lunedì 16 settembre 2019

Tarquinia, capitale etrusca







La civiltà etrusca fu inizialmente identificata nel 700 A.C. quando furono scoperte iscrizioni in ceramiche nell'Etruria meridionale. La donna era famosa nell'antichità. Lei era nota per il suo look bello, affascinante ed un comportamento intrigante. Figurine in bronzo raffigurano che la donna era di status uguale all'uomo.
Durante il periodo villanoviano le donne si occupavano della casa. Il cucinare è stato fatto al fuoco su mercanzie di impasti come "argilla non purificata." Questi utensili sono stati costruiti dalle donne stesse. La donna era responsabile di fornire alla sua famiglia  cibo, acqua e stoviglie. (Haynes, 21).
Le cerimonie di sepoltura erano simili per il maschio e la femmina, tranne nei casi di un guerriero o di una donna che apparteneva a una famiglia benestante. Le donne etrusche non erano conosciute solo per la loro maestria e bellezza, ma per la quantità di libertà di cui godevano.
Plauto sostiene che le fanciulle etrusche avevano l’abitudine a prostituirsi per procurarsi la dote. Sono sicuramente giudizi distorti di chi non riusciva a comprendere un comportamento diverso da quello di cui era abituato. La realtà, come sempre, è molto meno romanzata e sicuramente la morale greca aveva l’unico scopo di non mettere in crisi il proprio rigido ordinamento sociale. Ovviamente Teopompo deve essere stato il precursore del gossip, tanto che fin dall’antichità veniva ritenuto la lingua più velenosa della letteratura greca e soprannominato “maledicentissimus”
Gli etruschi sono un popolo misterioso. Le notizie sulla loro provenienza sono piuttosto vaghe. Secondo Erodito sono sbarcati sulle coste toscane nel XIII A.C.dall'Asia Minore, loro patria.
Le loro principali città sono Arezzo, Chiusi, Tarquinia e Volterra. Erano governati da un Re con l'aiuto del Senato, che rappresentava le famiglie ricche. La società era divisa in due classi: Padroni e schiavi. Agli etruschi vengono attribuite alcune invenzioni: i dadi e la palla, l'arco in edilizia.
Gli dei degli etruschi sono più o meno gli stessi dei greci e dei romani. Tinia è Giove, Uni è Giunone, Mnerva è Minerva.
Tornando alla donna Maurice Bardèce afferma che indossavano i corpetti alla Maria Stuarda, le crinoline tipo imperatrice Eugenia, i turbanti, i cappellini a forma conica e i gioielli erano sontuosi ed enormi. La donna etrusca ama i colori vivi, i ricami e i tessuti leggeri. Calza sandali graziosi. E' affascinante, decisa e qualche volta ardita.

50 commenti:

  1. Possible ricerca correlata: abbigliamento etruschi

    RispondiElimina
  2. Dovrei parlare anche della donna romana.
    Oggi va bene così.

    RispondiElimina
  3. La storia dell' antichità è una mia passione.

    RispondiElimina
  4. Mi piace conoscere la donna nei vari periodi della storia, e la loro cultura, e il loro modo di agghindarsi.

    RispondiElimina
  5. Gli archeologi hanno scoperto che le donne etrusche inventano molte mode e molti abiti che si impongono nei secoli. Hanno la chioma bionda perché se la tingono. Fanno il maquillage usando la malachite per gli occhi, il minio è il loro rossetto.

    RispondiElimina
  6. Ricordo i aver letto, tempo fa, un bel libro sugli Etruschi, scritto da Mario Torelli e pubblicato da Laterza. E' un popolo, quello etrusco, che ancora oggi ci affascina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto la "Storia d'Italia a fumetti" di Enzo Biagi.

      Elimina
  7. Della civiltà etrusca so molto poco per cui ti ringrazio per queste chiarificazioni :)
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Ciao Sara, ma tu sei una sabina😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino al midollo, anche se ora mi son trapiantata altrove :D

      Elimina
    2. La divinità principale dei sabini era la dea Vacuna, identificata come la divinità della natura. Quindi ci siamo.

      Elimina
    3. Vacuna era venerata, prima dai Sabini poi dai Romani, come patrona del riposo dopo i lavori della campagna. Divinità di ampio utilizzo, ma soprattutto riconosciuta e invocata per la fertilità, legata alle fonti, alla caccia, e al riposo, la radice del suo nome è ancor oggi largamente utilizzato, facile è riconoscerla in tutto ciò che induce al riposo e alla contemplazione: Vacare; Vacante; Vacanze; Vacuare; Vacuo; Vagabondare....quindi.

      Elimina
    4. Simpatica questa Vacuna.

      Elimina
  9. È una cultura che affascina, quella etrusca, e questo spaccato che ci hai offerto non solo è molto bello ma stuzzica la voglia di conoscere ancora di più. Grazie Gus :)
    sinforosa

    RispondiElimina
  10. Molto interessanti queste Etrusche! Grazie Gus e buona settimana 😊

    RispondiElimina
  11. Pensa che ancora oggi le tuniche colorate, che indossavano le donne etrusche, ispirano molte delle collezioni create dagli stilisti contemporanei!!
    buona settimana

    RispondiElimina
  12. Si ardite... In realtà, una volta strappata la maschera orientalizzante che li travestiva, (gli Etruschi) sono gli Italici di ieri e di oggi che ci appaiono in una impressione di allucinante consanguineità.» 🙂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trasmissione del DNA.
      Buona notte Chiara👍

      Elimina
    2. Non solo. Vecchie abitudini non cambiano. 😚

      Elimina
  13. Colte ed emancipate, la donne etrusche amavano curare il proprio aspetto. Le armi della seduzione femminile erano unguenti, profumi, matite per gli occhi. Come per le contemporanee donne greche, gli ombretti erano polveri colorate o sostanze grasse cui venivano aggiunti coloranti minerali o vegetali. Sembra che i colori più ricercati fossero il rosa cenere di petali di rosa e il giallo zafferano. Il rosso acceso sulle labbra della danzatrice della Tomba dei Giocolieri di Tarquinia si otteneva con la terra detta "milton". Molto usata era la polvere di malachite per il trucco degli occhi, distribuita senza parsimonia sulle palpebre, per dar loro un bel verde intenso e rendere lo sguardo intrigante.
    Wow ☺️
    Notte

    RispondiElimina
  14. ? 🙂 Che è?? Un segno etrusco? O il Calimero quasi tutto nero? 😀
    Sei mattiniero stamattina? 😂🤣

    RispondiElimina
  15. Io sono sempre mattiniero, ma per passeggiare sulla riva del mare, anche se qualche volta scrivo. Non sono segni etruschi. Si tratta di un programma dedicato aperto da poco da Windows 10.

    RispondiElimina
  16. Ho controllato.. 🙄 La "faccina" é l'icona del programma? L'altra somiglia a questa 🤯
    😂🤣 Comprendi? Se vuoi te la linko

    RispondiElimina
  17. ☯ Questa l'hai messa tu? Altro che pace. Invidia senza limiti. :)

    RispondiElimina
  18. Gus, certo che anche se non lavori troppo le visualizzazioni non sono male. Giuseppi ha fatto di meglio dice Trump. Hai visto che rivoluzione? Vi aspettiamo in umbria
    Giuseppi... Mi diverte.

    RispondiElimina
  19. Ma gus... Mi sto preoccupando seriamente dei picchi delle tue visualizzazioni.
    Maddai, non è educativo per i giovani d'oggi. 🙄 Poi ditemi che sono razzista.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Visualizzazioni di pagine: oggi
      31👱‍♀️

      Elimina
  20. Ma erano solo le 11.09...🙄
    Guardo i picchi. 😘😚

    RispondiElimina
  21. Sempre
    1208626

    Oggi
    42

    Ieri
    491

    Questo mese
    4699

    Il mese scorso
    10.116

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow ... Quante visite!!! 🍀
      Meno si merita più si ha.
      Che mondo ingrato...CRIBBIO! 🤯
      B. Notte 🤗
      🙏

      Elimina
    2. Tre post a settembre e 4699 visite (pensi di arrivare a sei entro fine mese?)
      Sei post in agosto con 10.116 visite... 🙂
      E poi ci sono dei bravissimi delinquenti professionisti pure nel web. Lo sapevi gus? ☹️

      Elimina
  22. Il maledicentissimus oggi impallidirebbe al confronto con i tanti pensatori di Facebook e twitter! :)

    RispondiElimina
  23. Evvai!!! pareggio atletico al novantesimo. Ma non mi dire gus. 🙃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Juve è inaffidabile sulle palle inattive. Ero sicuro che alWanda non si può vincere👳‍♂️

      Elimina
    2. dice:
      uomo con il turbante.
      Chiedere a Microsoft.

      Elimina
  24. Buongiorno Gus. La mia passione è sempre stata la lingua con cui i popoli comunicavano tra loro.
    La glottologia mi ha sempre affascinato.
    peccato che la lingua degli Etruschi non sia stata ancora decifrata, non essendo stati trovati documenti abbastanza lunghi che contenessero un numero congruo di parole per i dovuti approfondimenti.
    Abbiamo solo le iscrizioni sulle e nelle tombe che fanno riferimento alla carica ricoperta, a qualche Dio, alla famiglia di cui faceva parte il defunto.Troppo poco per conoscere le origini di questo affascinante popolo che influì tanto sulla cultura romana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciai Antonietta.
      La passione per la glottologia ci accomuna.

      Elimina
  25. Non commento. Troppo difficile. Ti abbraccio. Bacio.

    RispondiElimina