mercoledì, luglio 18, 2018

tutti i colori del bello









 Credo che tutto debba cambiare, quasi nulla resta uguale, anche le cose si usurano col tempo, immaginiamoci gli esseri umani che per principio naturale crescono e invecchiano.
L'aspetto che mi fa riflettere è che questo ci turbi tanto. Se accettassimo il modificarsi dei nostri stati d'animo, delle nostre percezioni, delle nostre visioni con una maggiore serenità saremmo uomini felici. Gli eventi della vita cambiano le persone. Diventi un altro uomo, anche nei particolari più insignificanti. Tutto quello che succede ha un senso diverso.
Ero un tipo meticoloso. Anche se vedevo che nella cassetta della posta non c'era niente aprivo per controllare. Ora vedo che è stracolma. Non apro. Mi dà fastidio farlo. Non mi interessa chi ha scritto e quello che vuole.
Uno stato d'animo che potrebbe sembrare svogliato. Invece non lo è. Ho cose più importanti da fare. Cose più importanti cui pensare. Se un campo di grano è giallo, io lo vedo verde. Sono costretto a vederlo verde.
Potevo indicare un altro colore, ma istintivamente ho scritto verde.
Il giallo è la tentazione. La mia fede lo trasforma in verde.
Il gioco dei colori è solo questo.
Sono costretto perché la mia coscienza è scritta. Scritta da tanto tempo.
La mia vita sarebbe persa, stravolta, scegliendo il giallo.


26 commenti:

  1. Migliore ipotesi per questa immagine: gown.

    RispondiElimina
  2. Diventare un altro uomo..è difficile. Io credo che si cambi solo quando si conosce il vero amore, quello che porta sull'altare (o davanti a un sindaco, a seconda del rito). Perché lì si perde qualcosa e si guadagna qualcosa, si dà qualcosa all'altro e si riceve altro. E' la grandezza dell'amore che unisce due persone.

    Fuori da questo credo che ogni cambiamento all'uomo sia precluso. Si nasce, si cresce, ma si rimane sostanzialmente sempre gli stessi. Amore permettendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlavo di cambiamenti comportamentali.

      Elimina
    2. Riky, non puoi seguitare a farti prendere per i fondelli da certe persone.

      Elimina
  3. Non cambia chi tu sia, ma è il modo di rapportarti col resto che cambia. Serena Giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Io sono cattolico e mi dovrei rapportare in base a quello che caratterizza la mia vita.
      Ma quello che conta è l'umanità che ho dentro di me. Se non c'è è tutto inutile.

      Ciao Stella.

      Elimina
    2. ibis, redibis non morieris in bello

      Elimina
    3. ibis, redibis non, morieris in bello

      Elimina
  4. Stamattina guardavo una foto di una ex ragazza di "Non è la Rai", Antonella Mosetti, abbracciata a Silvio Berlusconi.
    Sembravano due statue di cera, e lei, in particolar modo, una sfinge.
    Dev'essere dura non rassegnarsi allo scorrere del tempo, se si finisce per combinare certi obbrobri.
    Io le mie rughe me le tengo tutte.
    Preferisco curare l'anima, più che il corpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto la foto. Terribile.
      Ciao Claudia.

      Elimina
  5. Col passare degli anni ci si spoglia del superfluo per andare sempre di più al cuore delle cose, io lo applico un po’ a tutto: dagli oggetti di casa, agli accessori personali, all’abbigliamento, fino alle persone, cominciando da quelle più vicine. Ciao Gus, bel post.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi commenti sono sempre pieni di luce.
      Tu capisci quello che uno vuol dire.
      Il resto dei commenti è un guazzabuglio inverecondo.

      Elimina
    2. Cerco di leggere fra le righe e tu comunque sei troppo gentile. Buona serata, di cuore.
      sinforosa

      Elimina
    3. Con te constato sempre una coincidenza di valutazioni. Annamaria, non è una gentilezza.

      Elimina
  6. Il cambiamento fa parte della crescita interiore. Dell'evoluzione interiore di un uomo che cerca di trovare la sia strada.

    RispondiElimina
  7. La paranoia è un disturbo della personalità.

    RispondiElimina
  8. Ecco un "gazzabuglio inverecondo": leggendoti sembra che la tua fede sia una costrizione, ma sicuramente ho letto male, spero almeno. Non è che tutto debba diventare tentazione. Certi colori sono quelli, certe donne esistono comunque, la cassetta della posta può contenere cose molto importanti. E' il nostro atteggiamento a decidere, non il chiudere gli occhi.
    Se poi troppe cose ci stravolgono, vuol dire che non abbiamo ancora imparato, ma la vita serve appunto a questo: imparare ;)

    RispondiElimina
  9. Tranquillo Franco. Sto molto bene. Ora bado solo all'essenziale. Quella parte del giallo-tentazioni è un discorso in generale.

    RispondiElimina
  10. Io fossi in te il giallo ogni tanto lo sceglierei.
    Anche solo per cercare di capire se davvero potrebbe fare così male. La vita non può essere sempre e solo tirare dritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi viene la nausea solo a pensarci.
      Ciao Sara.

      Elimina
  11. Sono contento del commento di Sara. Così posso spiegarmi bene.
    Parlo sempre di amore per sempre e del sacramento del matrimonio. Qualcuno potrebbe pensare che sono un matto, oppure un bugiardo. Invece, quello che scrivo lo sento e lo vivo.

    RispondiElimina
  12. Io scelgo sempre l'arancione.
    Comunque sì, si cambia, la vita cambia e i parametri pure.
    Ed è questo il bello :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colore Arancione è simbolo di armonia interiore, di creatività artistica e sessuale, di fiducia in se stessi e negli altri. L’Arancione inoltre simboleggia la comprensione, la saggezza, l’equilibrio e l’ambizione. Ed è proprio in queste parole che possiamo trovare il significato del colore Arancione.

      https://www.mitiemisteri.it/simbologia-significato-dei-colori/arancione

      Elimina
    2. L'arancione è l'Olanda, Gullit e Van Basten. Altro che CR7. Statte accuorto Gus, quello è venuto a ritirare la liquidazione.

      Elimina
    3. CR7 è un professionista esemplare. Uno che si allena duramente. E' molto diverso dal ciccione argentino.

      Elimina