mercoledì, maggio 19, 2021

La civetta sul tetto del garage

 



Ho una casa di campagna e in estate, logicamente prima del Covid19, passavo lì almeno una settimana.
Mi fa compagnia  un husky che ulula tutta la notte.
Pure la mattina ulula, non si stanca mai.
Avrei dovuto dire che il mio vicino ha un husky, ma chi lo conosce il vicino?
Non l’ho mai visto completamente in faccia, per via delle siepi suppongo, che ci dividono.
Quando sono a casa ci scambiamo saluti e convenevoli attraverso l’edera, l’oleandro, il lauro, il pitosforo e i gelsomini.
So che ha la barba anche lui, nient’altro.
Solo il suo cane conosco e il suo cane ulula che sembra sempre salutare la vita: "…bye bye life, bye bye happiness…"
Una  sera  pensavo che stessero sgozzando il mio cane.
Lui, Argo, russava come un uomo, e mi ha guardato strano, come a dire: "Beh? Qualche problema?"
E’ un cane silenzioso in verità, non abbaia quasi mai e giocherellone.
Scemo probabilmente.
Comunque era una bella serata.
L’husky ululava, c’erano le stelle che si vedevano bene, una temperatura primaverile e i profumi della campagna ad alimentare ormoni e desideri, biochimica e fantasia.
Così mi sono seduto fuori al buio, salvo la luce piena di ragnatele di un lampione stitico che dovrò decidermi a cambiare, ma forse no, comincia a piacermi.
Siccome non era troppo tardi, mezzanotte circa, e non avevo ancora montato il tavolo che tengo in estate nel giardino, ho deciso che era il momento di farlo.
Dieci minuti ci ho messo.
Ero stanco e mi andava di stare fuori a fumare un sigaro e a riposare.
E’ arrivata la gatta. Una gatta nera, selvatica quasi, si fa accarezzare una o due volte l’anno, ma a fatica.
Aveva un topolino in bocca. Uno di quelli simpatici, con le zampe posteriori da saltatore (saltava in effetti), un musetto mite e grazioso. Lei ci ha giocato per un po’, quindi gli ha sgranocchiato la testa ed ha posato quello che rimaneva ai miei piedi. "Sei contento?", sembrava chiedere.
"Grazie stronza", le ho detto.
Torna a casa con gli animali più strani e li esibisce come trofei. Li uccide e basta, per gioco, per tenersi in allenamento credo.
E’ un predatore in fondo ed è la sua missione.
Ramarri, tortore, almeno tre bisce d’acqua, diverse lucertole, rospi, un piccolo di germano reale (di questo conosco i genitori), un rondone, una coppia di pettirossi, un codirosso, innumerevoli passeri, e altri ancora.
Le salme, se non me ne accorgo, le mangia il cane, che è silenzioso sì, giocherellone anche, ma sempre affamato.
La gatta era soddisfatta, così è saltata sul tavolo e si è messa a ronfare a debita distanza.
Ci stava una civetta, sul tetto del garage, canta tutte le sere e vola in silenzio, senza alcun rumore. Dicono che porti sfiga, che annunci la morte, a me piace.
Uno strano zoo di mezzanotte.


61 commenti:

  1. buona serata nel tuo zoo!

    RispondiElimina
  2. Grazie OLga. Nel 2022 spero di tornare a godermi la campagna.

    RispondiElimina
  3. I suoni della campagna sono unici, soprattutto di notte. Credo che sia il luogo migliore per rilassarsi. Se avessi una casa in campagna,però, non potrei fare a meno dei gatti, perchè ho paura dei topi. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono gatti che scappano appena vedono un topo. Ciao Caterina.

      Elimina
  4. Ammazza nel 2022!! ...fai passare liscia pure quest'estate?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa viene a casa da Brescia. Non la vedo da tanto.

      Elimina
  5. Una bella compagnia, che in campagna si accetta con tutt'altro spirito.
    E' tua figlia, Lisa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa ama il mare alla follia. Sai, le ragazze....
      Io adoro gli umori della campagna.

      Elimina
    2. Io sapevo che amavi il mare. Tu in campagna? Questo post l'ha I scritto 4 o 5 volte. Sicuramente non l'hai scritto tu
      Le ragazze? Ma tua figlia non ha più di 40anni? È anche mamma...

      Elimina
    3. Mavalà, non credo che i fantasmi vengano a scrivermi post.

      Elimina
    4. Devo dire che è proprio scritto bene.

      Elimina
    5. Ti ricordi di Angelo anonimo? Lui diceva di me: "Gus dovete valutarlo dai commenti".

      Elimina
    6. Vero. Ma a volte copi anche quelli 😔

      Elimina
    7. Tu controlla il tempo che passa tra l'arrivo del commento e la mia risposta. Se è lungo sicuramente la mia risposta è copiata😏
      Comunque è meglio un mio post copiato che una cazzata surreale di Franco.

      Elimina
    8. Come mai Angelo Anomino non commenta più da te? È simpaticissimo e molto preparato.
      Anche Franco mi è simpatico. È la persona che ha sempre la risponta pronta.

      Elimina
    9. Con Angelo non è possibile un dialogo.

      Elimina
    10. Ma non è vero. Lui conosce la bibbia meglio di te

      Elimina
  6. Grazie della condivisione del tuo sguardo 'alla giusta distanza' a campagna, ai suoi umori e ai suoi legittimi inquilini...

    RispondiElimina
  7. Grazie a te Maria.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. Non ti avevo immaginato con la barba :)
    Il cane silenzioso non è scemo, anzi. E' un cane d'oro.
    Certo che un topo decapitato come trofeo non è il massimo da vedere.
    Ma è davvero curioso e vivo questo zoo di mezzanotte.

    RispondiElimina
  9. Ho la barba quando per accidia non mi va di radermi. Capita spesso.
    Il cane è scemo e non si discute.

    RispondiElimina
  10. Sono immerso nella natura! Bella quando è l'imbrunire, il caldo lascia spazio al fresco venticello che ti porta gli odori della terra e delle fronde, e con la mente e il cuore riordini i pensieri della giornata trascorsa. A me succede così e mi prende la nostalgia.

    RispondiElimina

  11. La mia filosofia sul cane è molto semplice. Lui va per la sua strada e io per la mia. Il cane sta in campagna perché tenerlo a casa per essere leccato in tutte le parti del corpo o che mi costringa a farlo uscire fuori, perché lui fa cacchetta e pipì, non mi sta bene.
    Il luogo comune che più detesto è: "Il cane è il migliore amico dell'uomo". Infatti, quando ho qualche problema, lui viene e mi fa: "Dai, parliamone insieme". Lui parla con l'abbaio e siamo noi che non siamo andati a scuola di linguaggio per cani e per questo non capiamo l'amico a quattro zampe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato che diverse persone amano (anche troppo) gli animali hanno problemi sociali- relazionali. Non è normale amare più gli animali delle persone.
      La penso come te, gus. Se vuoi tenere un gatto o un cane lo devi trattare bene. A una mia amica il gatto gli ha fatto fuori il divano 😳 Comunque a me piacciono, cani e gatti, ma quelli degli altri, e ci gioco volentieri.

      Elimina
    2. Un cane o un gatto è difficile che ti facciano del male, gli uomini, invece è molto probabile.

      Elimina
    3. Si, ma per non affrontare il male non si può isolarsi dall'umano che ci circonda. E addirittura preferirlo all'animale. Non è cristiano, gus. Il papa ha detto che molte persone piuttosto che parlare con il vicino preferiscono prendere un cane. Sai, al cane e al gatto puoi fare tutto quello che vuoi. È egoismo, gus.

      Elimina
    4. Tu non sai che molti cattolici sono diventati atei per gli errori della Chiesa?
      Il Papa deve fare fatti che i fedeli apprezzano e non chiacchiere inutili.

      Elimina
    5. So bene che la tua cara amica ama i gatti 🐱

      Elimina
    6. Gus, ci sono troppe cose assurde, inverosimili, fantasiose che dice il vangelo. Anche un ragazzino oggi rimarrebbe perplesso. La fede in sé stessi è come amare Dio

      Elimina
    7. Non della chiesa, degli uomini della chiesa. Ieri ho rivisto il "caso Spotlight" ... Avevo ancora la nausea. Un film fatto benissimo.

      Elimina
  12. Meraviglioso post per me che adoro gli animali..e tutti questi tuoi amici che magia.Il tuo cane silenzioso, la gatta che ti invia tanti regali anche se a volte dispiace vedere come vengono trattati, la civetta( io amo tutti gli animali notturni ),e altri ancora..
    Un'isola felice e ti capisco moltissimo..
    Essere circondata dagli animali è una cosa che mi dona serenità e gioia.
    Grazie mio caro Gus, grazie come sempre.

    RispondiElimina
  13. Grazie a te, Anonimo simpatico.

    RispondiElimina
  14. Vivo in città, ma molti animali transitano dalle mie parti. I gatti e... i topi, i piccioni, i passeri, i gabbiani, le civette e tanti cani che escono coi padroni a far la passeggiata. Tutti ravvivano la nostra esistenza e portano colore e allegria... un po' come le nuvole di fenicotteri rosa che spesso volano sulla mia testa per transitare da uno stagno all'altro. Mi sento un po' bambino nell'osservarli e mi aiutano, con la loro presenza, a sognare e a divagare dai tanti problemi della quotidianità.

    RispondiElimina
  15. Sentirsi bambini è una grande cosa.
    Ciao Fabio.

    RispondiElimina
  16. Deve essere molto bello avere una casa di campagna. Stai bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una villa, ma io ci sto bene.
      Grazie Irina.

      Elimina
  17. Davvero un luogo molto rilassante e particolare. Ci hai fatto assaporare ogni aspetto di quel posto. La gatta poi è fortissima!

    RispondiElimina
  18. Risposte
    1. Le gatte? E i micini noo?
      Quali razze di gatte ti piacciono, gus?

      Elimina
  19. Hai rimesso la moderazione? Come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo tolta per errore.
      Buona giornata.

      Elimina
  20. I cani, tutti, sono predatori per natura e non uccidono (a differenza dell'uomo) per gioco o piacere: presto o tardi le sue prede le divorerà tutte.
    Bellissimo lo zoo notturno, almeno hai buona compagnia.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  21. Ciao Gus, meraviglioso questo tuo racconto.
    Una casa circondata da animali e suoni della natura.
    Una settimana di vacanza in un posto così vale come un mese in una località di villeggiatura qualsiasi.

    RispondiElimina
  22. Si sa che i gatti portano sempre trofei a casa 😄
    A me piacciono di più i cani sinceramente e l'husky lo adoro 🤩 ricordo quando ho fatto amicizia con un'husky delle slitte da neve in Norvegia.

    RispondiElimina
  23. La natura è immensa.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  24. Bellissimo post! Io, come te, sono di quelli che amano le civette. Anche se da piccolino avevano spaventato anche me con la storia del loro canto che annuncia una morte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «Ambarabà ciccì coccò
      tre civette sul comò
      che facevano l'amore
      con la figlia del dottore.
      Ma la mamma le chiamò...
      ambarabà ciccì coccò.»

      Elimina
  25. Ma gus, tu non esci mai di casa? Nemmeno la domenica?? Oggi era una giornata bellissima. Da voi noo? 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La temperatura si è stabilizzata tra 14° 22°. Non è nemmeno Primavera.

      Elimina
  26. Potresti andare sulle langhe piemontesi o a Bordighera, Torino, Catania... ad esempio...
    A trovare tua figlia a Brescia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa viene lei.
      Brescia è molto bella. Dà veramente l'idea della città.

      Elimina
  27. amo gli animali e spesso li trovo più interessanti degli umani.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao antonypoe.
      L'animale agisce in base all'istinto e non a un ragionamento.
      L'istinto di un cane, di un gatto o di un gallo sono diversi da quelli di un leone o una tigre. Il cane ti guarda quasi volesse parlare, il gatto fa le fusa e il leone è capace di sbranarti.
      L'uomo, teoricamente, dovrebbe frenare gli istinti cattivi e utilizzare quelli buoni, ma difficilmente lo fa.

      Elimina
    2. tutte cose su cui ho riflettuto molto. ci sarebbe anche molto da ragionare e discutere. buon giorno

      Elimina
    3. Ciao antonypoe.
      Ci sarà l'occasione per ragionarci.

      Elimina