lunedì, ottobre 08, 2018

Scrivo lettere e tristezza





Dal Vangelo secondo Marco 4,35-41

In quel giorno, verso sera, Gesù disse ai
suoi discepoli: “Passiamo all’altra riva”.
E lasciata la folla, lo presero con sé,
così com’era, nella barca. C’erano anche
altre barche con lui.
Nel frattempo si sollevò una gran tempesta di vento
e gettava le onde nella barca, tanto che ormai era piena.
Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva.
Allora lo svegliarono e gli dissero: “Maestro,
non t’importa che moriamo?”. Destatosi,
sgridò il vento e disse al mare: “Taci, calmati!”.
Il vento cessò e vi fu grande bonaccia.
Poi disse loro: “Perché siete così paurosi?
Non avete ancora fede?”.
E furono presi da grande timore e
si dicevano l’un l’altro: “Chi è dunque costui, a
quale anche il vento e il mare obbediscono?”.

59 commenti:

  1. Migliore ipotesi per questa immagine: Giovanni Fattori marina al tramonto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è qualcosa di straordinario in Montale. Il suo "più in là" somiglia troppo al "passiamo all'altra riva" di Gesù.

      Elimina
    2. L’altra riva è ciò per cui quei discepoli erano fatti: essi appartenevano a qualcosa d'altro, non al miracolo dei pani moltiplicati, appartenevano a qualcosa di più profondo, da cui erano sorti anche i pani.
      L'altra riva è ciò per cui siamo fatti, è la Presenza cui apparteniamo. Verso dove andare dunque? Verso qualcosa cui apparteniamo. Non apparteniamo a quel che siamo, tant'è vero che da quel che siamo, scaturisce il terrore della morte e l'umiliazione per il male. Il nostro sguardo cerca un Volto nella notte. Il nostro sguardo cerca un Volto in quell'ombra che preme sulla faccia di tutto e di tutti, cerca il destino e la consistenza delle cose, l'altra riva.

      Elimina
  2. Le parole di Calvino sono stupende, il vero amore infatti ci fa conoscere pienamente noi stessi. Sperando che il vero amore esista veramente. Leggendo la poesia di Montale invece ho pensato immediatamente alla Dama Bianca. Detto che l'uomo si è sempre spinto "più in là", oltre alle "Colonne d'Ercole", ad esempio nella scienza. Poi c'è la ricerca dell'infinito, in ambito spirituale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace Calvino, Montale è la poesia.
      Grazie Riky.

      Elimina
  3. Per alcuni l'orizzonte degli eventi è una città, un viaggio nel nostro Io interiore, una scoperta della Fede o lo spazio infinito fatto di stelle, o ancora amare qualcuno con tutto il proprio essere per costruire qualcosa di buono e unico.
    La cosa più importante, almeno credo, è tuttavia essere consapevoli come appunto diceva San Marco che solo gettando le reti delle nostre vecchie consapevolezze per prendere il largo e fidarsi di qualcosa/qualcuno ciecamente possiamo non solo diventare persone totalmente nuove ma soprattutto capire dove Dio vuole condurci e lavorare affinché la Sua e la nostra visione possano collimare.
    Ciao Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci fidiamo di Dio sicuramente siamo in buone mani e non dobbiamo preoccuparci del nostro destino.
      Ciao Morgana.

      Elimina
  4. Cosa cerco? Il senso del tutto, perché quand’anche la vita fosse bella, ricca di denaro e affetti, entusiasmante, colma di cultura ed esperienze... arriverà sempre il momento in cui il “senso” sfuggirà dalle mani come sabbia fra le dita e allora è in quel frangente che si comprenderà quanto avrò trovato e colto il senso del tutto. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non si capisce il senso della nostra vita quello che facciamo finirà per essere sbagliato.
      Grazie sinforosa.

      Elimina
  5. La Poesia di Montale mi ricorda un amico poeta autodidatta che ha scritto delle bellissime poesie.
    Quando vado a trovare mia mamma, devastata dalla sofferenza, mi fermo sempre davanti a lui e leggo, incisa sulla sua lapide, "ultima" sua poesia:

    "Alla mia festa non sarò presente podere dei miei occhi. Nel fienile ho consumato la vita per sentirti più vicino" ...G.B.
    Ecco, questa poesia è fonte di fede... L'emozione e la luminosità che emana rappresenta il dopo della vita.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. E' bello, amore, sentirti vicino a me nella notte,
      invisibile nel tuo sogno, seriamente notturna,
      mentr'io districo le mie preoccupazioni
      come fossero reti confuse.


      Mi fa pensare a Neruda.

      Elimina
    2. "tra gli scogli parlotta la maretta"
      La fantasia del poeta è evidente. Lui vive una realtà soggettiva. Ascolta e descrive.

      Elimina
    3. Il giallo del commento pretende attenzione. E' timido. Si affaccia e se ne va.

      Questa è una mia poesia.

      Elimina
    4. Il senso di quella poesia sono le sofferenze alle rinunce, soprattutto del prigilegiato
      In quanto è come possibile tanto quando fa male.. dopo. Non arricciare il naso, come di tuo solito se parlo di fienile. Lui Dio l'ha sentito davvero. In fondo Gesù era un umile falegname.
      E tu saresti un alchimista sii? Meglio non indagare troppo se
      non sei all'altezza.

      Elimina
  7. Preferisco non risponderti altrimenti ti offendo.

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto ridere.
    Il significato della mia poesia è
    che non è una poesia.
    Prima di venire qui volevo vedere qualche film,
    ma erano orribili. Ne ho cambiati almeno 10 e senza
    successo.

    Quando è così rivedo i film che mi hanno emozionato.
    In particolare avrò visto "Il colore nascosto delle cose" con una incredibile Valeria Golino.
    Anche "Frantz" l'ho visto 7/8 volte. e il prologo di 2001: odissea nello spezio, forse 1.000 volte. Sai, Richard Strauss.

    RispondiElimina
  9. Il giallo si vede solo da te e antonypoe. È muffa, siete vecchi.

    RispondiElimina
  10. E' il (giallo dei) Limoni


    Ascoltami, i poeti laureati
    si muovono soltanto fra le piante
    dai nomi poco usati: bossi ligustri o acanti.
    lo, per me, amo le strade che riescono agli erbosi
    fossi dove in pozzanghere
    mezzo seccate agguantanoi ragazzi
    qualche sparuta anguilla:
    le viuzze che seguono i ciglioni,
    discendono tra i ciuffi delle canne
    e mettono negli orti, tra gli alberi dei limoni.

    Meglio se le gazzarre degli uccelli
    si spengono inghiottite dall'azzurro:
    più chiaro si ascolta il susurro
    dei rami amici nell'aria che quasi non si muove,
    e i sensi di quest'odore
    che non sa staccarsi da terra
    e piove in petto una dolcezza inquieta.
    Qui delle divertite passioni
    per miracolo tace la guerra,
    qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
    ed è l'odore dei limoni.

    Vedi, in questi silenzi in cui le cose
    s'abbandonano e sembrano vicine
    a tradire il loro ultimo segreto,
    talora ci si aspetta
    di scoprire uno sbaglio di Natura,
    il punto morto del mondo, l'anello che non tiene,
    il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
    nel mezzo di una verità.
    Lo sguardo fruga d'intorno,
    la mente indaga accorda disunisce
    nel profumo che dilaga
    quando il giorno piú languisce.
    Sono i silenzi in cui si vede
    in ogni ombra umana che si allontana
    qualche disturbata Divinità.

    Ma l'illusione manca e ci riporta il tempo
    nelle città rurnorose dove l'azzurro si mostra
    soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.
    La pioggia stanca la terra, di poi; s'affolta
    il tedio dell'inverno sulle case,
    la luce si fa avara - amara l'anima.
    Quando un giorno da un malchiuso portone
    tra gli alberi di una corte
    ci si mostrano i gialli dei limoni;
    e il gelo dei cuore si sfa,
    e in petto ci scrosciano
    le loro canzoni
    le trombe d'oro della solarità.

    RispondiElimina
  11. Non vedo l'ora di andare a New York a fare mille domande, e ricevere mille risposte diverse da quelle immaginate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, nel tuo blog qualcuno ti ha spiegato la differenza tra Chiesa e Cristo.

      Elimina
  12. Chiesa e Cristo . Gus, mi sono alzata make. Cos'è quel. Giallino che vedo e che non riesco a leggere se non in quelli della tua "cerchia"?

    RispondiElimina
  13. Male molto.

    RispondiElimina
  14. Il giallino è una comunicazione di Google che appare un istante e non si riesce a leggere. Riguarda suggerimenti sui commenti.

    RispondiElimina
  15. Fammi un esempio

    RispondiElimina
  16. Se ti suggerisce perché non ti permette di leggere. Cosa hai fatto nel mio ultimo commento? Ho visto un:apparizione ... Strana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è un problema. E' un'anomalia di Google.

      Elimina
    2. Succede solo con... voi. Ci blog che non conosco no.

      Elimina
    3. Come mai? Solo con voi?

      Elimina
    4. A me non interessa, A te sì?
      Chiedilo a Google/Blogger.

      Elimina
  17. Sono d'accordissimo sulle città.
    La natura avvicina a Dio e lo si comprende nell'essere felici con poco e porter sopravvivere senza denari.
    Cosa inversa ed impossibile nelle città. Sopratutto in quelle grandi.

    RispondiElimina

  18. Lara9 ott 2018, 11:17:00
    Il senso di quella poesia sono le sofferenze alle rinunce, soprattutto del prigilegiato
    In quanto è come possibile tanto quando fa male.. dopo. Non arricciare il naso, come di tuo solito se parlo di fienile. Lui Dio l'ha sentito davvero. In fondo Gesù era un umile falegname.
    E tu saresti un alchimista sii? Meglio non indagare troppo se
    non sei all'altezza.

    RispondiElimina
  19. Ci ritengo alla risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'alchimista è una persona (chiunque può diventare alchimista) che decide di lasciare tutto ed iniziare un percorso prima di tutto interiore per giungere ad una consapevolezza superiore del mondo.

      Elimina
    2. Superiore al mondo ci vuole poco.
      Gus, mi fai postare qualche volta?

      Elimina
    3. Non ci sono problemi Lara.
      Scrivi il post come commento e dammi l'URL dell'immagine.
      Tu lo sai che per due volte l'ho fatto, poi ti sei incazzata e mi hai fatto eliminare i post.
      Ancora una volta e ti sculaccio :)

      Elimina
    4. Però sai che ti voglio bene. Se vuoi rimettili, mi piacevano tanto.


      Vorrei scrivere quanto amo ancora mia mamma ma non mi escono le parole. Vorrei scrivere della sua anima bella e pura e di quanto ci ha amati. Vorrei scrivere che non voglio perderla nell'infinito e di non dimenticarsi di me, soprattutto di aiutare suo figlio. Io non riesco. E lo so che l'amore è per sempre. Lei mi è stata madre e figlia. Ora capirà davvero quanto l'ho amata.

      Elimina
    5. Mami nell' infinito.

      Elimina
    6. Non posso rimetterli. Sono eliminati.

      Elimina
    7. https://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.auguri.it/pics/cuorib007.jpg&imgrefurl=http://www.auguri.it/amore/cuore-nel-cielo-712.htm&h=256&w=256&tbnid=qlgKX6RLfSB4bM&tbnh=225&tbnw=225&usg=AI4_-kRALeaxQmLx_UwnxGSa0l4vB99fGw&vet=1&docid=J-9x7Ji3Um6d2M

      Elimina
    8. Allora Mami all'infinito è il titolo, il messaggio che hai scritto e il post e l'URL è l'immagine.
      Conferma e domani lo post.

      Elimina
    9. Si.. Ma lei. Mi ascolterà?

      Mami nell'infinito...

      Vorrei scrivere quanto amo ancora mia mamma ma non mi escono le parole.

      Vorrei scrivere della sua anima bella e pura e di quanto ci ha disperatamente amati.

      Vorrei scriverLe che non voglio perderla nell'infinito...
      di non dimenticarsi di me, soprattutto di aiutare suo figlio. Io non riesco.

      E lo so che l'amore è per sempre.
      Lei mi è stata madre e figlia.
      Ora capirà davvero
      quanto l'ho amata.

      Grazie

      Elimina
  20. Mi piace molto quella poesia di Montale, tant'è che l'ho riletta più volte. Non la conoscevo, o forse non la ricordavo.
    Ma è una di quelle poesie che potrei portarmi dietro, a spasso, perché un po' riflette anche alcune mie sensazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che abbiamo sensazioni molto simili?

      Elimina
    2. Ci credo 😏

      Elimina
  21. I nuovi siti mettono in evidenza la Privacy Policy.

    RispondiElimina
  22. Forse, se ho capito bene, Google chiude Google plus. Che sia questo il giallo che vedi. Forse stanno informando gli iscritti. Ciao a abbraccio siempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella colonna del blog per i gadget c'è una dichiarazione sulla Policy. L'ho scritta e appena inviato il messaggio il sistema la mostra.
      Siempre.

      Elimina
  23. Anche da voi compare la scritta gialla? “Se vuoi avere la possibilità di gestire i commenti in futuro, commenta con il tuo account Google. Se commenti in forma anonima, non potrai modificare o cancellare il tuo commento. Ulteriori informazioni”. Il trafiletto evidenziato in giallo appare pochi secondi e poi sparisce, se invece commentiamo come “anonimo” è fisso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Innassia. Leggi la risposta che ho scritto a Farfalla Leggera.

      Elimina
  24. Un nome a caso, come il mio, è anonimo comunque. È il tuo .. Augusto? Ma forse si riesce a risalire alla mail (mai usata) e curiosare nelle altre?

    RispondiElimina
  25. emozionata nello scriverti Gus, post alquanto difficile perchè le risposte possono essere mille o nessuna. Ma chiunque di noi vuole spingersi oltre spesso dimenticando se stessi, o trovando qualcosa che aveva perduto o scordato.
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  26. Grazie Nella.
    La domanda trova il senso delle cose.
    Abbraccio.

    RispondiElimina