondiElimina
  5. Verissimo August, proprio così!
    Serena notte!
    Dani

    RispondiElimina
  6. L'amore coniugale è una forza che ti prende e ti fa stare al di sopra di tutto ,ti dà la forza della condivisione ,la speranza del futuro e la sicurezza nell'affrontare giorno per giorno le difficoltà o godere delle gioie ,perchè tutto ciò viene condiviso .
    Complimenti per l'interessante post.
    Ti auguro una buona notte (sono rientrata dopo la pausa estiva ,forse troppo lunga ,perchè assorbita dalla famiglia non trovavo tempo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore coniugale nella fedeltà dà una forza enorme e aiuta a rendere sicura la famiglia.
      Bentornata Cettina.

      Elimina
  7. hai proprio detto bene: la vita matrimoniale è una vocazione. Ma continuerò domani riscrivendo una frase molto bella di Mons. Biffi.Promesso.Buonanotte e bacio Gus. a domani.

    RispondiElimina
  8. Giacomo Biffi in "IO CREDO": "La grazia propria del Sacramento del matrimonio è quella di fare dei coniugi, entro il corpo mistico del Signore, gli strumenti per l'elevazione reciproca e la trasmissione della vita secondo il disegno di Dio, cioè per la propagazione e lo sviluppo della vita cristiana."
    Importante è camminare in questo sentiero. Bacio Gus caro amico mio.

    RispondiElimina
  9. Ciao Gus, grazie del commento da me.
    Ho letto con attenzione questo tuo post e mi trovo d'accordo: l'amore ha bisogno di essere coltivato ogni giorno con tante piccole certezze che sommate danno luogo alla più grande magia esistente. Così un "gioco" diventa vita e fa la differenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una misteriosa magia.
      Ciao Paola.

      Elimina
  10. Non credo

    Secondo me è tutto piu banale e casuale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generalmente si parla per esperienze vissute e storie raccontate. Per questo ogni considerazione ha una credibilità soggettiva.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità