martedì 7 giugno 2016

Difendiamo il nostro Io

 
 
 

 
 
 

E' necessario ridimensionare il lemma dignità. Una parola desueta, oggi. Come idealismo e altruismo. Esiste soltanto l'egoismo più sfrenato che porta ad accettare per due caramelle umiliazioni di ogni genere. Il bastone e la carota, l'approvazione e la stima di persone che non valgono nulla.
E’ la prostituzione dell'anima, peggio di quella del corpo.
Invece esistono molte persone degne, a volte più vicine di quanto si possa pensare, che vengono allontanate
La conseguenza inevitabile e tragica di questa confusione nella quale si dissolve la realtà dell'io, è la scomparsa della parola "tu". L'uomo di oggi non sa dire coscientemente tu a nessuno. E' l'inesorabile contraccolpo della mancanza di un soggetto, di un io. Nessuna violenza è più grande di quella che fa scomparire l'io: è precisamente questa la disumanità del nostro tempo.
La differenza tra una collettività ed un formicaio è che, nel primo caso, quando ad uno, ed uno solo, viene schiacciato un alluce è ammissibile che l'eco del dolore risuoni da una sola voce, e che il resto partecipi al conforto.
Nel caso della personalità l'eco delle voci dovrebbe produrre un tuono.
E infine una rivolta verso il “peso”.

 



9 commenti:

  1. Ricordo di un'immagine:

    L'Isis rade al suolo il monastero di St Elijah a Mosul: era il più antico sito cristiano in Iraq.

    RispondiElimina
  2. "Io non sono te e Tu non sei me. Però, tutti e due siamo Noi."

    E se Tu già tuonando ne scrivi e ti indigni, ed Io ti leggo e mi trovo concorde, già Noi ci distanziamo... L'Umanità può ancora salvarsi. Io lo credo. Tu?

    RispondiElimina
  3. La volontà di Dio è imperscrutabile, cioè Mistero.
    Il santo Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana, il vestibolo d'ingresso alla vita nello Spirito (« vitae spiritualis ianua »), e la porta che apre l'accesso agli altri sacramenti. Mediante il Battesimo siamo liberati dal peccato e rigenerati come figli di Dio, diventiamo membra di Cristo; siamo incorporati alla Chiesa e resi partecipi della sua missione:« Baptismus est sacramentum regenerationis per aquam in verbo – Il Battesimo può definirsi il sacramento della rigenerazione cristiana mediante l'acqua e la parola ».


    Ciao Regina.
    Chi si affida a Dio si salva.

    RispondiElimina
  4. Trovo difficile questo post...sarà perchè sono stanca. Sarà perchè...non so...Buonanotte Gus Bacio.

    RispondiElimina
  5. Ti sembra difficile perché non ti appartiene.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
  6. Questo avviene perché uno spezzetta la propria vita, in tanti pezzi, a seconda della realtà che vive. Sul lavoro in un modo, nel tempo libero in un altro, nella famiglia e nelle amicizie un altro ancora. Come se avesse tante maschere, così perde la propria vera essenza, l’io. E’ chiaro che da qui deriva la confusione dei suoi comportamenti.
    Il faro a cui dovrebbe fare riferimento la propria vita non lo prende in considerazione, perché è più facile seguire la corrente del mondo, essere opportunisti,e fare ciò che “rende”.
    Buongiorno August!
    Dani

    RispondiElimina
  7. Ogni nostra azione deve essere ispirata dalla consapevolezza che la dignità non può essere barattata.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  8. Inizio a ragionare: tuo è questo blog e mio questo commento.
    Per poter dire mio con serietà bisogna esser limpidi nella percezione del proprio io. Il formarsi della mia personalità che se dal mondo viene schiacciata, intimidita da rimanere incapace di agire o esprimere la propria idea, questo, tutto questo, se non sto attenta, lo subisco "tranquillamente" tutti i giorni.Il mio "Io" la mia personalità, deve essere consapevole di ciò che la politica, l'opinione che circola nella mia città, esercita su di me. Solo così potrò capire ciò che dice Peguy e cioè che "un avvenimento, solo un avvenimento" un incomprensibile, un imprevedibile "caso" farà scattare - come un fiammifero che s'accende - la luce sulla verità di me stessa. E nelle tenebre della mia esistenza inizia a introdursi una luce sulla verità di noi stessi e nella confusione che c'era, prende a stabilirsi un ordine. E in me nasce un'attrattiva e un'affezione verso il mio io e una tenerezza verso gli altri. Nascerà un nuovo io e un nuovo tu consapevoli della mia dignità e anche della tua che debbo rispettare. Ah, mi bolle la testa.....per piacere parla tu (consapevole) e ....creami l'avvenimento di oggi! Bacio Gus. Buona partita!....

    RispondiElimina
  9. Bisogna essere vigilanti partendo anche dalle piccole cose per essere poi pronti agli attacchi frontali. Non restare soli dipende solo dalla nostra fede.
    Forza Pescara!
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità