lunedì 15 ottobre 2018

Il protagonismo esasperato







I censori, i cloni inesistenti, i manipolatori, i commentatori ossessivi,
i moralizzatori, i provocatori... esistono soprattutto
in virtù di uno schermo che non fa altro che esaltare
all'ennesima potenza la volontà di “disturbo”.
In questo blog, da sempre, ho scritto con impegno
e con spirito di leale approfondimento di “argomenti umani”.
E' un peccato “disturbare“ questo impegno onesto,
a volte anche interessante, “sano”.
Peccato per chi legge e per chi scrive.
Anche se tra “gli argomenti umani” si contempla, ahimè,
la voce di disagio, di vittimismo, protagonismo
che anima questi elementi di disturbo.
Credo che, più della la moderazione dei commenti,
sia utile ignorare, tirare avanti, giacché spesso
l'indifferenza è l'unica arma per distogliere
la voglia di insudiciare che anima la presenza di commenti
non pertinenti, offensivi e inutilmente cattivi.
C'è chi, oltre al lavoro ed al dovere,
investe il proprio tempo in passioni ed approfondimenti
per continuare ad avere contenuti e non "morire" nell'apatia.
C'è anche chi, per conformismo/invidia o repressione di
qualcosa di ben più profondo, ritiene divertente
ostacolare la strada dei sopracitati.




52 commenti:

  1. Migliore ipotesi per questa immagine: Eric Gauthier

    RispondiElimina
  2. Nella fattispecie tu, Gus, come titolare di blog, offri scritti "con impegno e spirito di leale approfondimento di argomenti umani".
    E' chiaro che questo già costituisce un piccolo sbarramento all'entrata, per cui, verso le persone che costituiscono un disturbo:
    a) ci parli cercando di capire il motivo del loro disturbo;
    b) le ignori;
    c) le inviti gentilmente alla porta.

    Poi gli argomenti trattati possono ovviamente, dal punto di vista del commentatore, suscitare riflessioni personali che possono passare per "protagonismo", "per invadere gli spazi altrui" (peraltro a breve anche io farò, in questo commento, il protagonista).

    Non sono d'accordo su due cose:

    - sull'intento di alcuni di disturbare la 'mission' del tuo blog (ogni blog ha una mission, la tua è evidenziata nel post e l'ho ri-evidenziata nel mio commento);
    - sui commentatori ossessivi: come detto altrove, il commento è un segnale di presenza, di vicinanza, anche quando sono poche parole, perché magari quel post non ha interessato, non è stato capito, ma è stato comunque letto. Ben vengano i "commentatori ossessivi" purché appunto rispettino le regole della netiquette e purché rispettino il luogo dove i commenti sono fatti (e' chiaro che se vado a un bar a bere una birra con gli amici possono sbracarmi, se vado a un ristorante silenzioso mi devo adattare a quelle regole, altrimenti non posso far altro che essere cacciato).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Precisazione: non sono d'accordo sul fatto che ci siano persone che vengono qui per disturbare la 'mission' del tuo blog. Anzi, mi sembra che siamo tutti interessati agli argomenti.

      Elimina
  3. Il commentatore ossessivo, protagonista ha altri obiettivi.
    Uno sguardo al tuo post e poi scarica le sue "fisime" spostando la discussione dal mio post all sue chiacchiere, luoghi comuni, "a me non succede", incapace di passare dall'esperienza personale alla globalità di un fenomeno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riky, tu leggi il post e il commento aiuta chi ha scritto a spiegarsi meglio.

      Elimina
    2. Ecco, su un blog come questo "le chiacchiere" sono inevitabilmente fuori luogo. Fermo restando che sono "nobili" anche i blog di chiacchiera.
      Ci sono il bar, il fastfood, il ristorante; la libreria, il cinema, il pub. E si possono frequentare tutti questi posti.

      Elimina
    3. I virus si moltiplicano. Windows 10 scarica nuove definizioni almeno 4 volte al giorno. Prendo atto e scansiono. Ho un tuo vecchio follower bloccato. Lo posso pubblicare? Tanto non si riferisce a blog ormai chiusi.

      Elimina
  4. E' il rischio che si corre quando si decide di prendere un proprio spazio in rete. Dall'altra parte non sempre trovi persone ragionevoli che hanno voglia di confrontarsi. A volte trovi gente che preferisce trollare, disturbare, insultare, insozzare.
    Io direi di cancellare e andare avanti come se nulla fosse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa spinge una persona, a volte uno sconosciuto, a insultare inutilmente?

      Elimina
    2. Mi vengono in mente tante risposte, ma potrebbero essere tutte sbagliate.

      - Non è davvero uno sconosciuto. Ti conosce, non te lo fa sapere, ma intanto ti sputa addosso il veleno che non riesce a sputarti addosso in ambiti normali. Ovvero mettendoci la faccia.
      - La frustrazione, la rabbia di una vita vuota.
      - L'invidia, per chissà cosa. Un aspetto che gli rode, che lo infastidisce, per qualcosa che vorrebbe avere.
      - La noia.

      Elimina
    3. Mi sembrano motivi validi.
      L'aggressività può anche essere la conseguenze di scorrettezze gravi subite e anche di malattie serie.
      Io so queste cose e a Lara la accolgo ma non dimostra fiducia nei miei riguardi addebitandomi colpe non mie. Io con lei sono stato sempre paziente, ma quando esagera non ce la faccio.
      Quello che mi demoralizza è il ripetersi di situazioni identiche.

      -guadagno con il blog senza specificare chi paga perché io non ho AdSense.
      -Nel mio blog scrive una utente che controlla tutto.
      -Io mando i virus.
      -Io insieme all'utente ho preso dal suo pc immagini, ho letto mail.

      Elimina
  5. Non mi riferisco a te. Parlo sempre in generale. Cosa devi farci con il mio nome. Ho nel blogroll diversi utenti e quando vedo che hanno scritto un post vado a commentare e non insultare o cercare cognomi. Del resto tu scrivi con il profilo, più anonimo di così non si può. Google ha il mio numero di telefono, del cellulare e conosce la mia mail. Questa è la correttezza.

    RispondiElimina
  6. Sì, l'indifferenza è l'unica strada ma far finta che certi problemi non esistano, ignorandoli, non risolve il problema.
    Il cyber bullismo esiste. Gli haters commentori esistono. I clone bloggers esistono.
    Prendiamone atto. Difendiamoci da essi e andiamo avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, il clone-blogger è un professionista che crea un template utilizzando stringhe di altri html. Non scrive commenti e nemmeno post.

      Elimina
    2. Fanno anche altro e lo abbiamo visto.

      Elimina
    3. Le parole hanno un significato. Consulta clone-blogger, cara Anna, prima di sentenziare.

      Elimina
  7. Posso commentare con un "no comment"?
    Più che altro perché ho imparato ad andare oltre. Almeno io...😉abbraccio siempre.

    RispondiElimina
  8. Concordo con le tue parole.
    Sono convinta che un qualsiasi lettore si accorga immediatamente con chi ha a che fare quando entra in un blog e di conseguenza, se non è proprio tonto, si adegua al linguaggio del padrone i casa. Anche in rete, caro Gus, come nella vita reale, bisogna avere una pazienza infinita e grande capacità di ignorare. Buona continuazione di giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il classico post dove i commentatori parlano dei cazzi loro, accusano, vogliono nomi e cognomi pur scrivendo da un misero profilo.
      Quello che dico, a questo punto, è dimostrato.

      Elimina
    2. sinforosa, io non sono un pesce lesso, uno che ha i piedi in due staffe.

      Elimina
  9. “del padrone di casa”. Scusa l’errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non chiamarmi "padrone di casa" perché per me è offensivo.
      Non modero, non cancello, qui ognuno può scrivere liberamente e mostrare la sua idiozia.

      Elimina
  10. I censori, i cloni inesistenti, i manipolatori, i commentatori ossessivi,
    i moralizzatori, i provocatori... esistono soprattutto
    in virtù di uno schermo che non fa altro che esaltare
    all'ennesima potenza la volontà di “disturbo”.
    In questo blog, da sempre, ho scritto con impegno
    e con spirito di leale approfondimento di “argomenti umani”.
    E' un peccato “disturbare“ questo impegno onesto,
    a volte anche interessante, “sano”.
    Peccato per chi legge e per chi scrive.
    Anche se tra “gli argomenti umani” si contempla, ahimè,
    la voce di disagio, di vittimismo, protagonismo
    che anima questi elementi di disturbo.
    Credo che, più della la moderazione dei commenti,
    sia utile ignorare, tirare avanti, giacché spesso
    l'indifferenza è l'unica arma per distogliere
    la voglia di insudiciare che anima la presenza di commenti
    non pertinenti, offensivi e inutilmente cattivi.
    C'è chi, oltre al lavoro ed al dovere,
    investe il proprio tempo in passioni ed approfondimenti
    per continuare ad avere contenuti e non "morire" nell'apatia.
    C'è anche chi, per conformismo/invidia o repressione di
    qualcosa di ben più profondo, ritiene divertente
    ostacolare la strada dei sopracitati
    .



    RispondiElimina
  11. Chi è Sara? Non lo so. E' tra i miei follower e non so chi ce l'ha messo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che, più della la moderazione dei commenti,
      sia utile ignorare, tirare avanti, giacché spesso
      l'indifferenza è l'unica arma per distogliere
      la voglia di insudiciare che anima la presenza di commenti
      non pertinenti, offensivi e inutilmente cattivi.

      Elimina
  12. E' il rischio che si corre quando si decide di prendere un proprio spazio in rete. Dall'altra parte non sempre trovi persone ragionevoli che hanno voglia di confrontarsi. A volte trovi gente che preferisce trollare, disturbare, insultare, insozzare.
    Io direi di cancellare e andare avanti come se nulla fosse.

    RispondiElimina
  13. "Gus, è molto chiaro che questo post non l'hai scritto tu".
    E' un'idiozia" Nel blog di Gus scrive solo gus".
    Il follower "Sara" è nell'elenco dei miei lettori fissi. A te non piace vederlo e usando l'opzione di blogger "blocco" non compare". Insomma è nascosto.

    RispondiElimina
  14. Come posso bloccare follower del mio blog?
    Per impedire a qualcuno di seguirti:
    Accedi a Blogger.
    In altro a sinistra, accanto al nome del blog, fai clic sulla freccia giù .
    Scegli il blog su cui lavorare.
    Nel menu a sinistra, fai clic su Statistiche .
    A destra, fai clic sul numero accanto a "Follower".
    Trova il follower da bloccare e fai clic su Blocca. Questi non riceveranno più aggiornamenti quando pubblichi qualcosa sul blog.
    Nota: anche se impedisci a qualcuno di seguire il tuo blog, quella persona potrebbe comunque essere in grado di aprire l'URL del tuo blog, leggerlo e lasciare commenti.

    RispondiElimina
  15. Sono passata per salutarti e augurarti una serena notte!
    Ciao August.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo augurio lo apprezzo molto.
      Abbraccio Dani.

      Elimina
  16. Il post Mami è tuo. Dimmi quali commenti non gradisci e io li cancello.

    RispondiElimina
  17. Direi che "ignorare" provocazioni e rotture è l'arma migliore. Sul mio blog sono bloccati solo gli anonimi, quelli che invece disturbano, li cancello. Più facile di così.
    Delle dinamiche di Google, template, html e altre cose di cui siete esperti invece, non saprei che dire... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che ti demoralizza è il ripetersi di situazioni identiche.

      -guadagno con il blog senza specificare chi paga perché io non ho AdSense.
      -Nel mio blog scrive una utente.
      -Io mando i virus.
      -Io insieme all'utente ho preso dal suo pc immagini, ho letto mail.

      Elimina
  18. Madonna, ieri c’erano 70 e più commenti...ma che fine han fatto gli altri?
    Manca anche un post all’appello...sparito tutto!
    Che stranezze.
    Puoi spiegarmi Gus?
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha scritto il post nel mio blog mi ha cercato di eliminarlo.
      Il post di ieri è stato ripulito.

      Elimina
  19. MAX. il post è firmato da Lara. Io non ho nessuna intenzione di eliminarlo, anzi le chiedo di segnalarmi i commenti che non le piacciono. Cazzo, il post l'ha scritto lei e sicuramente deve essere soddisfatta. E' la terza volta che scrive post nel mio blog e poi vuole che vengano eliminati. Mi crea problemi nella Console, perché il webmaster non trova più il post e mi dà errore 404. A questo punto non è gradita nel mio blog.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Il follower che si trova nei lettori fissi è stato inviato da chi voleva seguire il mio blog. Chi lo inviato entra nella pagina e clicca "non seguire più" e il follower va via. Io posso solo bloccarlo. Cioè resta nei Lettori fissi ma non è visibile. Io posso fare solo questo. Tu puoi fare quello che vuoi. Dimmi, può restare dove sta, oppure per accontentarti lo blocco?

    RispondiElimina
  22. Come posso bloccare follower del mio blog?
    Per impedire a qualcuno di seguirti:
    Accedi a Blogger.
    In altro a sinistra, accanto al nome del blog, fai clic sulla freccia giù .
    Scegli il blog su cui lavorare.
    Nel menu a sinistra, fai clic su Statistiche .
    A destra, fai clic sul numero accanto a "Follower".
    Trova il follower da bloccare e fai clic su Blocca. Questi non riceveranno più aggiornamenti quando pubblichi qualcosa sul blog.
    Nota: anche se impedisci a qualcuno di seguire il tuo blog, quella persona potrebbe comunque essere in grado di aprire l'URL del tuo blog, leggerlo e lasciare commenti.

    https://support.google.com/blogger/answer/99761?hl=it

    RispondiElimina
  23. Hai avuto un lunedì difficile, mi dispiace Gus.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Morgana.
      Chi scrive in un blog è preparato a ricevere commenti sgradevoli o minacce da altri utenti.

      Elimina
  24. Mhhhh... Arrivo tardi e vedo un gran casino... Mi dispiace Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi viene chiesto di eliminare un follower che non mi appartiene e che viene gestito solo dal proprietario. Io posso solo bloccarlo. Penso che quel follower era collegato a un account Google e che il proprietario abbia cambiato l'account e non può eliminare il follower.

      Elimina
  25. Gus passa oltre certe illazioni e vai avanti come hai sempre fatto, sono i tuoi post che dimostrano che persona sei.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto usando in modo corretto Blogger e non ho nessun problema. Se un utente pensa che io non lo stia facendo lo segnali a Google.

      Elimina
  26. Ho letto i commenti. Non è per entrare in merito della questione, ma lungi da me voler giudicare Lara, mi permetto comunque di esprimere un pensiero su di lei (valutando come si è comportata qui e non lei interamente, in quanto non la conosco.)
    A me sembra che lei soffra di reali deliri persecutori, che ovviamente non nascono dal nulla ma hanno come base persecuzioni reali. Il suo errore è consistito nel dubitare anche di te che, almeno da quanto sembra, in teoria, non la perseguiti affatto, ma anzi, le hai anche dimostrato amicizia (pubblicandole tre post).
    Il fatto che tale Pincapalla che le invade la privacy (e là ci sarebbe da denunciare alla postale...) sia fra i tuoi follower e segua solo il tuo blog può apparire sospetto, ma solo se si ha fantasia e si vuole fare di un'impressione, smentita dai fatti ( fatti che lei elimina deliberatamente: ogni controprova alle sue fissazioni va a ledere la sicurezza che ha, il suo senso di onnipotente prevedibilità di tutte le cose.)... di un'impressione, dicevo, un monumento a quanto c'è da dubitare di tutti gli esseri umani perché una (questa Sara) si è dimostrata chiaramente sociopatica.
    Io mi auguro che Lara ci ripensi e torni sui suoi passi, perché io, esternamente, penso che abbia preso una grossa cantonata. Mi auguro che ci ripensi lei, e che tu sarai abbastanza comprensivo da accoglierla.
    Bisognerebbe capire che lei si è sentita veramente in una situazione di pericolo, con te, perciò ha abusato delle "regole comportamentali" del blog e ha attaccato il vostro "legame".
    Una buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie V.
      Quel follower che si presenta nel mio elenco dei lettori fissi è del tutto innocuo. Non porta a nessun blog e non fornisce informazioni.Chi ha voluto seguirmi in tempi passati potrebbe essere Lara e normalmente potrebbe eliminare il segui. Il problema è che probabilmente avrà cambiato account Google eliminando di fatto il collegamento con il follower. Io posso bloccarlo, (suggerimenti Google) e l'ho proposto, ma non posso eliminarlo. Nella realtà il follower dovrebbe servire a rendere visibile quello che scrivo nell'Elenco Lettura, funzione che non può svolgere poiché è scollegato con il suo account attuale. Quell'immagine di ragazza è come un selfie, si mostra o si nasconde e non può fare altro. Ora il fatto che Lara minaccia di recarsi alla Polizia Postale perché io non tolgo il follower, dopo aver informato la donna sulle regole Google, è assurdo. A me dispiace che le cattiverie subite da altri utenti l'abbiano resa diffidente fino a coinvolgere me che per cose inesistenti.
      Tra me e Lara non ci sono "legami". La conosco nel virtuale da tanto tempo ma non so il suo numero di telefono e nemmeno l'indirizzo mail. Quindi, il legame è tutto quello che trovi scritto nel blog.

      Elimina