mercoledì 9 novembre 2016

Secondo Pavese il sacrificio è una cosa bestiale

 
 
 
 
 
 
La parola sacrificio è incominciata, storicamente, a diventare una grande parola, da quando Dio è diventato un uomo. E' nato da una giovane donna, era stato piccolo, camminava con passetti piccoli, poi ha cominciato a parlare, e poi incominciava ad aiutare suo papà che faceva il carpentiere, poi è diventato più grande e ha incominciato ad andare via di casa senza che sua madre capisse perché.
 Da quando Dio si è fatto uomo, e poi, dopo, ha incominciato a parlare al popolo, e il popolo sembrava che gli andasse dietro quando compiva dei gesti strani ( o miracoli), ma il giorno dopo aveva dimenticato.
 Lui era là da solo, e perciò si ingrossava il numero di quelli che erano contro di Lui, finché, insomma, lo hanno preso e ammazzato, inchiodato a una croce, e ha gridato: " Padre, perché mi hai abbandonato?". E' il grido di disperazione più umano che si sia mai sentito nell'aria della terra, e poi ha detto: "Perdona loro perché non sanno quello che fanno", e poi ha gridato: " Nelle tua mani raccomando la mia vita". Da quel momento lì, da quando quell'uomo è stato messo stirato sulla croce e inchiodato, il sacrificio è diventato il centro della vita di ogni uomo, e il destino di ogni uomo dipende da quella morte.


38 commenti:

  1. ... e soprattutto dalla sua risurrezione.
    Ciao e buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza Morte non può esistere Risurrezione.
      Ciao Rosa.

      Elimina
  2. I soliti errori teologici.
    Vabbè, mi piace lo stesso. Dopotutto se non s'incontra il VERO UOMO come si può PRE-TENDEre di inCONTRAre il VERO DIO?

    RispondiElimina
  3. Ciao Gus, come sempre dico la mia...
    A parte che solo Gesù ha fatto il vero sacrificio, perché, secondo me l'ha fatto per tutti i credenti.
    Per me invece, la parola "sacrificio" e' un po' troppo abusata...nel senso, e mi spiego,
    "....tu non sai che sacrifici ho fatto per i miei figli..."
    "... Che sacrificio, faccio ad andare avanti e indietro a lavorare..."
    "...e' un sacrificio badare ai miei genitori che sono anziani e malati..."
    Ecco alcuni esempi e ne potrei dire altri, ma, scusa, secondo me, se AMI una persona che sacrificio e' badarla, aiutarla, e fare certe cose che ti possano portare un po' di "sacrificio"? Non lo concepisco.
    Certamente sbaglio, ma dico quello che penso, l'unico e' lui che si e' sacrificato.
    Un abbraccio Gus.

    RispondiElimina
  4. Il sacrificio è caricarsi la croce nel nome di Cristo per il bene di un altro.
    "se AMI una persona che sacrificio e' badarla, aiutarla, e fare certe cose che ti possano portare un po' di "sacrificio?"
    E' una frase magnifica. Tu non sai quante persone anziane finiscono in quale ghetto perché un figlio non ha la forza di fare certe cose che per te costituiscono un po' di sacrificio.
    Un abbraccio Fiorella.

    RispondiElimina
  5. Il sacrificio salvifico.Con la sua morte ci ha giustificati,e con la sua Risurrezione ha vinto la morte. Questo è il centro della vita di ogni cristiano.
    Grazie August, serena notte.
    Dani

    RispondiElimina
  6. Caricarsi sulle spalle i peccati dell'uomo dall'inizio alla fine è Amore.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  7. La vita è un perenne sacrificio.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me il sacrificio è uno che per salvare un altro dà la sua vita. Il sacrificio per me non è compiere il proprio dovere verso parenti, amici, e prossimo in genere

      Elimina
  8. Affidarsi, seguirLo, accettarne la legge.
    Può sembrare sacrificio, ma è per la gioia.
    Nella nostra vita il sacrificio è la condizione per diventare maturi, grandi. La nostra coscienza diverrà più profonda, il Consolatore ci verrà dato per la nostra salvezza e ha un nome: Cristo.
    Bacio e buonaserata mio caro amico. e...grazie

    RispondiElimina
  9. Il commento di Simo è più che corretto, corretto e sintetico. Pavese non aveva torto
    Ciao Gus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sacrificio fine a se stesso e non per amore verso Cristo e il prossimo è veramente bestiale.
      Per esempio uno che ha una malattia grave, l'accetta e la dona come una croce per la salvezza degli altri, imitando Cristo, compie un sacrificio, mentre Chi si dispera perché non può gioire delle cose del mondo, è il ritratto della sofferenza fine a se stessa, arida fino a trasformarsi in cattiveria.

      Elimina
    2. Infatti Pavese non era credente e il titolo del tuo post è azzeccato.

      Elimina
    3. Quell'uomo che si faceva figlio di dio è venuto a morire peggio di come può morire una bestia.
      Se non capite questo per riconoscerlo VERO DIO ... all'ora Pavese vi passa avanti.

      Elimina
    4. Pavese ha scritto che il sacrificio era bestiale ma si riferiva a se stesso e per questo si è ammazzato.
      In fondo Pavese si è sempre sentito in esilio, esule “dalla vita, dal sesso, dalla donna, dall’amore” (Fabrizio Bandini). Con il tempo la sessualità diventa il perno della vita, ma vissuta come mutilazione. In molti hanno trovato una spiegazione psicanalitica:  L’infanzia di Pavese, dopo la scomparsa del padre, è sicuramente segnata dalla presenza dominante della madre, donna rigida e severa (A. Guiducci).
      !0 bustine di sonnifero e lascia una lettera dove si legge che perdona tutti e chiede perdono a tutti.

      Elimina
    5. Anche la morte dell'amico Giuda non è da meno.

      Elimina
    6. Ha peccato contro lo Spirito Santo dubitando della Misericordia di Dio.

      Elimina
    7. Stai zitto che è meglio!
      Pensa al tuo dubbio.

      Elimina
    8. Quando Giuda, il traditore, vide che Gesù era stato condannato, ebbe rimorso. Pentitosi, prese le trenta monete d’argento e le riportò ai capi dei sacerdoti e alle altre autorità, e disse: «Ho fatto male, ho tradito un innocente». Ma quelli risposero: «A noi che importa? Sono affari tuoi!». 
      Allora Giuda buttò le monete nel Tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi. I capi dei sacerdoti raccolsero le monete e dissero: «La nostra Legge non permette di mettere questi soldi nel tesoro del Tempio, perché è prezzo di sangue». E, tenuto consiglio, con quei soldi comprarono il Campo del Vasaio per destinarlo al cimitero degli stranieri. Perciò quel campo fu denominato ‘Campo di sangue’ fino al giorno d’oggi. Allora si adempì quanto era stato detto dal profeta Geremia:
       «E presero trenta denari d’argento, prezzo che il popolo d’Israele aveva pagato per lui, e li usarono per comprare il campo del vasaio, come mi aveva ordinato il Signore» . 

      Elimina
    9. Nel Vangelo secondo Matteo si narra (capitolo 27):
      3 Allora Giuda, il traditore, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì e riportò le trenta monete d'argento ai sommi sacerdoti e agli anziani 4 dicendo: «Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente». Ma quelli dissero: «Che ci riguarda? Veditela tu!». 5 Ed egli, gettate le monete d'argento nel tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi. 6 Ma i sommi sacerdoti, raccolto quel denaro, dissero: «Non è lecito metterlo nel tesoro, perché è prezzo di sangue». 7 E tenuto consiglio, comprarono con esso il Campo del vasaio per la sepoltura degli stranieri. 8 Perciò quel campo fu denominato "Campo di sangue" fino al giorno d'oggi. 9 Allora si adempì quanto era stato detto dal profeta Geremia: E presero trenta denari d'argento, il prezzo del venduto, che i figli di Israele avevano mercanteggiato, 10 e li diedero per il campo del vasaio, come mi aveva ordinato il Signore.

      Elimina
    10. Angelo, lo so che su Giuda c'è confusione. Ma la Sposa di Cristo per ora è per il suicidio e non si cura dell contraddizioni dei vangeli canonici e non crede in quelli apocrifi.

      Elimina
    11. Non sai che Luca ha A.T.TINTO da Matteo e Matteo da Marco? Poi Matteo avela la FISSAzione di riPORTARE tutto a QUAnto già scritto nel VECCHIO.

      In quei giorni Pietro si alzò in mezzo ai fratelli (il numero delle persone radunate era circa centoventi) e disse: "Fratelli, era necessario che si adempisse ciò che nella Scrittura fu predetto dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, che fece da guida a quelli che arrestarono Gesù. Egli era stato del nostro numero e aveva avuto in sorte lo stesso nostro ministero. Giuda comprò un pezzo di terra con i proventi del suo delitto e poi precipitando in avanti si squarciò in mezzo e si sparsero fuori tutte le sue viscere. La cosa è divenuta così nota a tutti gli abitanti di Gerusalemme, che quel terreno è stato chiamato nella loro lingua Akeldamà, cioè Campo di sangue. Infatti sta scritto nel libro dei Salmi:
      La sua dimora diventi deserta, e nessuno vi abiti, il suo incarico lo prenda un altro.
      Bisogna dunque che tra coloro che ci furono compagni per tutto il tempo in cui il Signore Gesù ha vissuto in mezzo a noi, incominciando dal battesimo di Giovanni fino al giorno in cui è stato di tra noi assunto in cielo, uno divenga, insieme a noi, testimone della sua risurrezione".
      Ne furono proposti due, Giuseppe detto Barsabba, che era soprannominato Giusto, e Mattia. Allora essi pregarono dicendo: "Tu, Signore, che conosci il cuore di tutti, mostraci quale di questi due hai designato a prendere il posto in questo ministero e apostolato che Giuda ha abbandonato per andarsene al posto da lui scelto". Gettarono quindi le sorti su di loro e la sorte cadde su Mattia, che fu associato agli undici apostoli.
      (Atti 1,15-26).

      Non ti ho eVIDEnziato LA PAROLA nelle parole.

      Elimina
    12. Angelo, la prima virtù della fede è l'obbedienza. I vangeli rappresentano la posizione della Chiesa e per la Chiesa Giuda si è suicidato.

      Elimina
    13. Obbedienza = legge!
      Leggi meglio la BUON ANOTIZIA!
      A chi obbedì Giuda?
      Prima e dopo?

      Elimina
    14. Ci sono considerazioni de diventano un dogma. La Madonna doveva essere necessariamente l'Immacolata Concezione, la fine per suicidio di Giuda era inevitabile.

      Elimina
    15. Anche la fine di un Dio che si fa uomo.
      Quanto mi dai se TELO conSEGNO tra le MANI?

      Elimina
    16. Anche la disubbidienza di Adamo e Eva era prevista. Ma hanno agito in regime di libero arbitrio. La punizione è stata bestiale. Ci sono i posti ma non tutti si siederanno. Lo sai cosa significa pianto e stridore di denti?

      Elimina
    17. Gli APOstoli erano doDICI o SEI?
      La TRAsFIGURAZIONE di Gesù im moSE' eLIA che ci vuole dire?
      La Maddalena è Maria di Betania?

      Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà.

      Non ti ha anCOR fATTO VI-SITA?

      Gli disse Giuda: "Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi e non al mondo?". Gli rispose Gesù: "Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.
      Chi non mi ama non osserva le mie parole; la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
      Queste cose vi ho detto quando ero ancora tra voi. Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v'insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: Vado e tornerò a voi; se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l'ho detto adesso, prima che avvenga, perché quando avverrà, voi crediate. Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il principe del mondo; egli non ha nessun potere su di me, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre e faccio quello che il Padre mi ha comandato. Alzatevi, andiamo via di qui".

      Elimina
    18. "Gli APOstoli erano doDICI o SEI?
      La TRAsFIGURAZIONE di Gesù im moSE' eLIA che ci vuole dire?
      La Maddalena è Maria di Betania?"

      Qual è la tua opinione?

      Elimina
    19. Maria viene inoltre scambiata per l'adultera salvata da Gesù dalla lapidazione (come raccontato nella Pericope Adulterae) in Gv 8:1-11. In questo caso non ci viene tramandato nemmeno il nome della donna e l'identificazione probabilmente avviene solo per analogia con il caso precedente. L'accostamento tra Maria Maddalena e l'adultera redenta risale in realtà al 591, quando il papa Gregorio Magno, basandosi su alcune tradizioni orientali, in un suo sermone identificò le due figure.
      L'identificazione di Maria Maddalena con Maria di Betania o con la peccatrice è stata infine esplicitamente rigettata dalla Chiesa cattolica nel 1969.

      Elimina
    20. all'ORA non TU non lo hai VISTO anCORA coLUI che dovEVA VENIRE?
      "Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà.

      Elimina
  10. Se non si capisce il valore della vita, niente potrà dissuaderlo, che essa è vuota! E' quel passo in più di umiltà, per capire che se non si fa spazio nel proprio cuore, ad "altro". si muore.
    Ciao August, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
  11. Per le persone non raggiunte dalla Grazia ci sarà il dono della Misericordia.
    Abbraccio Dani.

    RispondiElimina
  12. Isaia: "Sono con il calpestato, con l'abbattuto di vento" E mentre pensieri tristi passano attraverso l'Ascolto, riprendo la strada sorridendo. Lo zaino non è leggero, mi segna le spalle, ma la Sua mano mi aiuta e lo solleva per farmi camminare più in fretta, dicendo a noi che ci riconosciamo nelle Sue amate pecorelle, quell'annuncio che riscalda il cuore. "Venite a me voi tutti affaticati e affranti" noi abbattuti di vento, saremo lieti.Buonanotte e Bacio Gus.

    RispondiElimina
  13. Sì, andiamo.
    Buona giornata.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina

la paranoia è un disturbo della personalità