martedì 22 agosto 2017

Suggerimenti per chi insegna






Se qualche insegnante invece di snocciolare date, conquiste e battaglie dell'impero romano pensasse a raccontare ai discenti come vivevano le donne e i maschi romani, come vestivano, i negozi, i giochi e l'uso del tempo libero, forse
qualche ragazzo potrebbe confrontare due realtà diverse: quella di ieri e quella di oggi. Incuriosirsi e cominciare a leggere qualche pagina del libro di storia.
Solo la curiosità riesce a trovare la bellezza nei luoghi più nascosti.
L'insegnante, ruolo ormai surclassato da altri modelli, sicuramente è una delle figure fondamentali di ogni bambino/ragazzo. Quella figura portante, con la quale tu condividi ore seduto dietro a un banchetto con la possibilità di seguire, ascoltare o fuggire e pensare ad altro con la mente. 
Ho avuti molti docenti, ma alcuni di questi resteranno dentro di me per il modo di aver catturato la mia attenzione. Uno dei miei sogni sarebbe proprio questo: riuscire con tutto me stesso attrarre l'attenzione di un bambino/ragazzo e come la principessa Shahrazàd, tener desta la loro curiosità al punto di muoverli a cercar oltre.
Secondo me il problema della scuola oggi è che da un lato ci sono sistemi ammuffiti che non creano appunto interesse, ma dall'altro c'è chi cerca di ovviare con insegnamenti "alternativi" dimenticandosi di quelli di base. In parole povere è inutile insegnare ad usare un pc se prima non si insegna la grammatica italiana!
Lamentarsi è una forma insana di innalzare la pila di problemi. I prof lamentano uno stipendio inadeguato alle responsabilità...che non osano quindi assumersi. Non credo che un aumento di stipendio guarisca il loro assenteismo. La fermezza costruttiva e il cuore spugnoso che elargisce sapere non appartiene loro...ma a chi appartiene ormai?! Che tristezza.
Bisogna risvegliare un interesse per la bellezza che sta dentro le cose che si insegnano.
Bisogna accendere il desiderio.
C'è in giro troppa rassegnazione, la cinica convinzione che non vale la pena impegnarsi, che è meglio adattarsi a fare gli impiegati della pubblica istruzione.
Invece questa è la sfida più interessante con cui il docente si possa misurare. Se ai ragazzi viene proposto qualcosa di alto e se li si accompagna nella scalata, loro ce la mettono tutta per arrivare alla vetta.


31 commenti:

  1. Migliore ipotesi per questa immagine: donna nell antica Roma.

    RispondiElimina
  2. Sacrosante parole. Se non accendi la curiosità nell' alunno, l'alunno non impara, nel vero senso della parola. Ma si accende quella curiosità solo se c' è passione da parte dell' insegnante e questo non è subordinato allo stipendio bensì all'amore che si ha per il proprio mestiere.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è la curiosità che trascina lo studente ad ascoltare.
      Grazie Sinforosa.
      Ciao.

      Elimina
  3. Risposte
    1. E' difficile coinvolgere lo studente.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
    2. All'università più di un professore ci é riuscito. Al liceo é stato in fenomeno raro

      Elimina
    3. Io l'Università l'ho fatta nella città del terremoto (Ancona). Mi tagliavo la barba e lo specchio oscillava.
      Mai ascoltata una lezione universitaria ( lavoravo ). I parrucconi erano bravissimi. Quello di matematica lo chiamavano "Biscottino". Nell'esame mi ha fatto qualche domanda e logicamente non ricordavo niente, allora lui mi disse: "Figliolo, cosa vuoi?" "Prof, non meno di 18 e tolgo il disturbo".
      Ciao Pippa.

      Elimina
  4. Vero August, ma il cuore s'incendia di desiderio se dentro hai almeno qualche scintilla, se dentro hai la voglia di trasmettere oltre a Nozioni, anche la vita!.
    Grazie August, pomeriggio sereno!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Dani.
      Non si può fare a meno della "Scintilla".
      Ciao.

      Elimina
  5. ogni persona può insegnare....oh certo chi è qualificato per esserlo a degli obblighi come tu hai ben descritto. io invio la mia gratitudine ai miei maestri d'un tempo per aver risvegliato in me la gioia del sapere e la curiosità di essere ancora desiderosa di conoscere le varie risposte ai tanti perchè dell'oggi. la mia gratitudine di questi tempi moderni va a Daniela che appassionatamente e pazientemente mi ha insegnato ad usare il computer....Grazie Dani pubblicamente grazie!
    La gratitudine è la memoria del cuore,
    Buonpomeriggio Gus bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi insegna deve farlo per amore e non come sbocco occupazionale. Purtroppo il dio Denaro è il padrone del mondo.
      Bacio Lucia.

      Elimina
    2. @Lucia
      Come è stato insegnato a me, il l'ho fatto con te, avevi molto entusiasmo nell'imparare,e' stato un bel periodo!
      Grazie
      Dani
      Ps. grazie August, dell'opportunità di rispondere a Lucia.
      Buona giornata a tutti!

      Elimina
    3. Grazie Dani.
      Non c'è più il caldo del deserto.
      Ciao.

      Elimina
    4. August, c'è la brezza?
      Si, sono sicura!
      Grazie.
      Dani

      Elimina
    5. METEO / ecco perché arriverà nuovamente caldo con POLIFEMO
      Vi spieghiamo perchè arriverà così tanto caldo
      Come abbiamo iniziato ad informare i nostri appassionati lettori, verso la fine del mese, ossia dal 26 agosto, una nuova ondata di caldo africano interesserà l'Italia, almeno per 5 giorni. Essa sarà causata dall'anticiclone Polifemo. Perché?
      FALLA IBERICA - Il primo motivo che favorirà l'arrivo di aria calda dal Sahara è una bassa pressione che dall'Atlantico settentrionale scenderà di latitudine, puntando la Penisola iberica. La terminologia meteorologica vuole che tale centro depressionario venga chiamato "falla iberica".
      ANTICICLONE AFRICANO - La presenza della "falla iberica" richiama dal deserto africano l'anticiclone sub-tropicale. A seconda dell'intensità di calore noi (iLMeteo.it, ndr) gli diamo il nome più adatto, e dato che dare i nomi alle figure atmosferiche non è vietato da alcuna legge italiana e tanto meno europea, ecco che nascono i Caronte, Hannibal, Lucifero... ed ora Polifemo.
      IL CALDO DI POLIFEMO - L'ondata di calore di Polifemo sarà meno intensa rispetto a quella di Lucifero, in primis perchè siamo a fine mese, il sole compie nel cielo un arco sempre più basso per cui tramonta prima, e quindi i suoi raggi caldi smettono prima di scaldare la terra. Però per essere la fine di Agosto il caldo sarà anomalo e misurerà valori da record in alcune città (Ferrara ad esempio toccherà 38° il 27 del mese, ndr).
      QUANTO DURERA'? - Per ora non è dato di sapere la durata del caldo, i modelli internazionali lo fanno continuare almeno fino ai primi di Settembre... sarà così? Ricordiamo che nel 2003 la falla Iberica è rimasta in loco per quasi 4 mesi!

      Difficile uscire da deserto. Ormai siamo in questa area climatico. L'anticiclone delle Azzorre frantumato per l'effetto serra.

      Ciao Dani.

      Elimina
  6. e che altro posso dire , condiviso al mille per mille..
    Io prima di essere corrispondente ho insegnato 4 anni inglese , e guardandomi intorno vedevo proprio questo" menefreghismo" latente che accompagnava i miei colleghi...Morale: mi sono fermata.
    Se non si ha nulla da dare , si rinuncia non c'è alcuna possibilità. La tecnologia aiuta , ma non fornisce interessi se non si ha la strada giusta per cercarli.
    Bacione Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bacione è un interesse :)
      Ciao Nella.

      Elimina
    2. Che bello il discorso di Nella.
      C'è troppa presunzione Gus. Ciò che ho imparato è grazie ai pochi insegnanti che hanno acceso in me una scintilla che si è trasformata in fiamma.
      Prima erano pochi ora forse c'è bisogno di un lanternino.
      Buona serata, ciao.

      Elimina
    3. Tu stessa dici che gli insegnanti che accendono la scintilla sono pochi.
      Ciao.

      Elimina
  7. Mi permetto di lanciare una spada a favore degli insegnanti. Il disinteresse dei ragazzi per la storia non è completamente dovuto all'incapacità di insegnamento dei maestri, bensì anche alla società di oggi che non crea granchè di stimoli. Faccio degli esempi. Invece di regalare ai propri figli uno smarphone che li rincoglionisce, non sarebbe più giusto un libro di storia, ce ne sono parecchi nelle librerie. Oppure portarli direttamente in una libreria o meglio ancora in una biblioteca, dove possono scegliere loro stessi?
    Un altro esempio: creare come abbiamo fatto io ed altri amici nel mio dolce paese langarolo un bar-libreria dove i ragazzi possono incontrarsi e discutere di attualità passando per la storia?
    Questi sono due esempi che mi vengono in mente ma che dimostrano che la colpa degli insegnanti è solo al 50%, l'altro 50% è del cittadino, genitori compresi.
    Il fatto poi di lavorare senza professionalità non è un handicap solo dell'ambiente educativo ma anche di tutta la PA italiana, sanità compresa.
    Non colpevolizziamo solo una categoria bemsì la maggioranza dei lavoratori italiani. Che io comunque giustifico perche se è vero che il buon esempio viene dall'alto, i nostri politici non ne danno granchè. Mi permetto ancora di puntualizzare che io non ero un insegnante e non lavoravo nella PA ma in proprio. Ciao ciao, torno dove ho commentato finora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo nel bar-libreria staimo leggendo Bauman, la società dell'incertezza. Che ne dici? interessante non credi? Riciao

      Elimina
    2. Non è mia abitudine colpevolizzare. Cerco solo di fotografare un aspetto della realtà.
      Sarebbe bello vedere ragazzi che tra un libro di storia e lo smartphone scelgano il primo.
      Resta con noi Farfalla.

      Elimina
    3. Zygmunt Bauman, ormai, dice sempre le stesse cose.
      Ciao Farfalla.

      Elimina
    4. ◕‿◕ ٩(♡ε♡ )۶

      Elimina


  8. Gus O.
    +1
    +Francesco Grieco
    Grazie
    Ciao.


    22 h

    Gus O.
    +1
    +Patty pa
    Grazie.
    Ciao.

    22 h

    Gus O.

    +Luisa tebano
    Grazie
    Ciao.

    21 h

    Gus O.

    +Vincenzo Langella
    Ciao.

    21 h

    Farfalla Leggera

    Personalmente sono invece convinta che un vero insegnante dovrebbe fare entrambi le cose: nocciolare date, conquiste e battaglie dell'impero romano e raccontare ai discenti come vivevano le donne e i maschi romani, come vestivano, i negozi, i giochi e l'uso del tempo libero...Se ricordo bene ci fu Indro Montanelli con un altro autore di cui non ricordo il nome che scrisse una raccolta di libri di storia unendo queste due aspetti. Riicordo invece perfettamente che si intitolava "Storia d'Italia". Ciao

    20 h

    Gus O.
    +1
    +Farfalla Leggera
    Certo, la storia non si può nascondere.
    "Il Messaggero" pubblicò a inserti settimanali
    "La storia d'Italia a Fumetti" di Enzo Biagi.
    Ho rilegato tutto è ho un libri piacevole.
    Ciao Farfalla.

    17 h

    Gus O.
    +1
    +Mario Guglielmino
    Ciao.

    17 h

    Farfalla Leggera

    +Gus O. Io parlavo di questa, io la lessi a volumi prendendoli in biblio...erano volumetti azzurri molto ben fatti. Enzo Biagi, grande giornalista. Buona serata a te
    https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_d%27Italia_(Montanelli)

    17 h

    Gus O.

    +Farfalla Leggera
    La Storia d'Italia a fumetti di Enzo Biagi è un progetto nato alla fine degli anni settanta, con il fine di raccontare la storia utilizzando il fumetto come mezzo di comunicazione.
    Lo scrittore e giornalista italiano Enzo Biagi si prometteva di narrare, in maniera didattica, la storia del Bel paese ("Dalla caduta dell'Impero Romano ai giorni nostri", come affermano i sottotitoli delle edizioni più recenti, risalenti al 2004), usufruendo del contributo dei maggiori fumettisti ed illustratori italiani (artisti come Milo Manara, Marco Rostagno, Carlo Ambrosini, Alarico Gattia, Aldo Capitanio, Paolo Ongaro e Paolo Piffarerio).
    L'opera, inizialmente pubblicata in volumi, ottenne quasi subito un forte successo di pubblico (Wiki).
    Ciao.

    17 h

    Gus O.
    +1
    +Nella Crosiglia
    Grazie.
    Ciao.

    15 h

    Farfalla Leggera

    Leggo che eri scarso in matematica... allora siamo in due! ;-) ihihihih

    14 h

    Gus O.

    +Nella Crosiglia
    Grazie.

    5 s

    Gus O.

    +Fabio Grassi
    Ciao.


    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farfalla, Montanelli scrisse parte della storia insieme a Roberto Gervaso. vi sono pezzi interessanti, ma anche scorrevoli e gradevoli.
      Cominciò con la Storia dei greci, Poi Dei Romani, poi L'italia dei secoli bui, L'italia dei comuni, L'italia della controriforma... etc etc sono una quindicina di volumi.

      Elimina
    2. Ciao Gingi, ecco chi era l'altro Roberto Gervaso! E credo che fossero più di 15 perchè erano compresi anche ritratti di personaggi storici. L'addetto della biblio me ne dava 3 per volta e ricordo che lessi per parecchio tempo ma erano davvero appassionanti. Grazie bella per avermi ricordato l'altro autore... Abbraccio

      Elimina
    3. Carissima, in effetti fra gli scritti di Montanelli vi sono anche volumi dedicati a interviste e personaggi, con Marco Nozza scrisse "Garibaldi".
      Inoltre i volumi dedicati alle sue interviste e a studi di biografie al di fuori dekla storia sono :
      Gli incontri" due volumi, Gente Qualunque, Istantanee, e "i Libelli". Sono così precisa perchè quasi tutta la sua produzione uscì negli anni in cui io abitavo a Catania, e sotto casa avevo la storica libreria "Bonaccorsi"... presso la quale feci molti danni. Ma che ora sono la mia salvezza e la mia compagnia.
      Abbraccio a te

      Elimina
    4. Ciao bella, grandi giornalisti e personaggi: Montanelli, Biagi e Gervaso che hanno fatto scuola. Spero che ne escano altri che abbiano il loro livello anche se ho letto in giro che anche lì nel loro campo c'è parecchio clientelismo che impedisce ai meritevoli di emergere. Ah quest'Italia che soffoca la meritocrazia... Baciobacio a te e un abbraccio a chi pazientemente ci ospita dandoci la possibilità di dialogare. Anna

      Elimina
  9. Per quanto riguarda, scuola, cultura società insegnamenti e libri, io mi astengo dal commentare, le mie parole ed i miei concetti sarebbero talmente duri che sarei invisa a me stessa.

    RispondiElimina