lunedì, maggio 31, 2021

Ho comprato un dipinto

 


Anche un'azione che sembra semplice necessita di un'adeguata concentrazione.

Una volta ho provato ad appendere un quadro al muro.

Il foro è venuto troppo largo, e il chiodo ciondolando ha causato la caduta del dipinto.

Si è rotto il vetro e il quadro cadendo ha rovesciato un vaso di fiori sul tavolo, imbrattando d'acqua documenti su cui lavoravo da giorni (e notti).

Sul muro è rimasta una crepa, con quel buco a sghignazzarmi senza ritegno, e a farmi sentire un idiota completo.

Ora ho imparato come si deve fare.

Sabato, in una galleria del centro ho visto un quadro molto bello.

Non sono stato a pensarci due volte.

Un assegno bancario e il dipinto è mio.

Ma non è di questo che volevo parlarvi.

E' di quello che è successo dopo.

Sono tornato a casa.

Ho preso un chiodo e un martello.

L'operazione è riuscita e ho appeso il quadro.

Prendere un chiodo, battere con il martello fino a farlo penetrare nel muro e appendere il dipinto rappresenta una sequela importante nel segno della logica.

Qualcosa che ha un senso compiuto.

Ecco, tutto quello che facciamo dovrebbe avere un significato chiaro e preciso.

Voi agite rispettando la logica?


40 commenti:

  1. Immagine:

    *Il sogno* di Pablo Picasso.

    RispondiElimina
  2. Domanda complicata. Se si tratta di dover compiere azioni specifiche che richiedono una procedura da seguire, come nel caso del quadro da appendere, la riposta è sì ma se si tratta di cose e situazioni dove le soluzioni ed i procedimenti possono essere diversi e molteplici, è facile che se ho un'intuizione la segua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intuizione è una scelta nell'ambito di una logica che presenta diverse articolazioni.

      Elimina
  3. Diciamo che io seguo molto la logica. Tendo a seguire molto più la ragione che l'istinto, però a tutto c'è un prezzo. L'eccessiva razionalità appiattisce la realtà, appiattisce le emozioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel nostro io convivono, come il paguro e l'attinia, la ragione e l'affettività, generalmente chiamata *cuore*.La ragione fa da filtro alle proposte del cuore. Se qualcosa non va l'affettività viene bloccata.
      Ma dai! qualcosa facciamola scappare.

      Elimina
  4. Sei puntualissimo Gus! Ieri mio marito ha insegnato ad appendere i quadri a mio figlio maggiore, sembra una cosa da nulla, invece ci vogliono capacità e pratica e un pizzico di esperienza. Ogni cosa di impara, anche ad usare la logica, con la teoria e con la pratica. Io mi sforzo ad usare la logica, mi dà sicurezza. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con piacere accolgo il tuo commento.
      Bisogna respingere l'illogicità manifesta.
      Ciao Ninin.

      Elimina
  5. Bella domanda. Personalmente per certe situazioni indubbiamente sì, ma per molte altre assolutamente no. Ciao Gus, bella scelta quella di acquistare un quadro.
    sinforosa

    RispondiElimina
  6. “A me m'ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi. Nel silenzio più assoluto, con tutto immobile intorno, non una mosca che vola, e loro, fran. Non c'è una ragione. Perché proprio in quell'istante? Non si sa. Fran. Cos'è che succede a un chiodo per farlo decidere che non ne può più? C'ha un'anima, anche lui, poveretto? Prende delle decisioni? Ne ha discusso a lungo col quadro, erano incerti sul da farsi, ne parlavano tutte le sere, da anni, poi hanno deciso una data, un'ora, un minuto, un istante, è quello, fran. O lo sapevano già dall'inizio, i due, era già tutto combinato, guarda io mollo tutto tra sette anni, per me va bene, okay allora intesi per il 13 maggio, okay, verso le sei, facciamo sei meno un quarto, d'accordo, allora buonanotte, 'notte. Sette anni dopo, 13 maggio, sei meno un quarto, fran.
    Non si capisce. È una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto. Quando cade un quadro. Quando ti svegli un mattino, e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi che è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all'Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: "A New York, fra tre giorni, io scenderò da questa nave". Ci rimasi secco. Fran.” (Alessandro Baricco Un monologo Novecento)
    L'o recitato a teatro. Grande impatto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sostituito il pianoforte con il chiodo!
      Ora Baricco diventerà una belva. Ne4lla mano sinistra il chiodo, nella destre il martello, e nel centro la tua testa.

      Elimina
    2. Il pianoforte fa parte di Novecento ma nel monologo non c'entra. Non potrebbe mai arrabbiarsi Baricco con me. Lo amo troppo. Meno di Margot comunque.

      Elimina
    3. E' tuo il monologo?
      Margot sarà contenta del tuo amore.

      Elimina
    4. Mi ha promesso cose folli, come attinia..��

      Elimina
    5. Tu sei il paguro?

      Elimina
    6. Spesso siamo noi che siamo "storti" eppure non ci accorgiamo... 🤣😂 Ma guarda cosa vanno a guardare...

      Elimina
    7. E' una storia che Franco e io abbiamo iniziato.

      Elimina
    8. Se non lo avesse citato Franco, questo pezzo di Novecento lo avrei citato io :D
      Ci sta troppo :)

      Elimina
    9. Franco e io abbiamo deciso che più importante di Baricco è Margot Robbie😜

      Elimina
    10. Se Margot scrivesse pure.. ma credo possa esentarla senza problemi.. ihih

      Elimina
    11. Una relazione epistolare?

      Elimina
  7. Comunque non è così semplice attaccare un quadro, devi capire che tipo di chiodo e su che tipo di muro, ed anche studiare il contesto ed il resto dell'arredamento attorno, se vuoi lasciare spazio per altro o se vuoi esaltare solo quello che stai attaccando. Collocare un quadro è un lavoro. Tra te, la parete, il quadro e la sensazione che ne vuoi ricavare. Quando diventi particolarmente bravo, puoi finire col chiedere anche a lui dove preferisce essere appeso.

    RispondiElimina
  8. Capita che il chiodo non è centrato e a guardarlo ti fa sentire male. Prendi un martello, un colpetto a desta, un altro a sinistra e poi un urlo, quello di Munch, terrificante da far fuggire tutti i quadri dalla parete che rimane spogliata, e purtroppo non è Margot Robbie.

    RispondiElimina
  9. Buongiorno Gus! ...come in tutte le cose ci vuole logica, impegno e buon senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona.
      Sì, le cose bisogna farle bene.

      Elimina
  10. Congratulazioni per l'inizio dell'estate! Ciao Estate! Evviva!
    La logica è sempre necessaria!

    RispondiElimina
  11. Spero in un'Estate senza mascherine.
    Ciao Irina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me ogni cosa che è illogica diventa disumana.

      Elimina
  12. Io seguo l'istinto. Tante volte mi sento dire di razionalizzare. Boh non ne sono capace forse.
    Sai, io amo molto attaccare alle pareti cose nuove. Mi fa stare bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io seguo l'istinto, ma controllo se è ragionevole.
      Le pareti della mia casa sono piene di quadri. Parlo con loro.

      Elimina
  13. E' per questo motivo che la motricita' e' necessaria ai bambini.
    E anche a noi adulti.
    Ma come si fa ad appendere il chido senza creare un buco nero?

    RispondiElimina
  14. Il buco nero fa paura😀

    Un buco nero di massa 5 volte la massa del nostro Sole ha un diametro di circa 30 km, quello di 10 volte la massa del Sole ha 60 km di diametro, quello di 100 volte ha 600 km di diametro. Non c'è limite superiore all'estensione di un buco nero.


    Ciao Roberta.

    RispondiElimina
  15. Ciao Gus, come stai? :)
    La logica va usata al momento giusto.
    Per esempio,
    mettere su il quadro, scegliere il chiodo, valutare tutto come detto nei commenti su, richiede molta logica.
    Ma la parte prima, la parte più importante, è quella in cui ci facciamo scegliere da quadro. Quella in cui l'immagine ed i colori ci rapiscono e ci guidano verso quella parete.
    In quel caso, niente logica, si vince e si perde a mani basse :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta invidiavo il cane dei vicini, nel giardino sottostante la mia finestra, perché lui non si annoiava, non aveva il problema di sapere che fare.
      Cosa mi era successo?
      Si era ammalato il mio rapporto con il tempo.
      Prima il tempo era al mio servizio e io non sentivo il bisogno di riempirlo, poi ho cominciato ad avvertire il bisogno o dovere di riempire il tempo. Sono rinato quando, seduto su una poltrona, ho cominciato a guardare i miei quadri. Non erano fatti di niente, ossia di solo colore, ma avevo scoperto che dietro il colore, c'era qualcosa di nuovo a dargli senso, drammaticità, insomma poesia.
      Io sono capace di stare seduto per ore sulla poltrona e ricostruire la mia vita attraverso i dipinti.

      Elimina
  16. mi viene quasi spontaneo :)
    buon giorno

    RispondiElimina
  17. purtroppo mio caro io sono un'istintiva e non seguo la logìca , o almeno molto poco. E' capitato anche a me , non con tutti i tuoi "disatri" ma è successo. Ti prometto almeno in questo starò più attenta. Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tutti istintivi, ma la ragione senza farsene accorgere controlla.
      Bacione Nella.

      Elimina
  18. A volte seguo fin troppo la logica... tanto che, per quanto riguarda il fai da te, la logica mi ha portato ad ammettere che non fa pe me :D Anche se con l'appendere quadri persevero... e ogni tanto mi riesce ;)

    RispondiElimina