martedì 30 giugno 2015

L'amore che si sviluppa attraverso la conoscenza






Quando si incontra una persona importante per la propria vita, c'è sempre un primo momento che ci fa percepire un presentimento che qualcosa in noi è messo alle strette dall'evidenza di un riconoscimento ineludibile: "Ecco, è lui, ecco, è lei". Ma solo lo spazio dato dal ripetersi di questo avvenimento carica l'impressione di peso esistenziale.
Cioè, solo la convivenza lo fa entrare sempre più radicalmente e profondamente in noi, fino a che, ad un certo punto è assoluto.
Ma non basta.
La conoscenza sarà una persuasione che avverrà lentamente e nessun passo successivo smentirà i precedenti.
Dalla convivenza (nel senso di conoscenza) deriverà una conferma di quella eccezionalità dell'evento accaduto.
Si sperimenta ciò non come una vaga eventualità, ma nella sua evidenza stringente.
Abbiamo bisogno subito di capire che l'amore è fatto dal ripetersi di tanti riconoscimenti, cui occorre dare uno spazio e un tempo perché avvengano.
L'uomo di oggi ha fretta o inganna se stesso.
Per questo l'amore diventa solo un gioco che prima o poi finisce per annoiarci
.


17 commenti:

  1. La convivenza che va tanto di moda è solo una prova che svilisce l'amore.

    RispondiElimina
  2. Sì Gus, nessuno ha più voglia di dedicare tempo all'altro.
    Ognuno di noi diventa sempre più egocentrico e non si ha voglia di smussare gli immancabili ostacoli che si presentano in una convivenza.
    Si preferisce metterci una pietra sopra e cominciare da capo.
    Buondì!
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri.
      Povero amore calpestato e vilipeso.

      Elimina
    2. A CHILO dici.
      PURO apPESO!
      VERO aMORE!

      Elimina
    3. Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi.

      Elimina
    4. Un agnello con il PO'terre di togliere i P.E.C.cati?
      CRUD'ELe PURO?
      PO'veri TEOlogici!

      Elimina
    5. Quando Gesù viene chiamato l’Agnello di Dio in Giovanni 1:29 e Giovanni 1:36, è un riferimento a Lui come sacrificio perfetto e finale per il peccato. Per capire chi era Gesù e che cosa ha fatto, dobbiamo partire dall’Antico Testamento che contiene profezie sulla venuta di Cristo come “sacrificio per il peccato” (Isaia 53:10). L’intero sistema sacrificale stabilito da Dio nell’Antico Testamento, era infatti un preparativo per la venuta di Gesù Cristo, che è il sacrificio perfetto di Dio per l’espiazione dei peccati del Suo popolo (Romani 8:3; Ebrei 10).




      Elimina
    6. SOR passiAMO il SACRIficio perFETTO, ma a che PRO'?
      Perché adAMO non SACRI-FICAVA BESTya e aBELE si?
      QUAle VERITA' NASCOnde CAiNO? Perché con Lui è MISERIcordiOSO?

      Elimina
  3. Io non mi lascio andare ad elucubrazioni mentali soggettive, ma mi affido ai fatti. Non sapevi il significato di "Agnello di Dio", ora lo sai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agnello-Servo SEMPRE FIGLIO E'.
      Meglio SOGGETTIVO che COMPLEtaMENTO OGGETTO.
      Sono inTErVENUTO per quello che HO LETTO in cristiana2011.
      Quello che inVECE tu scrivi non mi fanno rizzare alcUNchè.

      Elimina
  4. L'amore è fatto di piccolissime cose. Più passa il tempo e più sono le sfumature, gli accorgimenti, le attenzioni, i dettagli ad essere percepiti. Non il ti amo urlato, ma la carezza silenziosa quando è triste, lo squillo se sei in ritardo, l'allungare la strada per non passare sotto l'ospedale dove è morto suo padre, e il sorriso perché lei ha compreso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Franco, sono i dettagli, le piccole attenzioni e tutto ciò che ha leggerezza a far crescere l'amore.

      Elimina
  5. ....spesso però la convivenza logora l'amore.
    Ti auguro un buon W.E.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per convivenza intendo la conoscenza.

      "La convivenza che va tanto di moda è solo una prova che svilisce l'amore".

      Questo è il mio primo commento al post, tanto per evitare fraintendimenti.

      Grazie.

      Ciao Cettina.

      Elimina
    2. ..mi riferivo con CONVIVENZA allo stare insieme nel matrimonio e condividersi giorno per giorno cozzando con la reciproca "forma mentis" .
      Ciao

      Elimina
    3. Cettina, attraverso la conoscenza deve risolversi la "forma mentis" che non deve essere un cozzare ma un abbraccio. Senza questa condizione il matrimonio perde la sua forza propulsiva e si affloscia.
      Ciao.

      Elimina

la paranoia è un disturbo della personalità