mercoledì 25 marzo 2020

Covid 19






Soli



Ho riflettuto molto in questi giorni cercando di dare un senso, perché un fottuto senso ci dovrà pur essere, a tutta questa assurda situazione che siamo costretti a vivere.
Ho immaginato che il virus potesse parlare e ho immaginato ciò che ci direbbe, attraverso una lettera, se potesse farlo e queste sono le parole che sono riuscito a mettere su un foglio.

Ciao sono Covid-19, molti di voi mi conosceranno più semplicemente come Coronavirus, e sono un virus.
Scusate il poco preavviso ma non mi è dato far sapere quando arriverò, in che forma e forza mi presenterò a voi.

Perché sono qui? Beh diciamo che sono qui perché ero stanco di vedervi regredire anziché evolvervi, ero stanco di vedervi continuamente rovinare con le vostre mani. Ero stanco di come trattate il pianeta, ero stanco di come vi rapportate l’un l’altro, ero stanco dei vostri soprusi, delle vostre violenze, delle guerre, dei vostri conflitti interpersonali, dei vostri pregiudizi, ero stanco della vostra invidia sociale, della vostra avidità, della vostra ipocrisia, del vostro egoismo, ero stanco del poco tempo che dedicate a voi stessi, alle vostre famiglie, ero stanco delle poca attenzione che riservate molto spesso ai vostri figli, ero stanco della vostra superficialità, ero stanco dell’importanza che spesso date alle cose superflue a discapito di quelle essenziali. Ero stanco della vostra ossessiva e affannata ricerca continua del vestito più bello, dell’ultimo modello di smartphone della macchina più bella solo per apparire realizzati. Ero stanco dei vostri tradimenti, ero stanco della vostra disinformazione, ero stanco del poco tempo che dedicate a comunicare tra di voi, ero stanchissimo delle vostre continue lamentele quando non fate nulla per migliorare le vostre vite. Ero stanco di vedervi discutere e litigare per motivi futili, ero stanco delle continue risse tra chi vi governa e delle scelte sbagliate che spesso fa chi vi dovrebbe rappresentare, ero stanco di vedere gente che si insulta e ammazza per una partita di calcio.

Lo so, sarò duro con voi, forse troppo, ma non guardo in faccia a nessuno…sono un virus. La mia azione vi costerà vite ma voglio che capiate una volta per tutte che dovete cambiare rotta...per il vostro bene.

Il messaggio che vi voglio dare è semplice. Ho voluto evidenziare tutti i limiti della società in cui vivete perché possiate eliminarli, ho voluto fermare tutto apposta perché capiate che l’unica cosa importante a cui dovrete indirizzare tutte le vostre energie d’ora in avanti è semplicemente una.. la VITA, la vostra e quella dei vostri figli, e a ciò che è veramente necessario per proteggerla, coccolarla e condividerla. Vi ho voluti il più possibile rinchiusi e isolati nelle vostre case, lontano dai vostri genitori, dai vostri nonni, dai vostri figli o nipoti, perché capiate quanto sia importante un abbraccio, il contatto umano, il dialogo, una stretta di mano, una serata tra amici, una passeggiata in centro, una cena in qualche locale o una corsa al parco all'aria aperta. Da questi gesti dove ripartire tutto.

Siete tutti uguali, non fate distinzioni tra voi. Vi ho dimostrato che le distanze non esistono, ho percorso chilometri e chilometri in pochissimo tempo e senza che voi ve ne siate accorti. Io sono di passaggio ma i sentimenti di vicinanza e collaborazione che ho creato tra di voi in pochissimo tempo dovranno durare in eterno.

Vivete le vostre vite il più semplicemente possibile, camminate piano, respirate profondamente, fate del bene perché il bene vi tornerà sempre indietro con gli interessi, godetevi la natura, fate ciò che vi piace e vi appaga e crearvi le condizioni per non dover dipendere da nulla.

Quando voi festeggerete io me sarò appena andato ma ricordatevi di non cercare di essere persone migliori solo in mia presenza.

Addio
Minni


da



Lettera di un anonimo


































Minnie

63 commenti:

  1. Possible ricerca correlata: Covid-19

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus, non l'ho scritto io quel post è un anonimo. Scrivi ANONIMO. Io l'ho solo copiato come fai tu.

      Elimina
  2. Ciao Minnie, ho letto il post-messaggio all'uomo, che ascolterà cercando di assecondare Covid 19 che chiede un cambiamento.
    Poi, il tempo passa, una generazione si sostituisce alla precedente per fare nuove errori. E' successo dopo la "Spagnola", l'Asiatica" La bomba atomica e Auschwitz.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Hai compreso il commento? Passo per passo intendo. La dice tutta

      La mummia (sai chi è vero?) talvolta ha l'espressione di un ghigno insopportabile che non tollero. Dell'altro solo l'accento innervosisce e non solo a me.
      Sapevano e hanno sottovalutato. Gli interessi valgono più di diecimila persone.
      Ciao.

      Elimina
    3. Gus è tu dove sei? A giocare a tombola dai balconi? Hai capito il mio commento? É in relazione al post.

      Elimina
    4. A tombola? mai, nemmeno a Natale. Non porto esempi di persone che scrivono nella rete. Molti hanno preso le distanze da me. Ma il relazionarsi è soprattutto un fatto di qualità.

      Elimina
    5. L'hanno fatto vedere alla TV, gus.
      ... Di qualità? Questo è tutto da valutare. Già il fatto che nascondi il tuo volto attuale nel tuo blog la dice lunga, forse anche sulle tue frequentazioni. Male non fare paura non avere. Ah, non ricordo il tuo nome e cognome vero, mentre tu sai benissimo il mio. Sono certa che sai pure, esattamente, dove abito. Qui da me c'è sempre qualcuno di nuovo che arriva a controllarmi Informano anche te? La curiosità è una morbosa incuria, direi sciatteria... O, se preferisci, una sciamannata. Vedi tu :)

      Elimina
    6. Quello che vedi è il mio volto.
      Quando ero bambino😀
      E' una questiona caratteriale.
      Google conosce nome e cognome di gus e anche Microsoft.
      Non guardare un volto, ma leggi quello che scrive la persona.

      Elimina
    7. Cioè quello che copia? E perché non potremmo conoscerlo anche noi? È un mistero. 🤔
      Ps hai notato vero quelli che scrivono bene (razzolando male) e che parlano altrettanto che fine ci hanno fatto fare? Pensaci.

      Elimina
  3. Credo anch'io si debba riflettere profondamente su tutte le cose che Covid 19 ricorda nella sua lettera. Mi chiedo quante persone si stiano ponendo problemi e pensando a quel che è stato e quel che dovrebbe essere. Purtroppo penso che, come al solito, saranno ben pochi a cogliere la lezione della storia. Un caro saluto a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna insegnare, partendo dalle Scuole, il rispetto. Sia delle persone, che dell'ambiente.

      Elimina
    2. Condivido Voltaire, ma forse per qualcuno questa pandemia farà riflettere molto. Di ottusi e stolti ce ne sono troppi in Italia.
      E per quei pochi meglio che nulla.
      Grazie.

      Elimina
    3. La chiamano pandemia, invece è solo un'epidemia, a differenza della Spagnola, vera pandemia, che colpì il mondo intero.

      Elimina
    4. Va bene prof. Ti credo.
      A stasera

      Elimina
    5. Ciao. Lascio anche io. Ieri ho passato l'intere giornata a convertire l'immagine JfIf, che non si apre, in Jpg.

      Elimina
    6. Cosa vorresti dire?

      Per qualche mistero (non sono andato ad approfondire), quando scarico una immagine jpeg mi viene salvata in formato jfif.

      Questo può creare notevoli problemi se, per esempio, l’immagine jpeg dovrebbe essere poi caricata su un sito web o similare.

      La soluzione consiste nel creare una chiave di registro:

      [HKEY_CURRENT_USER\Software\Classes\MIME\Database\Content Type\image/jpeg] “Extension”=”.jpg”

      immagini jpeg salvate in formato jfif

      Se non vuoi modificare a mano il registro di configurazione, puoi creare, utilizzando notepad, un file con il seguente contenuto:
      Windows Registry Editor Version 5.00
      [HKEY_CURRENT_USER\Software\Classes\MIME\Database\Content Type\image/jpeg]
      “Extension”=”.jpg”

      Una volta creato il file non ti resta che salvarlo in formato .reg ed eseguirlo con un account amministrativo

      Elimina
    7. Ho trovato un sistema semplicissimo per la conversione dell'estensione JFIF in Jpeg.
      Mettere mano a Regedit è gravido di rischi.

      Elimina
    8. Che rischi? C'entro io?

      Elimina
    9. Ora gus sta in balcone con la lanterna a giocare a scacchi con il vicino degno. Ovviamente muniti di mascherina
      Notte gus. 🤗

      Elimina
  4. È un post davvero illuminante, dovrebbero leggerlo tutti, soprattutto coloro che ancora non hanno capito la forza, la virulenza di questo killer.
    Come tu sai io vivo nella prima zona-rossa da cui è partito il tutto quel famoso venerdì 21 febbraio. Pensavamo sì fosse una cosa “seria” ma non così devastante.
    Sono morti uno dopo l’altro persone che si conoscevano, andati così, in fretta, in modo orrendo, soli, lontani dai propri cari. Il Cimitero non riesce a star dietro alle sepolture e le salme, che arrivano direttamente dagli ospedali già chiuse nelle bare, dopo una breve benedizione, restano nella camera mortuaria in attesa di sepoltura. Ogni giorno da oltre un mese si rincorrono notizie di morti e non solo fra “grandi” vecchi. Sono morti anche medici, sacerdoti e infermieri. Questo virus sta mandando in tilt il mondo, dopodiché chi rimarrà dovrà rassettare il tutto e ricominciare daccapo, speriamo che nel frattempo si abbia compreso quello che tu hai così ben espresso nel post.
    Ciao Gus, serena giornata, nonostante tutto.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Cina, la situazione è sfuggita di mano perché si è intervenuti un mese e mezzo dopo la comparsa della malattia, quando la situazione era già fuori controllo.
      La gente è testarda. Il sacrificio di medici, infermieri, operatori civili ci sta salvando da una carneficina.

      Elimina
    2. Sinforosa io non riesco a dimenticare tutte quelle bare da cremare trasportate dai militari. Sono morti soli e sono tantissime le vittime.
      Quancuno di questo dovrà rendere conto. Io non ero sui navigli a fare apericena. Io non ero a Roma. E nemmeno mi permetto, da buon italiano, di cantare dai balconi l'inno nazionale della vergogna mentre, soprattutto in Lombardia, ancora oggi ci sono alte mortalità.. ogni giorno.
      Grazie e ciao

      Elimina
  5. Hi Gus, I also think that this is a signal to stop and think. Have a nice day dear

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes Saruski to stop and think about...
      some volunteers to do something
      Grazie

      Elimina
  6. Ho pensato anch'io che questo virus potrebbe cambiare molte cose, dalla geopolitica mondiale, fino ai rapporti tra la gente. Potrebbe restituire un senso della misura su molte cose, ossia sull'importanza di dare nuovamente rilievo agli investimenti nella sanità oltre che nell'istruzione fino a far riflettere la gente comune sui veri valori della vita, far apprezzare la libertà che per molti era scontata. Non so invece se sia possibile immaginare questo virus come una forma di pre-apocalisse, di una piaga mandata dall'alto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La piaga parte dal basso. Leggi il commento che ho scritto a Inge.

      Elimina
    2. Mentre lo schifo parte quasi sempre dai piani alti, ma non si vede mai.
      Grazie Daniele.

      Elimina
  7. Minni, ai commenti dovresti provare a rispondere. Il post è tuo.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gusssss sono tornata ora dall'ospedale. Ho fatto pure la spesa e sono andata in farmacia. Cribbio!!!
      E tu rispondi subito ai commenti dei tuoi post??

      Elimina
    2. Gira con cautela, riguardati, il bimbo Covid19 non risparmia nessuno.
      I miei commenti si aggiungono ai tuoi.

      Elimina
    3. Ho fatto tutto oggi per non uscire piuuu'.
      Posso mettere via la spesa? Io non ho la badante e devo arrangiarmi da sola.
      Grazie!!!

      Elimina
  8. Gus, lo stavo scrivendo.
    Tranquillo.
    Ps se vuoi ne scriverò ancora. :) tra poco devo andare, molto coperta, in ospedale.
    A dopo.

    RispondiElimina
  9. No. Faro' in fretta spero 😑

    RispondiElimina
  10. Uhm... questo virus insegnerà qualcosa solo a chi possiede ancora tanta umiltà da riuscire ancora ad imparare qualcosa ed insegnerà qualcosa di diverso a ciascuno sia disposto ad apprendere. Qualsiasi esperienza, anche la peggiore contiene in sé l'aspetto positivo di poter sedimentare una conoscenza inedita di sé e del mondo, eventualmente riutilizzabile in futuro ed utile per la crescita. Eppure non proprio sempre è così: esistono esperienze che è meglio non fare ed altre che possono uccidere e di fatto uccidono. Dubito che cambierà molto superata la crisi: ci sarà l'economia allo sfacelo, un cambiamento di rotta in alcune tendenze politiche magari sì, ma per il resto non mi aspetto rivoluzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è la scarsa conoscenza. I virus letali arrivano da certi animali. Alterando le distanze, deforestazione, i Gorilla che hanno il virus dell'Aids lo trasmettono alle persone. Covid19 appartiene ai pipistrelli e qui bisogna domandare ai cinesi di Wuhan dove queste bestie venivano vendute vive.
      Chi si ricorda del virus influenzale A/H1N1 (suina)? In Italia continua a uccidere.
      Eh Eh il creato è intelligente, l'uomo vuole alterarlo e si sa ad ogni azione corrisponde una reazione.

      Elimina
    2. Sfinge, non è una questione di umiltà a mio parere, ma di sensibilità, empatia, immedesimazione. Questo non si legge sui libri.
      Pensa se fosse capitato a te o ai tuoi cari.

      Elimina
    3. Minni, Inge è preparatissima. Oltre che leggere, lei scrive i libri.

      Elimina
  11. Mi congratulo, ma insisto: essere sensibili, empatici, immedesimarsi su quanto sta succedendo0 non si legge ne si scrive sui libri. Sono sensazioni, emozioni che uno ha o non ha. Forse si nasce così. Certo, l'informazione e la cultura hanno il suo peso. Si.

    RispondiElimina
  12. Che dire...bellissimo post, bellissima lettera da parte del nostro amico Covid-19. Chiunque l'abbia scritta ha colto nel segno. Peccato che l'uomo sia un coglione e difficilmente ascolterà le parole della cara bestiola e se lo farà difficilmente le comprenderà. Penso che una volta passata l'emergenza - ammesso che passi - l'uomo continuerà a stuprare il "suo" pianeta, suoi simili compresi.
    Saluti

    RispondiElimina
  13. Io no. Non l'ho mai nemmeno fatto prima. E perché dovrei stuprare il mio paese e il mondo? Ma nemmeno se potessi lo farei.
    Grazie Ant.

    RispondiElimina
  14. Tu no, come tanti altri del resto. Purtroppo molti (troppi) sapiens sono diversi. Per loro il pianeta è un market da svuotare come gli scaffali in tempi di coronavirus; si saccheggia e si fa di tutto per fregare il prossimo, che abbia due o più zampe, o foglie al posto dei capelli, non ha importanza.
    Grazie a te, a Gus e anche a Covid-19 a questo punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È l'intelligenza e la cultura di chi ci comanda che li porta a svuotare gli scaffali dei market... (per dire) e non solo.
      Non si accontentano mai...porca t....

      Elimina
  15. Neppure con la più grande fantasia si possono immaginare gli scenari mondiali di un domani. Chi ha un minimo di coscienza ne trarrà vantaggio, non ripeterà gli errori che sa di aver commesso ; altri invece inaspriranno la supponenza e la cattiveria insita nel loro carattere. Tu, Gus , sai come la penso sulla fede , su tutti quei riti e quei tabù, talvolta assurdi, delle varie religioni, per cui non penso affatto che sia in atto un castigo 'divino', e che servano le preghiere a un'entità che non esiste, è solo un'illusione.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il creato è frutto di un'intelligenza superiore. Niente avviene per caso. Giovanni lo chiama il "Verbo", io il Mistero. Non parlo di fede ma di un modo di vivere che vine insegnato da Cristo per mezzo dei vangeli.

      Elimina
    2. Ma chi ha creato il mondo Dio o Gesù? O tutti e due? O lo spirito santo? Si comprende poco, gus.
      Gesù era un semplice falegnane e un Dio è Dio? Il. Nostro o tutte le religioni vanno bene?
      E gus si ritiene un uomo colto, si capisce...
      Mentre oggi, continua la voce, «ha un uso per lo più ironico ... a indicare un grado di cultura basso, una certa goffaggine e volgarità» che tanto da fastidio perché è voce di verità.
      Per gli acculturati però vengono al pettine alcuni nodi. Esibire la propria eventuale cultura è più o meno come esibire il proprio denaro. Parafrasando si potrebbe dire che accanto ai ‘nuovi ricchi' ci sono anche i ‘nuovi colti', personaggi da vaudeville. La vera, solida cultura, quella che permette di orientarsi (se e quando va bene) nel marasma, deve solo trasparire, da una parola, uno scritto; non c'è mai sfoggio d'erudizione in una persona veramente colta anche perché chi sa qualcosa sa anche le molte cose che non sa, o che sa benissimo che non dovrebbe fare.

      Elimina
    3. Minni, alla domanda: "Facci vedere il Padre, cioè Dio", Cristo risponde: "Chi vede me vede il Padre, perché io sono nel Padre e il Padre è in me".
      Cristo nasce come un uomo. Un parto normale di Maria, inseminata per virtù dello Spirito Santo da Dio.
      Così ho spiegato anche la Santissima Trinità, e ora annate a ffanculo!.

      Elimina
  16. Il mistero è ignoranza. Il creato è il frutto di un'intelligenza superiore. Dio è perfetto. Però i cristiani (bigotti) danno a Dio il merito solo quando succedono cose belle. Quelle brutte no. E non parlarmi del libero arbitrio perché poi apro il libro.
    Ciao Gus.
    Grazie Cri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa Minni. I non credenti, quando capitano queste tragedie, guerre, atomiche, nazisti e virus di pipistrelli e Gorilla, non possono dire che è colpa di Dio, perché non ci credono e quindi la colpa resta in basso. I credenti, quelli stronzi, vedono un dio vendicativo, senza capire che il Vecchio Testamento si esprime usando le metafore, mentre Cristo usa la parabola. Il vecchio Testamento è in relazione alla cultura del suo tempo e per questo, per non turbare quello che la gente vede, afferma che il Sole gira attorno alla Terra.

      Elimina
  17. Ma chi dice annate a ffanculo? Sei tu o il verbo?
    Questa non me l'aspettavo da te.
    Sembra tu abbia la coda di paglia, proprio perché ciò che affermi non lo puoi dimostrare in alcun modo.
    Come il Corano non può dimostrare "(Sura 56, quella “dell’Ora Ultima” o del “Giorno del Giudizio” a promettere tra le varie gioie di cui i beati godranno: «Nel loro consesso si muoveranno fanciulle eternamente giovani/ recando coppe colme di acqua freschissima/ dalla quale quei beati potranno bere a piacimento». E ancora: «Loro spose saranno fanciulle bellissime, dai grandi occhi neri,/ simili a perle preziose nascoste nel guscio». «Essi siederanno su comodi giacigli/ allietati da fanciulle che noi creeremo/ vergini per loro,/ dolcissime ed eternamente giovani»"
    Ma chi le ha mai viste? Parola di Maometto? Ma fammi il piacere !
    Ma come prendere per oro colato queste dicerie?
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cri, io parlo di Mistero perché il creato, il paradiso la vita eterna non sono cose alla portata dell'intelligenza dell'uomo. I Vangeli non sono dicerie. Sono stati scritti dopo pochi anni che Cristo era Morto, Risorto e tornato al Padre.
      La Scienza afferma che il Creato si è fatto da solo, è casuale, come è casuale un essere umano dove tantissimi organi lo fanno nascere, vivere e morire.
      Io rispetto chi non crede perché hanno fatto una scelta chiara. Non apprezzo chi non crede però si sposa in parrocchia e manda i figli al catechismo. Io sono stato nella Terra Santa e ho toccato con le mie mani quello che era scritto nei vangeli.

      Elimina
    2. ☺️ È il verbo che si è fatto carne, Cri, cioè Gus.
      Ottimo commento.

      Elimina
    3. @Cristiana

      Hai una tua verità e questo è certo ma leggere un po di quelle altrui non può che far bene a tutti ,credenti e non !È lampante nel mentre si leggono i commenti vedere questi diversi punti di vista e come il "mistero" si infittisce...

      Elimina
  18. Il vecchio o il nuovo testamento cambia poco. Ci sono troppe interpretazioni in contraddizione.
    Certo, il vangelo ogg0i è più "zuccherino".
    Beato chi crede senza vedere e beato chi crede senza leggere.
    Eppure sento di avere più fede di tanti altri.
    Un abbraccio e buona notte 🤗

    RispondiElimina
  19. Gus che gioia poterti scrivere ancora oggi soprattutto per conoscere il tuo stato di salute. Cara Minni m'intrufolo nel tuo colloquio con Gus in nome di una vecchia amicizia. Sono maleducata ma perdonami. E' sera, anzi notte, gli occhi mi fanno già male (un po' di guai) ma mi fermo poco.poco. Bellissimo post .Al risveglio canto le lodi a Dio per la notte trascorsa e nella speranza di giungere a sera e poter ascoltare la voce sia dei miei figli che dei miei nipoti.( Giusto: Gus come stanno i tuoi e Lisa e Giuseppe? Sono curiosa? Sì ma ho la speranza che tutti stiano bene.) I miei mi creano panico e lacrime. Ada è infermiera professionale e nell'ospedale della nostra città lei è all'interno alla tenda d'ingresso. Enrico assistente sociale è subissato dai tanti utenti bisognosi di sostegno morale e psicologico) dimmi riuscirò a compiere gli 80anni? Sono certa che pregherò Cristo che dia pure i miei giorni inutili a qualche giovane che ne ha bisogno. Sì sono un po' giù ma un bel rosario e se non mi addormento prima, sarà per dopo!!! Il mio bacio a te e a Minni affettuasamente (se l'accetta) il primo Mistero della gioia. Buonanotte cari ragazzi! pregate e...state a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacio Lucia. Arriverai a 100 anni per darci la tua gioia.

      Elimina
  20. Dulcis in f. domani sarà l'anniversario dell'incidente della Vale. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria è la Croce che tu hai portato con dignità. Dovrebbe vivere l'Eternità, un posto dove non serve contare gli anni.
      Bacio.

      Elimina
  21. Certo che accetto.
    Un abbraccio a te e famiglia Lucia 🌷

    RispondiElimina
  22. Gus ti ho mandato un abbraccio 🤗
    Notte di luce. 😘

    RispondiElimina
  23. Speriamo che tutta questa tragedia sia di insegnamento.
    Investimenti sulla sanità.
    Potenziare la rete sociale per assistere le persone fragili.
    Meno burocrazia e incentivare le operazioni a distanza, riducendo file e perdite di tempo.
    Poi sì, speriamo di essere diventati meno materialisti.

    RispondiElimina