venerdì 2 settembre 2016

La notte porta i ricordi



Ma c’è la luna a quest’ora del mattino? Abiti in un paese magico! A meno cheee… ti ha dato così tante emozioni ieri sera la luna da risentirle stamani?
Anche a me succede così! Non mi soffermo alla notte a fermare gli istanti magici, per non disturbare i miei nel loro sonno ristoratore!
Nella mia via dove abito, via di periferia, ma dove si transita per arrivare a svincoli strategici per raggiungere la superstrada, e poi autostrade, non c’è silenzio, per lo meno non prima delle tre di notte.
Io mi corico per leggere, e meditare, pregare, ricordare.Le finestre in questa stagione sono naturalmente aperte, un lampione che m’infastisce non poco, esattamente all’altezza del mio occhi, l’udito inquinato dal via vai delle auto con i finestrini abbassati…con la musica a palla, i gridolini di quelli che passeggiano in bici, l’abbaiare dei cani, ovviamente infastiditi dai rumori..
Beh , quando tutto intorno il silenzio la fa da padrone, sciolgo le briglie dei miei pensieri, vago nel cielo notturno. E i ricordi danzano.




8 commenti:

  1. Proprio così : "Ma sono io quella?"
    E' una domanda che mi sconcerta e devo fare uno sforzo per tornare in me.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la domanda è imbarazzante. A volte non mi riconosco.
      Ciao Cri.

      Elimina
  2. mi piace questo tuo lato romantico ....non ho abitudine di guardarmi allo specchio ... mi riconosco solo dal dentro ;) ... mi viene da ridere ogni tanto dico ...stupidate ... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi guardo allo specchio solo per radermi. Meglio evitare pensieri strani.
      Grazie per l'abbraccio.
      Ciao.

      Elimina
  3. Che bello stralcio. Uno dei tuoi più belli che abbia mai letto, Gus... Credo che appartenga un pò a tutti: a me ultimamente capita spesso: all'improvviso guardo verso me stessa e mi dico: sono io? Forse con i bambini la vita cambia repentinamente e con essa anche io, tanto che stento a riconoscermi...

    Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che il non riconoscersi abbia contagiato parecchi amici.
      Grazie Regina.
      Abbraccio.

      Elimina
  4. Nella ristrutturazione del mattino mi riconosco sempre e allora mentre mi spalmo la crema, che spero ogni giorno diventi miracolosa donandomi immediati risultati, mi diverto ad inventare espressioni da monella!
    Ora per quanto riguarda le stelle in questi giorni il cielo è grigio e non una stella mi fa compagnia.

    "Aspetto che passi la notte e la notte è lunga da passare, e sento il mio cuore che batte e non la smette di sognare...
    Vorrei ritornare bambina nella casa di mio padre, le storie davanti al camino e la voce di mia madre...
    La notte che ho visto le stelle, non volevo più dormire volevo salire là in alto, per vedere e per capire.
    Ascolto il silenzio dei campi dove sta dormendo il grano, il giorno fu pieno di lampi, ma ora il tuono è già lontano....
    La luna nasconde i suoi occhi, come donna innamorata, il fiume l'aspetta nell'acqua e una notte l'ha baciata...
    Vorrei ritornare bambina e guardare ancora il fuoco, la Storia più grande è il Destino, che si svela a poco a poco... (Claudio Chieffo)

    Dormo poco e i miei dialoghi con le stelle o con la luna fanno parte di un programma di preghiere che ho la sensazione che salgano in fretta dove c'è Qualcuno che mi ascolta. Ne sono sicura.
    Buonanotte Gus. Bacio

    RispondiElimina
  5. Io ti vedo ancora bambina.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina