lunedì 14 giugno 2021

Il narcisista dietro l'angolo



 

Si, comunque sia,  penso che  il Sommo Creatore (sia Egli Dio, Allah o Cullù) ogni tanto si distragga e butti sulla Terra qualche individuo a caso, dimenticandosi poi il motivo. Un po' come quando entrate in una stanza e vi mettete a fissare il tappeto pakistano della prozia Pina nel tentativo di ricordare perché siete lì. Ecco.
Queste persone si insinuano nella vostra vita come se nulla fosse, trasformandosi poi, col tempo, in noiose tritasassi.
Tra tutte, c’è una categoria in particolare cui il rogo dovrebbe esser d’obbligo: i narcisisti. Dietro questo termine apparentemente innocuo e infantile, si nasconde un vero e proprio disturbo patologico che porta l’individuo a sviluppare una percezione distorta del proprio sé attribuendogli un’importanza e un’idealizzazione totalmente esagerate. E, nella stragrande maggioranza dei casi, infondate.
Ma noi non siamo psicologi, per cui non ce ne frega una mazza.
Il narcisista è l’amico o l’amica che reputa la Treccani un libretto per bambini e si sente quindi obbligato, dall’alto della sua sconfinata intelligenza, ad apportare correzioni e precisazioni ad ogni vostra singola parola. Nel 97% dei casi è ignorante come un lichene e disinformato quanto "Il Giornale".
Il narcisista è anche colui o colei che cerca sempre il vostro appoggio per qualsiasi cavolata; pretende conforto, ascolto e comprensione. Vi riversa addosso tutti gli avvenimenti della sua inutile giornata, magari mentre siete imbottigliati nel traffico da venti minuti, in ritardo per il prossimo appuntamento e sotto un sole degno di Dubai. Ma il “visualizzato” senza risposta della tamarra o dell'imbroglione di turno è molto, molto più importante. E lo vede spesso chi ignora.
Il narcisista è quell’organismo che si colloca a metà tra il pus e la muffa nera.
Il narcisista ama parlare di se stesso, mostra disprezzo aperto verso gli altri,
mira ad essere oggetto di ammirazione ,mostra un interesse effimero verso le persone, ricerca attenzione attraverso le emozioni negative ,si percepisce come una personalità grandiosa, tende a manipolare gli altri.
I narcisisti “storici”, Oscar Wilde, Gabriele D'Annunzio, Curzio Malaparte, Lord Byron in realtà sono prima di tutto dei dandy, gran lavoratori travestiti da nullafacenti.


34 commenti:

  1. Immagine:

    Possible ricerca correlata: mecanismo de defensa idealizacion y desvalorizacion.

    RispondiElimina
  2. Un post che fotografa alla perfezione uno dei tanti mali del nostro tempo: il narcisismo estremo; quanti narcisi ci sono in giro, una caterva. Buona serata Gus.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di narcisismo è tollerabile, ma quando si esagera diventa fastidioso.
      Buona giornata Sinforosa.

      Elimina
  3. Ciao Gus! Nella mia vita, ho anche incontrato tali narcisi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il narcisismo è come una maschera che copre l'insicurezza dell'uomo.
      Ciao Irima.

      Elimina
  4. E' pieno di gente perfetta. Beati loro. "Cullù" li avrà in gloria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cullù è quello in dialetto pescarese.

      Elimina
    2. Mi dicono più teatino però.. ;)

      Elimina
    3. Elementi che fanno avvicinare invece la parlata di Chieti a quelle frentane sono l'uso dell'avverbio nijèndë per "niente", mentre nell'area pescarese-teramana si adopera nindë, e anche la presenza dei pronomi dimostrativi maschili e femminili cullù e cullè (quello e quella), oppure cussù e cussè (questo e questa), ampiamente usati anche nella campagna, mentre a Pescara e nella sua provincia sono adoperati rispettivamente cullù, chillì, cussù e chissì.

      Elimina
    4. Nu seme quill. Nu seme nu. Tu nin si nu cazze.

      Elimina
    5. Tipico intercalare di Piazza Salotto.. ;)

      Elimina
  5. Ce ne fossero di narcisisti come Oscar Wilde o D'Annunzio! Invece abbiamo i Carofiglio, gli Sgarbi, i Renzi, i Berlusconi...e gli immunologi

    RispondiElimina
  6. Il narcisismo è dominante in quest'epoca, credo come mai in nessun' altra. Specie perchè ora hanno a disposizone i social, quindi possono riempire il web di tutta la loro "scienza". Nella vita reale sono persone opportuniste, manipolatrici il cui scopo è usare gli altri per i propri scopi, per poi "buttarli via" quando hanno ottenuto quel che vogliono. Meglio starne alla larga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa il 50-75% degli individui a cui è stato diagnosticato un disturbo narcisistico di personalità è di sesso maschile.
      Tra narcisismo benigno e narcisismo maligno esistono molte sfumature che vanno dal narcisismo covert o nascosto al narcisismo overt o manifesto (Wink, 1991).
      Il narcisisista covert è inibito, vulnerabile, ipersensibile alle critiche, ha paura del rifiuto, prova spesso vergogna e imbarazzo, sente sempre un’enorme distanza tra sé e gli altri (‘Vedo sempre gli altri come da dietro ad uno specchio, li sento lontani, come fossi un alieno’).

      Elimina
    2. Il narcisismo patologico è una gran brutta bestia. So di donne che sono state letteralmente "asfaltate" da uomini di questo tipo che prima le idolatravano e poi le gettavano nel fango. Prima le facevano sentire speciali e poi le schifavano.
      Sicuramente ci saranno diversi gradi di narcisismo, anche senza sfociare nella patologia. Sarebbe bello riconoscerli a prima vista ed allontanarli prima che sia troppo tardi.

      Elimina
  7. А мне жаль таких людей, у них "неправильная психика", им трудно общаться с другими людьми...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi dispiace per queste persone, hanno una "psiche sbagliata", è difficile per loro comunicare con altre persone ...

      Elimina
    2. E' un disturbo della personalità. Anche a me dispiace, ma quando una persona ti punta una pistola addosso, devi difenderti.

      Elimina
    3. Это расстройство личности. Мне тоже жаль, но когда кто-то направляет на тебя пистолет, ты должен защищаться.

      Elimina
    4. E' così Lyudmila.

      Elimina
  8. Il narcisismo è deleterio perchè chi ha questo problema anche senza che esso assuma le sembianze della patologia e si fermi ad un livello accettabile clinicamente parlando ma pur sempre eccessivo, ha il difetto orribile di non saper ascoltare gli altri, a meno che non stiano parlando di lui, e di non saper comprendere il prossimo. Manca pertanto totalmente di empatia e sensibilità.

    Scusa per i due commenti cancellati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incapacità e anche nessuna voglia, di comprendere il prossimo. perché non ne ha affatto bisogno, se non per fare numero per le sue attività.

      Elimina
    2. Ho eliminato definitivamente i due commenti.
      Il narciso sa tutto e reputa inutile l'ascolto degli altri.
      Grazie Daniele.

      Elimina
    3. Franco, ho pasticciato nelle risposte.

      P.S. Ieri sera su Sky ho visto un film di Sorrentino, *L'amico di famiglia*. Affronta i problemi della società italiana che generalmente vengono nascosti. Un film duro, impietoso e una regia molto accurata. Bene anche gli interpreti e la scenografia di livello altissimo. Ogni inquadratura sembra un dipinto di De Chirico. Io non apprezzavo Sorrentino, ora devo ricredermi.

      Elimina
  9. Hai ragione gus, è un disturbo della personalità..purtroppo nella vita assorbiamo troppo spesso personalità "malate" che lasciano segni ed influenzano scelte..
    Buongiorno, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più importante che abbiamo è la nostra identità.
      Ed il nostro mondo è sempre più complesso, tende sempre di più a trasformare gli esseri umani, i cittadini in numeri, in soggetti senza identità da definire tramite regolamenti, indagini di mercato, circolari.
      Diventa per tutti più difficile sviluppare un identità, una risposta alla vita.
      Ciao Gesualda😏

      Elimina
  10. Condivido la tua disamina impietosa. E poichè bisogna volere un po' bene a sè stessi (senza esagerare...) è sano difendersi dai narcisi.

    RispondiElimina
  11. Beh dai, spesso sono divertenti e fanno anche una gran tenerezza... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono narcisisti che fanno cattiverie.

      Elimina
  12. Diciamo che in questo l'eventuale dio o chi ne fa le veci, è piuttosto, piuttosto distratto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io parlo di Intelligenza che non è casuale e non si distrae.

      Elimina
  13. Anche se, diciamocelo, un po' di narchisismo c'è in quasi tutti

    RispondiElimina
  14. Un pizzico di narcisismo è normale. Il narcisismo che fa violenza verso gli altri è pericoloso.

    RispondiElimina