martedì 25 settembre 2018

Amore sempre Amore






Non si può fare a meno dell’amore. 
Si nasce per amore, si ride per amore, si gioisce per amore, 
si soffre per amore.
 L’amore non va imprigionato, ma donato.
Chi è incapace di amare, inaridisce, non ama neanche se stesso.
L'amore, secondo Jean-Luc Marion,  
ha un ruolo molto speciale dal punto di vista della filosofia e, 
insieme, della vita.
La stessa filosofia significa innanzitutto "amore" della sapienza.
La filosofia moderna però non considera l'amore seriamente.
Da Cartesio a Hegel, l'amore è stato relegato a un ruolo secondario, 
minimo rispetto alla razionalità, alla coscienza. E' considerato passione, 
malattia. L'amore invece è una parte centrale della razionalità.
Il desiderio e la promessa, l'abbandono e la fedeltà, la gelosia
sono tutti eventi che sfuggono a una certa definizione di
razionalità, e che rivelano figure di un'altra ragione, 
di una ragione più grande, la vita umana.
L'amore è qualcosa di misterioso. 
E' il più profondo dei desideri umani.
Si può fare a meno dell'amore?
Rinunciare a porsi la domanda "qualcuno mi ama?"
Rinunciare soprattutto alla possibilità di una risposta positiva,
vuol dire rinunciare all'umano in sé.
Nella misura in cui si progredisce nel cammino della vita
si diventa più saggi e ci si distacca dai desideri egoistici
e si sale nel modo di amare. Dapprima non si ama che se stessi,
poi l'altro, infine finalmente gli altri.
Allora l'amore diventa una virtù: volere il bene altrui
è il bene stesso :è il vero amore. Ed è l'inizio di tutto.
L'amare è gioia che crea entusiasmo.
Lo stesso sentimento che si prova in cuore
quasi fosse un dio nascosto. E' intensità a volte e anche fretta di
arrivare là dove il cuore sarà felice.
L'amore comporta una totalità in cui entrano tutte le componenti della
 persona.
 Richiamo del corpo e dell'istinto, forza dell'affettività.
 Aspirazione dello spirito e della volontà.
 L'amore è un'esperienza ragionevole e piena di fascino. 
Dà un senso compiuto alla tua vita. 
Sì, è difficile abbandonare i propri egoismi
 e imparare a donarsi, muoversi verso l'altro, 
capire le sue esigenze e soddisfarle. 
E' necessario un cambiamento radicale nel proprio modo di
 vivere.



32 commenti:

  1. Immagine davvero significativa, l'amore - un po' banale dirlo, ma è così - supera le barriere e le recinzioni :)

    RispondiElimina
  2. L’amore non va imprigionato, ma donato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami, ma avevo visto il post vuoto, solo con l'immagine. Sono stato velocissimo, ahahah!

      Comunque l'amore si può provare a imprigionarlo, ma esso si libererà comunque!

      Elimina
    2. Quando l'amore è costretto a liberarsi l'incontro è finito.
      Mi ha colpito una frase di Ambra: "Allegri non mi stringe, mi abbraccia".

      Elimina
  3. Amore per sempre, oltre lo spazio e il tempo. Oltre l'infinito SARAI IMMENSA...vola e non dimenticarti di me.
    Hai ragione gus, la sofferenza la mantiene in vita.

    RispondiElimina
  4. Riky, io elaboro il post in due fasi. Nella prima metto il titolo, l'immagine e il tag e incollo nella Sitemap.
    Nella seconda fase scrivo il testo e completo la Sitemap.
    Poi indicizzo nella Console del Webmaster.

    RispondiElimina
  5. Infatti velocissimo...🙂 Succede spesso da gus

    RispondiElimina
  6. Per caso ho cominciato a postare così, e mi sembra che funzioni.

    RispondiElimina
  7. Migliore ipotesi per questa immagine: sweet photos of couples

    RispondiElimina
  8. L'amore è tutto.
    Non solo quello di coppia, ma amore in generale. Per i propri genitori, per i figli, per un animale che ci è caro, per qualcosa che ci rende vivi.
    E' sempre un'esperienza affascinante, non potrei essere più d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, quando penso all'amore ho l'impressione che sia un sentimento eterno, nel senso che è sempre esistito e non può finire.

      Elimina
    2. Ottima considerazione. Io mi auguro che sia davvero così.

      Elimina
    3. Finché il mondo seguiterà a girare sarà davvero così.
      Ciao Sara.

      Elimina
  9. Se dovessi rappresentare il cuore del vero amore lo rappresenterei con l'immagine di una mamma col suo bambino. Quello è l'amore più vero, disinteressato che possa esistere in questo mondo. Ciao Gus e grazie per questo post davvero colmo di amore.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma con il bambino porta il nostro cuore a Maria e Gesù.
      Grazie sinforosa.

      Elimina
  10. Donare e saper ricevere. Bellissima l'immagine in bianco e nero: non si sa con precisione che cosa ci sia dietro, è un vero mistero. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dono è all'interno del rapporto di scambio affettivo tra noi essere umani.
      Ciao Innassia.

      Elimina
    2. Per me è stata madre e anche figlia. Impazzisco d'amore per lei. L'ho sempre amata tanto. Mi hanno chiamata di notte quando era già morta senza dirmi nulla. Sono arrivata che era ancora calda, con gli occhi aperti. Gialla... Ma cosa gli avranno fatto? Troppe persone quella notte al p,s, si sono dimenticati di lei. Diagnosi: setticemia. C'era scritto che è stata lucida fino all'ultimo,.. avrà sofferto? , avrà capito? ...mi avrà cercato? Dal suo sguardo sembrava di sì. È morta sola, eppure avevo detto che mi sarei fermata, ma non hanno voluto. Sono stata in stato di shock per ore.. Ho visto che l'hanno portata via, in camera mortuaria, come un sacco di patate...ma, ma come si sono permessi... Ma non finirà qui....
      si è spento anche quel lumicino... Non potrò mai dimenticare.. Tra poco sarò ricoverata. Troppi alti gli indici infiammatori, ma non credo che farò più nulla. Non mi curerò più. Basta esperimenti. Basta!

      Elimina
  11. Senza sacrificio non ci può essere verità in un rapporto d’amore, perché vuol dire che l'altro non è valorizzato secondo la sua natura. E’ invece affermato per il tuo gusto, per il tuo istinto. Affermare una presenza è amore, afferrarla vuol dire piegarla a te, renderla schiava. Il sacrificio non è il non andare con un'altra donna, il sacrificio è respingere tutte le negatività che sono dentro di te.
    La fedeltà è solo la conseguenza dell'affermazione dell'altro, dell'amore verso l'altro.
    Il sacrificio non è sospendere la volontà di qualche cosa, ma arrestare la volontà che non è secondo la natura di un rapporto. Il sacrificio è andare contro la menzogna, fare la cosa in modo vero, leale, sincero, giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si incontra una persona importante per la propria vita, c'è sempre un primo momento che ci fa percepire un presentimento che qualcosa in noi è messo alle strette dall'evidenza di un riconoscimento ineludibile: "Ecco, è lui, ecco, è lei". Ma solo lo spazio dato dal ripetersi di questo avvenimento carica l'impressione di peso esistenziale.
      Cioè, solo la convivenza lo fa entrare sempre più radicalmente e profondamente in noi, fino a che, ad un certo punto è assoluto.
      Ma non basta.
      La conoscenza sarà una persuasione che avverrà lentamente e nessun passo successivo smentirà i precedenti.
      Dalla convivenza, nel senso di conoscenza spirituale, deriverà una conferma di quella eccezionalità dell'evento accaduto.
      Si sperimenta ciò non come una vaga eventualità, ma nella sua evidenza stringente.
      Abbiamo bisogno subito di capire che l'amore è fatto dal ripetersi di tanti riconoscimenti, cui occorre dare uno spazio e un tempo perché avvengano.
      L'uomo di oggi ha fretta o inganna se stesso.
      Per questo l'amore diventa solo un gioco che prima o poi finisce per annoiarci.
      L'amore, è vero, non di definisce, ma bisogna riconoscerlo e guardarlo in prospettiva.

      Elimina
  12. Riconoscerlo e guardarlo?
    Sul serio, pensi di averla vista nuda perché si è tolta i vestiti?
    Parlami dei suoi sogni...
    Parlami di cosa gli ha spezzato il cuore...
    Di cosa è appassionata?
    Cosa la fa piangere?

    Raccontami la sua infanzia...
    Oppure, raccontami una storia su di lei dove tu non ci sei.

    Hai visto la sua pelle e hai toccato il suo corpo. Però la conosci tanto quanto un libro che hai trovato, ma non l'hai mai aperto.

    Una vera relazione è piu' che fisica.
    Una vera relazione è conoscere tutti i piccoli dettagli dell'altro e amarli e adorarli ancora di piu '...

    cit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'amore vero non porta i vestiti, quello che è menzogna si veste per nascondere il nulla che lo schiaccia.

      Elimina
  13. 🙂🤗
    Buona notte.

    RispondiElimina
  14. L'amore ce lo annuncia Gesù, ma noi siamo ciechi e sordi. Ci accontentiamo di amori di cartone, facciate, ipocrisie, post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gesù, Dio incarnato, ha vissuto da uomo e quindi ci conosce benissimo. Il suo discepolo più lungimirante messo a capo di una nuova Chiesa era così debole che lo rinnegò tre volte prima che il gallo cantasse.

      Elimina
  15. Gallo e pure gallina. Fai come se non avessi capito ☺️ francoa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gesù piange per la morte dell'amico Lazzaro.
      E' un chiaro segno che vive da uomo. Dovrebbe essere contento che Lazzaro va in Paradiso.

      Elimina
  16. Che è in paradiso lo dico tu. Aspettiamo il giudizio finale. Ci sarà pure lui. La mia mamma spero che sia già... nell'immenso. Egoisticamente sono disperata perché mi manca. Ma l'amore sarà per sempre. Eravamo una persona sola. "non posso vivere senza la mia vita e non posso morire senza la mia anima.
    Cime temoestose... Si.
    Sopravvivo.. Sorrido pure qualche volta, sono andata anche al mare . Tra cielo e mare c'era lei.

    RispondiElimina
  17. Gesù, ricordati di me quando
    entrerai nel tuo Regno!».
    «In verità ti dico: Oggi sarai
    con me in Paradiso»"
    (Luca 23, 42-43)

    Chi non conosce questo estremo dialogo tra Gesù in croce e uno dei due “malfattori” (e non “ladroni”, come di solito si dice)? È solo l’evangelista Luca a narrarlo, ed è probabile che di scena siano due “rivoluzionari” contro il potere romano. Ma è andato in paradiso il ladrone prima del giudizio universale ? Un rivoluzionario..vale quanto un povero ladrone.. se aveva fame doveva pure mangiare.

    RispondiElimina