lunedì, settembre 30, 2019

Dialogo sobrio





primo personaggio

Pavese ha scritto che il sacrificio era bestiale ma si riferiva a se stesso e per questo si è ammazzato.
In fondo Pavese si è sempre sentito in esilio, esule “dalla vita, dal sesso, dalla donna, dall’amore” (Fabrizio Bandini). Con il tempo la sessualità diventa il perno della vita, ma vissuta come mutilazione. In molti hanno trovato una spiegazione psicanalitica: L’infanzia di Pavese, dopo la scomparsa del padre, è sicuramente segnata dalla presenza dominante della madre, donna rigida e severa (A. Guiducci).
10 bustine di sonnifero e lascia una lettera dove si legge che perdona tutti e chiede perdono a tutti.

 secondo personaggio

eppure, (che mi si perdoni), la scelta di pavese non ha avuto nulla di brillante. un’esistenza di primissimo piano, una sensibilità non di questo mondo, una delicatezza etera tipica delle dee. l’essersi imposto la scelta di morire ha tolto qualcosa al potere dell’imposizione e, secondo me, non ha conferito nulla di più alla sua vita. il rifiuto di fernanda pivano, la madre edonistica e l’assenza del padre non sono neppure alibi ché, così non fosse, la vita sarebbe piena di morti suicidi.

primo personaggio

Esprimere un giudizio su una persona che sceglie di suicidarsi mi sembra sbagliato perché noi non possiamo conoscere l’intensità della sua sofferenza. Dall’esterno si costruiscono solo ipotesi.

secondo personaggio

non ho detto questo. rifaccio: la sacralità della vita supera ogni intenzione terrena. ho parlato di concetti, non di persone. però fai tu.
se dovessi parlare di persone, comportamenti, illazioni gratuite e giudizi sperticati, dovrei limitarmi a costatare due cose: la prima è che il giudizio lapidario e fuori tema è cosa tua, la seconda è che prendi ramazzate in ogni blog su cui lasci commenti spesso sperticati e assolutamente (a quanto pare) non graditi.
ma, così facendo, diventerei come te. e la cosa non mi piace (ora è chiaro o devo scendere ancora di livello, per farti capire?)
invece, poiché sono fatto d’altra pasta: mi chiedo – in senso generale – quanto sia opportuno andare in giro per il mondo o per il web a pontificare come se tutti fossero stupidi. ancora prima (perché questo fatto testimonia i “cosa” ma non i “perché), mi chiedo quale meccanismo possa indurre chicchessia a credere che simili atteggiamenti siano costruttivi per la propria vita e, di riflesso, per la vita di chi gli sta vicino.
il biblico “porgi l’altra guancia” (parlo di concetti, se ancora non si fosse capito) è una ca__ta pazzesca. le guance le ho finite da un po’

54 commenti:

  1. Possible ricerca correlata: painting.

    RispondiElimina
  2. I due personaggi in questione sono ottimi pensatori, con le loro importanti esperienze di vite e la loro profondità di pensiero, con le loro importanti differenze di pensiero.
    Quando parlano, è sempre utile fermarsi ad ascoltarli.

    RispondiElimina
  3. L'opinione di una persona non può essere contestata, e anche se non è lusinghiera io non la considero una "ramazzata".
    Sono contrario a giudizi sugli utenti dei blog.

    RispondiElimina
  4. Nel Fedone di Platone il suicidio, anche se in alcuni casi della vita può essere preferibile perché la sofferenza può raggiungere livelli alti, è comunque visto come proibito in quanto gli uomini sono possesso degli dei come se fossero schiavi, e in quanto tali non hanno diritto di scegliere quando abbandonare la vita, ma devono aspettare che decida la divinità, come nel caso di Socrate il quale ha trovato "benefattori", ossia i suoi accusatori, che vincendo in tribunale gli tolgono la vita, non senza la partecipazione della volontà divina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Sai benissimo che sono cattolico e che la mia vita appartiene a un Altro che è legittimato a giudicare, cosa che non possiamo fare noi, e poi il dolore arriva a un punto di sofferenza straziante che non si è più in grado di intendere e volere.

      Elimina
    2. Anche Gesù nell'Orto degli ulivi ha chiesto al Padre di affrancarlo dalla croce. E Gesù era il Figlio dell'uomo perché è stato concepito dallo Spirito Santo e Maria lo ha partorito.

      Elimina
    3. Inoltre il biasimo del "personaggio secondo" non è dettato da convinzioni religiose. E' un giudizio, un deprecabile giudizio.

      Elimina
  5. Nuovo account
    Lo meriti
    Buona serata

    RispondiElimina
  6. Pavese mi piace molto, lo leggo spesso. Non conosco così bene la sua biografia da poterne commentare la vita o le scelte, tuttavia fu sicuramente un uomo con una sensibilità fuori dal comune.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui ha dato amore è non è stato ascoltato. Questa delusione l'ha portato a quella scelta.
      Luigi Giussani parla spesso di Pavese.

      Elimina
  7. Dialogo fra due personaggi che inizialmente esprimono i propri punti di vista, poi, però, il secondo personaggio a un certo punto adopera parole pesanti nei confronti del pensiero e della persona del primo personaggio e questo rovina il dialogo e il confronto iniziale.
    Ciao Gus, serena notte.
    sinforosa

    RispondiElimina
  8. La smetti di fare il cretino? Quando cresci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte uno pensa di crescere, ma è solo un'illusione.

      Elimina
    2. Sto vedendo un film di Tornatore.

      Elimina
    3. La migliore offerta? 🤣😂
      Dio perdona coloro che non sanno quello che fanno... Porta in cielo le anime più bisognose della tua misericordia.

      Elimina
    4. Chiara, questa è una storia che non ti riguarda.
      Non parlare di qualcosa che non conosci.

      Elimina
    5. Chiara, non so cosa ti stia accadendo. Io non sono quello che rovista nel tuo cellulare.
      Non rovinare un'amicizia ritrovata.

      Elimina
    6. Si parla di due personaggi. In particolare Riccardo e Sinforosa hanno valutato questo dialogo.

      Elimina
  9. Perché i pseudo cattolici non accettano il confronto? Il secondo personaggio non è in errore anzi dice verità (notare che la v è in minuscolo, quindi chi vuol capire, capisca)
    Tenendo conto che il secondo personaggio sei tu che si fa un autocritica, credo che sia un post di tutto rispetto. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo personaggio è un uomo di spessore. Vede la vita in modo molto soggettivo e se riuscisse a eliminare i giudizi verso comportamenti che non accetta sarebbe perfetto.
      Mi ha dato anche buoni consigli. Non gironzolare per la rete e non pontificare.

      Elimina
  10. Io credo che sei proprio tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, io non so nemmeno di cosa parli.
      Io scrivo post e commenti. Non gioco con il pc

      Elimina
  11. Chiara, io non sono in grado di toglierti le manie di persecuzione nei miei confronti.
    Questo è un post che per scriverlo ho impiegato una riflessione di circa un mese, e tu con le balordaggini lo stai rovinando.
    Mi costringi a cancellare le cose stupide che scrivi e passare alla moderazione.

    RispondiElimina
  12. Che fortuna leggere un tuo post finalmente da me intelleggibile (sarà un difetto mio, del mio essere inequivocabilmente timida intellettualmente. Forse.)
    Pavese si tolse la vita poiché non riusciva più a trovare un supporto in ciò che lo portava a continuare a vivere: ognuno di noi cerca una "casa" e lui l'aveva trovata nella scrittura. Una volta che gli venne meno, non aveva più ragione di continuare. Così lessi da qualche parte - chiaramente in altri termini, ti riporto ciò che ho estrapolato dal discorso.
    Sul fatto che molte persone (perlopiù immature) accusino i suicidi d'essere "egoisti" o li giudichino "deboli" posso solo concordare con te, e ti cito il celebre caso della foto "Falling Man", emblematico perché riassume la condizione del suicida: si preferisce la morte a qualcosa di molto peggio (una vita di eterno dolore).
    Sul rendersi antipatici o sgraditi in ogni angolo del web, dato che mi riguarda perché mi ci immedesimo, aggiungo che certi commenti sono solo disperati, e tristi (nel senso di "intrisi di tristezza") tentativi di sentirsi meno soli, meno odiati, meno accerchiati. Di "tappare i buchi" che si hanno creati per irrazionale volontà di ferire. Ma il ferire ha sempre un significato, se è aggratis, ed è "stammi lontano poiché ho paura di te, ho paura (diciamo) di non essere più triste, o addirittura di essere felice".
    Gradimenti per il post, e buona nottata.

    P.S. A parte tutto, mi sento sinceramente dispiaciuta, e ti ho pensato spesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ti penso, non spesso, ma tutti i giorni.

      Elimina
    2. Spero di non dovermene inquietare o preoccupare. :)
      Buona giornata

      Elimina
  13. E ancora: qualora tu non fossi cattolico (come ti avevo "accusato") avresti abbastanza più stima da parte mia, ma comunque sia, io sono più per il "se ti colpiscono la guancia, riempigli di lividi l'altra" perché a questo mondo essere buoni e perdonare pedissequamente equivale ad essere fessi e a farsi mettere i piedi in testa pure dalle bestie delle fiere. (Mi pare fosse San Francesco).

    Ti prego di non interpretare questa mia "apparizione" nel tuo blog come un tentativo di farti il piedino, sono passata per rimembranza e non per ri-creare un legame blogosfero di qualunque tipo.

    Riauguro un buona nottata.

    RispondiElimina
  14. Da parte mia non c'è niente da ricreare perché nulla si è rotto.

    RispondiElimina
  15. Considerato che siamo in tema la cattiveria gratuita è un problema che ognuno di noi ha affrontato più volte nella vita: le vibrazioni negative che ci arrivano quasi sempre di sentono... arrivano da persone rabbiose e frustrate con cui, purtroppo, abbiamo a che fare ogni giorno, ci rimangono addosso e ci contagiano come un virus, rendendoci a nostra volta stressati e negativi. Queste persone la "raccontano" ma" sono piene di invidia, gelosia e livore nei confronti del prossimo.
    E fanno stare davvero male.
    Buon giorno Gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qui? Niente par condicio??
      Ciao.

      Elimina
    2. Sei una brutta persona gus
      Ti hanno pagato bene?
      Ottimo è tutto ciò che conta per te.

      Elimina
    3. Se non credi a quello che dico, perché vieni a scrivere qui?
      Poi ti ho detto che questo è un post molto importante per me e parlare di cellulari è fuori luogo.
      Appunto. Attendo la risposta al mio commento delle 9.54...perfettamente in tema

      Elimina
  16. Nulla da dire?
    Grazie gus.

    RispondiElimina
  17. Ti rendi conto che non posso mettere una foto su whatsapp che mi entra immediatamente Wi-Fi con rete Vodafone? E continuamente, sempre la devo disinserire? Non lo trovi strano? Ovviamente anche nel mio p.c metto il nastro adesivo nero sopra alla webcam. È giusto vivere così? Perché gus? Prova a spiegarmi il perché.

    RispondiElimina
  18. Ok Mi rispondi se cambio nick?
    Ciao.
    Ps mi giuri che tu non c'entri nulla? Il mio bene è immutato. Lo sai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, ti rispondo con qualsiasi nick tu scelga.
      Nelle impostazioni del "coso" che hai potrebbe esserci un aggancio, anche a pagamento, del wi-fi Vodafone. Ti ho detto che scrivo post e commenti e non gioco con gli account degli altri.

      Elimina
    2. Coso? Sarebbe il mio cellulare? Credimi con qualsiasi telefonino sarebbe la stessa cosa. Dovresti saperlo.

      Elimina
  19. No. Io non pago e non voglio nulla

    RispondiElimina
  20. Hai un iPad o smartphone?

    RispondiElimina
  21. Fai pure come se non lo sapessi.
    Diverti gus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non credi a quello che dico, perché vieni a scrivere qui?
      Poi ti ho detto che questo è un post molto importante per me e parlare di cellulari è fuori luogo.

      Elimina
    2. Ma perché ti voglio bene e mi fai...tenerezza. Per non dire altro

      Elimina
  22. ... Letteralmente schiacciato dal potere del dio denaro.
    Caro, carissimo gus 😘🤗...
    Ps ora vado nei boschi, se vuoi approfittare ...🙂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove sta il tuo tesoro, lì si trova il tuo amore. Significa che se ami i soldi il tuo amore non può essere riversato a Dio.
      Sono parole di Cristo, quindi per me decisive.
      Io schiaccio il denaro e non con il pensiero, ma con i fatti.
      Tu, stupidamente, hai detto tantissime volte che io guadagno con il blog. E' una menzogna vergognosa, una calunnia che non hai nemmeno provato.
      Ti auguro aulenti fragranze di bosco.

      Elimina
    2. Mt 6,19-23
      Dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.
      In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore. La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

      Elimina
    3. Perchè guardi
      la pagliuzza
      che è nell'occhio
      del tuo fratello
      e non ti accorgi
      della trave che è
      nel tuo occhio?"
      (Luca 6,41)

      Elimina
  23. Infatti sei proprio tutto nero. Dentro e fuori.
    Io no. E lo sai.

    RispondiElimina
  24. Pure l'occhio. Altro che Delon.
    Buon giorno.

    RispondiElimina
  25. Ciao ragazzi, se hai bisogno di assumere un vero hacker per monitorare / hackerare il telefono del tuo partner da remoto, scambiare e raddoppiare i tuoi soldi in giorni / settimane o hackerare qualsiasi database, il tutto con riservatezza garantita, contatta easybinarysolutions@gmail.com o whatsapp: +1 3478577580, sono efficienti e riservati.

    RispondiElimina